Articles

(Articoli)

Massage Therapy 

by Prof.

Gianluca Egidi,

Pescara 🇮🇹

  Massage therapy is a rehabilitative and preventive massage. it is carried out with various techniques and almost always turns into a massage in a state of general relaxation and psychophysical relaxation. a massage therapy session cannot be determined exactly in duration as this varies according to the area to be treated, the pathology in progress, how the patient responds, his sensitivity, his age and general condition. 

 

The determination of the number of sessions and the duration of the single treatment are always to be programmed according to the progress obtained, even if generally packages of five / ten meetings are carried out inviting the patient to finish the cycle even if the symptoms have disappeared, in order to guarantee a long lasting good result. If the patient needs more than ten sessions, the cycle will be interrupted for a short period and then the next one will begin. The first treatment will be evaluation. Massage therapy has a wide application not only in the treatment of traumas and diseases, but also in the elimination of fatigue, to increase the resilience of athletes and clients to induce relaxation in tense and stressed people. On the body, the massage produces a reduction in physical stress, improves vascularization and a better trophism, improves elasticity, increases functions, improves proprioceptive and pain sensitivity. On the circulation the massage has an effect on the lymphatic vessels, the massage has a favorable effect.

 

By improving circulation, the heart works better, the return circulation increases, the frequency decreases and the resistance of both the great vessels and capillaries is lowered. On the muscle tissue, massage increases trophism and recovery capacity as the muscle, being richly vascularized and innervated, benefits from mechanical stimulations that improve its tone. On the nervous system, massage acts above all on pain with a sedative effect; the flowing of the maneuvers in a calm and continuous way, determines a relaxing effect by direct action on the muscles. The effect of the massage is therefore the relaxing one that has a sedative and kinesthetic effect involving the psychic aspect. This aspect is in close harmony with the relationship that is established with the therapist and the environment.

 

Who is massage therapy designed for? For all people with pathologies and disorders.

Neck pain, low back pain, Joint Blocks, Contractures, Pain and Muscle Spasms, Muscle Stiffness, Lumbosciatica reduces stress and anxiety, muscle contractures, tendonitis, various types of inflammation. Massage therapy is for those who simply want to bring relaxation and well-being to their body.

 

Contact us for a free evaluation of your problem at 3491847174/0852059185, we are waiting for you every day by appointment in our office in Pescara in Via Tasso, 25

🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹

massage therapy by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

La massoterapia è un massaggio riabilitativo e preventivo. viene eseguito con varie tecniche e quasi sempre si trasforma in un massaggio in stato di rilassamento generale e di rilassamento psicofisico. una seduta di massoterapia non può essere determinata esattamente nella durata in quanto questa varia a seconda dell'area da trattare, della patologia in atto, di come risponde il paziente, della sua sensibilità, della sua età e delle condizioni generali.

 

La determinazione del numero di sedute e la durata del singolo trattamento sono sempre da programmare in base all'andamento ottenuto, anche se generalmente vengono effettuati pacchetti da cinque / dieci incontri invitando il paziente a terminare il ciclo anche se i sintomi sono scomparsi , al fine di garantire un buon risultato nel tempo. Se il paziente necessita di più di dieci sedute, il ciclo verrà interrotto per un breve periodo e poi inizierà quello successivo. Il primo trattamento sarà la valutazione. La massoterapia trova ampia applicazione non solo nel trattamento di traumi e malattie, ma anche nell'eliminazione della stanchezza, per aumentare la resilienza di atleti e clienti per indurre il rilassamento nelle persone tese e stressate. Sul corpo il massaggio produce una riduzione dello stress fisico, migliora la vascolarizzazione e un miglior trofismo, migliora l'elasticità, aumenta le funzioni, migliora la sensibilità propriocettiva e al dolore. Sulla circolazione il massaggio ha un effetto sui vasi linfatici, il massaggio ha un effetto favorevole.

 

Migliorando la circolazione, il cuore funziona meglio, la circolazione di ritorno aumenta, la frequenza diminuisce e la resistenza sia dei grandi vasi che dei capillari si abbassa. Sul tessuto muscolare il massaggio aumenta il trofismo e la capacità di recupero in quanto il muscolo, essendo riccamente vascolarizzato e innervato, beneficia di stimolazioni meccaniche che ne migliorano la tonicità. Sul sistema nervoso il massaggio agisce soprattutto sul dolore con effetto sedativo; lo scorrere delle manovre in modo calmo e continuo, determina un effetto rilassante per azione diretta sui muscoli. L'effetto del massaggio è quindi quello rilassante che ha un effetto sedativo e cinestetico che coinvolge l'aspetto psichico. Questo aspetto è in stretta armonia con il rapporto che si instaura con il terapeuta e l'ambiente.

 

Per chi è progettata la massoterapia? Per tutte le persone con patologie e disturbi.

Dolore al collo, lombalgia, blocchi articolari, contratture, dolore e spasmi muscolari, rigidità muscolare, lombosciatica riduce stress e ansia, contratture muscolari, tendiniti, vari tipi di infiammazioni. La massoterapia è per chi vuole semplicemente portare relax e benessere al proprio corpo.

 

Contattaci per una valutazione gratuita del tuo problema al 3491847174/0852059185, ti aspettiamo tutti i giorni su appuntamento nella nostra sede di Pescara in Via Tasso, 25

Swedish Massage 

by Paolo Leone 🇮🇹

  

SWEDISH MASSAGE

by Paolo Leone 

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/28/professional-profiles-of-elite-therapist-members-paolo-leone

is a form of Western massage.

So called because of its origins, the Swedish massage aims to make the individual reach a state of both physical and mental well-being. The use of massage oils and the execution of various manipulations practiced with different intensities which generally involve the whole body are foreseen. What is that What is Swedish Massage? Swedish massage is a particular type of Western massage born in Europe. It is characterized by the execution of different but very precise manipulations (brushing, rubbing, kneading, friction, percussion) of more or less high intensity. Generally, the manipulation of the whole body is foreseen but, depending on the needs of the massaged person, it is possible to manipulate even only some areas. What Is Swedish Massage For?

 

The Swedish massage is practiced with the aim of making the masseuse reach a state of overall well-being, both physically and psychically. Therefore, in addition to being practiced to promote relaxation and the dissolution of nervousness and tension by benefiting the mind, this form of massage is also used in case of discomfort and physical ailments in order to relieve them and, if possible, to eliminate them. More specifically, according to those who practice it, Swedish massage should be useful in case of: Anxiety and depression; Headache; Difficulty falling asleep Gastrointestinal disorders (constipation, indigestion, etc.); Arthrosis; Sciatica, neck pain, back pain and muscle problems; Circulation disorders sportsmen It should be noted that in the presence of real diseases (pathological anxiety and depression, insomnia, etc.), the Swedish massage should not be considered as a cure, but as a support treatment that can possibly be associated with conventional therapies, of course. subject to medical authorization.

 

Despite this, in the presence of health problems, the usefulness of Swedish massage in countering the symptoms that characterize them cannot be guaranteed. What Benefits Should Swedish Massage Bring? As mentioned, the Swedish massage is practiced with the intent of generating well-being on both a physical and mental level. Going into more detail, this type of massage should: Promote relaxation by reducing stress, nervousness and anxiety; Tone the muscles and release any tension; Exercise a decontracting and toning action on the muscles; Reduce muscle and joint pain; Promote and stimulate blood circulation and lymphatic circulation; Promote the elimination of toxins accumulated in the body; Promote the elimination of liquids Technique Swedish massage involves the execution of different but very specific types of manipulations: Light and deep touches: these are manipulations that are usually performed at the beginning of the session and, sometimes, also at the end of it. The touches are used to promote the relaxation of the individual and to prepare him for the subsequent manipulations that characterize the Swedish massage.

 

Generally, these are medium to low intensity manipulations. Rubbing: these are more energetic manipulations than those described above, they are normally carried out in the direction of venous circulation and help to favor the drainage of liquids. Superficial and deep kneading: these are quite energetic manipulations that are carried out to stimulate the surface of the epidermis, stimulate blood circulation and promote tissue oxygenation. Frictions: these are deep manipulations, generally circular, which cause friction between adjacent tissues. Performing them should improve blood supply. Percussion: they consist of rapid and rhythmic taps carried out in order to tone both the skin and the underlying tissues and muscles. Percussion is generally performed at the end of the massage, but not in all parts of the body.

 

Also, according to some of the sources consulted, the Swedish message also includes performing vibrations. These are manipulations performed by pressing the hand on a part of the body and making it vibrate rapidly; this type of movement should promote muscle relaxation. Finally, remember that, in many cases, to the different types of manipulations mentioned above, the masseur can add joint mobility exercises and passive stretching exercises, in order to complete the effects and increase the benefits of the Swedish massage. For example, a 2017 study, conducted on 48 US patients admitted to an intensive care unit and suffering from anxiety, showed how the execution of the Swedish massage helped to reduce anxiety symptoms after only 30 minutes after the session ended.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

MASSAGGIO SVEDESE

by Paolo Leone 

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/28/professional-profiles-of-elite-therapist-members-paolo-leone

Il massaggio svedese è una forma di massaggio occidentale. Così chiamato per via delle sue origini, il massaggio svedese si pone l'obiettivo di far raggiungere all'individuo uno stato di benessere sia fisico che psichico. Sono previsti l'uso di oli da massaggio e l'esecuzione di diverse manipolazioni praticate con differenti intensità che, generalmente, coinvolgono tutto il corpo.

Che Cos'è

Che Cos'è il Massaggio Svedese?Il massaggio svedese è un particolare tipo di massaggio occidentale nato in Europa. Si caratterizza per l'esecuzione di differenti ma ben precise manipolazioni (sfioramenti, sfregamenti, impastamenti, frizioni, percussioni) di intensità più o meno elevata. Generalmente, è prevista la manipolazione dell'intero corpo ma, a seconda delle esigenze del massaggiato, è possibile manipolare anche solo alcune aree.

A Cosa Serve il Massaggio Svedese?

Il massaggio svedese viene praticato con l'obiettivo di far raggiungere al massaggiato uno stato di benessere complessivo, sia a livello fisico che a livello psichico.

Pertanto, oltre ad essere praticato per favorire il rilassamento e lo scioglimento di nervosismi e tensioni giovando alla mente, questa forma di massaggio viene utilizzata anche in caso di malessere e disturbi fisici allo scopo di alleviarli e, se possibile, di eliminarli.

Più nel dettaglio, secondo coloro che lo praticano, il massaggio svedese dovrebbe essere utile in caso di:

Ansia e depressione;

Mal di testa;

Difficoltà ad addormentarsi;

Disturbi gastrointestinali (stipsi, cattiva digestione, ecc.);

Artrosi;

Sciatalgie, cervicalgie, lombalgie e problemi muscolari;

Disturbi della circolazione

sportivi

È bene precisare che in presenza di vere e proprie malattie (ansia e depressione patologiche, insonnia, ecc.), il massaggio svedese non deve essere considerato come una cura, quanto come un trattamento di supporto che può eventualmente essere associato alle terapie convenzionali, naturalmente previa autorizzazione medica. Nonostante ciò, in presenza di problemi di salute, l'utilità del massaggio svedese nel contrastare i sintomi che li caratterizzano non può essere garantita.

Quali Benefici dovrebbe apportare il Massaggio Svedese?

Come accennato, il massaggio svedese viene praticato con l'intento di generare benessere a livello tanto fisico quanto psichico. Entrando più nel dettaglio, questo tipo di massaggio dovrebbe:

Favorire il rilassamento, riducendo stress, nervosismi e stati ansiosi;

Tonificare i muscoli e sciogliere eventuali tensioni;

Esercitare un'azione decontratturante e tonificante sui muscoli;

Ridurre i dolori muscolari e articolari;

Favorire e stimolare la circolazione sanguigna e la circolazione linfatica;

Favorire l'eliminazione delle tossine accumulate nel corpo;

Favorire l'eliminazione dei liquidi

Tecnica

Il massaggio svedese prevede l'esecuzione di differenti ma ben precise tipologie di manipolazioni:

Sfioramenti leggeri e profondi: sono manipolazioni che vengono solitamente eseguite all'inizio della seduta e, talvolta, anche alla fine della stessa. Gli sfioramenti vengono sfruttati per favorire il rilassamento dell'individuo e per prepararlo alle manipolazioni successive che caratterizzano il massaggio svedese. Generalmente, si tratta di manipolazioni di medio-bassa intensità.

Sfregamenti: si tratta di manipolazioni più energiche di quelle sopra descritte, vengono normalmente effettuate nel senso della circolazione venosa e contribuiscono a favorire il drenaggio dei liquidi.

Impastamenti superficiali e profondi: sono manipolazioni abbastanza energiche che vengono effettuate per stimolare la superficie dell'epidermide, stimolare la circolazione sanguigna e favorire l'ossigenazione dei tessuti.

Frizioni: si tratta di manipolazioni profonde, generalmente circolari, che provocano attrito fra tessuti adiacenti. La loro esecuzione dovrebbe migliorare l'afflusso di sangue.

Percussioni: consistono in colpetti rapidi e ritmici effettuati allo scopo di tonificare sia la cute che i tessuti sottostanti e i muscoli. Le percussioni vengono generalmente eseguite al termine del massaggio, ma non in tutte le parti del corpo.

Inoltre, secondo alcune delle fonti consultate, il messaggio svedese comprende anche l'esecuzione di vibrazioni. Si tratta di manipolazioni eseguite premendo la mano su una parte del corpo e facendola vibrare rapidamente; questo tipo di movimento dovrebbe favorire il rilassamento muscolare.

Infine, si ricorda che, in molti casi, alle diverse tipologie di manipolazioni sopra menzionate, il massaggiatore può aggiungere esercizi di mobilità articolare ed esercizi di stretching passivo, al fine di completare gli effetti e di incrementare i benefici del massaggio svedese.

Ad esempio, uno studio del 2017, condotto su 48 pazienti statunitensi ricoverati in un'unità di terapia intensiva e affetti da ansia, ha dimostrato come l'esecuzione del massaggio svedese abbia contribuito a ridurre i sintomi ansiosi dopo soli 30 minuti dal termine della seduta.

Os trigonum syndrome

by Prof. Rosario 

Bellia 🇮🇹

Os Trigonum Syndrome

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/31/professional-profiles-of-elite-therapist-members-prof-rosario-bellia

What Is the Os Trigonum?  

The os trigonum is an extra (accessory) bone that sometimes develops behind the ankle bone (talus). It is connected to the talus by a fibrous band. The presence of an os trigonum in one or both feet is congenital (present at birth). It becomes evident during adolescence when one area of the talus does not fuse with the rest of the bone, creating a small extra bone. Only a small number of people have this extra bone.

What Is Os Trigonum Syndrome?

Often, people do not know they have an os trigonum if it has not caused any problems. However, some people with this extra bone develop a painful condition known as os trigonum syndrome.

Os trigonum syndrome is usually triggered by an injury, such as an ankle sprain. The syndrome is also frequently caused by repeated downward pointing of the toes, which is common among ballet dancers, soccer players and other athletes.

For the person who has an os trigonum, pointing the toes downward can result in a “nutcracker injury.” Like an almond in a nutcracker, the os trigonum is crunched between the ankle and heel bones. As the os trigonum pulls loose, the tissue connecting it to the talus is stretched or torn and the area becomes inflamed.

Signs & Symptoms of Os Trigonum Syndrome

The signs and symptoms of os trigonum syndrome may include:

  • Deep, aching pain in the back of the ankle, occurring mostly when pushing off on the big toe (as in walking) or when pointing the toes downward

  • Tenderness in the area when touched

  • Swelling in the back of the ankle
     

Diagnosis

Os trigonum syndrome can mimic other conditions, such as an Achilles tendon injury, ankle sprain or talus fracture. Diagnosis of os trigonum syndrome begins with questions from the doctor about the development of symptoms. After the foot and ankle are examined, x-rays or other imaging tests are often ordered to assist in making the diagnosis.

Treatment: Nonsurgical Approaches

Relief of the symptoms is often achieved through treatments that can include a combination of the following:

  • Rest. It is important to stay off the injured foot to let the inflammation subside.

  • Immobilization. A walking boot is often used to restrict ankle motion and to allow the injured tissue to heal.

  • Ice. Swelling is decreased by applying a bag of ice covered with a thin towel to the affected area. Do not put ice directly against the skin.

  • Oral medication. Nonsteroidal anti-inflammatory drugs (NSAIDs), such as ibuprofen, may be helpful in reducing the pain and inflammation.

  • Injections. Sometimes cortisone is injected into the area to reduce the inflammation and pain.
     

When Is Surgery Needed?

Most patients’ symptoms improve with nonsurgical treatment. However, in some patients, surgery may be required to relieve the symptoms. Surgery typically involves removal of the os trigonum, as this extra bone is not necessary for normal foot function.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

  

PIEDE: Sindrome di “OS TRIGONUM”

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/31/professional-profiles-of-elite-therapist-members-prof-rosario-bellia

Sindrome di “OS TRIGONUM”

L’ OS TRIGONUM è un osso in più (accessorio) che a volte si sviluppa in fase embrionale dietro l’astragalo. È collegato all’astragalo con una banda fibrosa. La presenza di un OS TRIGONUM in uno o entrambi i piedi è congenita. Diventa evidente durante l’adolescenza quando una zona dell’astragalo non si fonde con il resto del corso dell’osso, creando un piccolo osso in più, staccato dal profilo astragalico. Questa disfunzione è presente in un numero limitato di persone.

Spesso, le persone non sanno di avere un OS TRIGONUM se non avvertono nessuna sintomatologia. Tuttavia, alcune persone con questo osso extra sviluppano una condizione dolorosa nota come sindrome da OS TRIGONUM   dopo un banale trauma diretto oppure una distorsione tibio- tarsica.

La zona del piede interessata è molto innervata e sono presenti importati vasi, tendini e legamenti, solitamente la sintomatologia è scatenata da una lesione, come una distorsione alla caviglia. La sindrome è anche spesso causata da movimenti di flessione plantare molto impegnativa con il coinvolgimento delle dita dei piedi, ed è comune tra ballerini, calciatori e altri atleti.

La persona che ha un OS TRIGONUM eseguendo una flessione plantare forzata realizzerà un’azione compressiva definita “schiaccianoci”, in questo modo “l’osso” viene sottoposto ad una forte compressione tra la caviglia e le ossa del calcagno. Se questa azione compressiva è ripetuta il tessuto che collega l’OS TRIGONUM   all’astragalo viene allungato e sottoposto ad una sollecitazione tissutale importante e l’area si infiamma.

I sintomi della sindrome del sistema del trigono possono includere:

  1. Dolore profondo nella zona posteriore della caviglia, che si verifica principalmente quando si spinge sull’alluce (come nel camminare) o quando si puntano le dita verso il basso in flessione plantare

  2. Quando si tocca la zona peri astragalica c’è dolore ed è arrossata

  3. Edema nella parte posteriore della caviglia.

     La diagnosi sindrome del trigono astragalico è difficile perché puo essere confusa con altre condizioni, come una lesione del tendine d’Achille, distorsione alla caviglia o frattura dell’astragalo. La diagnosi della sindrome inizia con l’anamnesi del paziente facendo attenzione all’evoluzione  dei sintomi, se si sono evidenziati in maniera progressiva o in un episodio acuto. Dopo aver esaminato il piede e la caviglia, il medico potrà prescrivere gli esami strumentali per avere una conferma precisa.

Trattamento:

  1. Conservativo

Il miglioramento dei sintomi è spesso ottenuto attraverso trattamenti che possono includere una combinazione di quanto segue:

  1. Riposo: evitare il carico con uso di stampelle e non eseguire i movimenti del piede in flessione plantare forzata.

  2. Immobilizzazione: si può realizzare un bendaggio funzionale alla caviglia, oppure l’utilizzo di scarpe alte o tutore per limitare il movimento della caviglia e consentire la guarigione del tessuto danneggiato.

  3. Terapia del freddo: impacchi di ghiaccio con protezione alla cute per periodi alternati.

  4. Terapia farmacologica con antinfiammatori non steroidei (FANS), prescritti dal medico, possono essere utili per ridurre il dolore e l’infiammazione.

B) Intervento chirurgico

La maggior parte dei sintomi dei pazienti migliora con il trattamento non chirurgico. Tuttavia, in alcuni pazienti può essere necessario un intervento chirurgico per alleviare i sintomi. La chirurgia comporta tipicamente la rimozione dell’osso, poiché questo osso extra non è necessario per la normale funzione del piede.

Hip disorders: the femoral-acetabular conflict. 

by Prof. Gianluca Egidi,

Pescara 🇮🇹

Hip disorders: the femoral-acetabular conflict

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara

 

Among the pathologies of the coxo-femoral joint there are those with a subtle onset, most often caused by the continuous trauma of a sporting activity. There is talk of the "femoral-acetabular conflict", an infrequent but extremely disabling problem. The femoral acetabular impingement (FAI) is a degenerative and developmental pathology without a defined age of onset because it can affect both the adult during his physiological arthritic evolutionary course, and the younger patient as he is more inclined to a continuous and micro sports activity. -traumatizing. Over time, these micro-traumas can lead to the formation of anatomical alterations of the femur joint. It is common to complain of pain in the hip, femur or flank, a symptomatology that we often define "groin pain", referring to a specific area that, indicated manually, can range from the lower lumbar area, to the side, to the lower abdominal portion up to to the aforementioned inguinal area.

 

The pathologies involving the coxo-femoral site (the hip joint) are many, of various nature and often not well described by those who suffer from it, not having, most of the time, a clear onset, nor of traumatic origin, nor deriving from other related pathologies; therefore, sine causa. In the context of hip diseases there are also those with subtle onset, not based on age and affecting subjects of both sexes. In these cases we are talking about the "femoral-acetabular conflict" which belongs to this category of diseases that are often underestimated. The disease is referred to as FAI, an acronym for Femur Acetabular Impingement. Let's see what it is. Medical terminology is not always neat and clear and can often create some confusion. Impingement: from English = conflict "The definitions of conflict are many, but the idea that conflict is a perception is common to all" (Pearson, 2016) The concept of "perception" appears to be absolutely the most correct. Perception of pain, discomfort, limitation, functional impotence.

 

Pain at what point? Where is it? Because? Why am I in pain? I have a pain. Is it inguinal? Is it the hip? What is happening? The most classic definition given is that of "inguinal" pain, with the patient who, placing his hand on his hip and hip, describes an extremely varied and vast area, ranging from the hip itself, to the coxo-femoral up to the lumbar area , the groin and often at the back of the thigh. He manages to circumnavigate almost the entire body hemisome to try to explain something that is subtle, profound and insurgent without him having done anything to provoke it. Where the patient fails to give a real logical explanation to the problem, it is the experts in the sector who must intervene with an appropriate medical history and a thorough objective examination to try to define a diagnosis as accurate as possible. FAI is a pathology with the highest response in sportsmen, regardless of age. A recurrent and annoying symptom represented in this population of sportsmen, both professionals and non-professionals, caused by the repetitive and impacting movements to which the joints are subject. What question should the orthopedist, physiatrist and physiotherapist focus on and on what doubt? Is it a chronic injury or an acute injury? Is it a purely musculoskeletal problem?

 

Does it have a muscle origin or is the disease related to the bone? Priority must be given to the real site from which the problem arises, so the anatomical area concerned must be established. Groin? Hip? Pubis? Testicle? Hip adductors? Lower abdominal wall? The patient must be interviewed, studied clinically, observed in his posture and subjected to careful examination: Lumbar palpation, assessment of muscle tone, detection of the presence of swellings or deformities, assessment of walking ability and of the sitting-to-standing passage, abdominal palpation, detection of Lasegue's sign and Trendelemburg, examination of the male genitalia and examination of the pelvis in women. Objective examination of the range of motion of the hip, lumbar and lumbo-sacral area, search for any pain in the sacroiliac, evaluate the ROM (range of motion) of the hips. Check for pain at a certain movement of the hip, with particular attention to flexion, abduction-adduction. If the pain increases with the intra-rotation movement, you will probably be faced with a hypothetical femoral-acetabular impingement syndrome. The potential causes of hip pain in athletes are numerous and among these the most common are: - adductor tendonitis, - low abdominal muscle tears, - bursitis, simple muscle tears, osteoarthritis in the initial phase that can occur

volume_up

content_copy

’Arthrosis in the initial phase which can lead to stress fractures in both the femur and pelvis. In particular cases it is possible to find an avascular necrosis of the femoral head which perfectly simulates a femoroacetabular impingement syndrome. So what is FAI actually? Why does it enter the group of "groinpain" (hip pain) pathologies? It is nothing more than a deformity, an anomaly, an excess of a bone part; there may be an excess of the edge of the cup, there may be a deformity at the level of the femoral neck, sometimes both can occur The deformity affecting the femoral neck is called CAM, or cam, having the same convex structure of the mechanism a combustion engine cams. While the deformity of the cotyloid eyelash is called PINCER, that is pincer, forceps. The logic of the terminology is given by the fact that during the intra-rotation movements of the hip a collision (conflict) is created between the excess of the parts, or of the femoral neck or part of the cotyloid edge, or both. if both present.

 

With the FADIR test, ie placing the hip in flexion, adduction and intra-rotation, we will have an extremely predictive response for impingement syndrome. Together with this test, the FABER test and posterior impingement also help the diagnosis. How it looks, how it highlights, how it is treated FAI has a typical subtle and intermittent onset; coxalgia-groin pain is more easily seen in those who have a certain level of physical activity, regardless of age. Painful symptoms can also occur in conditions of non-sportsmanship, among people who, due to the type of work, are forced to maintain a particular posture which over time accentuates the coxalgic pain. As mentioned, the CAM effect leads to impingement on the acetabulum labrum and, when there is also a more accentuated acetabular edge, the same sporting activity can lead to the breaking of the same labrum. This break, in its healing process, will transform the eyelash into a real spine (pincer-forceps) which will create conflict in the neck according to the movements performed.

 

Continuous pinching will in turn lead to continuous pain, but also to an imbalance of the load. A neglect of the problem can lead in the future to a subsequent degeneration of the neighboring cartilage structures, up to a real joint degeneration. Diagnostic imaging always starts with a standard radiography, a method that is always fast, minimally invasive and very effective to determine any dysmorphism, fracture lesions or newly formed arthritic details. If classical radiology were not decisive, magnetic resonance can be performed which is ideal for the study of articular cartilage structures and soft tissues, but also fundamental for the study of spongiotic bone tissue which is highlighted when suffering from necrosis or diffuse edema.

 

The CT scan remains an essential exam to study the bone morphology and if there are fractures that very often are not highlighted with classic radiology. MRI is always ideal for the study of joint soft tissues and can give answers to any fracture doubts, but Tomography remains the most valid element to confirm the type of fracture through three-dimensional reconstruction. Great results on coxo femoral pain comes from the Digi-Near-Fascial therapy, already adopted and recognized in Switzerland by ODM International. Innovative, natural and without the use of drugs. For information or appointments contact us at 3491847174

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/25/profili-professionali-terapisti-délite-odm-international-prof-gianluca-egidi-pescara

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

Patologie dell’anca: il conflitto Femoro-Acetabolare

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 

 

Nell’ambito delle patologie dell’articolazione coxo-femorale vi sono quelle a insorgenza sottile, causate al più spesso dal traumatismo continuativo di una attività sportiva. Si parla del “conflitto femoro-acetabolare”, problema non frequente ma estremamente invalidante.

Il conflitto femoro acetabolare (FAI) è una patologia degenerativa ed evolutiva senza una definita età di insorgenza perché può colpire sia l’adulto durante il suo fisiologico decorso evolutivo artrosico, sia il paziente più giovane in quanto più propenso ad una attività sportiva continuativa e micro-traumatizzante.

Nel tempo, questi micro-traumi possono portare alla formazione di alterazioni anatomiche dell’articolazione del femore.

È frequente che si lamenti un dolore all’anca, al femore o al fianco, sintomatologia che spesso definiamo “pubalgia”, riferendoci a una specifica zona che, indicata manualmente, può spaziare dalla zona bassa lombare, al fianco, alla porzione addominale bassa fino alla citata zona inguinale.

Le patologie che coinvolgono la sede coxo-femorale (l’articolazione dell’anca) sono molte, di svariata natura e spesso non ben descrivibili da chi ne soffre, non avendo, il più delle volte, una chiara insorgenza, né di origine traumatica, nè derivante da altre patologie correlate; quindi, sine causa.

Nell’ambito delle patologie dell’anca esistono anche quelle a insorgenza subdola, non basate sull’età anagrafica e che colpiscono soggetti di entrambi i sessi.

In questi casi parliamo del “conflitto femoro-acetabolare” che appartiene a questa categoria di malattie spesso sottostimate.

La malattia viene citata con il termine inglese di FAI, acronimo di Femur Acetabular Impingement. Vediamo di cosa si tratta.

La terminologia medica non sempre risulta ordinata e chiara e spesso può creare una certa confusione.

Impingement: dall’inglese = conflitto

«Le definizioni di conflitto sono molteplici, ma è comune a tutte l’idea che il conflitto sia una percezione» (Pearson, 2016)

Il concetto di “percezione” appare assolutamente come il più corretto.

Percezione di dolore, fastidio, limitazione, impotenza funzionale.

Il Dolore in quale punto? Dove? Perché? Per quale motivo ho dolore?

Ho un dolore. È inguinale? È l’anca? Che cosa sta accadendo?

La più classica definizionedata è quella del dolore «inguinale», con il paziente che, appoggiando la mano sul fianco e sull’anca, descrive un’area estremamente varia e vasta, che spazia dal fianco stesso, alla coxo-femorale fino alla zona lombare, l’inguine e spesso al dorso della coscia.

Riesce a circumnavigare quasi tutto l’emisoma corporeo per cercare di spiegare un qualcosa che è subdolo, profondo e insorto senza che egli stesso abbia fatto qualcosa per provocarlo.

Laddove il paziente non riesce a dare una reale logica spiegazione al problema, sono gli esperti del settore che devono intervenire con una appropriata anamnesi e un approfondito esame obbiettivo per cercare di definire una diagnosi quanto più accurata.

Il FAI è una patologia a più alto riscontro negli sportivi, indipendentemente dall’età anagrafica.

Sintomo ricorrente e fastidioso rappresentato in questa popolazione di sportivi sia essa di professionisti che non professionisti, causatodai ripetitivi e impattanti movimenti cui sono soggette le articolazioni.

Quale quesito deve porsi e su quale dubbio devono concentrarsi l’ortopedico, il fisiatra e il fisioterapista?

Trattasi di una lesione cronica o di una lesione acuta?

È un problema puramente muscolo-scheletrico?

Ha un’origine muscolare o la malattia è legata alla parte ossea?

La priorità va data alla reale sede da cui deriva il problema, quindi si deve stabilire l’area anatomica interessata.

Inguine?Anca?Pube?Testicolo?Adduttori dell’anca? Parete addominale inferiore?

Il Paziente va intervistato, studiato clinicamente, osservato nella sua postura e sottoposto ad attento esame:

Palpazione lombare, valutazione del tono muscolare, rilevazione di presenza di tumefazioni o deformità, valutazione della capacità deambulatoria e del passaggio seduto-in piedi, palpazione addominale, riscontro del segno di Lasegue e il Trendelemburg, esame dei genitali maschili e l’esame della pelvi nelle donne.

Esame obbiettivo della articolarità dell’anca, della zona lombare, lombo-sacrale, ricerca di eventuale dolore alle sacro-iliache, valutare il ROM (range of motion) delle anche.

Verificare la presenza di dolore ad un certo movimento dell’anca, con particolare attenzione alla flessione, all’abduzione-adduzione. Se al movimento di intra-rotazione il dolore aumenta probabilmente ci si troverà di fronte ad una ipotetica sindrome da conflitto femoro-acetabolare.

Le potenziali cause dei dolori alle anche negli sportivi sono numerose e fra queste le più comuni sono:

– le tendiniti adduttorie,

– gli strappi muscolari addominali bassi,

– le borsiti, gli strappi muscolari semplici,

l’artrosi in fase iniziale che può giungere fino alle fratture da stress sia al femore che al bacino. In casi particolari è possibile riscontrare una necrosi avascolare della testa del femore che simula perfettamente una sindrome da conflitto femoro-acetabolare.

Quindi che cos’è in realtà il FAI? Perché entra nel gruppo delle patologie del “groinpain” (dolore dell’anca)?

Altro non è che una deformità, un’anomalia, un esubero di una parte ossea; vi può essere un esubero del ciglio del cotile, vi può essere una deformità a livello del collo del femore, a volte possono presentarsi entrambi La deformità a carico del collo del femore viene denominata CAM, ovvero camma, avendo la stessa struttura convessa del meccanismo a camme dei motori a combustione. Mentre la deformità del ciglio cotiloideo viene denominata PINCER, cioè tenaglia, pinza.

La logica delle terminologia è data dal fatto che durante i movimenti di intra-rotazione dell’anca si viene a creare lo scontro (conflitto) fra l’esubero delle parti, o del collo del femore o della parte del ciglio cotiloideo, oppure di entrambi se ambedue presenti. Con il test FADIR, cioè ponendo l’anca in flessione, adduzione e intra-rotazione, avremo una risposta estremamente predittiva per la sindrome da impingement. Assieme a tale test anche il test FABER e dell’impingement posteriore aiutano la diagnosi.

Come si presenta, come si evidenzia, come si cura

Il FAI ha una tipica insorgenza subdola e intermittente; la coxalgia-pubalgia si evidenzia più facilmente a chi ha una attività fisica di un certo livello, indipendentemente dall’età. I sintomi dolorosi si possono presentare anche in condizione di non sportività, fra le persone che, causa del tipo di lavoro, sono costretti a mantenere una particolare postura che nel tempo accentua il dolore coxalgico.

Come detto l’effetto CAM porta ad avere l’impingement sul labrum dell’acetabolo e, quando presente anche un ciglio cotiloideo più accentuato, la stessa attività sportiva può portare alla rottura dello stesso labrum. Tale rottura, nel suo processo di guarigione trasformerà il ciglio in una vera e propria spina (pincer-pinza) che creerà il conflitto a livello del collo a seconda dei movimenti eseguiti.

Un continuo pinzamento porterà a sua volta un continuo dolore, ma anche ad un disequilibrio del carico. Una non curanza del problema può sfociare in futuro ad una successiva degenerazione delle strutture cartilaginee limitrofe, fino ad arrivare ad una vera e propria degenerazione articolare.

La diagnostica per immagini parte sempre da una radiografia standard, metodo sempre veloce, poco invasivo e molto efficace per determinare eventuali dismorfismi, lesioni fratturative o dettagli artrosici neo-formati.

Se la radiologia classica non fosse dirimente si può eseguire la Risonanza magnetica che risulta ideale per lo studio delle strutture cartilaginee articolari e i tessuti molli, ma anche fondamentale per lo studio del tessuto osseo spongiotico che viene messo in risalto quando sofferente per necrosi o edema diffuso.

La TAC rimane un esame essenziale per studiare la morfologia ossea e se presenti fratture che molto spesso non vengono evidenziate con la radiologia classica. La RMN è sempre ideale per lo studio dei tessuti molli articolari e può dare risposte ad eventuali dubbi fratturativi, ma la Tomografia rimane l’elemento più valido per confermare la tipologia di frattura attraverso la ricostruzione tridimensionale.

Grandi risultati sulle algie del dolore coxo femorale viene dalla terapia Digi-Presso-Fasciale , già adottata e riconosciuta in svizzera da ODM International.

Innovativa, naturale e senza uso di farmaci..

Per informazioni o appuntamenti contattateci al 3491847174

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/25/profili-professionali-terapisti-délite-odm-international-prof-gianluca-egidi-pescara

Adhesive capsuliteby Dr. Roberto Baderna, Viggiù 🇮🇹

ADHESIVE CAPSULITE

 

by  Dr. Roberto Baderna Massage Therapy Studio

.Viggiù, 🇮🇹

 

Adhesive capsulitis is characterized by severe loss of joint mobility where the joint is "frozen": upper limb (eg, adhesive capsulitis of the shoulder, elbow) or lower limb (eg, adhesive capsulitis of the hip, elbow) knee), some back pain, etc.

The pain is due to the presence of adhesions of the joint capsule which limit the volume of the joint space creating joint hypercompression.

 

It mainly affects subjects between 40-60 years of age with a higher incidence in women.

In most cases, adhesive capsulitis arises without any apoarent cause: too much work or too much sedentary lifestyle, or the result of a compensation of the body, sometimes it is associated with a previous direct trauma (dislocation, fracture, tear or contusion that forced immobility), surgical trauma is also associated with various medical conditions such as diabetes, hyperthyroidism, ischemic heart disease, rheumatoid arthritis, etc.

 

Unfortunately very often it is initially treated with immobilization and this further worsens the situation.

The initial procedure instead includes an aggressive therapeutic treatment of both passive and active mobilization to recover the range of motion.

# Viggiù via Roma 27

# exalbergoviggiù

Cell. 3473526780

 

#MASSAGETHERAPIST #MASSOTHERAPY

#MASSAGE #SPORT MASSAGE #MASSAGEWELL-BEING #MASSAGE THERAPEUTIC

#WELLNESS

"FOR ALL #MUSCULOSKELETAL ALGAE OF POSTURAL ORIGIN"

 

Antistress

Decontracting

Relaxing

Hemolymphatic drainage

Anti-cellulite

It acts on the decrease of myofascial hypertonia thus decreasing the hormonal activation of the #stress hormones,

inducing relaxation on both the peripheral and central nervous systems.

Work on the dissolution of #contracts,

on the stiffness of the myofascial system, restoring a better freedom of joint movement

Reduces excesses of water retention,

the edematous states responsible for the orange peel effect,

#cellulite.

 

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

 

CAPSULITE ADESIVA

Dott. Roberto Baderna Studio Massoterapico

.Viggiù 🇮🇹

La capsulite adesiva è caratterizzata da una grave perdita della mobilità articolare la cui articolazione è "congelata": arto superiore (ad es. capsulite adesiva della spalla, del gomito) o dell'arto inferiore (ad es. capsulite adesiva dell'anca, del ginocchio), alcune lombalgie ecc..

Il dolore é dovuto alla presenza di aderenze della capsula articolare che limitano il volume dello spazio articolare creando una ipercompressione articolare.

Colpisce principalmente soggetti tra i 40-60 anni con maggiore incidenza nelle donne.

La capsulite adesiva, per buona parte dei casi insorge senza alcuna causa apoarente: troppo lavoro o troppa sedentarietà, o il frutto di una compensazione del corpo, talvolta la si associa ad un trauma diretto pregresso (lussazione, frattura, strappo o contusione che ha costretto all'immobilità), a un trauma chirurgico, la si associa anche a diverse condizioni mediche come ad esempio il diabete, ipertiroidismo, malattie ischemiche cardiache, artrite reumatoide, ecc.

Sfortunatamente molto spesso viene trattata inizialmente con l'immobilizzazione e questo peggiora ulteriormente la situazione.

La procedura iniziale comprende invece un trattamento terapeutico aggressivo di mobilizzazione sia passiva che attiva per recuperare l'articolarità.

#Viggiù via Roma 27

#exalbergoviggiù

Cell. 3473526780

#MASSAGETHERAPIST #MASSOTERAPIA

#MASSAGGIO #MASSAGGIOSPORTIVO #MASSAGGIOBENESSERE #MASSAGGIOTERAPEUTICO

#WELLNESS

"PER TUTTE LE ALGIE #MUSCOLOSCHELETRICHE DI ORIGINE POSTURALE"

Antistress

Decontratturante

Rilassante

Emolinfodrenante

Anticellulite

Agisce sulla diminuzione dell'ipertono miofasciale diminuendo così l'attivazione ormonale degli ormoni dello #stress,

inducendo rilassamento sia sul sistema nervoso periferico che centrale.

Lavora sullo scioglimento delle #contratture,

sulle rigidità, del sistema miofasciale, ripristinando una migliore libertà di movimento articolare

Riduce gli eccessi di ritenzione idrica,

gli stati edematosi responsabili delle effetto buccia d'arancia,

la #cellulite.

Egidi syndrome of HTC insulin resistance by Prof. Gianluca 

Egidi, Pescara 🇮🇹

Egidi syndrome of THC insulin resistance

 

By Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/25/profili-professionali-terapisti-délite-odm-international-prof-gianluca-egidi-pescara

Following an accurate study carried out by myself with the supervision of the results and the collaboration of a Swiss team accredited by ODM International "we have evaluated some indicative parameters of efficiency of sugar metabolism in a large population of citizens. Habitual Marijuana consumption associated with lower fasting insulin concentrations, lower insulin resistance and lower average waist circumference values. Years ago, a drug for obesity was developed, rimonabant, which had, as a mechanism of action, the blocking of CB1 receptors of endogenous cannabinoids.

 

Receptors are molecules present on the cell membrane and which serve to receive and transmit stimuli. Mediators produced by the body, called endocannabinoids, bind to CB1 receptors because, from a chemical point of view, they resemble molecules found in Cannabis Sativa, a plant whose dried flowers are Marijuana. Shortly after its introduction in the clinic, rimonabant was withdrawn for its side effects, but some evidence gathered at the time on the effects of endocannabinoids and cannabinoids on metabolism spurred further research.

 

We evaluated subjects enrolled in a survey on eating habits, evaluating the usual consumption of Marijuana and some parameters indicative of the efficiency of sugar metabolism: levels of glucose and insulin in fasting blood, a test called HOMA-IR and waist circumference. Insulin is the hormone that regulates the passage of glucose from the blood to the tissues, the waist circumference is an indicator of the presence of fat in the abdomen, in its once a risk factor for impaired sugar metabolism, and HOMA-IR (homeostasis model assessment of insulin resistance: homeostatic model for assessing insulin resistance). The latter is a test that measures insulin resistance, that is to say how resistant the tissues are to the effect of insulin.

 

Subjects who used marijuana habitually had 16% lower blood insulin levels, 17% lower HOMA-IR, and significantly lower average waist circumference than non-marijuana users. The research results seem to confirm a positive effect of cannabinoids on sugar metabolism, even if the differences from the control population are not very large. Future studies will have to confirm this evidence. The next step was to verify later that a prolonged and daily use of cannabinoids (THC) in the tested subjects, caused a very strong insulin resistance as well as a relative weight gain and blood glucose levels difficult to manage with normal controlled alimnetations such as those applied in diabetic subjects. Our study has led to a specific food table and to a targeted integration thanks to the Santiveri company and Shedirpharma, the latter always very attentive to the development of homeopathic medicine.

The first tests provided not only encouraging data and resolution of the syndrome but the certainty of the correlation between THC and insulin resistance.

see also the professional profile of Prof. Egidi,

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/25/profili-professionali-terapisti-délite-odm-international-prof-gianluca-egidi-pescara

 

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

Sindrome Egidi di insulina resistenza da THC

By Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/25/profili-professionali-terapisti-délite-odm-international-prof-gianluca-egidi-pescara

A seguito di un accurato studio eseguito dal sottoscritto con la supervisione dei risultati e la collaborazione di un'equipe Svizzera accreditata dalla ODM International" abbiamo valutato alcuni parametri indicativi dell’efficienza
del metabolismo degli zuccheri in un’ampia popolazione di cittadini. Il consumo abituale di Marijuana si è associato a concentrazioni più basse di insulina a digiuno, a una minore insulino-resistenza e a valori medi inferiori di circonferenza vita.

Anni fa venne sviluppato un farmaco per l’obesità, il rimonabant, che aveva, come meccanismo d’azione, il blocco di recettori CB1 dei cannabinoidi endogeni. I recettori sono molecole presenti sulla membrana delle cellule e che servono a ricevere e trasmettere stimoli. Ai recettori CB1 si legano mediatori, prodotti dall’organismo, chiamati endocannabinoidi perché, da un punto di vista chimico, somigliano a molecole presenti nella Cannabis Sativa, una pianta i cui fiori essiccati sono la Marijuana. Poco dopo l’introduzione in clinica, il rimonabant fu ritirato per i suoi effetti collaterali, ma alcune evidenze raccolte all’epoca sugli effetti di endocannabinoidi e cannabinoidi sul metabolismo hanno stimolato ulteriori ricerche.

Abbiamo valutato soggetti arruolati in un’indagine sulle abitudini alimentari, valutando il consumo abituale di Marijuana e alcuni parametri indicativi della efficienza del metabolismo degli zuccheri: livelli di glucosio e insulina nel sangue a digiuno, un esame denominato HOMA-IR e la circonferenza vita. L’insulina è l’ormone che regola il passaggio del glucosio dal sangue ai tessuti, la circonferenza della vita è un indicatore della presenza di grasso nell’addome, a sua

volta fattore di rischio di alterato metabolismo degli zuccheri, e l’HOMA-IR (homeostasis model assessment of insulin
resistance: modello omeostatico di valutazione della resistenza all’insulina). Quest’ultimo è un esame che misura l’insulino-resistenza, vale a dire quanto i tessuti sono resistenti all’effetto dell’insulina. I soggetti che facevano uso abituale di Marijuana avevano livelli di insulina nel sangue più bassi del 16%, un HOMA-IR ridotto del 17% e un valore medio di circonferenza della vita significativamente minore, rispetto ai non consumatori di Marijuana.

I risultati della ricerca sembrano confermare un effetto positivo dei cannabinoidi sul metabolismo degli zuccheri, anche se le differenze rispetto alla popolazione di controllo non sono molto ampie. Studi futuri dovranno confermare queste evidenze. Il passo successivo è stato quello di verificare in seguito che un uso prolungato e quotidiano di cannabinoidi (THC) nei soggetti testati, provocava un insulino resistenza molto forte non che un relativo aumento di peso e di livelli di glicemia nel sangue difficili da gestire con delle normali alimnetazioni controllate come quelle che si applicano in soggetti diabetici.

Il nostro studio ha portato ad una tabella alimentare specifico e ad una integrazione mirata grazie alla ditta Santiveri e Shedirpharma quest'ultima sempre molto attenta allo sviluppo della medicina omeopatica.
I primi test hanno fornito non solo dati incoraggianti e risoluzione della sindrome ma alla certezza della correlazione tra THC e insulino-resistenza.

vedi anche il profilo professionale delProf. Egidi,

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/25/profili-professionali-terapisti-délite-odm-international-prof-gianluca-egidi-pescara

Coonnective Massage

by Paolo Leone Palazzo Acreide (SR)🇮🇹

CONNECTIVE MASSAGE

by Paolo Leone 

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/28/professional-profiles-of-elite-therapist-members-paolo-leone

Anatomically, the connective tissue system divides into epidermis - underlying dermis - subcutaneous tissue. The connective tissue cells are divided into: fibroblasts, mast cells, plasma cells, leukocytes, lymphocytes, monocytes.

 

The connective tissue has a wonderful feature, that of storing the life of our body, therefore all bone, joint and organic suffering are transmitted throughout the connective tissue.

 

Through the connective tissue massage we act on both superficial and deep layers in this way we are able to communicate with the entire connective tissue matrix also going to rebalance the state of the organs and the supporting structures. The various pressure splitting maneuvers will loosen the muscle bands, relieving pain, relieving the joints and also correcting postural defects due to muscle / skeletal retractions.

The local effects of connective tissue massage can be:

- increased metabolism

- hyperemia

- improvement of venous return

- hyperemia

- improvement of the fabric structure

The rules to be respected are those of not working too long on a single area, never working directly on a pathological body segment.

The main functions of this technique are:

- rebalancing (regulates hormonal secretions)

- elasticized (stretches the subcutaneous fibers)

- decontracting (relaxes the surrounding muscles)

- mobilize (frees the joints from tissue retractions)

 

It is very suitable for athletes to restore the muscular system, it can also be used on an aesthetic and circulatory level, it improves the postural structure by freeing the muscles and the fascia from various retractions.

 

It also has its effects on the nervous level by stimulating the various mechanoreceptors, proprioceptors, nociceptors and thermoreceptors. The technique is mainly based on friction, detachment, stretching of the bundles. The main intent is to dig out and loosen the main tensions in order to release the toxic accumulated in the various layers. Article by Paolo Leone masseur and Pilates method teacher.

 

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

MASSAGGIO CONNETTIVALE

by Paolo Leone 

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/28/professional-profiles-of-elite-therapist-members-paolo-leone

A livello anatomico il sistema del tessuto connettivo si divide in epidermide- derma sottostante - tessuto sottocutaneo. Le cellule del tessuto connettivo si dividono in : fibroblasti , mastociti , plasmacellule, leucociti , linfociti , monociti.

Il tessuto connettivo ha una caratteristica meravigliosa , quella di immagazzinare la vita del nostro corpo , quindi tutti i traumi ossei , articolari , sofferenze organiche vengono trasmesse su tutto il tessuto connettivo .

Tramite il massaggio connettivale andiamo ad agire sugli strati sia superficiali che profondi in questo modo siamo in grado di comunicare con l'intera matrice del connettivo andando anche a riequilibrare lo stato degli organi e le strutture di sostegno . Le varie manovre di frazionamento di pressione andranno ad allentare le fasce muscolari alleviando il dolore rioffrendo alle articolazioni sollievo e andando anche a correggere difetti posturali dovuti da retrazioni muscolo/ scheletrici.

Gli effetti del massaggio connettivale a livello locale possono essere :

- aumento del metabolismo

- iperemia

- miglioramento del ritorno venoso

- iperemia

- miglioramento della struttura del tessuto

Le regole da rispettare sono quelle di non lavorare in maniera troppo prolungata su una singola zona , non lavorare mai in maniera diretta un segmento corporeo patologico.

Le funzioni principali di questa tecnica sono :

- riequilibrante ( regola le secrezioni ormonali)

- elasticizzate ( allunga le fibre del sotto- cutaneo)

- decontratturante ( rilassa la muscolatura circostante)

- mobilizzare ( libera le articolazioni da retrazioni del tessuto)

E molto adatto agli sportivi per ripristinare il sistema muscolare , può essere usato anche a livello estetico e circolatorio , migliora l' assetto posturale andando a liberare i muscoli e la fascia da varie retrazioni.

Anche a livello Nervoso ha i suoi effetti andando a stimolare i vari meccanocettori , propriocettori , nocicettori e termocettori. La tecnica di basa principalmente su frizionamento , scollamento , stiramento dei fasci.L’intento principale è quello di scavare e allentare le tensioni principali in modo da liberare il tossico accumulato nei vari strati. Articolo a cura di Paolo Leone massaggiatore e insegnante metodo Pilates.

Dr. Roger Battiston  Elite Therapist Member 🇮🇹 ,,,, if the water stands still ,,,  

If the water stands still, it becomes stagnant and rots; a tool that has never been used and left to the elements rusts quickly becoming useless. The same is true for the human body: this perfect machine, to be always efficient, must be kept in continuous activity. Sebastian Kneip

 

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

Se l'acqua sta ferma, diventa stagnante e imputridisce;

un attrezzo mai usato e abbandonato alle intemperie si arrugginisce in fretta diventando inutile. Lo stesso è per il corpo umano:questa macchina così perfetta, per essere sempre efficiente, deve essere mantenuta in continua attività.

Sebastian Kneip

🇮🇹 Dott. Roger Battiston

N°. Reg. ODM  395/1437 

 

Massofisioterapista,

Massaggiatore e Capo Bagnino degli stabilimenti idroterapici

Massaggiatore e operatore salute

Trainer ginnastica posturale 

 

Indirizzo professionale:

via Bonacalza 112 

21040 Oggiona (VA) Italy


 +39 338 216 3164
rogerbattiston@yahoo.it
https://www.facebook.com/groups/224823565278317/

Prof. Rosario Bellia Honorary member of ODM International 🇮🇹 

IMPORTANT SCIENTIFIC STUDY from PUBMED: Comparing the effects of no intervention with therapeutic exercise, and exercise with additional Kinesio tape in patients with shoulder impingement syndrome. A three-arm randomized controlled trial. https://lnkd.in/ejVkz-q 2020 Nov The group of patients who did therapeutic exercise with KT improved both on pain and on shoulder function. The mechanisms on how KT affects shoulder pain and function have not yet been scientifically proven. In my opinion, the positive effect could be related to a mechanical joint correction of the movement such as occurs with the use of some manual techniques (for example Mulligan), plus the proprioceptive stimulus in the direction of the movement being corrected. An additional control group with placebo KT application would also have been interesting to evaluate various aspects related to pain. The limitation of the study is that it has not evaluated the long-term effects, there are many therapies described in the literature that work in the short term while very few in the long term. The authors in the conclusions also recommend further studies with distant follow-up to measure long-term effects and control groups with placebo KT. I thank my colleague Ilio Iannone for his collaboration in the evaluation phase of the overall study (the photo of the bandage is not from the specific study has been added as an example). In the last two years we have been able to follow the publications of several scientific studies on the effectiveness of elastic adhesive taping. The taboos on this wonderful technique so much used and requested by patients that had little scientific feedback began to fall. To learn more about the subject you can view the video of a live that I made some time ago. https://www.youtube.com/watch?v=4LmcnIz5itg&t=56s

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹♻️ 🇮🇹♻️ 🇮🇹♻️ 🇮🇹♻️ 🇮🇹♻️

 

STUDIO SCIENTIFICO IMPORTANTE da PUBMED: Comparing the effects of no intervention with therapeutic exercise, and exercise with additional Kinesio tape in patients with shoulder impingement syndrome. A three-arm randomized controlled trial. https://lnkd.in/ejVkz-q 2020 Nov Il gruppo di pazienti che ha svolto esercizio terapeutico con KT è migliorato sia sul dolore che sulla funzionalità della spalla. I meccanismi su come il KT influisce sul dolore e funzionalità della spalla non sono ancora stati scientificamente provati. A mio avviso l’effetto positivo potrebbe essere relazionato ad una correzione meccanica articolare del movimento come ad esempio avviene con l’utilizzo di alcune tecniche manuali (ad esempio Mulligan), più lo stimolo propriocettivo nella direzione del movimento in correzione. Sarebbe stato interessante anche un ulteriore gruppo di controllo con applicazione KT placebo per valutare diversi aspetti legati al dolore. Il limite dello studio è quello di non aver valutato gli effetti sul lungo termine, sono moltissime le terapie descritte in letteratura che funzionano nel breve termine mentre pochissime sul lungo termine. Anche gli autori nelle conclusioni consigliano ulteriori studi con follow-up a distanza per misurare gli effetti sul lungo termine e gruppi di controllo con KT placebo. Ringrazio il collega Ilio Iannone per la collaborazione nella fase di valutazione dello studio d'insieme( la foto del bendaggio non è dello studio specifico è stata aggiunta a livello esemplificativo) .

 

Negli ultimi due anni abbiamo potuto seguire la pubblicazioni di diversi studi scientifici sull'efficacia del taping adesivo elastico. Iniziano a cadere i tabù su questa meravigliosa tecnica cosi molto utilizzata e richiesta dai pazienti che aveva poco riscontro scienrifico. Per approfondire l'argomento potete visionare il video di un live che ho realizzato qualche tempo fa. https://www.youtube.com/watch?v=4LmcnIz5itg&t=56s

The nervous system  

by J. Margaret Cerna 🇨🇱

The nervous system is one of the most important and complex systems in the human body. It has multiple functions, including receiving and processing all information that comes from both inside the body and from the environment, in order to regulate the functioning of other organs and systems. The central nervous system (CNS) is a complex structure that deals with processing our thoughts and all the information we get through the senses.

 

Peripheral nervous system

The peripheral nervous system is responsible for transmitting signals through the spinal nerves and the rachis, which are located outside the central nervous system, but have the purpose of connecting it with other structures and systems.

If we continue with the anatomical classification, the SNP is made up of cranial and spinal nerves.

. Cranial nerves

Cranial nerves are made up of 12 pairs of nerves, so they are also known as cranial pairs. These originate in the brain and at the height of the cerebral stem, distributing on the body with holes located at the base of the skull, neck, chest and abdomen.

These nerves are born located according to the work they are about to do. Those in charge of transmitting motor information travel along the efferent pathway, and originate from the brain stem.

 

While the fibers in charge of sensitive and sensory signals, which cross the clinging path, arise outside the brain stem.

4. Spinal nerves

The spinal nerves or spinal nerves are 31 pairs of nerves that are responsible for transmitting sensory signals, such as touch or pain, from the trunk and limbs to the central nervous system. In addition, they mediate information on posture, musculature and joints, thus bringing information from the SCN to the rest of the body.

 

There is another classification of the peripheral nervous system according to the function of each of its tracks; separating between the somatic nervous system, responsible for the intermediation between the internal organism and the external medium; and the autonomic or vegetative nervous system, which mediates the body's internal connections and communication.

🥰 SOON NEW COURSES AND WE WILL UPDATE THE CALENDAR 🥰

♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️ 🇨🇱 ♻️

 

Il sistema nervoso è uno dei sistemi più importanti e complessi del corpo umano. Ha molteplici funzioni, tra cui ricevere ed elaborare tutte le informazioni che provengono sia dall'interno del corpo che dall'ambiente, al fine di regolare il funzionamento degli altri organi e sistemi. Il sistema nervoso centrale (SNC) è una struttura complessa, che si occupa di elaborare i nostri pensieri e tutte le informazioni che otteniamo attraverso i sensi.

 

Sistema nervoso periferico

Il sistema nervoso periferico è responsabile della trasmissione dei segnali attraverso i nervi spinali e i rachidei, che si trovano fuori dal sistema nervoso centrale, ma hanno il fine di collegarlo con le altre strutture e sistemi.

Se continuiamo con la classificazione anatomica, il SNP si compone di nervi cranici e spinali.

. Nervi cranici

I nervi cranici sono composti da 12 paia di nervi, per cui sono conosciuti anche come coppie craniche. Questi hanno origine nel cervello e all'altezza del gambo cerebrale, distribuendo sul corpo con fori situati alla base del cranio, collo, torace e addome.

Questi nervi nascono ubicati secondo il lavoro che stanno per svolgere. Coloro che sono incaricati di trasmettere l'informazione motoria viaggiano lungo la via efferente, e hanno origine dal fusto encefalico.

 

Mentre le fibre incaricate dei segnali sensibili e sensoriali, che attraversano la via aggrappata, nascono fuori dal tronco dell'encefalo.

4. Nervi spinali

I nervi spinali o i nervi rachidei sono 31 paia di nervi che si assumono la responsabilità di trasmettere segnali sensoriali, come il tatto o il dolore, dal tronco e dai quadri arti al sistema nervoso centrale. Inoltre, mediano nell'informazione della postura, della muscolatura e delle articolazioni, portando quindi le informazioni dallo SCN al resto del corpo.

 

Esiste un'altra classificazione del sistema nervoso periferico secondo la funzione di ciascuno dei suoi binari; separando tra il sistema nervoso somatico, responsabile dell'intermediazione tra l'organismo interno e il mezzo esterno; e il sistema nervoso autonomo o vegetativo, che media nei collegamenti e comunicazione interna del corpo.

🥰PROSSIMAMENTE NUOVI CORSI E AGGIORNEREMO IL CALENDARIO 🥰

Back pain here are the two accomplices: Ileus psoas and piriformis muscle

by Prof. Rorario Bellia Bergamo 🇮🇹 

partner therapist
ad honorem

Back pain here are the two accomplices: ileus psoas and piriformis muscle
The piriformis syndrome was first defined in 1928 by Yoeman and is a pathology due to the mechanical compression of the sciatic nerve by the piriformis muscle.

This pathology is increasingly frequent given the increase in sedentary lifestyle and affects women in particular: statistics speak of a ratio of 6 women to each man affected.

Symptoms of piriformis syndrome

The symptoms of piriformis syndrome are very similar to those of a classic sciatica, only in this case the irritation of the sciatic nerve occurs due to the stiffening and consequent increase in volume of the piriformis muscle.

This situation triggers pain and paraesthesia in the lumbar spine (low back pain), groin, perineum, gluteal region and hip, back of the thigh and leg, down to the sole of the foot.

The symptoms of this particular syndrome can also include the formation of a swelling at the level of the sacrum and the greater trochanter, as well as motor deficits: in many cases the affected person is no longer able to carry out their physical or work activity in a quiet way and it often succeeds is also limited in normal daily life.

In more isolated cases it can cause problems and pains during sexual intercourse, but also in the rectum during defecation.

The piriformis syndrome was first defined in 1928 by Yoeman and is a pathology due to the mechanical compression of the sciatic nerve by the piriformis muscle.

This pathology is increasingly frequent given the increase in sedentary lifestyle and affects women in particular: statistics speak of a ratio of 6 women to each man affected.

Symptoms of piriformis syndrome

The symptoms of piriformis syndrome are very similar to those of a classic sciatica, only in this case the irritation of the sciatic nerve occurs due to the stiffening and consequent increase in volume of the piriformis muscle.

This situation triggers pain and paraesthesia in the lumbar spine (low back pain), groin, perineum, gluteal region and hip, back of the thigh and leg, down to the sole of the foot.

The symptoms of this particular syndrome can also include the formation of a swelling at the level of the sacrum and the greater trochanter, as well as motor deficits: in many cases the affected person is no longer able to carry out their physical or work activity in a quiet way and it often succeeds is also limited in normal daily life.

In more isolated cases it can cause problems and pains during sexual intercourse, but also in the rectum during defecation.

Causes that increase sciatic pain

Sciatic pain due to piriformis syndrome tends to increase and appear in an acute phase when you remain in a sitting position for a long time and especially with the femur slightly intrarotated.

Another factor triggering pain is certainly too intense physical effort both in sports and in work: in many cases the pain occurs when you stiffen so as not to fall, when you run sudden unexpected changes of direction (piriformis acts to limit internal rotation), or when placing heavy weights on the ground abducting and flexing the hips.

How to spot it

When the subject remains in the supine position and sees his foot rotated outwards, it means that the femur has also undergone an external rotation: this is a clear sign of tension in the piriformis muscle or other agonist muscles.

The simplest movement to evaluate the piriformis and the other external rotation muscles of the hip consists in the simple crossing of the legs as men generally do: this, in the case of piriformis syndrome, should trigger pain or numbness in the bent leg; in many cases this movement is just prevented by acute pain.

A test that is often performed to evaluate the tension of the piriformis consists in having the person position prone with the knee bent passively at 90 °, bringing the leg outwards: this action causes an internal rotation of the femur by stretching the piriformis muscle that if inflamed will cause muscoal pain (Freiberg test).

Another very valid test is that of Pace and Nagle: the patient takes a seated position with his legs bent off the couch: the test is positive when it causes pain in case of abduction and isometric external rotation against the resistance of the hands of those who perform the test. other tests such as those of Saudek, Mirkin and Faber.

Treatment and care

Generally the drugs prescribed in case of piriformis syndrome are pain relievers, muscle relaxants and non-steroidal anti-inflammatory drugs (NSAIDs); there are borderline cases in which the doctor may also recommend the use of anesthetics and corticosteroids.

In addition to drugs, physical therapies such as lasers, ultrasounds and perhaps the best Tecar therapy® are also prescribed: the positive thing is that they are not painful therapies and have no side effects and contraindications like the aforementioned drugs.

The manual and postural treatments, from personal experience, are however the most effective: the former work to eliminate contractures, tensions and deactivate any trigger points of the piriformis muscle and other neighboring ones, while the latter rebalance the subject's body through muscle exercises and targeted stretching, teaching him the correct posture in every situation, such as when he is in a sitting position for some time, thus eliminating the triggering causes of any other future inflammation of the sciatic nerve.

It is important to be aware that it is mandatory to resume any physical activities (both sports and work) gradually and not abruptly.

Piriformis syndrome is one of the possible causes of sciatica (which is often confused as a pathology when it is a symptomatology), so I invite you to read this complete article on sciatica.

SOURCE: http://www.iobenessere.it/sindrome-del-piriforme/

 

Ileopsoas Inflammation

Due to the fundamental function of the iliopsoas, it is good to point out significant aspects regarding its contraction. Now imagine what happens when the psoas contracts: due to its joining the trunk to the pelvis, a shortened psoas will compress the lumbar vertebrae and the lumbar intervertebral discs, and in extreme cases it will cause real disc herniations. Again, not having cost us at the lumbar level, there will also be no structures capable of cushioning the crushing action of a contracted psoas.

Keeping the psoas in constant tension can lead to serious consequences such as:

- sciatica

- malfunction of the localized organs of the abdomen

- back problems

- other pathologies.

It is easily flammable, making it difficult for the subject to restore the erect posture after a prolonged squatting or a prolonged soft sitting position Strong contractions following sports activities can cause this syndrome.

In emergencies, which often tend to happen in the morning as soon as you get up, move on all fours and immediately adopt stretching exercises.

Ileopsoas Stretching

Relaxing the muscle with quadrupedal stretching will prevent the risk of inflammation and contractures! Let's see how:

- To stretch the right hip flexors kneel on the right knee and place the left foot in front of you so that the left hip and knee are about 90 degrees. Put your hands on the left knee and push the pelvis forward until the right hip is in front of the right knee, hold for 20 ”.

- Keep the trunk vertical by checking with the abdomen. 10 reps for two sets with 30 ″ recovery! Repeat with the left leg as well.

- Knee stretch across the chest. Lie on a mat on your stomach (using a roller may also be helpful).

and bend the legs. Bring your right knee to your chest, and support it with both hands. Press lightly to bring them closer. Maintain the position for about 20 seconds, then repeat with the other knee.

- Vertebral lengthening. You have to lie down on a mat face up. Arrange the arms perpendicular to the body, in the shape of a cross. The palms of the hands must touch the floor.

When it is inflamed, there is a sensation of tension and swelling can occur in the groin. When the psoas is already inflamed, in addition to anti-inflammatory, decontracting massages and a couple of shiatsu sessions, especially in the abdomen and legs, they can elasticise the iliopsoas muscle and be a real relief to remove the cause of contracture and inflammation!

It is therefore important to keep it relaxed by reaping benefits such as;

- a marked improvement in abdominal functions;

- a marked improvement in posture and spinal column;

- better breathing and balanced heart rhythm.

Let's see some exercises that help relax the psoas:

- lateral lunges with dumbbells;

- hyperextensions;

- sit on the bench;

- deadlifts with barbell.

Most people who practice crunches in the gym with a weak rectus abdominis, not isolating the iliopsoas, will experience discomfort on the hip flexor stretch in the second set, not caring why! By making the mistake of continuing to stress a muscle that has nothing to do with the abdomen!

 

 

A tip not to be forgotten

Therefore, iliopsoas training is important for the points listed above, but at the same time we must make a distinction! In order not to get confused, I would advise beginner biotypes who practice consistently to apply "the plank" right away.

It is one of the basic yoga poses, capable of effortlessly guiding you towards most of the asanas (downward dog position) while helping you strengthen the muscles of the arms, shoulders, back and core. Regular practice can also help you improve your posture.

SOURCE: http://www.myprotein.it/thezone/allificazione/muscolo-ileopsoas-infiammazione-stretching/

Update July 9, 2020

The iliopsoas muscle is a very important muscle both for its position and for its function.
It originates from the lateral surfaces of the bodies of the last thoracic vertebrae, from the first four lumbar vertebrae and from the vertebral discs, and from the base of the transverse processes of the first four lumbar vertebrae. The muscular body moves obliquely down and out; it passes under the inguinal ligament and, having reached the thigh, inserts into the lesser trochanter.

This muscle has two main functions: Flex the hip and Flex the lumbar spine according to how it does a fixed point (if the proximal or distal insertion is blocked), Clearly an imbalance of one or both of the Psoas muscles causes a series of disorders very annoying just like back pain.

Furthermore, this muscle is in close relationship with the colon, and causes both inflammation of the colon, or it can become the victim of a malfunction of the intestine and therefore suffer the toxins.
For this reason it is very important to study the functioning of the digestive system in lumbar disorders.

When a cause of back pain is identified in this muscle through a series of muscle tests, it will be important to provide manual massage interventions and lengthening interventions, working on the front compartment of the trunk, and not behind, where back pain is felt instead. .

The psoas must be differentiated from the part that is inserted on the vertebral bodies which represents the dynamic part and which flexes the hip starting from 20 degrees of flexion, from the part that is inserted on the transverse processes which represents the static part and is the one that conditions the physiology of the piriformis which, by inserting itself from S2 to S4, or below the axis of fluctuation of the sacrum and because the body tends towards anteversion, the piriformis must develop a great commitment in contraction to verticalize the sacrum, for this reason is painful and it is always the victim never the executioner. The myofascial treatments of the piriformis must be carefully considered precisely because it is fatigued and not contracted.

https://tapingbellia.com/mal-di-schiena-ecco-i-due-complici-muscolo-ileo-psoas-e-piriforme/?fbclid=IwAR0angWHffJ-a0d-DHdveKvD-8p_FJEX0WhJxHQtO419mlK7243PZbRhQC4

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

Mal di schiena ecco i due complici: muscolo ileo psoas e Piriforme
La sindrome del piriforme venne definita per la prima volta nel 1928 da Yoeman ed è una patologia dovuta alla compressione meccanica del nervo sciatico da parte del muscolo piriforme.

Questa patologia è sempre più frequente visto l’aumento della sedentarietà e colpisce in modo particolare il sesso femminile: le statistiche parlano di un rapporto di 6 donne ogni uomo colpito.

Sintomi della sindrome del piriforme

I sintomi della sindrome del piriforme sono molto simili a quelli di una classica sciatalgia, solo che in questo caso l’irritazione del nervo sciatico avviene a causa dell’irrigidimento e del conseguente aumento di volume del muscolo piriforme.

Questa situazione scatena dolori e parestesie a livello del tratto lombare (lombalgia), dell’inguine, del perineo, della regione glutea e dell’anca, della parte posteriore della coscia e della gamba, giù fino alla pianta del piede.

La sintomatologia di questa sindrome particolare può comprendere anche la formazione di un rigonfiamento a livello del sacro e del gran trocantere, oltre a deficit motori: in molti casi la persona colpita non è più in grado di compiere la propria attività fisica o lavorativa in modo tranquillo e spesso riesce viene limitata anche nella normale vita quotidiana.

In casi più isolati può dare problemi e dolori durante i rapporti sessuali, ma anche al retto durante la defecazione.

La sindrome del piriforme venne definita per la prima volta nel 1928 da Yoeman ed è una patologia dovuta alla compressione meccanica del nervo sciatico da parte del muscolo piriforme.

Questa patologia è sempre più frequente visto l’aumento della sedentarietà e colpisce in modo particolare il sesso femminile: le statistiche parlano di un rapporto di 6 donne ogni uomo colpito.

Sintomi della sindrome del piriforme

I sintomi della sindrome del piriforme sono molto simili a quelli di una classica sciatalgia, solo che in questo caso l’irritazione del nervo sciatico avviene a causa dell’irrigidimento e del conseguente aumento di volume del muscolo piriforme.

Questa situazione scatena dolori e parestesie a livello del tratto lombare (lombalgia), dell’inguine, del perineo, della regione glutea e dell’anca, della parte posteriore della coscia e della gamba, giù fino alla pianta del piede.

La sintomatologia di questa sindrome particolare può comprendere anche la formazione di un rigonfiamento a livello del sacro e del gran trocantere, oltre a deficit motori: in molti casi la persona colpita non è più in grado di compiere la propria attività fisica o lavorativa in modo tranquillo e spesso riesce viene limitata anche nella normale vita quotidiana.

In casi più isolati può dare problemi e dolori durante i rapporti sessuali, ma anche al retto durante la defecazione.

Cause che aumentano il dolore sciatico

Il dolore sciatico dovuto alla sindrome del piriforme tende ad aumentare e a presentarsi in fase più acuta quando si rimane molto tempo in posizione seduta e in particolar modo con il femore leggermente intraruotato.

Un altro fattore scatenante il dolore è sicuramente lo sforzo fisico troppo intenso sia nello sport che nel lavoro: in molti casi il dolore si presenta quando ci si irrigidisce per non cadere, quando correndo si eseguono cambi repentini di direzione non previsti (il piriforme agisce per limitare l’intraruotazione), o quando si appoggiano grossi pesi a terra abducendo e flettendo le anche.

Come individuarla

Quando il soggetto rimanendo in posizione sdraiata supina vede il suo piede ruotato verso l’esterno, significa che anche il femore ha subito una extrarotazione: questo è un chiaro segno della tensione a carico del muscolo piriforme o di altri suoi muscoli agonisti.

Il movimento più semplice per valutare il piriforme e gli altri muscoli extrarotatori dell’anca consiste nel semplice accavallamento delle gambe come in genere fanno gli uomini: ciò, in caso di sindrome del piriforme dovrebbe scatenare dolore o intorpidimento nella gamba piegata; in molti casi questo movimento viene proprio impedito dal dolore acuto.

Un test che viene spesso eseguito per valutare la tensione del piriforme consiste nel far posizionare la persona prona con il ginocchio fletto passivamente a 90°, portando la gamba verso l’esterno: questa azione provoca una rotazione interna del femore stirando il muscolo piriforme che se infiammato provocherà dolore muscoalre (test di Freiberg).

Un altro test molto valido è quello di Pace e Nagle: il paziente si posizione seduto con le gambe piegate fuori dal lettino: il test è positivo quando provoca dolore in caso di abduzione ed extrarotazione isometrica contro la resistenza delle mani di chi esegue il test Esistono altri test come quelli di Saudek, di Mirkin e Faber.

Trattamento e cura

In genere i farmaci prescritti in caso di sindrome del piriforme sono antidolorifici, miorilassanti e antinfiammatori non steroidei (FANS); ci sono casi limite in cui il medico può consigliare anche l’uso di anestetici e corticosteroidi.

Oltre ai farmaci vengono prescritte anche terapie fisiche come laser, ultrasuoni e la forse migliore Tecar terapia®: la cosa positiva è che non sono terpaie dolorose e non hanno effetti collaterali e controindicazioni come i farmaci sopracitati.

I trattamenti manuali e posturali, per esperienza personale sono comunque i più efficaci: i primi lavorano per eliminare le contratture, le tensioni e disattivando gli eventuali trigger points del muscolo piriforme e di altri limitrofi, mentre i secondi riequilibrano il corpo del soggetto attraverso esercizi muscolari e di stretching mirati, insegnandoli la postura corretta in ogni situazione, come per esempio quando si trova in posizione seduta per diverso tempo, eliminando in questo modo le cause scatenanti di eventuali altre future infiammazioni del nervo sciatico.

Importante essere consci che è obbligatorio riprendere eventuali attività fisiche (sia sportive che lavorative) in modo graduale e non brusco.

La sindrome del piriforme è una delle possibili cause scatenanti la sciatica (che spesso viene confusa come patologia quando invece è una sintomatologia), per cui vi invito a leggere questo completo articolo sulla sciatica.

FONTE: http://www.iobenessere.it/sindrome-del-piriforme/

 

Ileopsoas Infiammazione

A causa della funzione fondamentale dello ileopsoas è bene puntualizzare aspetti significativi riguardo la sua contrazione. Ora si immagini cosa succede quando lo psoas si contrae: a causa del suo unire il tronco al bacino, uno psoas accorciato comprimerà le vertebre lombari e i dischi intervertebrali lombari, e in casi estremi sarà motivo di vere e proprie ernie del disco. Di nuovo, non essendoci costato a livello lombare, non ci saranno neanche strutture tali da ammortizzare l’azione di schiacciamento di uno psoas contratto.

Mantenere lo psoas in tensione costante può portare a gravi conseguenze come:

– sciatica

– malfunzionamento degli organi localizzati dell’addome

– problemi alle spalle

– altre patologie.

È facilmente infiammabile, procurando al soggetto che ne risente difficoltà al ripristino della postura eretta, dopo un accosciamento prolungato o una prolungata posizione seduta morbida; contrazioni forti a seguito di attività sportive possono causare questa sindrome.

In casi di emergenza, che spesso tendono a capitare alla mattina appena alzati, ci si muova a carponi e si adottino subito gli esercizi di stretching.

Ileopsoas Stretching

Rilassare il muscolo con stretching in quadrupedia preverrà il rischio d’infiammazioni e contratture! Vediamo come:

– Per allungare i flessori dell’anca destra inginocchiarsi sul ginocchio destro e mettere il piede sinistro di fronte a voi in modo tale che l’anca sinistra e del ginocchio sono circa 90 gradi. Mettere le mani sul ginocchio sinistro e spingere il bacino in avanti fino a portare il fianco destro davanti al ginocchio destro, tenere per 20”.

– Mantenere il tronco verticale controllando con l’addome. 10 ripetizioni per due serie con 30″ di recupero! Ripetere anche con la gamba sinistra.

– Allungamento del ginocchio sul petto. Sdraiarsi su un tappetino a pancia in su (può anche essere utile utilizzare un rullo).

e piegare le gambe. Portando il ginocchio destro al petto, e sostenerlo con entrambe le mani. Effettuare una leggera pressione per avvicinarli di più. Mantenere la posizione per circa 20 secondi, poi ripetere con l’altro ginocchio.

– Allungamento vertebrale. Bisogna sdraiarsi su un tappetino a pancia in su. Disporre le braccia in posizione perpendicolare al corpo, a forma di croce. I palmi delle mani devono toccare il pavimento.

Quando è infiammato si avverte una sensazione di tensione e un gonfiore può manifestarsi all’inguine. Quando lo psoas è già infiammato, oltre ad antinfiammatori, massaggi decontratturanti e un paio di sedute di shiatsu, specialmente nell’addome e nelle gambe, possono elasticizzare il muscolo ileopsoas ed essere un vero sollievo per togliere la causa della contrattura e l’infiammazione!

È importante quindi mantenerlo rilassato traendo benefici come;

– un netto miglioramento delle funzioni addominali;

– un netto miglioramento della postura e della colonna vertebrale;

– migliore respirazione e ritmo cardiaco equilibrato.

Vediamo alcuni esercizi che giovano al rilassamento dello psoas:

– affondi laterali con manubri;

– iperestensioni;

– sit su panca;

– stacchi da terra con bilanciere.

La maggior parte delle persone che pratica crunch in palestra con retto addominale debole, non isolando l’ileopsoas, avvertirà alla seconda serie, fastidio sul tratto del flessore dell’anca non importandosi del perché! Commettendo l’errore di continuare a stressare un muscolo che nulla ha a che vedere con l’addominale!

Un Consiglio da non Dimenticare

Quindi importante l’allenamento dell’ileopsoas per i punti elencati prima, ma allo stesso tempo bisogna far distinzione! Per non confonderci consiglierei ai biotipi principianti che praticano con costanza, di applicare sin da subito “il plank”.

È una delle posizioni base dello yoga, capace di guidarti senza sforzo verso la maggior parte delle asana (posizione del cane con la testa in giù) mentre ti aiuta a rafforzare i muscoli di braccia, spalle, schiena e core. La sua pratica regolare può inoltre aiutarti a migliorare la postura.

FONTE: http://www.myprotein.it/thezone/allenamento/muscolo-ileopsoas-infiammazione-stretching/

Aggiornamento del 9 luglio 2020

Il muscolo Ileopsoas è un muscolo molto importante sia per la sua posizione che per la sua funzione.
Origina dalle superfici laterali dei corpi dell’ultima vertebra toracica, dalle prime quattro vertebre lombari e dai dischi vertebrali, e dalla base dei processi trasversi delle prime quattro vertebre lombari. Il corpo muscolare si porta obliquamente in basso e in fuori; passa sotto al legamento inguinale e, giunto nella coscia si inserisce sul piccolo trocantere.

Questo muscolo ha due funzioni principali: Flettere l’anca e Flettere la colonna lombare in base a come fa punto fisso (se si blocca l’inserzione prossimale o distale), Chiaramente uno squilibrio di uno o entrambi i muscoli Psoas determina una serie di disturbi molto fastidiosi come appunto il mal di schiena.

Inoltre Questo muscolo è in Stretto rapporto con il colon, e determina sia infiammazioni al colon, oppure può rimanere vittima di un malfunzionamento dell’intestino e subirne quindi le tossine.
Per questo è molto importante studiare il funzionamento dell’apparato digerente nei disturbi lombari.

Quando tramite una serie di Test muscolari si individua una causa del mal di schiena proprio in questo muscolo sarà importante prevedere interventi manuali di massaggio e interventi di allungamento, lavorando sul comparto anteriore del tronco, e non dietro, dove si avverte invece il mal di schiena.

Lo psoas bisogna differenzialo dalla parte che si inserisce sui corpi vertebrali che rappresenta la parte dinamica e che fa la flessione dell’anca a partire dai 20 gradi di flessione, da quella che si inserisce sulle apofisi trasverse che rappresenta la parte statica ed è quella che condiziona la fisiologia del piriforme il quale inserendosi da S2 a S4 ,ovvero al di sotto dell’asse di fluttuazione del sacro e perché il corpo tende verso l’antiversione, il piriforme  per verticalizzare il sacro deve sviluppare un grande impegno in contrazione, per questo motivo è dolente ed è sempre la vittima mai il carnefice. Bisogna ponderare molto bene i trattamenti miofasciali del piriforme proprio perché risulta affaticato e non contratturato.

https://tapingbellia.com/mal-di-schiena-ecco-i-due-complici-muscolo-ileo-psoas-e-piriforme/?fbclid=IwAR0angWHffJ-a0d-DHdveKvD-8p_FJEX0WhJxHQtO419mlK7243PZbRhQC4

the Plates, history and curiosities by Paolo Leone, Palazzo Acreide (SR) 🇮🇹 elite partner therapist ODM International

Pilates history

The early years Joseph Pilates was born in a small German village called Mönchengladbach, near Düsseldorf. His father, whose original surname was Pilatu, was of Greek descent and was an award-winning athlete in Germany. It seems that as a child his father was made fun of by his peers who mocked him saying "Pontius Pilate, murderer of Jesus Christ" and for this reason he subsequently decided to change his surname to Pilates. His mother, on the other hand, was a naturopath of German origin. Joseph was a thin child with poor health. In fact he suffered from asthma, rickets and rheumatic fever, pathologies that led him to develop a weak musculature that caused him postural alterations and joint ankylosis that caused him a decrease or inability to move.

 

These problems on a physical level led him to decide to carefully study the human body, trying to discover ways to strengthen and invigorate it through physical exercise. The old family doctor gave him an old anatomy book from which he began to study all parts of the body. At the same time he devoted himself to a very careful study of movement in animals, oriental philosophy and the training methods of the Greeks and Romans. These two Ancient peoples were according to Joseph the examples to follow because in his opinion they had managed to achieve the ideal balance between body, mind and spirit. Furthermore, in an interview with a New York newspaper in 1959 [1], Joseph Pilates stated that he based his method on the innocence and simplicity and essentiality of the movement of babies and cats, characteristics that are re-encountered in movements of the exercises of the Pilates Method. Other disciplines practiced that influenced his new training method were bodybuilding, wrestling, yoga, Tai Chi, Zen meditation and gymnastics, combined with a great study of the biomechanics of the body and the correct use of breathing. The determination to overcome his physical difficulties was so great that, at fourteen, after overcoming the pathologies he was suffering from, he began to pose as an anatomical model and became a great sportsman (he achieved good results in boxing and gymnastics and acquired a good level as a swimmer, diver and skier).

 

The English period

In 1912, Joseph moved to England to improve his boxing technique; he worked at the circus and at a gymnasium as a self-defense instructor (they say he was the teacher of Scotland Yard detectives). In 1914, having become a circus star, he traveled all over England with his brother, performing acrobatic numbers where he looked like "a living Greek statue", just like Eugen Sandow, considered the father of bodybuilding in those years. Arriving in Lancaster, and with the onset of World War I, Joseph was interned in a concentration camp due to his German nationality. Since then, he undertook to train inmates with lessons in struggle and personal defense in order to improve their psycho-physical state: he began to devise a series of exercises intended to be done in a small and limited space; he began to develop his method "The Pilates Method". He was later transferred to another camp in Isle of Man, where he worked as a stretcher bearer in a hospital and then began treating war wounded. Since many of the injured could not get out of bed due to their state of health, Joseph mounted a system of springs on the patients' beds, who, by resting their extremities on the springs, were able to practice and train even while lying down. Thanks to these new exercises, none of the patients died in the flu and fever epidemic that killed 200,000 Brits in 1918. After the war he returned to Germany. He was recognized for the good work he had done with the concentration camp inmates and was offered to follow the preparation and train the Hamburg military police in self-defense. In addition to this job, when he returned to Germany, he began to have private clients such as the dancer and dance theorist Rudolf Laban, who integrated some Pilates techniques into his theories, or Mary Wigman, a famous dancer and choreographer who introduced some of the exercises of the Method. Pilates as a warm-up in his dance classes. Finally in these years he also dedicated himself to the rehabilitation of war veterans for whom he installed ropes at the ends of the bed in order to immobilize the ends and subsequently added pulleys (it was the beginning of the origin of two Pilates training machines: the cadillac and the reformer). Joseph Pilates also became very famous among doctors because with his method he obtained a good rehabilitation of patients faster and more integral and above all outside the hospital facilities. Due to his notoriety and the effectiveness of his method, between 1923 and 1926, Joseph was invited to train the new German army, but he gave up the post because he did not share German political ideals and advised Nat Fleischer as coaches with the help from boxer Max Schmeling. Following this decision he decided to leave the country and head to the United States.

The golden years

On the ship that took him to the United States, Joseph Pilates met a woman named Clara, a kindergarten teacher, who will become his second wife (there is no news about his first wife). In 1926 Joseph and Clara opened, at number 939 Eighth Avenue in Manhattan (New York), a studio to allow the study and application of the Pilates Method. In the studio he began to work with the tools and machines created for rehabilitation (cadillac and reformer) and created new ones such as the silla Wunda and the barrel. All the machines were made of maple wood by his brother Fred, who was a carpenter. It immediately became popular with choreographers and dancers, also because within the same building there were dance schools and rehearsal rooms. His method helped dancers improve their technique and recover faster from injuries due to intensive training. Famous choreographers such as Ruth St. Denis, Ted Shawn, Jerome Robbins, George Balanchine and Martha Graham and other famous people such as actor José Ferrer or writer Christopher Isherwood began to go to his studio. In addition, choreographers such as Hanna Holm began incorporating Pilates exercises into their dance classes. In 1934, together with the editor Judd Robins, he published "Your health: a corrective system of exercising that revolutionizes the entire field of physical education": a small book of just sixty pages in which, in a language that at times may seem inadequate, Joseph describes his philosophy of life, his theory of health, hygiene and physical exercise. Between 1931 and 1951, Pilates and Clara attended the Jacob's Pillow dance festival in the Berkshire Mountains, Massachusetts. In this way, both the rich and famous and people from other social classes began to learn about the Pilates Method. In 1945, together with William J. Miller and Judd Robbins, Pilates published "Return to life through contrology", a manual in which there is an introduction by Miller explaining the fundamentals of Pilates and its 34 basic exercises.

The principles of the pilates method:

Concentration Focus on the right movements every time you practice, so as to avoid doing them incorrectly, thus losing all benefits. Concentration is essential, we must stay active with the mind. Every movement is the result of thought. We must have constant awareness of the work done by our body. Knowing precisely the movement, it will be easier for the mind to activate the muscles suitable for the movement itself. Control It is essential to have all the progression of the exercise under control in order to try to do it correctly. In the Pilates method, nothing is accidental. It is necessary to pay attention not only to the movement but, at the same time, also to the position of the head, neck, lower limbs, feet and fingers. Otherwise, it will be natural to always use the usual muscles, those that our mind recognizes immediately and that can recall without effort. Center of gravity The center of gravity is the fulcrum of the Pilates method, both from a physical and a structural point of view. Pilates defined power house as the area between the final part of the rib cage and the lowest portion of the pelvis. Correct posture is favored by strengthening the center of gravity. The center of gravity control is also understood as stabilization of the pelvis through the synergistic work of the abdominal and lumbar areas aimed at maintaining the neutral position. Fluidity of Movement It is very important to pay close attention to the care with which we perform the exercises, the concentration and precision to make the physical activity perform at its best. With the passage of time and practice, you will tend to perform the exercises smoothly and naturally. In every gesture there must be harmony, grace and fluidity, combined with control of the body. According to Pilates, the fluidity of movements is also linked to the strength and fluidity of the center of gravity. Accuracy and Coordination Accuracy is another fundamental aspect of the Pilates method. The more accurately we perform an exercise, the greater the benefit we will derive from it. An elementary and simple exercise does not necessarily mean that it has less return on athletic training than a series of complicated and mentally demanding exercises. A simple exercise performed with precision and concentration in all its steps already requires a high commitment. From the precision of the movements originates the balance of the tone of the various muscle regions which translates into grace and economy of the movements. Breathing To breathe properly, you must inhale and exhale fully each time. Fluid and complete inhalation and exhalation are an integral part of all exercises, helping to develop good blood circulation, supplying oxygen to the body and eliminating toxins. The breath must be coordinated with the movements to free the diaphragm as much as possible. You inhale before starting a movement or when extending your body, and exhale as you make a movement or bend.

IL LESSICO DEL PILATES

Come in ogni tecnica codificata, alcune terminologie precise ricorrono continuamente nel Pilates, per comunicarne velocemente e con efficacia i principi base, sia nella fase di apprendimento teorico che durante l’esecuzione degli esercizi. Di seguito, un elenco, con relativa spiegazione, dei più comuni termini Pilates. POWERHOUSE Secondo uno dei principi precedentemente illustrati, un buon movimento parte dal centro del corpo, da un solido baricentro, per poi diffondersi con precisione anche nei dettagli delle zone periferiche. Avevamo identificato questa “centratura posturale”, questo “centro forte”, nella Powerhouse, la zona definita dalla muscolatura addominale, lombare e dai glutei, con conseguente forte rafforzamento e coinvolgimento del pavimento pelvico. La corretta esecuzione di qualsiasi esercizio Pilates passa dalla preventiva attivazione della Powerhouse, che non per niente viene anche chiamata “girdle of strenght” (cintura di forza) o “core muscles” (muscolatura centrale, o fondamentale).

BOX O FRAME Un buon baricentro e una buona centratura richiedono simmetria. Il Box (scatola, quadrato), anche denominato Frame (cornice), e cioè l’osservazione del corretto allineamento della postura attraverso il simmetrico posizionamento del corpo, controllando la perfetta perpendicolarità delle linee ideali che congiungono spalla a spalla e fianco a fianco, disegnando un quadrato proprio al centro del tronco, permette di eseguire gli esercizi nella posizione più corretta ed efficace, sia in piedi che in posizione supina. In altra accezione, Frame può anche indicare il controllo del movimento periferico degli arti, che non deve essere eccessivo: gli arti, per quanto in allungamento, non dovrebbero mai uscire dal campo visivo periferico dell’esecutore.

SCOOP o NAVEL TO SPINE Lo “scooping” nel Pilates, anche conosciuto come “tenuta del neutro”, è la posizione da assumere per richiamare un’efficace attivazione della Powerhouse, ottenuta attraverso la ritrazione degli addominali verso la spina dorsale (“navel to spine” cioè “ombelico verso la colonna), una contrazione verso l’interno e verso l’alto, con forte interessamento del trasverso dell’addome.

OPENING THE CHEST e WINGS DOWN Per il mantenimento di una buona postura, è necessario mantenere una buona apertura del torace (opening the chest), sottolineata da spalle anch’esse aperte e rilassate, con le scapole (wings) spinte verso l’interno basso (down). Il collo risulterà morbidamente allungato e la postura più slanciata ed eretta.

NEUTRAL SPINE E’ la posizione in cui la colonna si trova in posizione di riposo e perfetto bilanciamento, senza modifiche alle naturali curve fisiologiche.

ARTICULATE THE SPINE Termine utilizzato in esercizi in cui si richiede di “sentire” lo snocciolamento della colonna “vertebra per vertebra”, per stimolarne ogni parte mantenendo il controllo e la precisione del movimento. C-SHAPE Particolare postura, richiesta in diversi esercizi, in cui la schiena assume una leggera curvatura in avanti a forma di “C”. CHIN TO CHEST Letteralmente “mento verso il torace”. E’ una posizione spesso richiesta durante gli esercizi a terra, nel Matwork, in cui il corpo rimane disteso contro il pavimento, mentre gli arti e la testa vengono sollevati. Per non arrecare sforzo al collo, è necessario un perfetto posizionamento del capo, sollevato verso lo sterno, il mento non troppo spinto verso la gola, e lo sguardo rivolto verso l’ombelico. PILATES STANCE La Pilates Stance o “posizione Pilates”, è riferita alla particolare postura a “tripode” richiesta agli arti inferiori nell’esecuzione di alcuni esercizi. Sebbene la si identifichi con la caratteristica posizione a V dei piedi in allungamento dorsale, il fulcro del movimento parte, come di consueto, dal “centro”, cioè dalla Powerhouse, e viene realizzata attraverso la contrazione dei glutei e l’avvicinamento della parte posteriore delle cosce che ruotano l’una verso l’altra.

 

Il metodo Pilates ha i seguenti benefici

corregge la postura

allevia il dolore

rafforza i muscoli

migliora la fluidità dei movimenti

migliora la respirazione

ti dona felicità.

Un metodo adattabile a ragazzi , adulti , anziani e sportivi professionisti il limite del metodo dipende solo dall' insegnante che lo utilizza.

il metodo Pilates oltre a lavorare a corpo libero utilizza i piccoli attrezzi ( elastici , cerchi , Gym ball ecc ) e utilizza anche i grandi macchinari Pilates progettati da lui per facilitare o per dare ancora più enfasi ad alcuni esercizi mi macchinari prendono i nomi di : reformer, Cadillac , chair, barrel , spine corrector .

questo metodo rientra in pieno nel mondo olistico e soprattutto può essere considerato una branca della medicina non convenzionale.

Articolo scritto da Paolo Leone massaggiatore , tecnico dell'attività motoria e sportiva , insegnante metodo Pilates.

Professional profile ODM International Paolo Leone

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/28/professional-profiles-of-elite-therapist-members-paolo-leone

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ 

Storia pilates

I primi anni

Joseph Pilates nacque in un piccolo paesino tedesco chiamato Mönchengladbach, vicino a Düsseldorf.

Suo padre, il cui cognome originale era Pilatu, aveva origine greca e fu un atleta pluripremiato in Germania. Pare che da piccolo il padre venisse preso in giro dai suoi coetanei che lo schernivano dicendo "Ponzio Pilato, assassino di Gesù Cristo" e proprio per questo motivo successivamente decise di cambiare il suo cognome in Pilates.

Sua madre, invece, era una naturopata di origine tedesca.

Joseph era un bimbo magro e cagionevole di salute. Infatti soffrì di asma, rachitismo e febbre reumatica, patologie che lo portarono a sviluppare una muscolatura debole che gli causò alterazioni posturali e anchilosi articolari che gli provocarono una diminuzione o incapacità di movimento.

Questi suoi problemi a livello fisico, lo portarono a decidere di studiare attentamente il corpo umano, cercando di scoprire il modo di rinforzarlo e rinvigorirlo attraverso l'esercizio fisico. Il vecchio medico di famiglia gli regalò un vecchio libro di anatomia dal quale iniziò a studiare tutte le parti del corpo. Allo stesso tempo si dedicò a uno studio molto attento del movimento negli animali, filosofia orientale e i metodi di allenamento dei Greci e dei Romani.

Questi due popoli Antichi erano secondo Joseph gli esempi da seguire poiché a parer suo erano riusciti a raggiungere l'equilibrio ideale tra corpo, mente e spirito. Inoltre, in un'intervista rilasciata nel 1959 a un giornale di New York[1], Joseph Pilates dichiarò di basare il suo metodo sull'innocenza e la semplicità ed essenzialità del movimento dei bebè e dei gatti, caratteristiche che si re-incontrano nei movimenti degli esercizi del Metodo Pilates. Altre discipline praticate che influirono sul suo nuovo metodo di allenamento furono il culturismo, la lotta, lo yoga, il Tai Chi, la meditazione zen e la ginnastica, unite a un grande studio della biomeccanica del corpo e al corretto utilizzo della respirazione.

La determinazione a superare le sue difficoltà a livello fisico fu talmente grande che, a quattordici anni, dopo aver superato le patologie da cui era affetto, iniziò a posare come modello anatomico e diventò un grande sportivo (raggiunse buoni risultati nella boxe e nella ginnastica e acquisì un buon livello come nuotatore, sub e sciatore).

Il periodo inglese

Nel 1912, Joseph si trasferì in Inghilterra per migliorare la sua tecnica da boxeur; lavorò al circo e presso una palestra come istruttore di difesa personale (dicono che fu l'insegnante dei detective di Scotland Yard).

Nel 1914, essendo diventato una stella circense, viaggiò per tutta l'Inghilterra insieme al fratello, esibendosi in numeri acrobatici dove sembrava "una statua greca vivente", tale e quale a Eugen Sandow, considerato il padre del culturismo in quegli anni.

Arrivato a Lancaster, e con l'inizio della Prima Guerra Mondiale, Joseph fu internato in un campo di concentramento a causa della sua nazionalità tedesca.

Da allora, si impegnò ad addestrare gli internati con lezioni di lotta e difesa personale in modo da migliorarne lo stato psico-fisico: iniziò a ideare una serie di esercizi destinati ad essere fatti in uno spazio ridotto e limitato; iniziò a sviluppare il suo metodo "Il Metodo Pilates". Successivamente venne trasferito in un altro campo a Isle of Man, dove lavorò come barelliere in un ospedale e quindi incominciò a trattare feriti di guerra. Visto che a causa del loro stato di salute molti feriti non potevano alzarsi dal loro letto, Joseph montò un sistema di molle sui letti dei pazienti, i quali appoggiando le estremità sulle molle riuscivano ad esercitarsi e allenarsi anche da sdraiati. Grazie a questi nuovi esercizi nessuno dei pazienti morì nell'epidemia di influenza e febbre che nel 1918 fece morire 200.000 inglesi.

Finita la guerra ritornò in Germania. Gli venne riconosciuto il buon lavoro effettuato con gli internati del campo di concentramento e gli venne offerto di seguire la preparazione e allenare a livello di autodifesa la polizia militare di Amburgo. Oltre a questo impiego, ritornato in Germania, iniziò ad avere clienti privati come il ballerino e teorico della danza Rudolf Laban, che integrò nelle sue teorie alcune tecniche di Pilates, o Mary Wigman, una famosa ballerina e coreografa che introdusse alcuni degli esercizi del Metodo Pilates come riscaldamento nelle sue lezioni di danza. Infine in questi anni si dedicò anche alla riabilitazione di reduci di guerra per i quali installò delle corde alle estremità del letto in modo da immobilizzarne le estremità e successivamente aggiunse delle carrucole (fu l'inizio dell'origine di due macchine da allenamento Pilates: il cadillac e il reformer).

Joseph Pilates divenne molto famoso anche tra i medici poiché con il suo metodo otteneva una buona riabilitazione dei pazienti più rapida e integrale e soprattutto al di fuori delle strutture ospedaliere. Per la sua notorietà e per l'efficacia del suo metodo, tra il 1923 e il 1926, Joseph fu invitato ad allenare il nuovo esercito tedesco, ma rinunciò all'incarico poiché non condivideva gli ideali politici tedeschi e consigliò come allenatori Nat Fleischer con l'aiuto del pugile Max Schmeling.

Successivamente a questa decisione decise di espatriare e dirigersi negli Stati Uniti.

Gli anni d'oro

Sulla nave che lo portava negli Stati Uniti, Joseph Pilates conobbe una donna di nome Clara, maestra della scuola dell'infanzia, che diventerà la sua seconda sposa (non si hanno notizie sulla sua prima moglie).

Nel 1926 Joseph e Clara aprirono, al numero 939 della Eighth Avenue di Manhattan (New York), uno studio per permettere lo studio e l'applicazione del Metodo Pilates. Nello studiò iniziò a lavorare con gli strumenti e le macchine creati per la riabilitazione (cadillac e reformer) e ne creó altre nuove come la silla Wunda e il barrel. Tutte le macchine vennero fabbricate in legno d'acero dal fratello Fred, che era un carpentiere.

Subito divenne popolare tra coreografi e ballerini, anche perché all'interno dello stesso edificio c'erano scuole di danza e sale prove. Il suo metodo aiutava i ballerini a migliorare la loro tecnica e a recuperare più velocemente le lesioni dovute ad allenamenti intensivi. Nel suo studio iniziarono ad andare coreografi famosi come Ruth St. Denis, Ted Shawn, Jerome Robbins, George Balanchine e Martha Graham e altre persone famose come l'attore José Ferrer o lo scrittore Christopher Isherwood. Inoltre coreografe come Hanna Holm iniziarono ad inserire gli esercizi di Pilates nelle loro lezioni di danza.

Nel 1934, insieme all'editore Judd Robins pubblicò "Your health: a corrective system of exercising that revolutionizes the entire field of physical education (La tua salute: un sistema di esercizi correttivi che rivoluziona il campo dell'Educazione Fisica)": un piccolo libro di appena sessanta pagine nel quale, con un linguaggio che talvolta può sembrare inadeguato, Joseph descrive la sua filosofia di vita, la sua teoria sulla salute, sull'igiene e sull'esercizio fisico.

Tra il 1931 e il 1951, Pilates e Clara parteciparono al festival della danza Jacob's Pillow, sulle montagne Berkshire, in Massachusetts. In questo modo sia la gente ricca e famosa sia persone di altre classi sociali iniziarono a conoscere il Metodo Pilates.

Nel 1945, insieme a William J. Miller e Judd Robbins, Pilates pubblicò "Return to life through contrology", un manuale nel quale c'è un'introduzione di Miller che spiega i fondamentali del Pilates e i suoi 34 esercizi basilari.

I principi del metodo pilates:

Concentrazione

Concentrati sui giusti movimenti ogni volta che ti eserciti, in modo da evitare di compierli in maniera errata, perdendo così ogni beneficio.

La concentrazione è fondamentale, dobbiamo rimanere attivi con la mente.

Ogni movimento è frutto del pensiero.

Dobbiamo avere costante consapevolezza del lavoro svolto dal nostro corpo.

Conoscendo precisamente il movimento, per la mente sarà più facile attivare i muscoli adatti al movimento stesso.

Controllo

E’ fondamentale avere sotto controllo tutta la progressione dell’esercizio per cercare di compierlo nella maniera corretta.

Nel metodo Pilates niente è casuale.

E’ necessario prestare attenzione non solo al movimento ma, contemporaneamente, anche alla posizione di testa, collo, arti inferiori, piedi e dita.

Diversamente, verrà naturale utilizzare sempre i soliti muscoli, quelli che la nostra mente riconosce in maniera immediata e che può richiamare senza sforzo.

Baricentro

Il baricentro è il fulcro del metodo Pilates, sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista strutturale.

Pilates definiva power house l’area compresa tra la parte finale della cassa toracica e al porzione più bassa del bacino.

Una postura corretta è favorita dal rafforzamento del baricentro.

Il controllo del baricentro viene inteso anche come stabilizzazione del bacino attraverso il lavoro sinergico dell’area addominale e di quella lombare volto al mantenimento della posizione neutra.

Fluidità del Movimento

E’ molto importante prestare la massima attenzione alla cura con cui eseguiamo gli esercizi, la concentrazione e la precisione per far rendere al meglio l’attività fisica.

Con il passare del tempo e la pratica, si tenderà a eseguire gli esercizi in maniera fluida e naturale.

In ogni gesto ci deve essere armonia, grazia e fluidità, unite al controllo del corpo.

Secondo Pilates, la fluidità dei movimenti è legata anche alla forza e alla fluidità del baricentro.

Precisione e Coordinazione

La precisione è un altro aspetto fondamentale del metodo Pilates. Maggiore è la precisione con cui eseguiamo un esercizio, maggiore è il beneficio che ne�trarremo.

Un esercizio elementare e semplice non significa necessariamente che abbia un ritorno minore sulla preparazione atletica rispetto a una serie di esercizi complicati e mentalmente impegnativi.

Un esercizio semplice eseguito con precisione e concentrazione in tutti i suoi passaggi richiede già un impegno elevato.

Dalla precisione dei movimenti ha origine il bilanciamento del tono delle varie regioni muscolari che si traduce in grazia ed economia dei movimenti.

Respirazione

Per respirare correttamente si deve inspirare ed espirare completamente ogni volta.

Inspirazione ed espirazione fluide e complete sono parte integrante di tutti gli esercizi, aiuta a sviluppare una buona circolazione del sangue, rifornendo ossigeno al corpo ed eliminando le tossine.

Il respiro deve essere coordinato con i movimenti per liberare al massimo il diaframma.

Si inspira prima di iniziare un movimento o quando si estende il corpo, e si espira mentre si esegue un movimento o ci si piega.

IL LESSICO DEL PILATES

Come in ogni tecnica codificata, alcune terminologie precise ricorrono continuamente nel Pilates, per comunicarne velocemente e con efficacia i principi base, sia nella fase di apprendimento teorico che durante l’esecuzione degli esercizi. Di seguito, un elenco, con relativa spiegazione, dei più comuni termini Pilates.

POWERHOUSE Secondo uno dei principi precedentemente illustrati, un buon movimento parte dal centro del corpo, da un solido baricentro, per poi diffondersi con precisione anche nei dettagli delle zone periferiche. Avevamo identificato questa “centratura posturale”, questo “centro forte”, nella Powerhouse, la zona definita dalla muscolatura addominale, lombare e dai glutei, con conseguente forte rafforzamento e coinvolgimento del pavimento pelvico. La corretta esecuzione di qualsiasi esercizio Pilates passa dalla preventiva attivazione della Powerhouse, che non per niente viene anche chiamata “girdle of strenght” (cintura di forza) o “core muscles” (muscolatura centrale, o fondamentale).

BOX O FRAME Un buon baricentro e una buona centratura richiedono simmetria. Il Box (scatola, quadrato), anche denominato Frame (cornice), e cioè l’osservazione del corretto allineamento della postura attraverso il simmetrico posizionamento del corpo, controllando la perfetta perpendicolarità delle linee ideali che congiungono spalla a spalla e fianco a fianco, disegnando un quadrato proprio al centro del tronco, permette di eseguire gli esercizi nella posizione più corretta ed efficace, sia in piedi che in posizione supina. In altra accezione, Frame può anche indicare il controllo del movimento periferico degli arti, che non deve essere eccessivo: gli arti, per quanto in allungamento, non dovrebbero mai uscire dal campo visivo periferico dell’esecutore.

SCOOP o NAVEL TO SPINE Lo “scooping” nel Pilates, anche conosciuto come “tenuta del neutro”, è la posizione da assumere per richiamare un’efficace attivazione della Powerhouse, ottenuta attraverso la ritrazione degli addominali verso la spina dorsale (“navel to spine” cioè “ombelico verso la colonna), una contrazione verso l’interno e verso l’alto, con forte interessamento del trasverso dell’addome.

OPENING THE CHEST e WINGS DOWN Per il mantenimento di una buona postura, è necessario mantenere una buona apertura del torace (opening the chest), sottolineata da spalle anch’esse aperte e rilassate, con le scapole (wings) spinte verso l’interno basso (down). Il collo risulterà morbidamente allungato e la postura più slanciata ed eretta.

NEUTRAL SPINE E’ la posizione in cui la colonna si trova in posizione di riposo e perfetto bilanciamento, senza modifiche alle naturali curve fisiologiche.

ARTICULATE THE SPINE Termine utilizzato in esercizi in cui si richiede di “sentire” lo snocciolamento della colonna “vertebra per vertebra”, per stimolarne ogni parte mantenendo il controllo e la precisione del movimento.

C-SHAPE Particolare postura, richiesta in diversi esercizi, in cui la schiena assume una leggera curvatura in avanti a forma di “C”. CHIN TO CHEST Letteralmente “mento verso il torace”. E’ una posizione spesso richiesta durante gli esercizi a terra, nel Matwork, in cui il corpo rimane disteso contro il pavimento, mentre gli arti e la testa vengono sollevati. Per non arrecare sforzo al collo, è necessario un perfetto posizionamento del capo, sollevato verso lo sterno, il mento non troppo spinto verso la gola, e lo sguardo rivolto verso l’ombelico.

PILATES STANCE La Pilates Stance o “posizione Pilates”, è riferita alla particolare postura a “tripode” richiesta agli arti inferiori nell’esecuzione di alcuni esercizi. Sebbene la si identifichi con la caratteristica posizione a V dei piedi in allungamento dorsale, il fulcro del movimento parte, come di consueto, dal “centro”, cioè dalla Powerhouse, e viene realizzata attraverso la contrazione dei glutei e l’avvicinamento della parte posteriore delle cosce che ruotano l’una verso l’altra.

 

Il metodo Pilates ha i seguenti benefici

corregge la postura

allevia il dolore

rafforza i muscoli

migliora la fluidità dei movimenti

migliora la respirazione

ti dona felicità.

Un metodo adattabile a ragazzi , adulti , anziani e sportivi professionisti il limite del metodo dipende solo dall' insegnante che lo utilizza.

il metodo Pilates oltre a lavorare a corpo libero utilizza i piccoli attrezzi ( elastici , cerchi , Gym ball ecc ) e utilizza anche i grandi macchinari Pilates progettati da lui per facilitare o per dare ancora più enfasi ad alcuni esercizi mi macchinari prendono i nomi di : reformer, Cadillac , chair, barrel , spine corrector .

questo metodo rientra in pieno nel mondo olistico e soprattutto può essere considerato una branca della medicina non convenzionale.

Articolo scritto da Paolo Leone massaggiatore , tecnico dell'attività motoria e sportiva , insegnante metodo Pilates.

ODM International Paolo Leone

https://www.facebook.com/groups/224483815475849

TIPS FOR ACTIVITIES AND, POSTURAL EXERCISES / SWEET STRETCHING.

by Dr. Roger Battiston, Albizzate (VA) 🇮🇹

Health & Movement Profession

by Dr. Roger Battiston

December 18, 2020

https://www.facebook.com/groups/224823565278317

 

Posture is the image of the health of our musculoskeletal system TIPS FOR ACTIVITIES AND, POSTURAL EXERCISES / SWEET STRETCHING.

Exercises are necessary to keep the human body agile and healthy, to defeat stiffness and to face any activity in top shape. Stretching is one of the most effective gentle exercises and the objectives are to guarantee agility, elasticity and vital energy. Stretching has significant psychological effects, such as relaxation, serenity and well-being, is not tiring and is easy to do. It is simply a matter of taking positions that allow gravity to do all the "work" for us. Stretching has the effect of muscle elongation, which gives resistance to fatigue, increases the flexibility of the muscles avoiding trauma, hardening and stiffness. It can be practiced without equipment, at any age, with a minimum commitment of time and energy.

 

The indispensable tool is imagination and good will and a good therapist who teaches how to relax, breathe in the correct way to obtain the desired results. This page presents a limited series of simple stretching exercises and postural positions, useful for those who want to: Improve breathing and circulation; Improve muscle sensitivity; Increase energy, reducing fatigue; Prevent muscle aches and strains; Effectively combat stress; Prepare the muscles for sports activities; Slow down aging; Fighting pains from incorrect postures. Each individual must learn to carve out, within the day, a moment dedicated to their body and mind. 25 minutes a day is enough. By following the proposed exercises in series, the flexibility of the muscles of the whole body can be significantly improved. The key to achieving results and benefits is regularity.

 

It is not the quantity that matters, but the quality of the movements. Never push your limits, especially in cases where there is a positive history of previous trauma. The individual, during the execution of the exercises, must always seek complete relaxation and slow breathing, as natural and constant as possible without ever holding his breath. The recommended time for each exercise is indicative, in fact if the position must cause the elongation of a muscle that in the past has suffered a trauma or a tear, the time required to cause the elongation is longer due to the fibrosis-cicatricial component which has formed and which greatly reduces the elasticity of the muscle. Beginners need to start with little muscle stretching and, therefore, with short exercise times, in other words, beginners' muscles need to be worked on gradually over time.

On this page there are indications on the times, but only the individual who practices the exercises can determine how much, how and when. muscles work in opposite and complementary groups. If one group is chronically shortened (with stiff and shortened muscles), the other will be chronically stretched (with stiff and stretched muscles), resulting in an incorrect posture. On the other hand, the elastic and balanced muscles are always associated with a natural and well-balanced posture.

Prevention for back pain and musculoskeletal imbalances should start from childhood by implementing all the tools for the control and monitoring of posture in order to achieve harmonious development of the body. The postural positions and stretching, performed at a frequency of 2-3 sessions per week, help humans to continuously reset the musculoskeletal system by restoring the symmetry of the hemisomes with a correct distribution of body weight. The exercises should also be performed in full well-being since the individual does not realize that he is continually undergoing small contractures in daily life and that he involuntarily and inadvertently activates an incorrect postural position for analgesic purposes, which will cause, in turn, a further compensatory contracture generating a vicious circle up to the physical evidence and up to the persistent painful manifestation. General methodology for performing stretching exercises correctly:

Before starting the exercises, yawn 3 or 4 times to mobilize the temporomandibular joint and to stretch the chewing muscles; at the end, leave the mouth half closed, letting the jaw fall inert, and therefore without letting the dental arches touch each other during the exercises;

 

During the exercises, maintain correct and constant respiratory activity (inhalation and exhalation) according to the needs of your body. The importance of controlling correct breathing, that is, never holding your breath during physical work, has deep roots in the Eastern cultures that used this technique to remove anxiety and stress and to seek psychophysical well-being. Ancient oriental culture: "It's anxiety if we don't breathe well" or "if we don't breathe well we generate anxiety" 6 -8 seconds to stretch (always slowly);

60 seconds (or the time deemed appropriate without ever having pain) to maintain the position of maximum elongation; 6 -8 seconds to return to the starting position (always slowly); At least 6 to 12 repetitions for each exercise; Training to be performed no less than 2-3 times a week. At the beginning, to perform the exercises correctly, it is necessary to participate in at least 10 sessions by a posturology expert or your massage therapist. To respect the correct technique of execution, it is necessary to avoid jerks or too sudden movements; at the end of the session, decompression and stretching exercises must always be performed.

 

The number of repetitions per exercise is purely indicative and must be adapted to your level of physical activity. It is quite common to feel a slight discomfort (not pain) in the back during exercises, especially in the first training period. Lie on the ground with your legs bent for a few seconds !! If you don't have time to do the exercises, try to sit or lie down on the floor, on a carpet and on a pillow as often as there is the possibility to do so; in front of the television, while reading a book and playing with children or grandchildren. Any position is fine: with legs bent, crossed or extended; with the back straight or supported; but sitting on the ground. Every time we sit on the floor we make a small but continuous contribution to improving or maintaining the flexibility of the trunk, hip-pelvis, knee and ankle joints. Lie on the ground with your legs bent for a few seconds !!!! At Profession health and movement you can participate in postural gymnastics courses at the times most suited to you.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ 

Professione Salute & Movimento

by Dott. Roger Battiston 

18 dicembre 2020 

https://www.facebook.com/groups/224823565278317

La Postura è l immagine della salute del nostro apparato muscolo-scheletrico

SUGGERIMENTI PER ATTIVITA ED,  ESERCIZI POSTURALI / STRETCHING DOLCI.

 

 

Gli esercizi sono necessari per mantenere il corpo  umano agile  e sano, per sconfiggere la rigidità e per affrontare ogni attività in forma smagliante.

Lo stretching è una ginnastica dolce tra le più efficaci e gli obiettivi sono di garantire agilità, elasticità ed energia vitale.  

Lo stretching, ha notevoli effetti sul piano psicologico, quale distensione, serenità e benessere, non è faticoso ed è facile da realizzare. Si tratta semplicemente di assumere posizioni che permettono alla forza di gravità di svolgere tutto il “lavoro” in vece nostra. Lo stretching ha come effetto l’allungamento muscolare, che conferisce resistenza alla fatica, l’aumenta della flessibilità dei muscoli evitando traumi, indurimenti e rigidità.  

 

Può essere praticato senza attrezzature, a qualsiasi età,   con un minimo impegno di tempo e di energia. Lo strumento indispensabile è la  fantasia e la buona volontà ed un buon terapista che insegni come rilassare , respirare nellamaniera correttaxottenere i risultati voluti.

Questa pagina presenta una serie limitata di semplici esercizi di stretching e di posizioni posturali, utili per chi vuole:

    Migliorare la respirazione e la circolazione;

    Migliorare la sensibilità muscolare;

    Aumentare l’energia, riducendo la fatica;

    Prevenire disturbi e strappi muscolari;

    Combattere efficacemente lo stress;

    Preparare i muscoli alle attività sportive;

    Rallentare l’invecchiamento;

    Combattere i dolori da posture scorrette.

Ogni individuo deve imparare a ritagliarsi, all’interno della giornata, un momento dedicato al proprio corpo e alla propria mente. Bastano 25 minuti al giorno. Seguendo in serie gli esercizi   proposti si può migliorare sensibilmente la flessibilità dei muscoli di tutto il  corpo.

La chiave di volta  per ottenere risultati e benefici è la regolarità. Non è importante la quantità, ma la qualità dei movimenti. Non forzare mai i propri limiti soprattutto nei casi in cui c’è l’anamnesi positiva di precedenti traumi.

 

L’individuo, durante l’esecuzione degli esercizi, deve  cercare sempre il rilassamento completo e una  respirazione  lenta e il più possibile   naturale e costante senza mai trattenere il respiro.

Il tempo consigliato per ogni esercizio è indicativo, infatti se la posizione deve provocare l’allungamento di un muscolo che in passato ha subito un trauma o uno strappo, il tempo richiesto per provocare l’allungamento è più lungo a causa della componente fibrosi- cicatriziale  che si è formata e che riduce enormemente l’elasticità del muscolo.  I principianti devono iniziare con poco allungamento muscolare e, quindi, con tempi brevi  di esercizio, in altre parole, i muscoli dei principianti devono essere  sollecitati gradualmente nel tempo.  In questa pagina  ci sono indicazioni sui tempi, ma solo l’individuo che pratica gli esercizi può stabilire  quanto, come e quando.

 i muscoli lavorano in gruppi opposti e complementari. Se un gruppo è cronicamente accorciato, (con  muscoli  rigidi e accorciati),  l’altro sarà cronicamente allungato (con i muscoli rigidi e allungati), determinando un portamento scorretto.  Invece i muscoli elastici e bilanciati  si associano sempre  a un portamento naturale e ben equilibrato.

La   prevenzione per il mal di  schiena e per gli  squilibri muscolo-scheletrici   dovrebbe avere  inizio già dall’infanzia attuando tutti gli strumenti per il controllo e il monitoraggio della postura allo scopo di  conseguire uno sviluppo armonioso dell’organismo.

Le posizioni posturali e lo stretching, eseguiti con cadenza di 2- 3 sedute settimanali, aiutano l’uomo a resettare  continuamente l’apparato muscolo-scheletrico ripristinando la  simmetria degli emisomi con una distribuzione corretta del peso corporeo.

 

Gli esercizi andrebbero eseguiti anche in pieno benessere poiché l’individuo non si accorge di  subire continuamente, nella vita quotidiana,  piccole contratture e di attivare, involontariamente ed  inavvertitamente, a scopo antalgico, una posizione posturale scorretta, , che provocherà, a sua volta, una ulteriore contrattura di compenso generando un circolo vizioso fino all’evidenza fisica e fino alla manifestazione dolorosa persistente.

Metodologia generale per eseguire correttamente gli esercizi di stretching:

 Prima di iniziare gli esercizi, sbadigliare 3 o 4 volte per mobilizzare l’articolazione temporo-mandibolare e per allungare la  muscolatura della masticazione; al termine, lasciare la bocca semichiusa, lasciando cadere la mandibola inerte, e senza, quindi, far toccare le arcate dentarie tra di loro, durante gli esercizi;

    Durante gli  esercizi  mantenere una attività respiratoria (inspirazione ed espirazione) corretta e costante secondo le necessità del proprio organismo.

 

L’importanza del  controllo di una corretta respirazione, cioè di non trattenere mai il respiro durante il lavoro fisico, trova profonde radici nelle culture orientali che utilizzavano questa tecnica per allontanare l’ansia e lo stress e per ricercare il benessere psicofisico.

Antica cultura orientale:

“è colpa dell’ansia se non respiriamo bene” o  “ se non respiriamo bene generiamo ansia”

    6 -8 secondi per andare in allungamento (sempre lentamente);

    60 secondi (o il tempo che si ritiene opportuno senza mai avere dolore) di mantenimento della posizione di massimo allungamento;

    6 -8 secondi per tornare alla posizione di partenza (sempre lentamente);

    Almeno da 6 a 12 ripetizioni per ogni esercizio;

    Allenamento da eseguire non meno di 2 – 3 volte a settimana.

    All’inizio, per eseguire correttamente gli esercizi, è necessario partecipare ad almeno 10 sedute da un esperto di posturologia o dal tuo massoterapista.

 

 Per rispettare la corretta tecnica di esecuzione bisogna  evitare slanci o movimenti troppo bruschi; al termine della seduta bisogna eseguire sempre degli esercizi di decompressione e di allungamento.

    Il numero delle  ripetizioni per esercizio è puramente indicativo e andrà adattato al proprio livello di attività fisica.

    E’ piuttosto comune avvertire un leggero fastidio (non dolore) alla schiena durante gli esercizi, specie nel primo periodo di allenamento.

Sdraiati a terra a gambe piegate per qualche secondo!!

 

Se non si ha il tempo di fare gli esercizi, cercare  di stare seduti o sdraiati per terra, su un tappeto e su un cuscino tutte le volte che c’è la possibilità di farlo; davanti alla televisione, mentre si legge un libro e si gioca con i figli o i nipoti. Va bene qualsiasi posizione: con gambe piegate,  incrociate o distese; con la schiena diritta o appoggiata; ma seduti per terra. Ogni volta che ci sediamo per terra diamo un piccolo ma continuo contributo al miglioramento o al mantenimento della flessibilità del tronco, delle articolazioni anche-bacino, ginocchia e caviglie.

 

Sdraiati a terra a gambe piegate per qualche secondo!!!! 

Da Professione salute e movimento puoi partecipare ai corsi di ginnastica posturale negli orari a te piu consoni.

Piano scapolare e fisiologia della spalla in palestra 

by Prof. Rosario Bellia Bergamo 🇮🇹

https://tapingbellia.com/piano-scapolare-e-fisiologia.../

Scapular plane and shoulder physiology in the gym Scapular plane: it is the angle that forms the scapula with the frontal plane, which is physiologically indicated as 30 °. Having a physiological scapular plane is essential to make shoulder movement "economical".

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ 

 

Piano scapolare e fisiologia della spalla in palestra

Piano scapolare: è l’angolo che forma la scapola con il piano frontale, che fisiologicamente è indicato di 30°. Avere un piano scapolare fisiologico è fondamentale per rendere “economico” il movimento della spalla.

Disturbi temporo mandibolari A(ATM) 

by Prof. Gianluca Egidi,   Pescara 🇮🇹

Temporo mandibular disorders (TMD)

 

or cranio-mandibular (also defined temporomandibular dysfunctions or disorders or even myarthropathies) represent a category of different clinical problems involving some anatomical components such as the temporomandibular joint (TMJ), structures associated with the TMJ (condyles and ligaments) and the attached musculature. Temporo mandibular treatment is a very effective treatment in resolving head and neck ailments and pains, which may also arise from possible temporomandibular joint (TMJ) dysfunction.

 

Do you wake up with a numb jaw or grind your teeth? Does your headache start with an itchy ear? Does your jaw creak and you realize that when you smile your mouth is asymmetrical? You have pain in the jaw. 50% of the sensory and motor cells of the brain are dedicated to the TMJ area, or 50% of brain messages are filtered through this area. The ATM is like a computer that tells the body what to do, which is why it is so important to test it and possibly correct it and therefore, we will pay particular attention to it. If not diagnosed and treated in time, this type of problem can lead to chronic diseases. What is TMJ dysfunction The temporomandibular joint (TMJ) is the joint that joins the mandible (the bone that supports the teeth of the lower arch) with the skull.

 

The joint is very similar to that of the knee: two joint heads and a "cushion" that separates them and is called the meniscus. Except that in the case of the TMJ there are two joints (right and left) and they must function simultaneously and in a harmonious and coordinated manner. We speak of dysfunction when one or both joints between the jaw and skull no longer function as they should, according to the physiological norm. This can happen for various reasons, the most frequent situation is that in which the meniscus assumes an incorrect position during the opening and closing movements of the jaw and therefore of the mouth. This causes a dysfunction that cascades affects some facial, cranial and neck muscles, ligaments and the mandibular condyle.

 

Causes Poor positioning of the meniscus Bruxism: a psychological situation that leads the patient to relieve stress by grinding his teeth, often even noisily, or by clenching them especially at night. Dental malocclusion means a wrong interlocking between the teeth that may be due to a malpositioning of the same (eg crowding, reverse bite, etc.) or very rarely even to an incongruous operation of the dentist (eg too high fillings, inadequate capsules, etc). The combination of these two factors is crucial and given the importance of the "stress" factor, this explains the increased incidence of this disease, especially in recent years. Symptoms This pathology can be completely asymptomatic or associated with symptoms of various kinds and degrees, depending more on the individual's ability to adapt than on the degree of disorder.

Pain, particularly in the chewing muscles and / or the joint itself, or radiated to the face, neck or shoulders is the most common symptom. Other possible symptoms are: Movement limitations or "lock" of the jaw Joint noises such as clicking or roaring, even painful, when opening and closing the mouth Sudden change in dental occlusion Headache Facial pains Stiffness and tension in the jaw Rarer symptoms, but which may be related to TMJ dysfunction are: Hearing reduction Pain radiating to the ear, cheekbones Whistling or ringing in the ear Dizziness, vertigo Discomfort or pain when swallowing Treatment By virtue of the etiopathogenetic multifactoriality of craniomandibular disorders, the therapy related to this pathology is varied, depending on the aspect that is considered predominant in its determinism. Studio Egidi deals with the structural therapy of hypertonic muscles involved in the TMJ problem, since they represent 80% of TMJ problems, the remaining 20% ​​is due to the involvement of the joint: condyles, ligaments. TMJ fascial massage therapy: treatment of the masticatory and / or cervical muscles Joint relocked: unlocking of locking situations Mobilization: in cases of muscle hypertonus linked to parafunctions (bruxism - clenching). For any information or to make an appointment contact us at 3491847174, ... WE WILL TAKE YOU BACK TO WELLNESS ...

I disturbi temporo mandibolari (ATM)

 

o cranio-mandibolari (definiti anche disfunzioni o disordini temporo-mandibolari o anche mioartropatie) rappresentano una categoria di diversi problemi clinici coinvolgenti alcune componenti anatomiche quali l’articolazione temporo-mandibolare (ATM), le strutture associate all’ATM (condili e legamenti) e la muscolatura annessa. Il trattamento temporo mandibolare è un trattamento molto efficace nella risoluzione di disturbi e dolori di testa e collo, che possano derivare anche dalla possibile disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM). Ti svegli con la mascella intorpidita o digrigni i denti? Il tuo mal di testa inizia con un prurito all’orecchio? La tua mandibola scricchiola e ti rendi conto che quando sorridi la tua bocca è asimmetrica? Hai dolore alla mandibola. Il 50% delle cellule sensoriali e motorie del cervello sono dedicate all’area dell’ATM, ovvero il 50% dei messaggi cerebrali viene filtrato attraverso quest’area. L’ATM è come un computer che dice al corpo cosa fare, motivo per cui è così importante testarlo ed eventualmente correggerlo e perciò, presteremo particolare attenzione ad esso. Se non diagnosticati e curati in tempo questo tipo di problemi possono generare patologie a volte croniche.

Cosa è la disfunzione ATM

L’articolazione temporo-mandibolare (ATM) è l’articolazione che unisce la mandibola (l’osso che sostiene i denti dell’arcata inferiore) con il cranio. L’articolazione è molto simile a quella del ginocchio: due capi articolari ed un “cuscinetto” che li separa e che prende il nome di menisco. Solo che nel caso dell’ATM le articolazioni sono due (destra e sinistra) e devono funzionare simultaneamente ed in maniera armonica e coordinata. Si parla di disfunzione quando una o entrambi le articolazioni tra mandibola e cranio non funzionano più come dovrebbero, secondo la norma fisiologica. Questo può accadere per svariati motivi, la situazione più frequente è quella in cui il menisco assume una posizione scorretta durante i movimenti di apertura e chiusura della mandibola e quindi della bocca. Ciò causa una disfunzione che a cascata si ripercuote su alcuni muscoli facciali, craniali e del collo, sui legamenti e sul condilo mandibolare.

Cause

Mal posizionamento del menisco

Bruxismo situazione di natura psicologica che porta il paziente a scaricare gli stress digrignando i denti, spesso anche rumorosamente, o serrandoli soprattutto di notte.

Malocclusione dentale si intende un incastro sbagliato tra i denti che può essere dovuto ad un malposizionamento degli stessi (es. affollamento, morso inverso, ecc.) oppure molto raramente anche ad un incongruo operato del dentista (es. otturazioni troppo alte, capsule inadeguate, ecc).

L’unione di questi due fattori è determinante e data l’importanza del fattore “stress”, si spiega l’aumentata incidenza di questa patologia soprattutto negli ultimi anni.

Sintomi

Tale patologia può essere del tutto asintomatica o associata a sintomi di vario genere e grado, dipendenti più dalle capacità di adattamento individuali che dal grado del disordine. Il dolore, particolarmente ai muscoli masticatori e/o all’ articolazione stessa, o irradiato alla faccia, collo o spalle è il sintomo più comune. Altri possibili sintomi sono:

Limitazioni dei movimenti o “lock”(=blocco) della mandibola

Rumori articolari tipo click o scroscio, anche dolorosi, aprendo e chiudendo la bocca

Improvviso cambiamento dell’ occlusione dentaria

Cefalea

Algie facciali

Rigidità e tensioni alla mascella

Sintomi più rari, ma che possono essere correlati alla disfunzione dell’ATM sono:

Riduzione dell’udito

Dolori irradiati all’orecchio, agli zigomi

Fischi o ronzii all’orecchio

Capogiri, vertigini

Fastidio o dolore alla deglutizione

Trattamento

In virtù della multifattorialità eziopatogenetica dei disturbi cranio-mandibolari, la terapia relativa a questa patologia risulta essere varia, a seconda dell’aspetto che si ritiene preponderante nel suo determinismo.

Lo Studio Egidi si occupa della terapia strutturale dei muscoli ipertonici coinvolti nel problema ATM, poiché rappresentano l’80% dei problemi ATM, il restante 20% è dato dal coinvolgimento dell’articolazione: condili, legamenti.

Massoterapia fasciale ATM: trattamento della muscolatura masticatoria e/o cervicale

Relocked articolare: sblocco di situazioni di locking

Mobilitazione: nei casi di ipertono muscolare legato a parafunzioni (bruxismo – serramento).

Per qualsiasi informazione o per fissare un appuntamento contattaci al 3491847174,...TI RIPORTEREMO AL BENESSERE...

https://www.odmclub.ch/single-post/2020/07/25/profili-professionali-terapisti-délite-odm-international-prof-gianluca-egidi-pescara

Write a catchy The "Dello Buono" method: beyond physiotherapy ♻️ Il metodo "Dello Buono": oltre la fisioterapia ...

by Dr. Giuseppe Dello Buono Honorary member of ODM International

The "Dello Buono" method: beyond physiotherapy

by Dr. Giuseppe Dello Buono Honorary member of ODM International

The article appeared on VocePinerolese

♻️ 🇮🇹 ♻️🇨🇭♻️ 🇮🇹 ♻️🇨🇭♻️ 🇮🇹 ♻️🇨🇭♻️ 🇮🇹 ♻️🇨🇭♻️ 🇮🇹 ♻️🇨🇭♻️

Il metodo "Dello Buono": oltre la fisioterapia 

by Dr. Giuseppe Dello Buono Socio ad honorem ODM International 

L'articolo comparso su VocePinerolese

CONNECTIVE MASSAGE ♻️ MASSAGGIO CONNETTIVALE

by Paolo Leone Partner Therapist, ODM International elite - Palazzo Acreide 🇮🇹

CONNECTIVE MASSAGE

Anatomically, the connective tissue system divides into epidermis - underlying dermis - subcutaneous tissue. The connective tissue cells are divided into: fibroblasts, mast cells, plasma cells, leukocytes, lymphocytes, monocytes.

The connective tissue has a wonderful feature, that of storing the life of our body, therefore all bone, joint and organic suffering are transmitted throughout the connective tissue.

Through the connective tissue massage we go to act on both superficial and deep layers in this way we are able to communicate with the entire connective matrix also going to rebalance the state of the organs and the supporting structures. The various pressure splitting maneuvers will loosen the muscle bands, relieving pain, relieving the joints and also correcting postural defects due to muscle / skeletal retractions.

The local effects of connective tissue massage can be:

- increased metabolism

- hyperemia

- improvement of venous return

- hyperemia

- improvement of the fabric structure

The rules to be respected are those of not working too long on a single area, never working directly on a pathological body segment.

The main functions of this technique are:

- rebalancing (regulates hormonal secretions)

- elasticized (stretches the subcutaneous fibers)

- decontracting (relaxes the surrounding muscles)

- mobilize (frees the joints from tissue retractions)

It is very suitable for athletes to restore the muscular system, it can also be used on an aesthetic and circulatory level, it improves the postural structure by freeing the muscles and the fascia from various retractions.

It also has its effects on the nervous level by stimulating the various mechanoreceptors, proprioceptors, nociceptors and thermoreceptors. The technique is mainly based on friction, detachment, stretching of the bundles. The main intent is to dig out and loosen the main tensions in order to release the toxic accumulated in the various layers. Article by Paolo Leone masseur and Pilates method teacher.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️

MASSAGGIO CONNETTIVALE

A livello anatomico il sistema del tessuto connettivo si divide in epidermide- derma sottostante - tessuto sottocutaneo. Le cellule del tessuto connettivo si dividono in : fibroblasti , mastociti , plasmacellule, leucociti , linfociti , monociti.

Il tessuto connettivo ha una caratteristica meravigliosa , quella di immagazzinare la vita del nostro corpo , quindi tutti i traumi ossei , articolari , sofferenze organiche vengono trasmesse su tutto il tessuto connettivo .

Tramite il massaggio connettivale andiamo ad agire sugli strati sia superficiali che profondi  in questo modo siamo in grado di comunicare con l'intera matrice del connettivo andando anche a riequilibrare lo stato degli organi e le strutture di sostegno . Le varie manovre di frazionamento di pressione andranno ad allentare le fasce muscolari alleviando il dolore rioffrendo alle articolazioni sollievo e andando anche a correggere difetti posturali dovuti da retrazioni muscolo/ scheletrici.

Gli effetti del massaggio connettivale a livello locale  possono essere :

- aumento del metabolismo

- iperemia

- miglioramento del ritorno venoso

- iperemia

- miglioramento della struttura del tessuto

Le regole da rispettare sono quelle di non lavorare in maniera troppo prolungata su una singola zona , non lavorare mai in maniera diretta un segmento corporeo patologico.

Le funzioni principali di questa tecnica sono :

- riequilibrante ( regola le secrezioni ormonali)

- elasticizzate ( allunga le fibre del sotto- cutaneo)

- decontratturante ( rilassa la muscolatura circostante)

- mobilizzare ( libera le articolazioni da retrazioni del tessuto) 

E molto adatto agli sportivi per ripristinare il sistema muscolare , può essere usato anche a livello estetico e circolatorio , migliora l' assetto posturale andando a liberare i muscoli e la fascia da varie retrazioni.

Anche a livello Nervoso ha i suoi effetti andando a stimolare i vari meccanocettori , propriocettori , nocicettori e termocettori. La tecnica di basa principalmente su frizionamento , scollamento , stiramento dei fasci.L’intento principale è quello di scavare e allentare le tensioni principali in modo da liberare il tossico accumulato nei vari strati. Articolo a cura di Paolo Leone massaggiatore e insegnante metodo Pilates.

Write a catchyLateral Hip Pain - dolore laterale di anca

by Prof. Gianluca Egidi Elite Therapist Partner - Pscara 🇮🇹

  Lateral Hip Pain📌📌

Lateral hip pain is a condition characterized by localized tenderness over the greater trochanter. For this reason, this pain has been clinically diagnosed as trochanteric bursitis for many years. However, the diagnosis of trochanteric bursitis to date seems to be inappropriate, given that three typical signs of inflammation are almost always absent (rubor, calor, tumor) and pain is the only characteristic that we can find. On imaging tests, patients with lateral hip pain report a variable incidence of pathological changes. The main ones include bursitis (in a percentage of patients ranging from 4% to 46%) and gluteal tendinopathy (in a percentage of patients ranging from 18% to 50%). Precisely for this reason, the most correct clinical term, which should be used to indicate lateral hip pain, is Greater Trochanteric Pain Syndrome (or GTPS, Greater Trochanteric Pain Syndrome). GTPS encompasses a number of causes, including: • Tendinopathy / lesion of the minor and middle gluteus;

• Trochanteric bursitis;

• Structural bone alterations In the clinic, therefore, the exact cause remains unknown and difficult to identify. Therefore, the treatment will be based on the impairments identified in the medical history and on the recovery of functionality. Notes on Anatomy The greater trochanter is a junction between the neck and the shaft of the femur, as well as the main point of insertion of the abductor tendons. About 20 bags are present in the trochanteric area (Gray H., 2009).

Some of these may decrease in thickness or even disappear due to excessive and prolonged friction over time. However, at least three bags are present in most individuals. These are:

• the gluteus minor bursa, located antero-superior to the greater trochanter; • the bursa of the gluteus medius, which is located deep in the tendon of the muscle itself;

• the bursa of the gluteus maximus, the largest, often described as "trochanteric bursa"; it is located lateral to the greater trochanter, between the gluteus medius and the gluteus maximus. Methods of Intervention There are numerous interventions described for the GTPS.

Most patients experience resolution of symptoms with conservative treatments. Conservative treatments may include a combination of the following modalities: pain medication, NSAIDs, physiotherapy, corticosteroid injection. Regenerative infiltrative therapy is a potential treatment option for GTPS, although there is little data in the literature. Traditional massage therapy treatments for GTPS are generally aimed at reducing pain and inflammation and increasing the patient's functionality, rather than attempting to modify the tendon structure. Passive strategies such as deep transverse massage, physical therapy or acupuncture are not recommended, but we still find them too often as the main treatment within programs for tendinopathies. Weight-bearing specific physical exercise is the most commonly used and effective treatment in cases of tendinopathy. In the past, great importance was given to eccentric exercise in the case of tendinopathy, although recently it has been seen that any type of exercise (eccentric, concentric, isometric) seems to give good results. Eccentric exercise is able to reduce pain, increase load capacity and improve patient functionality. The loading should be gradual and initially calibrated according to the patient's baseline. It is recommended to perform exercises for the abductor, extensor and stabilizing muscles of the hip in particular. No studies have been identified that refer directly to eccentric exercise in gluteal tendinopathy, although there are several studies that demonstrate good results in other tendinopathies including patellar tendinopathy and yarrow tendinopathy.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ 

Dolore Laterale di Anca

Il dolore laterale di anca è una condizione caratterizzata da dolorabilità localizzata sul grande trocantere. Per tale motivo, questo dolore è stato per molti anni diagnosticato clinicamente come borsite trocanterica. Tuttavia, la diagnosi di borsite trocanterica ad oggi sembra essere inappropriata, dato che tre segni tipici di infiammazione sono quasi sempre assenti (rubor, calor, tumor) e il dolore è la sola caratteristica che possiamo ritrovare.

Agli esami di imaging, i pazienti con dolore laterale di anca riportano un’incidenza variabile di alterazioni patologiche. Tra le principali vi sono la borsite (in una percentuale di pazienti che va dal 4% al 46%) e la tendinopatia glutea (in una percentuale di pazienti che va dal 18% al 50%). Proprio per questo, il termine clinico più corretto, che andrebbe utilizzato per indicare un dolore laterale d’anca, è Sindrome Dolorosa del Grande Trocantere (o GTPS, Greater Trochanteric Pain Syndrome).

La GTPS comprende una serie di cause, tra cui:

• Tendinopatia / lesione del piccolo e medio gluteo;

• Borsite trocanterica;

• Alterazioni ossee strutturali

In clinica, dunque, la causa esatta rimane sconosciuta e difficile da individuare. Pertanto, il trattamento si baserà sugli impairments individuati in anamnesi e sul recupero della funzionalità.

Cenni di Anatomia

Il grande trocantere è un punto di giunzione tra il collo e la diafisi del femore, nonché il punto di inserzione principale dei tendini abduttori.

Nella zona trocanterica sono presenti circa 20 borse (Gray H., 2009). Alcune di queste possono diminuire di spessore o addirittura scomparire a causa dell’attrito eccessivo e prolungato nel tempo. Nella maggior parte degli individui sono comunque presenti almeno tre borse. Queste sono:

• la borsa del piccolo gluteo, situata antero-superiormente al grande trocantere;

• la borsa del medio gluteo, che si trova in profondità al tendine del muscolo stesso;

• la borsa del grande gluteo, la più grande, spesso descritta come “borsa trocanterica”; si trova lateralmente al grande trocantere, tra il gluteo medio e il grande gluteo.

Modalità di Intervento

Numerosi sono gli interventi descritti per la GTPS. La maggior parte dei pazienti sperimenta la risoluzione dei sintomi con trattamenti conservativi.

I trattamenti conservativi possono includere una combinazione delle seguenti modalità: farmaci antidolorifici, FANS, fisioterapia, iniezione di corticosteroidi. La terapia infiltrativa rigenerativa è una potenziale opzione di trattamento per la GTPS, anche se vi sono pochi dati in letteratura.

I trattamenti massoterapici tradizionali per la GTPS sono generalmente volti a ridurre il dolore e l’infiammazione e ad aumentare la funzionalità del paziente, piuttosto che al tentativo di modificare la struttura tendinea. Non sono consigliate strategie passive quali massaggio trasversale profondo, terapia fisica o agopuntura, che ritroviamo però ancora troppo spesso come trattamento principale all’interno dei programmi per le tendinopatie.

L‘esercizio fisico specifico con carico è il trattamento più comunemente utilizzato ed efficace nei casi di tendinopatia. In passato si dava molta importanza all’esercizio eccentrico in caso di tendinopatia, anche se ultimamente si è visto che qualsiasi tipo di esercizio (eccentrico, concentrico, isometrico) sembra dare buoni risultati. L’esercizio eccentrico è in grado di ridurre il dolore, aumentare la capacità di carico e migliorare la funzionalità del paziente. Il carico dovrà essere graduale e calibrato inizialmente a seconda della baseline del paziente. Si consiglia di svolgere in particolare esercizi per la muscolatura abduttoria, estensoria e stabilizzatrice dell’anca. Non sono stati identificati studi che si riferiscano direttamente all’esercizio eccentrico nella tendinopatia glutea, anche se sono diversi gli studi che dimostrano buoni risultati in altre tendinopatie tra cui la tendinopatia rotulea e la tendinopatia achillea.

Study on the push symmetry of the lower limbs in sport and compensation program - Studio sulla simmetria di spinta degli arti inferiori nello sport e programma di compenso

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

Studio sulla simmetria di spinta degli arti inferiori nello sport e programma di compenso 

vedi anche

see also

https://tapingbellia.com/studio-sulla-simmetria-di-spinta-degli-arti-inferiori-nello-sport-e-programma-di-compenso/?fbclid=IwAR0Cj4L2NzUeeA-PFQX2JTBNx6m8sTOBquFuQt3XCIpsuTbmW0mYg_0jY5E​

Fibromyalgia Project Fibromyalgia Project

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹 elite partner Therapist

👉👉The term “Fibromyalgia” indicates a series of diffuse pains, in the muscles and in the fibrous connective structures (ligaments and tendons). 👉Generally, pain is associated with a strong sense of fatigue (asthenia). It can be defined as fibromyalgia syndrome as it can be divided into symptoms, reported by the patient, and signs, visible by the doctor. 👉Chronic pain is often associated with varied symptoms, in addition to fatigue, such as sleep disturbances, headaches, and mood disorders. 👉The causes that lead to the development and maintenance of this pathology are complex under discussion by our study team and undoubtedly in the pathology, the musculoskeletal system, the neuro-endocrine system and the system play a pivotal role. central nervous. The results are very positive with improvements equal to 80% !!! Contact us for a free consultation both if you suffer from this pathology and if you are a professional who wants to contribute to our research. INFO & appointments 3491847174

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 

Con il termine “Fibromialgia”, si indica una serie di dolori diffusi, a livello muscolare e nelle strutture connettivali fibrose (i legamenti e i tendini).

Generalmente al dolore si associa un forte senso di affaticamento (astenia).

Può essere definita come sindrome fibromialgica in quanto è suddivisibile in sintomi, riportati dal paziente, e segni, visibili dal medico.

Il dolore cronico è spesso associato ad una sintomatologia variegata, oltre all’affaticamento, come disturbi del sonno, cefalea, e disturbi dell’umore.

Le cause che portano allo sviluppo e al mantenimento di questa patologia sono complesse in corso di discussione da parte della nostra equipe di studio e indubbiamente nella patologia, svolgono un ruolo cardine l’apparato muscolo-scheletrico, il sistema neuro-endocrino e il sistema nervoso centrale.

I risultati sono molto positivi con miglioramenti pari all'80% !!!

Contattaci per un consulto gratuito sia se soffri di questa patologia sia se sei un professionista che voglia contribuire alla nostra ricerca.

INfo & appuntamenti 3491847174

Chapter 1 - ENERGY THEORY AND YIN AND YANG RELAXATION TECHNIQUES

Aby Antonio Ruggio, medical masseur 🇨🇭

Chapter 1 - ENERGY THEORY AND YIN AND YANG RELAXATION TECHNIQUES At all times, in China, the "rhythmic" concepts of YIN and YANG have dominated philosophy and all thought; everything, every concept, is divided between them, and represents a fluid and mysterious dosage of these two components. Feminine nature all that is YIN Male nature all that is YANG. An ancient concept Appeared very early, in the mid-1st millennium BC, this theory owes much to the astronomers, fortune-tellers and musicians of antiquity. Starting from the last centuries before the beginning of the Christian era, the Taoist religion, but also the Confucian system, drew their fundamental concepts from notions of peasant origin and from the archaic religious behaviors of protohistoric times, when the agricultural society was establishing. These concepts are the notion of DAO (or tao, which in fact goes beyond Taoism) and the double notion of YIN and YANG. These notions were kept alive throughout the history of Chinese thought. The term dao translates as "Way", "Primary Principle", "Supreme Order" or "Universal Order"; it is the flow, the movement that circulates everywhere in the universe and which alternates the two apparently opposite but complementary forces, the YIN and the YANG, whose combined, joint action moves the universe in all its aspects: the sexes, the seasons, day and night, life and death, fullness and emptiness, movement and rest, dry and wet, etc. None of these notions are independent, they are all interdependent, since everything is a game of alternation, complementarity, duality; and this infinite conjugation operates in the plots of Time and Space, and implies both, but with an idea of ​​alternation. Since nothing can escape the universal, rhythmic law. YIN - FEMALE the night the moon the hidden the shadow side is passivity rest, inertia the destructive energies the midnight weakness the springs the negative the void, the cable the Earth (right-handed) the even numbers the death the Woman YANG-MALE the day the sun the poster the sunny ridge the activity movement, force, life-giving energies, force twelve o'clock the hard one the positive full the Sky (left turn) the odd numbers the life the man 1st chakra (base) ASSOCIATED COLOR: Red 2nd chakra (sacral) ASSOCIATED COLOR: Orange 3rd chakra (solar plexus) ASSOCIATED COLOR: Yellow 4th chakra (of the heart) ASSOCIATED COLOR: Green 5th chakra (throat) ASSOCIATED COLOR: Blue 6th chakra (third eye) ASSOCIATED COLOR: Blue / Indigo 7th chakra (of the crown) ASSOCIATED COLOR: Violet RED: is the most material color. Symbol of power and vitality. It improves the body's natural defenses and, in general, acts on the sympathetic nervous system. In its negative representation, red darkens, becoming dark red, its symbolism is linked to sexual depravity, libido, aggression, the material and venal world. ORANGE: union between two colors, red and yellow. It represents the inner search. This color is suitable for discovering those inner positive forces that everyone carries with them and that most of the time they do not know they possess, looking outside, what they have inside. YELLOW: in yellow the inner forces of orange are externalized. Give joy and happiness by opening the doors to knowledge. The sun is its planet and in the human body, the solar plexus is its location. It is a centrifugal color, which expands, bringing each being towards the others. GREEN: symbol of life and rebirth, in it the plant world finds its vibration. This color is, in the chromatic scale visible to our eye, the central color, the axis of balance, the meeting of what is above (spirit) and what is below (matter). In this color, man finds the meeting between external nature and his interiority (peace and serenity) BLUE: contrary to the red that tones, blue (symbol of the sky) has the task of dispersing. Symbol of spiritual forces. This color acts mainly on the parasympathetic nervous system. Color that facilitates relaxation, refreshing, antiseptic, treats disorders of the psyche. INDIGO: it resembles blue, but being more intense as a color it enhances its action even more. PURPLE: ultimate spectral color, the ultimate spirituality. In this color meditation is facilitated and one moves away from matter. Reconcile sleep and tranquility. On the other hand, it is not suitable for people suffering from depression because it brings sadness in the minds of the sufferers....

by Antonio Ruggio, medical masseur, and operating room assistant, with Swiss federal certificate FA 1 trainer, & FFA 2 with EU certificate of competence training of expert examiners Swiss Red Cross

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️

Capitolo 1 - TEORIA ENERGETICA E TECNICHE DI RILASSAMENTO YIN E YANG 

 

In ogni tempo, in Cina, i concetti "ritmici" di YIN e di YANG hanno dominato la filosofia e l'intero pensiero; ogni cosa, ogni concetto, è diviso tra loro, e rappresenta un dosaggio fluido e misterioso di queste due componenti.

Natura femminile tutto ciò che è YIN 

Natura maschile tutto ciò che è YANG. 

Un concetto antichissimo 

Comparsa molto presto, alla metà del I millennio a.C., questa teoria deve molto agli astronomi, agli indovini e ai musicisti dell'antichità.

A partire dagli ultimi secoli prima dell'inizio dell'era cristiana, la religione taoista, ma anche il sistema confuciano, hanno attinto i loro concetti fondamentali da nozioni d'origine contadina e dai comportamenti religiosi arcaici dei tempi protostorici, quando la società agricola si stava stabilendo. Questi concetti sono la nozione di DAO (o tao, che di fatto va oltre il taoismo) e quella, doppia, di YIN e di YANG.

Tali nozioni si mantennero vive nel corso di tutta la storia del pensiero cinese. Il termine dao si traduce con "Via", "Principio primario", "Ordine supremo" o ancora "Ordine universale"; è il flusso, il movimento che circola ovunque nell'universo e che fa alternare le due forze apparentemente opposte ma complementari, lo YIN e lo YANG, la cui azione combinata, congiunta, muove l'universo in tutti i suoi aspetti: i sessi, le stagioni, il giorno e la notte, la vita e la morte, il pieno e il vuoto, il movimento e il riposo, il secco e l'umido ecc.

Nessuna di queste nozioni è indipendente, sono tutte interdipendenti, poiché tutto è gioco d'alternanza, complementarietà, dualità; e questa coniugazione infinita si opera nelle trame del Tempo e dello Spazio, e li implica entrambi, ma con un'idea di avvicendamento. Poiché nulla può sottrarsi alla legge universale, ritmata. 

 

YIN - FEMMINILE 

la notte

la luna

il nascosto

il versante in ombra la passività

il riposo, l'inerzia

le energie distruttrici la debolezza mezzanotte

il molle

il negativo

il vuoto, il cavo

la Terra (destrogiro) i numeri pari

la Morte

la Donna 

  

    YANG-MASCHILE 

il giorno

il sole

il manifesto

il costone soleggiato l'attività

il movimento, la forza le energie vivificanti la forza

mezzogiorno

il duro

il positivo

il pieno

il Cielo (sinistrogiro) i numeri dispari

la Vita

l'Uomo 

 

 

1° chakra (di base) COLORE ASSOCIATO : Rosso

2° chakra (sacrale) COLORE ASSOCIATO : Arancio

3° chakra (plesso solarare) COLORE ASSOCIATO : Giallo

4° chakra (del cuore) COLORE ASSOCIATO : Verde

5° chakra (della gola) COLORE ASSOCIATO : Azzurro

6° chakra (terzo occhio) COLORE ASSOCIATO : Blu/Indaco 7° chakra (della corona) COLORE ASSOCIATO : Violetto 

ROSSO: è il colore più materiale. Simbolo di potenza e vitalità. Migliora le difese naturali dell’organismo e, in generale agisce sul sistema nervoso simpatico. Nella sua rappresentazione negativa il rosso si scurisce, diventando rosso cupo il suo simbolismo si ricollega alla depravazione sessuale, al libido, all’aggressività, al mondo materiale e venale. 

ARANCIO: unione tra due colori, rosso e giallo. Rappresenta le ricerca interiore. Questo colore è indicato per scoprire quelle forze positive interiori che ognuno porta con se e che il più delle volte non sa di possedere, cercando fuori, ciò che invece possiede nell’intimo. 

GIALLO: nel giallo le forze interiori dell’arancio si esteriorizzano. Dona allegria e felicità aprendo le porte alla conoscenza. Il sole è il suo pianeta e nel corpo umano, il plesso solare ne è l’ubicazione. E’ un colore centrifugo, che si espande, portando ogni essere verso gli altri. 

VERDE: simbolo della vita e della rinascita, in esso il mondo vegetale trova la sua vibrazione. Questo colore è, nella scala cromatica visibile dal nostro occhio, il colore centrale, l’asse dell’equilibrio, l’incontro di ciò che sta in alto (spirito) e ciò che sta in basso (materia). In questo colore l’uomo trova l’incontro fra la natura esterna e la sua interiorità (pace e serenità) 

AZZURRO: contrariamente al rosso che tonifica, l’azzurro (simbolo del cielo) ha il compito di disperdere. Simbolo delle forze spirituali. Questo colore agisce principalmente sul sistema nervoso parasimpatico. Colore che facilità il rilassamento, rinfrescante, antisettico, cura i disturbi della psiche. 

INDACO: assomiglia all’azzurro, ma essendo più intenso come colore potenzia ancora di più la sua azione. 

VIOLA: ultimo colore spettrale, la massima spiritualità. In questo colore si facilità la meditazione e ci si allontana dalla materia. Concilia il sonno e la tranquillità. Per contro non è indicato per le persone che soffrono di depressione perché portatore di tristezza nella mente dei sofferenti. 

by Antonio Ruggio, Massaggiatore medico, ed assistente di sala operatoria, con attestato federale svizzero Formatore FA 1, & FFA 2 con certificato di competenza EU formazione esperti esaminatori Croce Rossa Svizzera 

i danni dello zucchero

Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹 socio terapista d'élite e blogger ODM Internationa

In questi anni caratterizzati da un guerra tanto indiscriminata quanto eccessiva alle proteine, la maggior parte degli “esperti” si è dimenticata di uno dei più grandi nemici della nostra salute: lo zucchero.Scusa se sono diretto, ma siamo davvero in pochi in Italia ad esserci mossi su questo argomento. Inoltre nel tempo ho capito che è difficile convincere una madre a limitare l’utilizzo degli zuccheri nella dieta di suo figlio se non mettendola di fronte alla cruda realtà.

Siamo cresciuti sentendoci dire che lo zucchero ci fa bene, ma è davvero così?

- quali sono i rischi di una eccessiva quantità di zuccheri

- quale soluzione adottare per riuscire a non esserne dipendenti

- come fare delle eccezioni una scelta consapevole.

Cosa sono gli zuccheri e a cosa servono

Spesso si sente dire “Lo zucchero serve al cervello” o anche “Lo zucchero serve ai muscoli”... ma sarà proprio così?

Dal punto di vista strettamente biochimico è certamente vero: il cervello utilizza zuccheri per la maggior parte del tempo e i muscoli li utilizzano come combustibile per le loro attività, quando l'intensità della stessa è piuttosto elevata.

L'informazione in se è scientificamente vera, ma è stata poi tradotta male in termini di pratica quotidiana. Quelli che il nostro organismo riconosce e metabolizza come zuccheri infatti noi li introduciamo sotto forma di carboidrati, che possono essere semplici o complessi.

Allora dove sta il problema? Nell'interpretazione ingannevole dei dati: se da un lato lo zucchero serve a muscoli e cervello e in generale al metabolismo energetico, quello che non viene sempre detto è che il corpo può facilmente produrlo da sé attraverso la metabolizzazione di carboidrati complessi, e non necessariamente dall'assunzione diretta.

La differenza tra carboidrati semplici e complessi sta soprattutto nella velocità di assorbimento: i primi vengono assorbiti molto velocemente e facilmente dall'organismo, mentre i carboidrati complessi devono essere prima “smontati” nelle loro componenti unitarie e ci mettono di conseguenza più tempo per essere utilizzabili dai tessuti.

Quali alimenti contengono più zucchero

I carboidrati complessi li troviamo in cereali integrali, tuberi e legumi: in questi alimenti sono presenti anche molte fibre, che ne modulano la digestione.

I carboidrati semplici invece caratterizzano in genere il sapore dolce degli alimenti e sono contenuti in frutta, zucchero da tavola, miele, latte, e per estensione in tutti i prodotti del commercio che li utilizzano come ingredienti, come yogurt, dolci, merendine, biscotti, cereali da colazione, marmellate, succhi di frutta e bevande. Le verdure contengono quantità minime di carboidrati semplici e una rilevante porzione di fibre.

Perché allora si raccomanda il consumo di frutta e non quello di dolci? La frutta contiene anche molta acqua, fibre che modulano l’assorbimento dello zucchero e micronutrienti come vitamine e sali minerali, importanti per molte funzioni del nostro corpo. Nei dolci sono contenuti invece solo zuccheri e al massimo grassi (di dubbia qualità) e additivi.

Le linee guida ci dicono comunque di limitare l’apporto di zuccheri semplici al massimo per il 15% del nostro introito energetico totale, e di circoscrivere il consumo di frutta a 2 massimo 3 porzioni giornaliere da circa 150 grammi.

Occhio alle etichette

I carboidrati semplici, detti per semplicità zuccheri, non si trovano solo negli alimenti dolci. Provate a fare un giro al supermercato: leggendo le etichette scoprirete che si trova anche in tanti prodotti “insospettabili”, per i motivi più diversi:

migliorare la conservazione, come nei prodotti in scatola a base di legumi e verdure, nei salumi e nel pane in cassetta;

dare croccantezza o friabilità, come nelle panature dei surgelati o nei crackers;

bilanciare il sapore acido di alcuni cibi, come nei sughi pronti;

addensare, come in zuppe, creme, piatti pronti o salse.

Per scovare lo zucchero nascosto in teoria basterebbe leggere le etichette dei prodotti, ma spesso la difficoltà sta nel riconoscerlo: vengono infatti utilizzati nomi diversi, che stanno ad indicare le diverse tipologie di zucchero ma che sostanzialmente hanno lo stesso effetto. Gli zuccheri nelle etichette possono essere esplicitati o indicati come additivi con delle sigle, eccone alcuni: zucchero bianco o scuro o di canna (saccarosio), glucosio, fruttosio, destrosio, maltosio, sciroppi vari (di glucosio-fruttosio, di mais, di riso), zucchero d’uva, polioli o polialcoli (sorbitolo E420, mannitolo E421, isomalto E953, maltitolo E965, xilitolo E967, eritritolo E968), acesulfame K (E950), aspartame (E951), ciclamati (E952), saccarina (E954), sucralosio (E955). Per un consumatore poco attento diventa quindi complicato tenere sotto controllo quello che introduce, è necessario sicuramente aumentare la nostra consapevolezza nell’acquisto degli alimenti.

Fanno più male gli zuccheri o i grassi?

Per anni sono stati demonizzati i grassi, con una lotta a tutto campo che è durata fin troppo e che ora per fortuna è finita. Oggi sappiamo che l'assunzione di grassi va tutelata e non ridotta eccessivamente, distinguendo tra grassi sani e grassi meno sani.

Al momento tutta l'attenzione in ambito nutrizionale si rivolge all'abuso di zucchero, perché senza dubbio ormai molti dati ci dicono che la quantità di zucchero e di cereali raffinati che abbiamo mangiato negli ultimi tempi è stata indubbiamente molto elevata e concorre all'aumento dei casi di sovrappeso e obesità, condizioni che a loro volta aumentano il rischio di incorrere in malattie non trasmissibili come la sindrome metabolica, malattie cardiovascolari e alcuni tipi di tumore.

Il comune denominatore quindi è il consumo eccessivo, qualsiasi sia il macronutriente che si prende in esame. Questo è particolarmente vero soprattutto perché, dal dopoguerra ad oggi, i nostri livelli di attività fisica e di lavoro fisico sono diminuiti in maniera rilevante.

In una dimensione in cui il lavoro di una persona è prevalentemente fisico, la tolleranza ad un certo grado di introito di cereali anche raffinati ed eventualmente anche di zuccheri non fa bene comunque, ma è sicuramente più accettabile. Quando accoppiamo un elevato utilizzo di cereali raffinati o zuccheri e sedentarietà importante come quella della maggior parte degli italiani, ecco che la sommatoria degli effetti derivati diventa molto pericolosa.

Cosa succede quando mangiamo troppi zuccheri

Ma cosa accade esattamente nel nostro organismo quando assumiamo troppi zuccheri?

Prova ad immaginare per un secondo l'ingranaggio di un bellissimo orologio con tutti i suoi piccoli pezzi assemblati con attenzione da un mastro orologiaio di altissima qualità: se ci versassimo sopra un barattolo di miele in pochissimo tempo l'intero meccanismo si incepperebbe, perché verrebbe letteralmente appiccicato in ogni sua componente dallo zucchero contenuto nel miele.

Questo, in misura più graduale, è quello che succede nel nostro organismo quando mangiamo troppo zucchero. Si stima che negli Stati Uniti una persona mangi circa 70 kg di zucchero in un anno, e anche se in Italia non siamo ancora a quei livelli, sommando allo zucchero che aggiungiamo ad ogni caffè, al tè, quello contenuto nei dolci, e ancora la grande quantità di cereali raffinati che tendiamo a mangiare troppo come la pizza, il pane, la pasta, le patate, i tramezzini, i panini, viene fuori una quantità di zucchero decisamente troppo elevata per il nostro organismo.

Effetti immediati:

Una gran quantità di zucchero che viene metabolizzato e assorbito velocemente provoca un repentino innalzamento della glicemia nel nostro corpo, che reagisce con una sovrapproduzione altrettanto veloce di insulina.

Effetti a medio termine e rischio aumentato di sviluppare malattie:

Se reiterato nel tempo in maniera continuativa, questo fenomeno non viene tollerato bene: il meccanismo tende a stararsi, portando a un maggior rischio di sviluppare insulino-resistenza, ovvero una minor efficacia dell’insulina. Sovrappeso, obesità e stato infiammatorio generale dell’organismo sono correlati.

Effetti a lungo termine e malattie croniche:

Sviluppo di malattie croniche come il diabete, porta di ingresso per la sindrome metabolica, e di alcuni tipi di tumore.

Esistono anche degli effetti secondari dell’assunzione eccessiva di zucchero, come ad esempio i danni sulla pelle.

L’eccesso di zucchero rende infatti più facile la creazione di un suo legame con le proteine corporee, determinando l’alterazione strutturale e la perdita di funzionalità di queste ultime.

Questo processo si chiama glicazione, e un suo esempio molto semplice è quello che accade sulla pelle delle persone: lo zucchero si lega in particolare a collagene ed elastina, due proteine contenute nel tessuto cutaneo, provocandone l'invecchiamento accelerato.

L’invecchiamento della pelle è una manifestazione visibile del danno che lo zucchero crea, ma quello che accade al collagene e all'elastina accade anche in tutti gli altri tessuti, anche in quelli non visibili.

Ridurre gli zuccheri nella dieta

Un primo passo per cominciare a correggere la propria alimentazione e per fare qualcosa di concreto per rallentare il processo di invecchiamento, è eliminare gli zuccheri inutili dalla dieta quotidiana e abituarsi a una dieta che sia esclusivamente fatta di alimenti privi di questo carico glicemico così potente che destabilizza il nostro metabolismo.

Non significa che non si possa mai più mangiare nulla di dolce: un consumo occasionale di prodotti dolci può esserci finché si tratta di un’eccezione. In quanto eccezione, non ha nessuna importanza se si tratti di zucchero bianco o di canna, bisogna godersela senza sensi di colpa, a patto che nella normalità della vita di tutti i giorni non vi sia un consumo continuativo.

Da dove partire: iniziando ad eliminare lo zucchero da caffè, the e tisane, il biscottino la mattina o il dolce dopo ogni pasto, la fetta biscottata non integrale con marmellata, le bibite.

Cominciare a lavorare su queste cose ci permette di ridurre il consumo di zucchero, modificando le abitudini quotidiane. Nel momento in cui la regola diventa questa, non c'è nessun problema di tanto in tanto a concedersi un’eccezione e a farlo in maniera rilassata, perché è chiaro che il cibo ha anche un aspetto emotivo e fa parte della nostra interazione sociale.

E per quanto riguarda i cereali? Come detto in precedenza, i carboidrati complessi contenuti nei cereali sono alla base del metabolismo energetico, quindi dovrebbero essere sempre presenti all'interno di una dieta bilanciata, ben dosati rispetto alla quantità di attività fisica che si svolge e consumati preferibilmente al 100% integrali.

La dipendenza da zuccheri

Le grandi aziende alimentari hanno fatto molta ricerca per capire come dosare esattamente lo zucchero, così come grassi e sale, per ottenere quello che si chiama il “bliss point”, cioè la massima risposta sensoriale di piacere data da un alimento.

Questa massima risposta sensoriale è connessa a una grande produzione di dopamina, un neurotrasmettitore che provoca la sensazione di piacere e di appagamento ma che, al tempo stesso, crea anche una certa forma di dipendenza.

Quindi i cibi zuccherini hanno un'azione che va molto oltre quella puramente metabolica: sono buoni e hanno una grande capacità di dare un senso di soddisfazione, favorendo in questo modo il rilascio di dopamina nel cervello; ci appagano e ci rendono felici ma allo stesso tempo tendono a farci diventare dipendenti e schiavi di un'assunzione continuativa.

Questo meccanismo, unito alla facilità attuale di reperire quella tipologia cibi, ha determinato una presenza ubiquitaria dello zucchero nei prodotti industriali, aumentando di fatto il rischio di dipendenza, in un circolo vizioso che si autoalimenta.

Se le aziende studiano gli alimenti a tavolino per renderli irresistibili, è difficile mantenere un determinato regime alimentare, soprattutto per le persone che sono più vulnerabili, in particolare i bambini, che quindi ne mangeranno troppi.

Non è affatto impossibile liberarsi da questi problemi, il modo per proteggersi davvero è esercitare con forza una serie di decisioni concatenate e portarle avanti per un tempo sufficiente a farle diventare delle abitudini, ad esempio:

Distinguere la casa dal resto degli ambienti che vengono frequentati, evitando di comprare e tenere in casa alcuni tipi di alimenti: la casa deve diventare una specie di "Tempio della Salute" dove determinate cose non entrano.

Decidere che le cose dolci diventino delle eccezioni da assaporare con gusto solo nelle occasioni speciali e che queste debbano essere limitate ad 1 volta a settimana.

Decidere di eliminare l'uso di zucchero aggiunto inutile come quello in caffè, succhi, bibite, alcol.

Cercare di “sostituire" invece di “eliminare" del tutto, ad esempio, i dolci meno sani con la frutta, oppure utilizzare la Stevia come dolcificante naturale e decidere che il dolce quotidiano sia dato da un paio di frutti buoni e di stagione, assunti magari come snack a metà mattina e pomeriggio.

Decidere di abituare i pensieri a cercare dolcezza in altre cose della vita, in particolare nell'affetto degli altri.

Decidere di dedicare tempo ad apprendere almeno una tecnica di rilassamento che contribuisca a ridurre lo stress e quindi la ricerca di zucchero. Per esempio sono utili il training autogeno, la meditazione mindfulness e lo yoga.

Non contare solo sulla forza di volontà: troppo facile pensare di essere così forti da vincere tutte le battaglie ma è meglio riconoscere le proprie debolezze e cercare di organizzare delle ricompense pianificate. Dopo una settimana senza zucchero, per esempio, concedersi un gelato. È importante darsi delle scadenze ma anche procedere un passo alla volta per cercare di risolvere un problema. Così facendo il corpo inizierà a premiarti con delle sensazioni di maggior energia, lucidità mentale e percepirà questa ricompensa dando vita a un cambiamento che sarà veramente duraturo nel tempo perché basato su una sensazione di maggior benessere.

Come per qualsiasi cambiamento, superare una soglia temporale di circa due mesi aiuterà a rendere il gesto automatico. La fatica che un'azione richiede all'inizio diminuisce nel tempo con l'esposizione, perché il corpo e la mente si abituano alla nuova condizione e diventa evidente alla persona che è capace di vivere bene nel nuovo contesto. Una volta che viene acquisita l’automaticità, sul piano psicologico non adottare il nuovo comportamento costa più fatica che adottarlo. Per esempio in chi ha superato lo scoglio, l'idea di mettere lo zucchero nel caffè crea più disturbo rispetto al berlo amaro. Non si tratta di un miracolo, di gusti personali innati, di fortuna o di genetica ma semplicemente di abitudini che ognuno di noi può adottare con la giusta strategia.

Oltre alle decisioni strategiche menzionate sopra, per cambiare serve sempre una realizzazione, detta in termini tecnici “un'esperienza emozionale correttiva”. Si tratta di un momento in cui, in genere di colpo, una persona realizza che la fatica di rimanere com'è supera quella richiesta per cambiare. A volte si tratta di un'esperienza reale, altre semplicemente di un cambiamento di prospettiva che permette di vedere il problema sotto un altro profilo.

Rifletti un attimo: ciò che sacrifichi oggi è davvero tanto rispetto alla salute che avrai domani? Preferisci rimanere in balia delle correnti, debole, dipendente dal cibo o da altri vizi che compensano ciò che ti manca nella vita o rimboccarti le maniche e da vittima diventare leader?

Non si tratta solo di calare di peso ma di cambiare davvero grazie a un percorso fatto di piccole decisioni corrette prese ogni giorno.

Cambiare significa prevenire malattie gravi di domani e soprattutto riconquistare la nostra vera salute a partire da oggi.

Sliding syndrome of the femur.rotuleus - Sindrome da scorrimento femoro.rotuleo

by Prof. Gianluca Egidi, ODM International elite partner therapist

Sliding syndrome of the femur.rotuleus

The patellofemoral knee joint is one of the most delicate in the human body. Patellofemoral pathology is generally caused by overuse conditions, but there are predispositions linked to anatomo-structural (often congenital) reasons. The patella is a free bone that is guided by the quadriceps muscle. It moves within a groove, which is located on the front of the femur, the trochus, necessary for the patella to slide over it without causing problems during the flexion-extension movement. During this movement, various ligamentous and myotendinous structures perform a stabilizing action, allowing you to maintain correct alignment, and opposing the lateral forces acting on the patella. The pathological condition is therefore determined by the lateralization of the patellae, which in some cases can lead to objective instability with possible loss of joint relationships (dislocations / subluxations). When a condition of incorrect slipping of the patella on the femur is created, rubbing occurs between the two cartilage surfaces of the patella and the femur, which causes wear. This type of pathology, also known as runner's knee, is due to excessive efforts typical of sportsmen, often aggravated by an unfavorable anatomical situation. The woman is more predisposed due to the shape of the hips (wider) and the knee (more often valgus). The subject with patellofemoral chondropathy has anterior or anterolateral pain, especially in certain movements, has joint effusion, and has limitations or difficulties in making flexion-extension movements such as going down stairs. Anterior knee pain can also be caused by patellar tendinopathy. This pathology affects the patellar tendon, which connects the apex of the patella (the most affected area) to the tibia. This pathology is particularly common in patients who carry out sports activities such as basketball, volleyball, football and athletics (jumps, sprints, etc.). The specialist, through a careful physical examination and specific tests, identifies the area affected by the pain in order to establish the type of pathology you are facing, whether a patellofemoral chondropathy or patellar tendinopathy. The difference is not easy to spot, also because the two diseases can coexist. Instrumental tests, such as knee x-rays, MRI and CT, can help understand and classify the two diseases. Treatments for these types of diseases naturally depend on their severity, but conservative treatment can generally be beneficial. In most cases it is necessary to strengthen the muscle of the quadriceps femoris through isometric and isotonic exercises. Stretching to stretch the calf muscles and hamstrings can also be effective. The specialist must be careful not to forget to correct any hyper-planing of the foot. Generally 60% of cases of these pathologies, after about 2 months, find a positive solution. If you also suffer from this pathology, do not wait but contact us immediately for a free visit or to make an appointment at 3491847174, We are waiting for you every day to get you back to well-being

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

Sindrome da scorrimento femoro.rotuleo📌

L’articolazione femoro-rotulea del ginocchio è tra le più delicate del corpo umano. La patologia femoro-rotulea è generalmente causata da condizioni di sovra-utilizzo, ma esistono delle predisposizioni legate a ragioni anatomo-strutturali (spesso congenite). La rotula è un osso libero che viene guidato dal muscolo quadricipite. Essa si muove all’interno di un solco, che si trova sulla parte anteriore del femore, la trochea, necessario affinché la rotula scivoli su di esso senza causare problemi durante il movimento di flesso-estensione. Durante questo movimento divere strutture legamentose e miotendinee svolgono un’azione di stabilizzazione, consentendo di mantenere un corretto allineamento, e opponendosi alle forze laterali che agiscono sulla rotula.

La condizione patologica è quindi determinata dalla lateralizzazione delle rotule, che in alcuni casi può arrivare ad un’instabilità oggettiva con possibile perdita dei rapporti articolari (lussazioni/sublussazioni).

Nel momento in cui si crea una condizione di non corretto scivolamento della rotula sul femore, si determina uno sfregamento tra le due superfici cartilaginee della rotula e del femore, che ne determina l’usura.

Questo tipo di patologia, definita anche ginocchio del corridore (runner’s knee), è dovuta a sforzi eccessivi tipici degli sportivi, spesso aggravati da una situazione anatomica sfavorevole. La donna risulta più predisposta data la conformazione delle anche (più ampie) e del ginocchio (più spesso valgo).

Il soggetto affetto da una condizione di condropatia femoro-rotulea ha un dolore anteriore o antero-laterale, soprattutto in determinati movimenti, presenta un versamento articolare, e ha limitazioni o difficoltà a fare dei movimenti di flesso-estensione come scendere le scale.

Il dolore anteriore del ginocchio può essere causato anche da una tendinopatia rotulea. Questa patologia interessa il tendine rotuleo, che collega l’apice della rotula (zona più colpita) alla tibia. Questa patologia è particolarmente frequente in pazienti che svolgono attività sportive come il basket, la pallavolo, il calcio e l’atletica leggera (salti, scatti etc).

Lo specialista, attraverso un attento esame obiettivo e test specifici, individua l’area interessata dal dolore in modo da stabilire il tipo di patologia a cui si è di fronte, se una condropatia femoro-rotulea o una tendinopatia rotulea. La differenza non è facile da individuare, anche perché le due malattie possono coesistere. Esami strumentali, come radiografie del ginocchio, esame RMN e TC, possono aiutare a capire e classificare le due patologie.

Le cure per questi tipi di patologie dipendono naturalmente dalla loro gravità, ma in genere un trattamento conservativo può risultare benefico.

Nella maggior parte dei casi si rende necessario il potenziamento muscolare del quadricipite femorale attraverso esercizi isometrici ed isotonici. Anche lo stretching per allungare i muscoli del polpaccio e gli ischio-crurali può essere efficace.

Lo specialista deve essere attento a non dimenticare di correggere l’eventuale iper-pianazione del piede. In genere il 60% dei casi di queste patologie, dopo circa 2 mesi, trova una soluzione positiva.

Se anche tu soffri di questa patologia non aspettare ma contattaci subito per una visita gratuita o per fissare un appuntamento al 3491847174, Ti aspettiamo tutti i giorni per farti tornare al benessere

Massage therapy for disabled children📌

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹 ODM International elite therapist

Massage therapy for disabled children📌

I introduce myself, I am Prof. Luca, Gianluca Egidi, Massage Therapist & Medical Massager, Accredited Teacher International Board of Massage Therapist Association. Specialized in myofascial pain therapy, nutritional educator for pathologies.

in recent years thanks to the collaboration of Dr. Ruggio (International Board of Massage Therapist Association. lugano) and Dr. tamila rzaeva (university of kiev) we studied a food protocol for the treatment of chronic and autoimmune diseases such as fibromyalgia, crohn's disease, psioriatic arthrosis, chronic fatigue syndrome as well as a specific study on type 1 diabetes.

My approach or rather the approach of alternative empirical medicine is to see and consider the patient in his totality and not only from the symptomatological point of view and, thanks to the collaboration of other professionals, find the right therapy ad personam to solve the 90 % of pathologies in a natural way and without drugs .. a combination of nutrition, psyche movement and natural therapies.

✔️ a type of medicine aimed at everyone, both disabled and able-bodied ..

📌yes ..... # sipuofare ..... you can cure yourself without drugs !!!! 📌

Massage therapy for disabled children .... consists in the rehabilitation of motor disorders of the neurological sphere. These are usually situations that are present from birth that require a multidisciplinary, coordinated and continuous approach over time

The pediatric patient who comes to outpatient treatment is always a complex case.

The problems it may have are related to different areas and can be of different severity. These clinical and pathological situations affect the evolution of not only motor skills, but also cognitive and relational skills.

Depending on the type of pathology, children with subtle disorders may be encountered, but also cases whose severity is greater and the affected areas belong to several rehabilitative spheres of interest. We are therefore faced with a series of situations that present a wide range of different implications and deficits.

In the context of taking care of these patients, collaboration between medical, rehabilitation and care professionals is fundamental. A complex situation requires a vision that considers all aspects of the pathology.

Rehabilitation therapy

Also with regard to the rehabilitation sphere, the professional figures that take care of the child can be different depending on the severity and the aspects to be considered. They are different skills on which each professional figure works in a specific way. It is therefore essential to work as a team and agree on objectives so that all the figures interested in the treatment path are oriented in a precise direction and that together they follow the best path for the patient.

After a careful evaluation of the patient and a discussion with the family ... he sets up a personalized program for the various physical / motor problems, specific nutritional and manual therapies.

A project that begins to take shape in a decisive way already in the Abruzzo area but not only.

For information contact us at 3491847174 ..

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

Massoterapia per bambini disabili📌

MI presento, sono il Prof. Luca , Gianluca Egidi, Massoterapista & Massaggiatore medicale, Docente accreditato International Board of Massage Therapist Association. Specializzato nella terapia del dolore miofasciale, educatore nutrizionale per patologie.

in questi anni grazie alla collaborazione del dott.Ruggio (International Board of Massage Therapist Association.  lugano) e la dott. tamila rzaeva (universita di kiev) abbiamo studiato un protocollo alimentare per la cura di malattie croniche ed autoimmuni come ad esempio fibromialgia , morbo di crohn , artrosi psioriatica, sindrome da fatica cronica nonche uno studio specifico sul diabete di tipo 1.

Il mio approccio o meglio l'approccio della medicina empirica alternativa è quello di vedere e considerare il paziente nella sua totalità e non solo dal punto di vista sintomatologico e, grazie alla collaborazione di altri professionisti,  trovare la giusta terapia ad personam per risolvere il 90% delle patologie in maniera naturale e senza farmaci..un connubio alimentazione, movimento psiche e terapie naturali.

✔️un tipo di medicina rivolta a tutti sia disabili che normodotati..

📌si.....#sipuofare..... curarsi senza farmaci si puo!!!!📌

La massoterapia per bambini disabili....consiste nella riabilitazione dei disturbi motori della sfera neurologica. Si tratta di solito di situazioni che sono presenti dalla nascita che necessitano di un approccio multidisciplinare, coordinato e continuativo nel tempo

Il paziente pediatrico che giunge al trattamento in ambulatorio è sempre un caso complesso.

I problemi che può avere sono in relazione ad ambiti diversi e possono essere di diversa gravità. Queste situazioni cliniche e patologiche condizionano l’evoluzione delle capacità non solo motorie, ma anche cognitive e relazionali.

In base al tipo di patologia si possono incontrare bambini con disturbi sfumati, ma anche incorrere in casi la cui gravità è maggiore e le aree colpite appartengono a più sfere d’interesse riabilitativo . Ci si trova quindi ad affrontare una serie di situazioni che presentano un ampio ventaglio d’implicazioni e deficit diversi.

Nell’ambito della presa in cura di questi pazienti la collaborazione tra le figure professionali mediche, riabilitative e assistenziali è fondamentale.Una situazione complessa necessità di una  visione che consideri tutti gli aspetti della patologia.

La terapia riabilitativa

Anche a riguardo della sfera riabilitativa le figure professionali che si occupano del bambino possono essere diverse a seconda della gravità e degli aspetti da considerare.Sono diverse competenze su cui ciascuna figura professionale lavora in modo specifico. È quindi fondamentale lavorare in equipe e concordare gli obiettivi in modo che tutte le figure interessate al percorso di cura siano orientate in una direzione precisa e che insieme percorrano la strada migliore per il paziente.

Dopo un attenta valutazione del paziente ed un confronto con la famiglia... si mette su un programma personalizzato per le varie problematiche fisiche/motorie, spicologiche nutrizionali e terapie manuali.

Un progetto che inizia a prendere forma in maniera decisa gia sul territorio Abruzzese ma non solo.

Per informazioni contattaci al 3491847174..

osteoporosis and osteoarthritis - osteoporosi e osteoartrosi

Dr. Roger Battiston, ODM International Elite Therapist Partner Albizzate (VA) 🇮🇹

I make note of a female patient from the 70s as can be seen from the diffuse radiographic images of osteoporosis and osteoarthritis. Discopathy C5 C6 and C6 C7 In addition, the vertebrae tend to weld due to diffuse arthrosis and misalignment. In fact, we see some previous changes. A straightening of the cervical tract is also evident, which is most likely at the origin of the cause of all these pathology considerations.

We proceed with localized Tecar therapy the doctor has prescribed a drug therapy we will also intervene with cautious mobilization and physiokinesitherapy.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 

Rendo nota di paziente femmina anni 70 come si può osservare dalle immagini radiografiche diffusa osteoporosi e osteoartrosi. Discopatia C5 C6 e C6 C7 Inoltre le vertebre tendono a saldarsi per l'artrosi diffusa e il disallineamento Infatti vediamo delle modiche listesi anteriori. È inoltre evidente una rettilineizzazione del tratto cervicale che molto probabilmente è all'origine della causa di tutte queste considerazioni di patologie.

Si procede con Tecarterapia localizzata il medico ha prescritto una terapia farmacologica interverremo anche con delle caute mobilizzazioni e della fisiokinesiterapia.

Why choose integrated medicine - Perchè scegliere la medicina integrata

by Prof. Luca Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹 lecturer accredited International Board of Massage Therapist Association.

Why choose integrated medicine📌

In recent years, the scientific debate on complementary medicines and their integration with traditional medicine has activated a process of global cultural transformation.

Integrated medicine is a new form of medicine that focuses on combining medical treatments from different philosophies to deliver the best possible results. Integrated medicine is healing oriented rather than disease focused. Promotes the combination of mind, body and spirit to restore the natural balance of the body and achieve health.

The advantage of this approach is that, when faced with a patient who does not respond to the treatments offered by one system of medicine, the integrated medicine practitioner can refer to another system, until the most suitable solution for the patient is found. .

This integration is very close to what was the system of the “old” medical doctors of the last century, who knew very well semeiotics and who were capable of doing many things, despite the fact that medicine was not yet so advanced. Today, the integrated medicine doctor is able to identify the primum movens that caused the problem that the patient brings to the office and, consequently, sets up an adequate therapy also through methods little used and little known in medicine.

There are many reasons for using complementary medicine today. These advantages have brought integrated medicine more and more to the fore because it offers a wider spectrum of options than traditional medicine.

Here are the top five reasons people choose integrated medicine and

what can you expect from your integrated medicine doctor.

Patients feel heard

The first (and probably the most important) reason why integrated medicine is so successful is that the patient feels listened to. An integrated medicine visit generally lasts 3-5 times longer than a traditional medicine visit, since those who use this therapeutic approach need time to get to know the patient at 360 ° and to be able to develop the safest and most effective treatment plan.

By emphasizing the therapeutic relationship, a virtuous doctor-patient partnership is established regarding treatment options. By addressing the obstacles to lifestyle changes and adherence to treatment, there is a greater chance of success with the recommended therapy.

Personally, in the office I collect the patient's clinical history in a very thorough way and I use specific diagnostic instruments (Wegacheck and Telesegmentography) which are also essential to set up the therapy.

La medicina integrata tratta la radice del problema

Il focus della medicina integrata riguarda il benessere, la vitalità e la guarigione, piuttosto che concentrarsi solo sulla malattia. Inizia con il presupposto che vi sia un equilibrio fisiologico che viene interrotto e porta alle manifestazioni di malattia. Ritrovare il naturale stato di equilibrio del corpo può ripristinare questo equilibrio e favorire la salute.

La medicina integrata tratta la causa del sintomo, non solo il sintomo stesso. Questo approccio, infatti, lavora per comprendere e trattare la malattia o il dolore al fine di capire e correggere la salute, non semplicemente per liberare il paziente dal dolore o dai fastidi.

La medicina integrata pone l’accento su come i vari sintomi possono essere collegati e cerca le cause alla radice per ristabilire l’equilibrio, considerando tutti i fattori che possono influenzare la capacità del paziente di aderire alle raccomandazioni prescritte (es: restrizioni dietetiche culturali o l’incapacità di seguire una terapia causa degli obblighi di lavoro).

La medicina integrata migliora la qualità della vita

Alcune condizioni di salute hanno una causa chiara ma non sempre si riescono a trattare basandosi esclusivamente sulle cause note. Ad esempio, il colesterolo alto è ovviamente associato alla dieta e allo stile di vita. Molte volte la dieta è l’unica causa del colesterolo alto, mentre altre volte l’alimentazione ha un impatto minore. Conoscere l’impatto dei fattori ambientali, dietetici, fisici, psicologici e genetici sulle proprie condizioni di salute può avere un enorme effetto sulla compliance e sull’efficacia dei trattamenti.

I medici di medicina integrata aiutano il paziente anche ad imparare e ad adottare le pratiche di salute ottimali per il benessere a lungo termine. Lo fanno ascoltando, prendendo tempo per conoscere approfonditamente il paziente, istruirlo e guidarlo verso il miglior trattamento. Invece di concentrarsi semplicemente sui sintomi fisici, la medicina integrata lavora anche sul bilanciamento di altri aspetti della salute generale, tenendo presente il quadro generale per vedere quali aree possono essere migliorate per

la salute a 360°. Per esempio, focalizzando le cure anche sui livelli di stress, l’alimentazione, la qualità del sonno, ecc.

La medicina integrata è sicura

La medicina integrata si basa sulla medicina e sulle tecniche naturali più sicure per il corpo e non rischiose come altri trattamenti più invasivi. Per questo, non ha effetti collaterali dannosi e, soprattutto, consente flessibilità con i piani di trattamento, che possono essere adattati allo stile di vita e ai problemi di ogni singolo paziente. Un medico di medicina integrata può consigliare, ad esempio, erbe e nutrienti favorevoli per la specifica condizione. Inoltre, come visto, lavora fin dalla radice dei sintomi: l’ansia, ad esempio,

potrebbe derivare da ipertiroidismo, anemia, aritmia, depressione, mania, ecc.

La medicina integrata è personalizzata

Le raccomandazioni variano, nei piani di trattamento integrato, in base alla situazione unica di ogni individuo. Ai pazienti viene chiesto di tutto, dalle esposizioni ambientali alle relazioni personali. Tutti i fattori vengono considerati quando si determina se un individuo è in buona salute o meno. Combinando le tradizionali opzioni di trattamento allopatico con le terapie mente-corpo, viene sviluppato un piano di trattamento che utilizza prima le terapie meno invasive e più convenienti.

Nel corso della mia visita, una volta raccolti i dati del paziente, analizzo attraverso tecniche energetiche che mi aiutano a trovare il cosiddetto cuore di catena, cioè l’organo che è ritenuto la fonte primaria della malattia e che comunica con altri organi che potremmo definire bersaglio. L’anamnesi, la strumentazione e le tecniche energetiche mi

portano a quello che è appunto il distretto che ha bisogno di maggior accudimento. A questo punto individuo l’alimentazione e quali sono i rimedi più consoni per il soggetto.

Ecco perché è possibile parlare di una medicina personalizzata, in funzione del paziente. Ogni patologia ha una base comune, ma la terapia non può essere uguale per tutti. Il mio obiettivo è quello di primum non nocere, ma sostenere la persona nel percorso intrapreso, aiutandola a modificare ciò che ha portato a sviluppare la patologia.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

Perchè scegliere la medicina integrata

Negli ultimi anni il dibattito scientifico sulle medicine complementari e la loro integrazione con la medicina tradizionale ha attivato un processo di trasformazione culturale globale.

La medicina integrata è una nuova forma di medicina che si concentra sulla combinazione di trattamenti medici di diverse filosofie per fornire i migliori risultati possibili. La medicina integrata è orientata alla guarigione piuttosto che focalizzata sulla malattia. Promuove la combinazione di mente, corpo e spirito per ritrovare il naturale equilibrio del corpo e raggiungere la salute.

Il vantaggio di questo approccio è che, quando ci si trova davanti ad un paziente che non risponde ai trattamenti offerti da un sistema di medicina, il professionista di medicina integrata può fare riferimento ad un altro sistema, fino a trovare la soluzione più adatta al paziente.

Questa integrazione è molto vicina a quello che era il sistema dei “vecchi” medici condotti dello scorso secolo, che conoscevano molto bene la semeiotica e che erano capaci di fare molte cose, nonostante la medicina non fosse ancora così avanti. Il medico di medicina integrata, oggi, è in grado di individuare il primum movens che ha determinato il problema che il paziente porta in studio e, di conseguenza, imposta una terapia adeguata anche attraverso metodiche poco usate e poco note dalla medicina.

Ci sono molte ragioni per usare oggi la medicina complementare. Questi vantaggi hanno portato la medicina integrata sempre più alla ribalta perché offre uno spettro di opzioni più ampio rispetto alla medicina tradizionale.

Ecco i cinque principali motivi per cui le persone scelgono la medicina integrata e

cosa ci si può aspettare dal proprio medico di medicina integrata.

I pazienti si sentono ascoltati

La prima (e probabilmente la più importante) ragione per cui la medicina integrata ha tanto successo è che il paziente si sente ascoltato. Una visita di medicina integrata dura in genere 3-5 volte di più di una visita di medicina tradizionale, poiché chi usa questo approccio terapeutico necessita di tempo per conoscere il paziente a 360° e per poter elaborare il piano di trattamento più sicuro ed efficace.

Enfatizzando la relazione terapeutica, si instaura una virtuosa partnership medico-paziente riguardo alle opzioni di trattamento. Affrontando gli ostacoli ai cambiamenti dello stile di vita e all’aderenza al trattamento, c’è una maggiore probabilità di successo con la terapia raccomandata.

Personalmente, in studio raccolgo la storia clinica del paziente in maniera molto approfondita e mi avvalgo di strumentazione (Wegacheck e Telesegmentografia) diagnostica specifica indispensabile anche per impostare la terapia.

La medicina integrata tratta la radice del problema

Il focus della medicina integrata riguarda il benessere, la vitalità e la guarigione, piuttosto che concentrarsi solo sulla malattia. Inizia con il presupposto che vi sia un equilibrio fisiologico che viene interrotto e porta alle manifestazioni di malattia. Ritrovare il naturale stato di equilibrio del corpo può ripristinare questo equilibrio e favorire la salute.

La medicina integrata tratta la causa del sintomo, non solo il sintomo stesso. Questo approccio, infatti, lavora per comprendere e trattare la malattia o il dolore al fine di capire e correggere la salute, non semplicemente per liberare il paziente dal dolore o dai fastidi.

La medicina integrata pone l’accento su come i vari sintomi possono essere collegati e cerca le cause alla radice per ristabilire l’equilibrio, considerando tutti i fattori che possono influenzare la capacità del paziente di aderire alle raccomandazioni prescritte (es: restrizioni dietetiche culturali o l’incapacità di seguire una terapia causa degli obblighi di lavoro).

La medicina integrata migliora la qualità della vita

Alcune condizioni di salute hanno una causa chiara ma non sempre si riescono a trattare basandosi esclusivamente sulle cause note. Ad esempio, il colesterolo alto è ovviamente associato alla dieta e allo stile di vita. Molte volte la dieta è l’unica causa del colesterolo alto, mentre altre volte l’alimentazione ha un impatto minore. Conoscere l’impatto dei fattori ambientali, dietetici, fisici, psicologici e genetici sulle proprie condizioni di salute può avere un enorme effetto sulla compliance e sull’efficacia dei trattamenti.

I medici di medicina integrata aiutano il paziente anche ad imparare e ad adottare le pratiche di salute ottimali per il benessere a lungo termine. Lo fanno ascoltando, prendendo tempo per conoscere approfonditamente il paziente, istruirlo e guidarlo verso il miglior trattamento. Invece di concentrarsi semplicemente sui sintomi fisici, la medicina integrata lavora anche sul bilanciamento di altri aspetti della salute generale, tenendo presente il quadro generale per vedere quali aree possono essere migliorate per

la salute a 360°. Per esempio, focalizzando le cure anche sui livelli di stress, l’alimentazione, la qualità del sonno, ecc.

La medicina integrata è sicura

La medicina integrata si basa sulla medicina e sulle tecniche naturali più sicure per il corpo e non rischiose come altri trattamenti più invasivi. Per questo, non ha effetti collaterali dannosi e, soprattutto, consente flessibilità con i piani di trattamento, che possono essere adattati allo stile di vita e ai problemi di ogni singolo paziente. Un medico di medicina integrata può consigliare, ad esempio, erbe e nutrienti favorevoli per la specifica condizione. Inoltre, come visto, lavora fin dalla radice dei sintomi: l’ansia, ad esempio,

potrebbe derivare da ipertiroidismo, anemia, aritmia, depressione, mania, ecc.

La medicina integrata è personalizzata

Le raccomandazioni variano, nei piani di trattamento integrato, in base alla situazione unica di ogni individuo. Ai pazienti viene chiesto di tutto, dalle esposizioni ambientali alle relazioni personali. Tutti i fattori vengono considerati quando si determina se un individuo è in buona salute o meno. Combinando le tradizionali opzioni di trattamento allopatico con le terapie mente-corpo, viene sviluppato un piano di trattamento che utilizza prima le terapie meno invasive e più convenienti.

Nel corso della mia visita, una volta raccolti i dati del paziente, analizzo attraverso tecniche energetiche che mi aiutano a trovare il cosiddetto cuore di catena, cioè l’organo che è ritenuto la fonte primaria della malattia e che comunica con altri organi che potremmo definire bersaglio. L’anamnesi, la strumentazione e le tecniche energetiche mi

portano a quello che è appunto il distretto che ha bisogno di maggior accudimento. A questo punto individuo l’alimentazione e quali sono i rimedi più consoni per il soggetto.

Ecco perché è possibile parlare di una medicina personalizzata, in funzione del paziente. Ogni patologia ha una base comune, ma la terapia non può essere uguale per tutti. Il mio obiettivo è quello di primum non nocere, ma sostenere la persona nel percorso intrapreso, aiutandola a modificare ciò che ha portato a sviluppare la patologia.

Taping & Drenaggio

by Prof. Gianluca Egidi Pescara 🇮🇹 ODM International elite partner therapist

Taping & Drainage.

MASSAGE is probably the oldest method to take care of a person, its countless methods allow you to act on the physical, mental, emotional and evolutionary level. Massages can be distinguished and classified in various ways and all techniques are effective, but each subject reacts individually according to his characteristics and we often find ourselves better with some types of massage. Each of us is invited to find the most suitable massage for himself, so that it is a complete experience, a precious gift.

CELLULITE AND TAPING ..

Why kinesiological taping facilitates the function of the lymphatic system:

Water is the main constituent of the body; the water content of the human body corresponds to 60-65% of body weight in men and 55-60% in women. The total amount of water tends to decrease with age; in fact, in children and adolescents, total water constitutes a greater share.

The total water is distributed in two compartments:

a) Intracellular b) Extracellular: 1.- intravasal 2. extravasal / interstitial

The cells receive all the substances they need from the blood by passing through the interstitial fluid, which acts as an intermediary between the blood and the cells.

Physical treatment of fluid drainage dysfunctions:

1) Attack phase: lymphatic drainage massage, followed by 10 minutes of rest in a sloping position and restraint, which will then be accompanied by the application of elastic taping (from 10 to 30 days);

2) Maintenance phase: it must be adapted to the person's drainage process: with the use of compression devices with differentiated pressure and adequate motor activity;

3) Operator absence phase: the person must be able to self-manage having learned all the rules of hygiene, habits and preventive rules of fluid stagnation.

Lympho-taping - additional treatment:

The application of elastic taping must be evaluated based on the stage of the aesthetic dysfunction.

Mechanisms of action of elastic taping:

1. The first action is given by the skin being lifted; the space that is created reduces the interstitial pressure and a flow of fluids is activated towards the area where the pressure has been reduced.

2. The second action is obtained through body movement, the elastic tape lifting the skin in an undulatory way amplifies the stretching / contraction effect. Connective adhesions are therefore reduced, obtaining an improved smoothness of the filaments between interstitial cells, endothelium, lymphangs and connective fibers. In this way, the doors of the lymphatic vessels are opened more easily and the lymph drains faster.

3. The third action is the conductive function of the elastic tape. A liquid has the property of moving along certain guideways. The tape provides for faster conduction of the lymph along the conduction structures in the desired direction.

The stretching of the skin produces the traction of the connective filaments (Leak filaments), which are directly connected to the lymphatic capillary, and all this allows the lumen of the lymphatic capillaries to be kept open (lymphatic filling of the lymphangion is favored).

These 3 principles of action represent the basis of a continuous drainage of the area of ​​application of kinesiological taping.

It is of fundamental importance, in addition to a correct application of the tape, to first perform a manual lymphatic drainage.

The combination of manual therapies and lymph-taping guarantees a further synergy for an optimal specific action on the drainage of cellulite.

Ultimately, lympho-taping determines the following effects:

a) increase in venous-lymphatic flow speed: determined by the tape in the underlying area with the displacement of fluids, a distension of the vessels; the overall effect is an increase in the speed of blood flow within the venous vessels and lymphatic outflow.

b) biochemical effects: the tension and stretching forces that are generated in the area subjected to the application of lymph-taping contribute to reducing tissue compression.

It is important to emphasize that the chosen technique will be in relation to the conditions of each individual person.

We can face three fundamental stages of cellulite:

1) soft (with a high fluid component), lymphotaping uses its characteristic of enhancing the drainage phase of the edema water component.

2) hard (with a high fibro-sclerotic component) lymphotaping exploits the ability to physically move the fluids in the context of the interstitium towards the proximal regions and direct them towards alternative drainage routes. In this way, a sort of alternative drainage path is created, making it similar to a railway track that directs towards alternative-draining areas (bypass of the lymphatic lymph node block).

3) sclerotic: There is a strong slowing of blood and lymphatic flow, with increased nodules and painful to the touch. The initial fibrosis has transformed into real sclerosis of the tissues that have caged the previous micronodules in large hard clusters.

The number of dilated capillaries, almost always present, increases. Hematomas may appear, a sign of capillary fragility. The skin surface is no longer homogeneous and smooth but has the typical "mattress" appearance, it is cold to the touch due to circulatory insufficiency, it is painful if it is touched even with modest pressure and, if it is compressed, it leaves a depression that disappears only after a few seconds: it is cellulite in the last stage.

It is important to follow the correct observances in the use of Taping:

a) A material (tape) classified by the European Community in class A is used: over-the-counter, free of drugs and other chemical substances

b) The proposed applications have an aesthetic purpose for the drainage of liquids and cellulite

c) This technique is performed after manual lymphatic drainage applications

d) A therapeutic goal is never declared, only an aesthetic one

e) The operator also has in his professional skills that of performing the drainage of body fluids, and elastic taping is a synergistic technique with this stated goal.

For more information, please contact us at 3491847174.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 

Taping & Drenaggio.

Il MASSAGGIO è probabilmente il metodo più antico per prendersi cura di una persona, i suoi innumerevoli metodi consentono di agire sul piano fisico, mentale, emotivo ed evolutivo. I massaggi possono essere distinti e classificati in vari modi e tutte le tecniche sono efficaci, ma ogni soggetto reagisce individualmente secondo le sue caratteristiche e spesso ci troviamo meglio con alcuni tipi di massaggio. Ognuno di noi è invitato a trovare il massaggio più adatto a se stesso, perché sia un’esperienza completa, un dono prezioso.

CELLULITE E TAPING..

Perché il taping kinesiologico facilita la funzione del sistema linfatico:

L’acqua è il costituente principale dell’organismo; il contenuto in acqua del corpo umano corrisponde al 60-65 % del peso corporeo nell’uomo e al 55-60% nella donna. La quantità di acqua totale tende a diminuire con l’età; nel bambino e nell’adolescente, infatti, l’acqua totale costituisce una quota maggiore.

L’acqua totale è distribuita in due compartimenti:

a) Intracellulare b) Extracellulare : 1.- intravasale 2. extravasale/interstiziale

Le cellule ricevono dal sangue tutte le sostanze di cui necessitano tramite il passaggio nel liquido interstiziale, che funge da intermediario fra il sangue e le cellule.

Trattamento fisico delle disfunzioni del drenaggio dei fluidi:

1) Fase d’attacco: massaggio linfodrenante, seguito da 10 minuti di riposo in posizione declive e contenzione, che dopo sarà accompagnata dall’applicazione del taping elastico (da 10 a 30 giorni);

2) Fase di mantenimento: deve essere adattata al processo di drenaggio della persona: con l’utilizzo di presidi compressivi a pressione differenziata e attività motoria adeguata;

3) Fase di assenza dell’operatore: la persona deve essere in grado di autogestirsi avendo appreso tutte le regole di igiene, le abitudini e le regole preventive del ristagno di fluidi.

Linfo-taping – trattamento aggiuntivo:

L’applicazione del taping elastico deve essere valutata in base allo stadio della disfunzione estetica.

Meccanismi d’azione del taping elastico:

1. La prima azione è data dalla pelle che viene sollevata; lo spazio che si crea riduce la pressione interstiziale e viene attivato un flusso dei fluidi verso la zona in cui la pressione è stata ridotta.

2. La seconda azione si ottiene attraverso il movimento corporeo, il tape elastico sollevando la pelle in modo ondulatorio amplifica l’effetto di stiramento/contrazione. Le aderenze del connettivo vengono perciò ridotte ottenendo una migliorata scorrevolezza dei filamenti tra le cellule interstiziali, dell’endotelio, dei linfangi e le fibre del connettivo. Si aprono così più facilmente le porte dei vasi linfatici e la linfa defluisce più velocemente.

3. La terza azione è la funzione conduttrice del tape elastico. Un liquido ha la proprietà di muoversi in certi binari guida. Il nastro provvede a una più veloce conduzione della linfa lungo le strutture di conduzione nella direzione desiderata.

Lo stiramento della pelle produce la trazione dei filamenti connettivali (filamenti di Leak), che sono direttamente in connessione al capillare linfatico, e tutto ciò permette di mantenere pervio il lume dei capillari linfatici ( viene favorito il riempimento linfatico del linfangione).

Questi 3 principi di azione rappresentano la base di un drenaggio continuo della zona di applicazione del taping kinesiologico.

E’ di fondamentale importanza oltre ad una corretta applicazione del nastro eseguire prima un drenaggio linfatico manuale.

La combinazione di terapie manuali e linfo-taping garantisce una ulteriore sinergia per una ottimale azione specifica sul drenaggio della cellulite.

In definitiva il linfo-taping determina i seguenti effetti:

a) aumento della velocità di flusso venoso – linfatico: determinato dal nastro nella zona sottostante con lo spostamento dei fluidi, una distensione dei vasi; l’effetto complessivo è un incremento della velocità di flusso ematico all’interno dei vasi venosi e di deflusso linfatico.

b) effetti biochimici: le forze di tensione e di stiramento che si generano nella zona sottoposta all’applicazione del linfo-taping contribuisco a ridurre la compressione tessutale.

E’ importante sottolineare che la tecnica scelta sarà in relazione alle condizioni di ogni singolo persona.

Possiamo trovarci di fronte a tre stadi fondamentali di cellulite:

1) morbida (ad elevata componente fluida), il linfotaping utilizza la sua caratteristica di potenziare la fase di drenaggio della componente idrica dell’edema.

2) dura (ad elevata componente fibro-sclerotica) il linfotaping sfrutta la capacità di spostare fisicamente i fluidi nel contesto dell’interstizio verso le regioni prossimali ed indirizzarli verso le vie alternative di drenaggio. Si crea, così, una sorta di via alternativa di drenaggio rendendosi simile ad un binario ferroviario che indirizza verso zone alternative-drenanti (bypass del blocco linfatico linfonodale).

3) sclerotica: Vi è forte rallentamento del flusso sanguigno e linfatico, con noduli aumentati e dolenti al tatto. La fibrosi iniziale si è trasformata in vera e propria sclerosi dei tessuti che hanno ingabbiato in grossi ammassi duri i micronoduli precedenti.

Il numero dei capillari dilatati, quasi sempre presenti, aumenta. Possono apparire degli ematomi, segno di fragilità capillare. La superficie cutanea non è più omogenea e levigata ma presenta il tipico aspetto “a materasso”, è fredda al tatto a causa dell’insufficienza circolatoria, è dolente se viene toccata anche con modesta pressione e, se viene compressa, lascia una depressione che scompare solo dopo alcuni secondi: è la cellulite allo ultimo stadio.

Importante seguire le giuste osservanze nell'uso del Taping:

a) Si utilizza un materiale(nastro) classificato dalla Comunità Europea in classe A: da banco, privo di farmaci e sostanze chimiche di altro genere

b) Le applicazioni proposte hanno scopo estetico per il drenaggio dei liquidi e della cellulite

c) Questa tecnica viene realizzata dopo le applicazioni manuali di linfodrenaggio

d) Non viene mai dichiarato un obiettivo terapeutico, ma solamente estetico

e) L'operatore ha nelle proprie competenze professionali anche quella di eseguire il drenaggio dei liquidi corporei, e il taping elastico è una tecnica sinergica a tale obiettivo dichiarato.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a contattarci al 3491847174.

Awakenings, by Oliver Sacks -Risvegli, di Oliver Sacks

Suggested by Prof. Dr. Salvo Nicosia, Direction of the Popular University Oliver Sacks Bagaria (PA) 🇮🇹

Specialization In Neurobiology and Neuropsychology

12 September

Awakenings, by Oliver Sacks

For ten years, between 1917 and 1927, a severe epidemic of lethargic encephalitis (sleeping sickness) swept the world. Nearly five million people were affected by the disease. Then the epidemic disappeared, as suddenly and mysteriously as it had come. A tiny fraction of the sick survived, in a sort of perpetual torpor, until 1969, when a new drug, L-DOPA, allowed them to awaken. Oliver Sacks, between 1969 and 1972, administered this drug to more than two hundred patients at Mount Carmel Hospital in New York.

Awakenings tells the stories of twenty of them. Already from these elements it is easy to realize the impressive singularity of this book. But here, once again, the decisive element is the narrator: Oliver Sacks, the one who knows how to find his way into the most remote and inaccessible experiences of his patients. Each of the people Sacks tells about here is a world apart, but all of them are united by one characteristic: that of having spent most of their lives in an unexplored and silent area, close to "the dark heart of being", and of having been thrown from the "encephalitic night" towards the "tribulations" and wonders of awakening. Shocking is the variety and quality of experiences these people are desperately trying to communicate to us. And astonishing is the ability that Sacks demonstrates here in understanding and reconstructing the dramatic fabric of such experiences. Trusting, like the great Luria, in a vision of medicine as a "romantic science", Sacks claims the definition of the disease that we read in Novalis: "Every disease is a musical problem. Every cure is a musical solution ». Precisely this assumption allowed him to access the walled worlds of people who lived in the oscillation between a terrible presence and a terrible absence. And this contact turned out to be the greatest help we can give to those who seek, with infinite pain, to find an accommodation with reality. Behind the medical records, a boundless landscape opens up here, «a very varied landscape, partly familiar, partly disturbing, with sun-beaten plateaus, bottomless abysses, volcanoes, geysers, prairies, swamps; something like Yellowstone Park: archaic, prehuman, almost prehistoric, with a feeling of powerful simmering forces all around. " Risvegli appeared in 1973 and since then the author has reworked it several times in subsequent editions

🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 

Specializzazione in Neurobiologia e Neuropsicologia

12 settembre  · 

Risvegli, di Oliver Sacks

Per dieci anni, fra il 1917 e il 1927, una grave epidemia di encefalite letargica (malattia del sonno) invase il mondo. Quasi cinque milioni di persone furono colpite dal male. Poi l’epidemia scomparve, improvvisamente e misteriosamente come era sopraggiunta. Una minuscola frazione dei malati sopravvisse, in una sorta di perpetuo torpore, fino al 1969, quando un nuovo farmaco, la L-dopa, permise di risvegliarli. Oliver Sacks, fra il 1969 e il 1972, somministrò questo farmaco a più di duecento malati al Mount Carmel Hospital di New York. 

Risvegli racconta le storie di venti di loro. Già da tali elementi è facile rendersi conto della impressionante singolarità di questo libro. Ma qui, ancora una volta, l’elemento decisivo è il narratore: Oliver Sacks, colui che sa farsi strada all’interno delle esperienze più remote e inaccessibili dei suoi pazienti. Ciascuna delle persone di cui Sacks qui racconta è un mondo a parte, ma tutte sono unite da una caratteristica: quella di aver passato la maggior parte della loro vita in una zona inesplorata e muta, vicino «al cuore oscuro dell’essere», e di essere stati sbalzati dalla «notte encefalitica» verso le «tribolazioni» e le meraviglie del risveglio. Sconvolgente è la varietà e la qualità delle esperienze che queste persone tentano disperatamente di comunicarci. E stupefacente è la capacità che qui Sacks dimostra nel capire e ricostruire il tessuto drammatico di tali esperienze. Confidando, come il grande Lurija, in una visione della medicina come «scienza romantica», Sacks rivendica la definizione della malattia che leggiamo in Novalis: «Ogni malattia è un problema musicale. Ogni cura è una soluzione musicale». Appunto questo presupposto gli ha permesso di accedere ai mondi murati di persone che vivevano nell’oscillazione fra una terribile presenza e una terribile assenza. E questo contatto si è rivelato essere il più grande aiuto che possiamo dare a chi cerca, con pena infinita, di trovare un accomodamento con la realtà. Dietro le cartelle cliniche, qui si apre uno sconfinato paesaggio, «un paesaggio molto variato, in parte familiare, in parte inquietante, con altopiani battuti dal sole, abissi senza fondo, vulcani, geyser, praterie, paludi; qualcosa come il parco di Yellowstone: arcaico, preumano, quasi preistorico, con una sensazione di potenti forze sobbollenti tutt’intorno». Risvegli apparve nel 1973 e da allora l’Autore lo ha più volte rielaborato nelle successive edizioni.

a knee prosthesis ... when is it indicated? - a protesi al ginocchio...... quando viene indicata?

Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹 Honorary member, and accredited teacher of ODM International

a knee prosthesis ... when is it indicated?

The operation is performed if osteoarthritis compromises a normal life

′ ′ If the cartilage of the knee is very damaged by arthrosis, either due to aging or a previous trauma, sometimes the only solution is the prosthesis ".

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

a protesi al ginocchio...... quando viene indicata?

L ' operazione è effettuata se l'artrosi compromette una vita normale

′′ Se la cartilagine del ginocchio è molto danneggiata dall'artrosi, sia a causa dell'invecchiamento che di un precedente trauma, talvolta l'unica soluzione è la protesi ".

Manipulation and mobilization for chronic low back pain - Manipolazione e mobilizzazione per la lombalgia cronica

by Dr. Roger Battiston, Albizzate (VA) 🇮🇹 ODM International elite partner therapist

+ Manipulation and mobilization for chronic low back pain: a systematic review and meta-analysis.

Ian D Coulter, Spine Journal, 2018

Low back pain is the most frequent osteoarticular disorder and there are many therapies adopted to combat it.

If active exercise therapy was confirmed as effective by a 2015 systematic review, it was not yet sure whether passive therapies such as manipulation and mobilization had any real effect on improving pain and disability in chronic low back pain, and whether they were safe therapies.

A systematic review of fifty-one studies - with one meta-analysis out of nine - showed that manipulation therapies reduce pain and disability, while mobilization therapies reduce pain but not disability. The evidence that led to these results is of moderate quality and has also reported these therapies as safe.

The authors of the study concluded, exactly in line with the latest studies in this field, that the approach to be preferred in patients with chronic low back pain remains the multimodal one, combining the therapies that currently have a real demonstration of efficacy according to the patient.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

+ Manipolazione e mobilizzazione per la lombalgia cronica: una revisione sistematica e meta-analisi.

Ian D Coulter, Spine Journal, 2018

La lombalgia rappresenta il disturbo osteoarticolare più frequente e tantissime sono le terapie adottate per contrastarla.

Se la terapia attiva con esercizi era stata confermata come efficace da una revisione sistematica del 2015, non era ancora sicuro che terapie passive come manipolazioni e mobilizzazioni avessero una reale efficacia sul miglioramento del dolore e della disabilità nella lombalgia cronica, e che fossero allo stesso tempo terapie sicure.

Una revisione sistematica su cinquantuno studi - con una meta-analisi su nove - ha dimostrato che le terapie con manipolazioni sono in grado di ridurre dolore e disabilità, mentre le terapie con mobilizzazioni il dolore ma non la disabilità. L’evidenza che ha portato a questi risultati è di qualità moderata e ha anche riportato queste terapie come sicure.

Gli autori dello studio hanno concluso, esattamente in linea con gli ultimi studi in questo campo, che l’approccio da prediligere nei pazienti con lombalgia cronica rimane quello multimodale, combinando a seconda dei pazienti le terapie che hanno ad oggi una reale dimostrazione di efficacia.

Physiotherapy treatment of a 65-year-old patient with hip prosthesis post femoral head fracture ... sequelae from sciatic nerve compression

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹 honorary member of ODM International

Physiotherapy treatment of a 65-year-old patient with hip prosthesis post femoral head fracture ... sequelae from sciatic nerve compression

- This video presents the re-education treatment of a 65-year-old patient with hip prosthesis post femoral head fracture ... after-effects of sciatic nerve compression with stupor and dorsal flexion deficit of the foot. www.tapingbellia.com

 

 

- This video presents the re-education treatment of a 65-year-old patient with hip prosthesis post femoral head fracture ... after-effects of sciatic nerve compression with stupor and dorsal flexion deficit of the foot. www.tapingbellia.com

ALKALIZING ACTIONS - AZIONI ALCALINIZZANTI

by pof. Gianluca Egidi, elite partner therapist

💃ALKALIZING ACTIONS

Today we are talking about good ALKALIZING habits, or those useful actions to maintain a good acid-base balance in the body, thus avoiding the onset of phenomena such as latent acidosis. 👹

Today I tell you about useful things to do not daily but a few times a week:

👉 at least 3 times a week, take a juice made with 200 g of vegetables and 100 g of fruit

👉 at least 4 times a week take millet cereal such as cold salad, or in compounds such as soups, omelettes or flans

👉 at least 3 times a week eat a handful of raisins as a snack, which you can also add to salads anyway

👉 out of 14 meals a week take 3 times the eggs and 3 times the soy or legumes

👉 Another good habit is to use alkalizing supplements on prescription.

Do you want more information?

✅ Contact us now and book your consultation ....!

📞Tel 3491847174/0852059185.

📧e-mail: gianlucaegidi00@gmail.com

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 

💃AZIONI ALCALINIZZANTI

Oggi parliamo di buone abitudini ALCALINIZZANTI, ovvero quelle azioni utili per mantenere un buon equilibrio acido-base nel corpo, evitando così l’insorgere di fenomeni come l’acidosi latente. 👹

Oggi ti parlo di cose utili da fare non quotidianamente ma alcune volte a settimana:

👉 almeno 3 volte a settimana assumi un centrifugato fatto con 200 gr verdura e 100 gr di frutta

👉 almeno 4 volte a settimana assumi il cereale miglio tipo insalata fredda, o in composti come zuppe, frittate o sformati

👉 almeno 3 volte settimana assumi come spuntino una manciata di uvetta sultanina, che puoi aggiungere comunque anche a delle insalate

👉 su 14 pasti settimanali assumi 3 volte le uova e 3 volte la soia o legumi

👉 Un’altra buona abitudine è quella di utilizzare degli integratori alcalinizzanti su prescrizione medica.

💃Vuoi più informazioni?

✅ Contattaci subito e prenota la tua consulenza....!

📞Tel 3491847174 / 0852059185.

📧e-mail: gianlucaegidi00@gmail.com

Osteomyelitis: Severe scarring complex physiotherapy treatment - Osteomielite: Cicatrici gravi trattamento fisioterapico complesso

by Prof- Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹 

Osteomyelitis: Severe scarring complex physiotherapy treatment

Severe scars complex treatment: kinesiological taping, deep transverse massage, cupping therapy, InterX, crochetage, global postural stretching.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

Osteomielite: Cicatrici gravi trattamento fisioterapico complesso

Cicatrici gravi trattamento complesso: taping kinesiologico, massaggio trasverso profondo, cupping therapy, InterX, crochetage, stretching posturale globale.

https://tapingbellia.com/cicatrici-gravi-trattamento-complesso/?fbclid=IwAR2VCJUbaoNFLz7wPzIs3p1Eb2WZmjXQ21hQQr_rsVyb-yzBWVk15WId4fo

CALCIFIC TENDINOPATHY OF THE SHOULDER - TENDINOPATIA CALCIFICA DELLA SPALLA

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

CALCIFIC TENDINOPATHY OF THE SHOULDER

Shoulder calcifications are synonymous with a condition known as "calcific tendinopathy". Often asymptomatic, they can be the cause of sudden and intense pain associated with a significant reduction in movement and functionality of the upper limb. Non-surgical treatment proves to be decisive in most cases and arthroscopic intervention is rarely necessary.

Come and discover our "DIGI PRESSO FASCIALE" technique .. !!!

In a completely natural way and without drugs we will restore you to well-being !!!

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 

TENDINOPATIA CALCIFICA DELLA SPALLA

Le calcificazioni alla spalla sono sinonimo di una patologia nota come “tendinopatia calcifica“. Spesso asintomatiche, possono essere la causa di dolore improvviso e intenso associato a riduzione notevole del movimento e della funzionalità dell’arto superiore. Il trattamento non chirurgico si dimostra risolutivo nella maggior parte dei casi e solo raramente risulta necessario l’intervento in artroscopia.

Vieni a scoprire la nostra tecnica "DIGI PRESSO FASCIALE"..!!!

In maniera del tutto naturale e senza farmaci ti riporteremo al benessere!!!

Physiomassage

by Anna Baroni, Cento (FE) 🇮🇹

Physiomassage by Anna Baroni, Cento (FE) 🇮🇹

 

Beautician, author of texts, teacher, flower therapist, massage physiotherapist.

Owner of the Beauty Farm "Il Tempio della Salute Annabel" located in Cento di Ferrara. He has created a working method that encompasses the experience of over 35 years of activity in the field of wellness, studies and research, but which is above all the result of the numerous results obtained on his customers.

Over 35 manual techniques constitute his wealth of knowledge, techniques from which he has explored the most effective maneuvers, merging them into his personal methods, which he teaches today in his courses. He has trained over 9,300 beauticians, working for various leading companies in the sector for over 20 years and collaborating with all the training bodies of Ecipar, Formart, CNA, Sem having the role of EAPQ for professional qualification exams.

She currently collaborates actively with ODM and IMA international massage associations, participated as Sponsor in the 2019 edition of the European Massage Championship having been sponsor and guest as a membership with EMA (European Massage Association) and participated in the World Championship held in Copenhagen (June 2019), bringing the latest innovative techniques designed by her in her dedicated space emotions in motion, presenting the best known crown of her massages:

- Soul Massage (massage of the soul performed blindfolded)

- Emotional massage with Dr. Bach flowers

 -PHISOMASSAGE

 -ENERGY PHYSIOMASSAGE

 

THE TRUE WAY IS THAT OF THE HEART

 

"Any is just a way and there is no affront to abandon it if this is what your heart tells you to do".

Examine each way carefully, try it as many times as you deem necessary. So ask yourself only one question: “Does this way have a heart?”; if it has it, the way is good, if it does not, it is useless.

 The way must always be glimpsed before being seen and lived. We must also be able to see what lies behind appearances, because reality is an illusion and not because it does not exist, but because there is another face that we do not see: in fact, we always only see one face of the moon! By learning to see this difference, one can enter the person's unconscious. It is necessary to know how to observe and see even what is not seen.

If you want to restrict you have to extend, if you want to weaken you have to strengthen, if you want to take you have to offer.

We must learn to take care of our balance and our state of health and all this NOW and not tomorrow.

"Time is a reality enclosed in an instant and suspended between two nothing"

 

 

BEYOND MASSAGE: AN EXCHANGE OF ENERGIES

 

In recent years she has managed to create a working method that reflects her experience of over 17 years of work, studies and research.

However, his method respects the fundamental rules that follow the principle of massage as, to bring balance to any body, the three body phases must be respected correctly, which must be prepared and detoxified by following these phases:

 

1) CONNECTIVE

2) MUSCLE

3) ARTICULATION

4) EMOTIONS

5) SPIRIT

 

PHYSIOMASSAGE

 

Physiomassage is born from the combination of seven massage techniques, mostly Western (perceptive, ayurveda, gestal, connective and lymphatic drainage, energetic and Californian) which act simultaneously on: lymphatic system, muscle fascia and structural aponeurosis.

It is a treatment that offers immediate well-being from the very first session: it reduces the areas affected by cellulite, improves muscle tone and brings benefits to posture; all this because it promotes the drainage of liquids, stimulates cellular metabolism and tissue oxygenation, and at the same time alleviates psychological tension, relaxing and stretching the nerves.

A truly emotional and complete massage below, all points of view

ENERGY PHYSIOMASSAGE

 

Energetic Physiomassage can be safely defined as the "completion" of Physiomassage, as it follows the oriental philosophy, in fact it is the combination of five massage techniques deriving from physiotherapy, kinesiology and reflex energetics, more precisely: pain therapy (specifically for the back), muscle rebalancing, shiatsu, perceptual, body plasma (technique that works on the most important acupressure meridians: V, VB, R, MP, E, F).

This method has been integrated by the theory of the five elements which, being the most complete energy analysis technique, gives the possibility to identify the energetic and organic weaknesses, thus stimulating and strengthening the deficient meridian.

In this way, both aesthetic and organic results are obtained in a short time.

The Energy Physiomassage acts where there are energy blocks, for example on constipation, headaches, water retention and atony, promoting the release of venous and lymphatic stasis. It improves circulation, reduces cellulite, relieves tension and rebalances the muscular system by correcting postural imbalances.

 

Anna Baroni strongly believes in these two massage techniques and what she always says at the end of her courses is: learn the technique and when you know the massage perfectly, during the execution only 10% will be technical, for 90% you will transmit to yours LOVE customer, and in this way you will gain all her trust and perseverance in following every advice you give her.

The body is considered a sensor, an information network of a messenger with a myriad of communication systems: cardiovascular, respiratory, bone, autonomous, as well as emotional and intuitive.

In the imaginary world, the body is a powerful vehicle, it has two sets of ears, one to listen to the profane world, the other to listen to the soul and contact with higher worlds; two sets of eyes, one for normal vision, the other for the opening of the third eye, able to perceive the AURA and what concerns its physical and emotional state, not to mention the strength of the muscles and the invincible strength of the soul. The body uses the skin and the aponeurotic membranes and the flesh to record everything that happens around it, for those who can read, the body is a living record of the given life, of the lost life, of the hoped for and scarred life. consideration for its articulated ability to register immediate reactions, feel deeply and intuit the truth that only knows how to listen to our heart before it gets in touch with the rational part that is the mind, continuously. Go where your heart takes you!

 

WE ARE THE FRUIT OF WHAT WE EAT, BREATHE, EMOTION. THE BODY IS THE RESULT OF THIS TRIGON!

 

We tend to think of the body as the other that goes on without us and if we treat it well it makes us feel good. Many people treat their body as if it were that of a slave, they also treat it well, but they ask it to indulge their wishes and whims, as if it were in their service anyway.

Suppose the body is a god, a teacher, our guide, so what?

Is it wise to spend your life forcing this teacher who has so much to tell and teach us? Its purpose is to protect, contain, support and inflame the soul, which houses here, to be a deposit for memory, to fill us with feelings, which are the supreme psychic nourishment. The choice is yours of how to treat him whether as a slave or as a master !!!

Il fisiomassaggio di Anna Baroni

 

Estetista, autrice di testi, docente, floriterapeuta, massofisioterapista. 

Titolare della Beauty Farm “Il Tempio della Salute Annabel” situato a Cento di Ferrara. Ha realizzato un metodo di lavoro che racchiude l'esperienza di oltre 35 anni di attività nel campo del benessere, di studi e di ricerche, ma che soprattutto è frutto dei numerosi risultati ottenuti sulla sua clientela. 

Oltre 35 tecniche manuali costituiscono il suo patrimonio di conoscenza, tecniche dalle quali ha esplorato le manovre più efficaci, fondendole nelle sue personali metodiche, che oggi insegna nei suoi corsi. Ha formato oltre 9.300 estetiste, lavorando per diverse aziende Leader del settore per oltre 20 anni e collaborando con tutti gli Enti Formativi dell'Ecipar, Formart, della CNA, Sem avendo il ruolo di EAPQ per gli esami di qualifiche professionali. 

Attualmente collabora attivamente con ODM ed IMA associazioni internazionali di Massaggio , ha partecipato come Sponsor all'edizione 2019 del Campionato Europeo del Massaggio essendo stata sponsor e ospite come membership con EMA (European Massage Association) e  ha partecipato  al Campionato Mondiale tenutosi a Copenaghen (Giugno 2019), portando le ultime tecniche innovative da lei ideate nel suo spazio dedicato emozioni in movimento presentando la corona piu conosciuta dei sui massaggi  : 

- Soul Massage ( massaggio dell’anima lo esegue  bendata )

- Emotional massage con i fiori del dott Bach 

 -FISOMASSAGGIO

 -FISIOMASAGGIO ENERGETICO 

LA VERA VIA E' QUELLA DEL CUORE

 

“Qualsiasi è solo una via e non c'è affronto ad abbandonarla se questo è ciò che il cuore ti dice di fare”.

Esamina ogni via con accuratezza, provala tutte le volte che lo ritieni necessario. Quindi poni a te stesso soltanto una domanda: “questa via ha un cuore?”; se lo ha , la via è buona, se non lo ha, non serve a nulla.

 La via deve sempre essere intravista prima di essere vista e vissuta. Bisogna saper scorgere anche ciò che sta dietro alle apparenze, perchè la realtà è illusione e non perchè non esiste, ma perchè c'è un'altra faccia che noi non vediamo: infatti, vediamo sempre e soltanto una faccia della luna! Imparando a scorgere questa differenza, si può entrare nell'inconscio della persona. Bisogna saper osservare e vedere anche ciò che non si vede. 

Se si vuol restringere bisogna estendere, se si vuol indebolire bisogna rafforzare, se si vuol prendere bisogna offrire. 

Dobbiamo imparare ad occuparci del nostro equilibrio e del nostro stato di salute e tutto ciò da SUBITO e non da domani. 

“Il tempo è una realtà racchiusa in un istante e sospesa tra due nulla”

 

 

OLTRE IL MASSAGGIO: UNO SCAMBIO DI ENERGIE

 

In questi ultimi anni è riuscita a realizzare un metodo di lavoro che rispecchia la sua esperienza di oltre 17 anni di lavoro, di studi e di ricerche. 

Il suo metodo rispetta comunque delle regole fondamentali che seguono il principio del massaggio in quanto, per portare equilibrio in un qualsiasi corpo, bisogna rispettare in modo corretto le tre fasi corporee che devono essere preparate e detossinate seguendo queste fasi: 

 

1) CONNETTIVO 

2) MUSCOLO 

3) ARTICOLAZIONE 

4) EMOZIONI 

5) SPIRITO

 

FISIOMASSAGGIO

 

Il Fisiomassaggio nasce dalla combinazione di sette tecniche di massaggio, per lo più occidentali         (percettivo, ayurveda, gestal, connettivo e linfodrenaggio ,energetico e californiano ) che agiscono contemporaneamente su: sistema linfatico, fascia muscolare e aponeurosi strutturale.

E’ un trattamento che già dalla prima seduta offre un immediato benessere: riduce le zone colpite dalla cellulite, migliora il tono muscolare e apporta benefici alla postura; tutto questo perché favorisce il drenaggio dei liquidi, stimola il metabolismo cellulare e l’ossigenazione dei tessuti, e al tempo stesso attenua la tensione psicologica, rilassando e distendendo i nervi.

Un massaggio davvero emozionale e completo sotto, tutti i punti di vista.

 

L’obiettivo del Fisiomassaggio, è quello di offrire alle estetiste un trattamento massoterapico completo, efficace, capace di rispondere alle diverse necessità della Clientela.

 

Infatti, grazie alla sua particolare tecnica che agisce a tre diversi livelli (sistema linfatico, fascia muscolare e aponeurosi strutturale), risponde efficacemente a due diverse esigenze:

  • Combatte lo stress, attenuando la tensione psicologica e favorendo il recupero de benessere psico – fisico:

  • Previene e combatte gli inestetismi della figura femminile (come la cellulite), favorendo il riequilibrio della funzionalità dei tessuti.

 

 

Le sue funzioni:

 

  • Migliora il drenaggio dei liquidi (sangue e linfa);

  • Stimola il metabolismo cellulare e quindi l’ossigenazione dei tessuti;

  • Ridona elasticità ai muscoli;

  • Riduce le tensioni muscolari e lo stress;

  • Facilita la mobilitazione dei depositi adiposi sottocutanei;

  • Previene e combatte i vari stadi di cellulite;

  • Agisce beneficamente su tutte le funzioni organiche;

  • Migliora la postura;

  • Aumenta la consapevolezza del proprio corpo e del proprio stato emotivo.

 

 

I suoi effetti:

 

  • Rimodella il corpo;

  • Riduce la cellulite;

  • Elimina il gonfiore e il senso di pesantezza;

  • Rilassa e distende i nervi;

  • Migliora lo stato psicofisico.

 

Il bene più prezioso è la nostra salute. Il nostro corpo piange come può. Il corpo ci avvisa con i suoi segnali e dobbiamo imparare ad ascoltarlo e non rimandare la sua richiesta di aiuto. Il corpo spesso è il frutto dei conflitti tra la nostra mente ed il nostro cuore. Nel tempo ci parla con il suo linguaggio fisico ed emozionale; inizialmente ci avvisa con dei classici e semplici disturbi (gonfiore, ritenzione idrica, dolori muscoloarticolari, tensioni, stipsi, dissenteria, mal di testa, amenorrea ecc..). Quanti sono attenti a questi messaggi? Se vengono trascurati e non si agisce in maniera corretta, questi possono trasformarsi in possibili patologie. Attraverso il Fisiomassaggio ed i punti energetici riflessi in questa tecnica, andiamo a prevenire e a rafforzare la parte fisica ed emozionale del corpo. Il terapista diventa il direttore d'orchestra che, attraverso il linguaggio del corpo, saprà toccare i tasti giusti per riportare armonia olistica al cliente.

 

“NOI SIAMO IL FRUTTO DI QUELLO CHE MANGIAMO, RESPIRIAMO, EMOZIONIAMO. IL CORPO E’ IL RISULTATO DI QUESTO TRIGONO!”

 

 

Il Fisiomassaggio è e sarà sempre la mia preferita tecnica in quanto in una sola seduta ha la capacità di portare una diminuzione idrica che varia dai 2 – 4 cm a seconda del tipo di cellulite che troviamo sulla cliente. Per questo sono stata premiata alla manifestazione tenuta al Cosmoprof nel 1995 come professionista emergente per l’ideazione innovativa di questa meravigliosa e unica tecnica di cui ho portato il mio insegnamento a oltre 9000 estetiste, le quali, ricordano perfettamente i risultati che tuttora ottengono sulle proprie Clienti dal momento che ricevo tuttora telefonate e lettere di ringraziamento che testimoniano la sua efficacia, diffidate dalle imitazioni .

 

 

 

 

 

FISIOMASSAGGIO ENERGETICO

 

Il Fisiomassaggio Energetico può essere tranquillamente definito il “completamento” del Fisiomassaggio, in quanto segue la filosofia orientale, infatti è la combinazione di cinque tecniche di massaggio derivanti dalla fisioterapia, cinesiologica e dall’energetica riflessa, più precisamente: terapia del dolore (specificatamente per la schiena), riequilibrio muscolare, shiatsu, percettivo, plasmatica corporea (tecnica che lavora sui meridiani di digitopressione più importanti: V, VB, R, MP, E, F).

Questo metodo è stato integrato dalla teoria dei cinque elementi che, essendo la più completa tecnica di analisi energetica, dà la possibilità di individuare le debolezze energetiche e organiche andando quindi a stimolare e potenziare il meridiano carente.

In questo modo i risultati sia estetici che organici si ottengono in tempi brevi.

Il Fisiomassaggio Energetico va ad agire là dove esistono dei blocchi energetici, ad esempio sulla stipsi, sulle cefalee, sulla ritenzione idrica e sull’atonia, favorendo lo sblocco delle stasi venose e linfatiche. Migliora la circolazione, riduce la cellulite, attenua le tensioni riequilibria l’apparato muscolare correggendo gli squilibri posturali.

 

Anna Baroni crede molto in queste due tecniche di massaggio e ciò che dice sempre al termine dei suoi corsi è: imparate la tecnica e quando conoscerete perfettamente il massaggio, durante l’esecuzione solo il 10% sarà tecnica, per il 90% trasmetterete alla vostra cliente AMORE, ed in questo modo conquisterete tutta la sua fiducia e la costanza nel seguire ogni consiglio che le darete.

Il corpo e’ considerato un sensore, una rete informativa di un messaggero con miriadi di sistemi di comunicazione: cardiovascolare, respiratorio, osseo, autonomo, nonché emotivo ed intuitivo.

Nel mondo immaginifico, il corpo è un potente veicolo, possiede due serie di orecchie, una per ascoltare il mondo profano, l’altra  per ascoltare l’anima e il contatto con mondi superiori; due serie di occhi, una per la normale visione, l’altra per l’apertura del terzo occhio, in grado di percepire l’AURA e ciò che concerne il suo stato fisico ed emozionale, senza contare la forza dei muscoli e l’invincibile forza dell’anima. Il corpo usa la pelle e le membrane aponeurotiche e la carne per registrare tutto quanto accade all’intorno, per coloro che sanno leggere, il corpo e’ una registrazione vivente della vita data, della vita persa, della vita sperata e cicatrizzata è tenuto in considerazione per la sua capacità articolata di registrare reazioni immediate, sentire profondamente e intuire la verità che sa ascoltare solo il nostro cuore prima che si metta in contatto con la parte razionale che è la mente, continuamente. Andate dove Vi porta il Vs. cuore! 

 

NOI SIAMO IL FRUTTO DI QUELLO CHE MANGIAMO, RESPIRIAMO, EMOZIONIAMO. IL CORPO è IL RISULTATO DI QUESTO TRIGONO!

 

Tendiamo a pensare il corpo come quell’altro che va avanti senza di noi e se lo trattiamo bene ci fa sentire bene. Molte persone trattano il loro corpo come se fosse quello di uno schiavo, lo trattano anche bene, ma gli chiedono di assecondare i loro desideri e i loro capricci, come se fosse comunque al loro servizio.

Supponiamo che il corpo sia un dio, un maestro, una nostra guida, e allora?

E’ saggio passare la vita a costringere questo maestro che tanto ha da dirci e da insegnarci? Il suo fine e’ quello di proteggere, contenere, sostenere e di infiammare l’anima, che qui alberga, di essere un deposito per la memoria, di colmarci di sentimenti, che sono il supremo nutrimento psichico. A voi la scelta di come trattarlo se come uno schiavo o come un maestro!!!

Alimentazione, gli errori degli italiani.... - Food, the mistakes of Italians ....

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

Alimentazione, gli errori degli italiani....

Sarà l'incertezza sul futuro, ma sempre più italiani finiscono per mangiare in pochi minuti, consumando la prima cosa che capita e cercando di "recuperare" poi con cibi molto elaborati. Altri errori? Credere che dieta significhi "mangiare di meno" e non bere acqua durante i pasti.

    E' quanto emerge da uno studio di In a Bottle condotto in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1.400 italiani - uomini e donni tra i 20 e i 55 anni - per verificare gli errori che si commettono in ambito alimentare.

    In particolare, il 46% giudica un alimento in base alle calorie, tralasciando invece il suo valore nutrizionale, solo il 18% sa che bere acqua durante i pasti favorisce la digestione e ben il 42% ammette quando ha sete di consumare bibite zuccherate. Per ottimizzare i tempi della giornata, il 34% confessa di saltare la prima colazione, pensando di recuperare durante la giornata consumando cibi molto elaborati (27%). Gli alimenti più sottovalutati? Verdure (31%) e cereali (39%), secondo gli esperti indispensabili in una dieta sana ed equilibrata. Cosa si fa quando si vuole perdere peso? Un italiano su 3 (34%) confessa di rinunciare alla colazione per dimagrire, mentre altri preferiscono a pranzo mangiare poco (22%). Se il metabolismo per il 31% è "qualcosa che fa ingrassare", il termine dieta per il 48% vuol dire semplicemente ridurre la quantità di cibo, mentre solo il 28% ritiene che sia un regime alimentare che va variato e abbinato a uno stile di vita sano e corretto.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ​♻️ ♻️♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️

Food, the mistakes of Italians ....

It will be uncertainty about the future, but more and more Italians end up eating in a few minutes, consuming the first thing that happens and then trying to "recover" with very elaborate foods. Other errors? Believing that diet means "eating less" and not drinking water with meals.

    This is what emerges from a study by In a Bottle conducted on the occasion of the World Food Day with WOA (Web Opinion Analysis) methodology on about 1,400 Italians - men and women between 20 and 55 years - to verify the mistakes that are made in the food sector.

    In particular, 46% judge a food based on calories, leaving out its nutritional value, only 18% know that drinking water during meals promotes digestion and as many as 42% admit when they are thirsty to consume sugary drinks. To optimize the times of the day, 34% confessed to skipping breakfast, thinking of recovering during the day by consuming very elaborate foods (27%). The most underrated foods? Vegetables (31%) and cereals (39%), according to experts indispensable in a healthy and balanced diet. What do you do when you want to lose weight? One in 3 Italians (34%) confessed to giving up breakfast to lose weight, while others prefer to eat little for lunch (22%). If the metabolism for 31% is "something that makes you fat", the term diet for 48% simply means reducing the amount of food, while only 28% believe that it is a diet that must be varied and combined with a style of healthy and correct life.

MANUAL LYMPH DRAINAGE (Leduc method) - LINFODRENAGGIO MANUALE (metodo Leduc)

by Anna Baroni, Cento (FE) 🇮🇹 

MANUAL LYMPH DRAINAGE (Leduc method)

Lymph is an intercellular liquid with characteristics similar to blood plasma, poor in proteins and red blood cells, it is instead rich in white blood cells or lymphocytes. This liquid is nothing more than the blood plasma exuded from the arterial capillaries and from which the cells draw the nutrients.

 

In addition to providing nourishment, the lymph carries out defensive functions against pathogenic germs and their toxins. But if the stagnant lymph in the interstitial spaces would gradually run out, enriching itself instead of harmful substances, it would lose all its nutritional value.

It is therefore necessary that it circulate, that the exhausted one is removed from the tissues to favor a new inflow of vital plasma from the capillaries, and is returned to the bloodstream.

It will then be the task of the kidneys, sweat glands, liver and lungs to purify the blood from the waste of catabolism.

The lymphatic vessels, unlike the blood vessels, are colorless and appear gnarled, rosary-like because they lack numerous dovetail valves inside which, as in the veins, prevent the flow of lymph.

Although there is no propulsive organ, the continuous movement of the lymph in the vessels in the same direction is ensured mainly by the pressure of the blood plasma in the interstitial spaces and by the contractility of the vessels themselves.

 

THE IMPORTANCE OF LYMPHATIC DRAINAGE

Lymphatic drainage is the most effective means of activating, purifying and regenerating the tissues, in fact the tissue juices are renewed with each drainage.

Drainage rests on anatomical and physiological bases totally different from other massage methods: this means that through a good execution the lymphatic circulation can be accelerated even twenty times.

The lymph used is drained, and the plasma of the blood loaded with fresh oxygen and other active substances can thus penetrate the interstitial tissue in order to nourish and regenerate it.

 

The regeneration that is achieved is often complete and immediate, probably because the action exerted on the chains of the lymphatic ganglia increases the production and circulation of lymphocytes, proteins and nucleins necessary for the life of all cells. The French lymphatic drainage method Leduc is in great demand by customers and is more popular. The difference with Vodder's Lymphatic Drainage is that, for the same result, this technique is used half the time, giving the lymphatic circulation a wonderful boost to drain excess fluids and fight annoying water retention. It is more full-bodied as a manual skill and there is a very draining sensation throughout the body and face.

French lymphatic drainage is much more enveloping and pleasant for the client. In fact, it feels massaged unlike Vodder's lymphatic drainage which is very light (obviously done correctly). But not everyone understands its effectiveness. For me it remains my Holy Bible and Vodder's lymphatic drainage, an absolutely wonderful technique, I perform it on patients with symptoms of trauma, hematomas, phlebitis, post-surgery and with circulatory and lymphatic pathologies. To perform a correct Vodder it takes an hour and a half, while for the French lymphatic drainage 35/40 minutes performed entirely suitable for lymphatic but healthy people. I have been teaching both of these techniques for 35 years

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

 ANNA BARONI MASSOPHYSIOTHERAPIST BEAUTICIAN TEACHER

LINFODRENAGGIO MANUALE (metodo Leduc)

La linfa è un liquido intercellulare con caratteristiche simili al plasma sanguigno, povera di proteine e di globuli rossi, è invece ricca di globuli bianchi o Linfociti. Questo liquido non è altro che il plasma sanguigno trasudato dai capillari arteriosi e dal quale le cellule attingono gli elementi nutritivi. 

 

La linfa oltre che apportare nutrimento svolge funzioni difensive contro i germi patogeni e le loro tossine. Ma se la linfa ristagnante negli spazi interstiziali verrebbe poco a poco ad esaurirsi arricchendosi invece di sostante nocive perderebbe tutto il suo valore nutritivo.

È dunque necessario che essa circoli, che quella esaurita venga allontanata dai tessuti per favorire un nuovo afflusso di plasma vitale dei capillari, e venga ricondotta al torrente sanguigno. 

Sarà poi compito dei reni, delle ghiandole sudoripare, del fegato, dei polmoni quello di purificare il sangue dalle scorie del catabolismo. 

I vasi linfatici, a differenza di quelli sanguigni, sono incolori e si presentano nodosi, a corona di rosario perché sprovvisti nell’interno di numerosissime valvole a nido di rondine le quali, come nelle vene, impediscono il flusso della linfa. 

Pur mancando un organo propulsore il movimento continuo e sempre nello stesso senso della linfa nei vasi, è assicurato principalmente dalle pressioni del plasma sanguigno negli spazi interstiziali e dalla contrattilità dei vasi stessi. 

 

L’IMPORTANZA DEL DRENAGGIO LINFATICO

Il drenaggio linfatico è il mezzo più efficace per attivare, purificare e rigenerare i tessuti, infatti i succhi tissulari si rinnovano ad ogni drenaggio. 

Il drenaggio poggia su basi anatomiche e fisiologiche totalmente diverse dagli altri metodi di massaggio: ciò vuol dire che attraverso una buona esecuzione la circolazione linfatica può essere accelerata anche venti volte. 

La linfa usata, si trova drenata, e il plasma del sangue caricato di ossigeno fresco e di altre sostanze attive può penetrare così nel tessuto interstiziale in modo da nutrirlo e rigenerarlo. 

 

La rigenerazione che si ottiene è spesso completa e immediata probabilmente perché l’azione esercitata sulle catene dei gangli linfatici accresce la produzione e la circolazione di linfociti, proteine e nucleine necessari alla vita di tutte le cellule. Il linfodrenaggio francese metodo Leduc è molto richiesto dalle clienti e piace di più. La differenza con il Linfodrenaggio di Vodder è che, a pari risultato, con questa tecnica si utilizza la metà del tempo, ridando alla circolazione linfatica una spinta meravigliosa per drenare i liquidi 

IL TEMPIO DELLA SALUTE 

Via Tasso, 1 - 44042 Cento (FE) 

 Tel. 051-6835249 

E-mail. info@serenity-cento.it

Health & Movement Profession - Professione Salute & Movimento

Dr. Roger Battiston, physiotherapist Elite Therapist Member - Albizzate (VA) 🇮🇹

Health & Movement Profession

In our daily actions

we seek more and more

even with respect to the objects that surround us, immediate things

that don't make us move

to think

... user-friendly

but are we sure it's good for us?

the more we repeat the movement

thought

the action

The imagination

facilitating the use of things

which must be

fast

Smart with the consequence

That we become less thinking

mobile and active

the more we reduce the movement

plus our physiological capabilities

in general

reduce in quality

intensity and duration

in fact the first physiological capacity of man

it is movement

and without the movement

all other physiological capabilities

they fade and diminish slowly.

Let's think about it 😉 ...

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️

Professione Salute & Movimento​

Nelle nostre azioni quotidiane 

ricerchiamo sempre di più 

anche rispetto agli oggetti che ci circondano cose immediate 

che non ci facciano muovere 

pensare 

...user-friendly 

ma siamo sicuri che ci faccia bene??

piu ridiciamo il movimento 

pensiero 

l'azione 

L immaginazione 

facilitando l'utilizzo delle cose 

che devono essere 

veloci 

Smart con la conseguenza 

Che diventiamo meno pensanti 

mobili ed attivi 

più riduciamo il movimento 

più le nostre capacità fisiologiche 

in generale 

si riducono di qualità 

intensità e durata 

infatti la prima capacità fisiologica dell'uomo 

è il movimento 

e senza il movimento 

tutte le altre capacità fisiologiche 

si affievoliscono e si riducono piano piano.

Pensiamoci 😉...