Articles

(Articoli)

Taping & Drenaggio

by Prof. Gianluca Egidi Pescara 🇮🇹 ODM International elite partner therapist

Taping & Drainage.

MASSAGE is probably the oldest method to take care of a person, its countless methods allow you to act on the physical, mental, emotional and evolutionary level. Massages can be distinguished and classified in various ways and all techniques are effective, but each subject reacts individually according to his characteristics and we often find ourselves better with some types of massage. Each of us is invited to find the most suitable massage for himself, so that it is a complete experience, a precious gift.

CELLULITE AND TAPING ..

Why kinesiological taping facilitates the function of the lymphatic system:

Water is the main constituent of the body; the water content of the human body corresponds to 60-65% of body weight in men and 55-60% in women. The total amount of water tends to decrease with age; in fact, in children and adolescents, total water constitutes a greater share.

The total water is distributed in two compartments:

a) Intracellular b) Extracellular: 1.- intravasal 2. extravasal / interstitial

The cells receive all the substances they need from the blood by passing through the interstitial fluid, which acts as an intermediary between the blood and the cells.

Physical treatment of fluid drainage dysfunctions:

1) Attack phase: lymphatic drainage massage, followed by 10 minutes of rest in a sloping position and restraint, which will then be accompanied by the application of elastic taping (from 10 to 30 days);

2) Maintenance phase: it must be adapted to the person's drainage process: with the use of compression devices with differentiated pressure and adequate motor activity;

3) Operator absence phase: the person must be able to self-manage having learned all the rules of hygiene, habits and preventive rules of fluid stagnation.

Lympho-taping - additional treatment:

The application of elastic taping must be evaluated based on the stage of the aesthetic dysfunction.

Mechanisms of action of elastic taping:

1. The first action is given by the skin being lifted; the space that is created reduces the interstitial pressure and a flow of fluids is activated towards the area where the pressure has been reduced.

2. The second action is obtained through body movement, the elastic tape lifting the skin in an undulatory way amplifies the stretching / contraction effect. Connective adhesions are therefore reduced, obtaining an improved smoothness of the filaments between interstitial cells, endothelium, lymphangs and connective fibers. In this way, the doors of the lymphatic vessels are opened more easily and the lymph drains faster.

3. The third action is the conductive function of the elastic tape. A liquid has the property of moving along certain guideways. The tape provides for faster conduction of the lymph along the conduction structures in the desired direction.

The stretching of the skin produces the traction of the connective filaments (Leak filaments), which are directly connected to the lymphatic capillary, and all this allows the lumen of the lymphatic capillaries to be kept open (lymphatic filling of the lymphangion is favored).

These 3 principles of action represent the basis of a continuous drainage of the area of ​​application of kinesiological taping.

It is of fundamental importance, in addition to a correct application of the tape, to first perform a manual lymphatic drainage.

The combination of manual therapies and lymph-taping guarantees a further synergy for an optimal specific action on the drainage of cellulite.

Ultimately, lympho-taping determines the following effects:

a) increase in venous-lymphatic flow speed: determined by the tape in the underlying area with the displacement of fluids, a distension of the vessels; the overall effect is an increase in the speed of blood flow within the venous vessels and lymphatic outflow.

b) biochemical effects: the tension and stretching forces that are generated in the area subjected to the application of lymph-taping contribute to reducing tissue compression.

It is important to emphasize that the chosen technique will be in relation to the conditions of each individual person.

We can face three fundamental stages of cellulite:

1) soft (with a high fluid component), lymphotaping uses its characteristic of enhancing the drainage phase of the edema water component.

2) hard (with a high fibro-sclerotic component) lymphotaping exploits the ability to physically move the fluids in the context of the interstitium towards the proximal regions and direct them towards alternative drainage routes. In this way, a sort of alternative drainage path is created, making it similar to a railway track that directs towards alternative-draining areas (bypass of the lymphatic lymph node block).

3) sclerotic: There is a strong slowing of blood and lymphatic flow, with increased nodules and painful to the touch. The initial fibrosis has transformed into real sclerosis of the tissues that have caged the previous micronodules in large hard clusters.

The number of dilated capillaries, almost always present, increases. Hematomas may appear, a sign of capillary fragility. The skin surface is no longer homogeneous and smooth but has the typical "mattress" appearance, it is cold to the touch due to circulatory insufficiency, it is painful if it is touched even with modest pressure and, if it is compressed, it leaves a depression that disappears only after a few seconds: it is cellulite in the last stage.

It is important to follow the correct observances in the use of Taping:

a) A material (tape) classified by the European Community in class A is used: over-the-counter, free of drugs and other chemical substances

b) The proposed applications have an aesthetic purpose for the drainage of liquids and cellulite

c) This technique is performed after manual lymphatic drainage applications

d) A therapeutic goal is never declared, only an aesthetic one

e) The operator also has in his professional skills that of performing the drainage of body fluids, and elastic taping is a synergistic technique with this stated goal.

For more information, please contact us at 3491847174.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 

Taping & Drenaggio.

Il MASSAGGIO è probabilmente il metodo più antico per prendersi cura di una persona, i suoi innumerevoli metodi consentono di agire sul piano fisico, mentale, emotivo ed evolutivo. I massaggi possono essere distinti e classificati in vari modi e tutte le tecniche sono efficaci, ma ogni soggetto reagisce individualmente secondo le sue caratteristiche e spesso ci troviamo meglio con alcuni tipi di massaggio. Ognuno di noi è invitato a trovare il massaggio più adatto a se stesso, perché sia un’esperienza completa, un dono prezioso.

CELLULITE E TAPING..

Perché il taping kinesiologico facilita la funzione del sistema linfatico:

L’acqua è il costituente principale dell’organismo; il contenuto in acqua del corpo umano corrisponde al 60-65 % del peso corporeo nell’uomo e al 55-60% nella donna. La quantità di acqua totale tende a diminuire con l’età; nel bambino e nell’adolescente, infatti, l’acqua totale costituisce una quota maggiore.

L’acqua totale è distribuita in due compartimenti:

a) Intracellulare b) Extracellulare : 1.- intravasale 2. extravasale/interstiziale

Le cellule ricevono dal sangue tutte le sostanze di cui necessitano tramite il passaggio nel liquido interstiziale, che funge da intermediario fra il sangue e le cellule.

Trattamento fisico delle disfunzioni del drenaggio dei fluidi:

1) Fase d’attacco: massaggio linfodrenante, seguito da 10 minuti di riposo in posizione declive e contenzione, che dopo sarà accompagnata dall’applicazione del taping elastico (da 10 a 30 giorni);

2) Fase di mantenimento: deve essere adattata al processo di drenaggio della persona: con l’utilizzo di presidi compressivi a pressione differenziata e attività motoria adeguata;

3) Fase di assenza dell’operatore: la persona deve essere in grado di autogestirsi avendo appreso tutte le regole di igiene, le abitudini e le regole preventive del ristagno di fluidi.

Linfo-taping – trattamento aggiuntivo:

L’applicazione del taping elastico deve essere valutata in base allo stadio della disfunzione estetica.

Meccanismi d’azione del taping elastico:

1. La prima azione è data dalla pelle che viene sollevata; lo spazio che si crea riduce la pressione interstiziale e viene attivato un flusso dei fluidi verso la zona in cui la pressione è stata ridotta.

2. La seconda azione si ottiene attraverso il movimento corporeo, il tape elastico sollevando la pelle in modo ondulatorio amplifica l’effetto di stiramento/contrazione. Le aderenze del connettivo vengono perciò ridotte ottenendo una migliorata scorrevolezza dei filamenti tra le cellule interstiziali, dell’endotelio, dei linfangi e le fibre del connettivo. Si aprono così più facilmente le porte dei vasi linfatici e la linfa defluisce più velocemente.

3. La terza azione è la funzione conduttrice del tape elastico. Un liquido ha la proprietà di muoversi in certi binari guida. Il nastro provvede a una più veloce conduzione della linfa lungo le strutture di conduzione nella direzione desiderata.

Lo stiramento della pelle produce la trazione dei filamenti connettivali (filamenti di Leak), che sono direttamente in connessione al capillare linfatico, e tutto ciò permette di mantenere pervio il lume dei capillari linfatici ( viene favorito il riempimento linfatico del linfangione).

Questi 3 principi di azione rappresentano la base di un drenaggio continuo della zona di applicazione del taping kinesiologico.

E’ di fondamentale importanza oltre ad una corretta applicazione del nastro eseguire prima un drenaggio linfatico manuale.

La combinazione di terapie manuali e linfo-taping garantisce una ulteriore sinergia per una ottimale azione specifica sul drenaggio della cellulite.

In definitiva il linfo-taping determina i seguenti effetti:

a) aumento della velocità di flusso venoso – linfatico: determinato dal nastro nella zona sottostante con lo spostamento dei fluidi, una distensione dei vasi; l’effetto complessivo è un incremento della velocità di flusso ematico all’interno dei vasi venosi e di deflusso linfatico.

b) effetti biochimici: le forze di tensione e di stiramento che si generano nella zona sottoposta all’applicazione del linfo-taping contribuisco a ridurre la compressione tessutale.

E’ importante sottolineare che la tecnica scelta sarà in relazione alle condizioni di ogni singolo persona.

Possiamo trovarci di fronte a tre stadi fondamentali di cellulite:

1) morbida (ad elevata componente fluida), il linfotaping utilizza la sua caratteristica di potenziare la fase di drenaggio della componente idrica dell’edema.

2) dura (ad elevata componente fibro-sclerotica) il linfotaping sfrutta la capacità di spostare fisicamente i fluidi nel contesto dell’interstizio verso le regioni prossimali ed indirizzarli verso le vie alternative di drenaggio. Si crea, così, una sorta di via alternativa di drenaggio rendendosi simile ad un binario ferroviario che indirizza verso zone alternative-drenanti (bypass del blocco linfatico linfonodale).

3) sclerotica: Vi è forte rallentamento del flusso sanguigno e linfatico, con noduli aumentati e dolenti al tatto. La fibrosi iniziale si è trasformata in vera e propria sclerosi dei tessuti che hanno ingabbiato in grossi ammassi duri i micronoduli precedenti.

Il numero dei capillari dilatati, quasi sempre presenti, aumenta. Possono apparire degli ematomi, segno di fragilità capillare. La superficie cutanea non è più omogenea e levigata ma presenta il tipico aspetto “a materasso”, è fredda al tatto a causa dell’insufficienza circolatoria, è dolente se viene toccata anche con modesta pressione e, se viene compressa, lascia una depressione che scompare solo dopo alcuni secondi: è la cellulite allo ultimo stadio.

Importante seguire le giuste osservanze nell'uso del Taping:

a) Si utilizza un materiale(nastro) classificato dalla Comunità Europea in classe A: da banco, privo di farmaci e sostanze chimiche di altro genere

b) Le applicazioni proposte hanno scopo estetico per il drenaggio dei liquidi e della cellulite

c) Questa tecnica viene realizzata dopo le applicazioni manuali di linfodrenaggio

d) Non viene mai dichiarato un obiettivo terapeutico, ma solamente estetico

e) L'operatore ha nelle proprie competenze professionali anche quella di eseguire il drenaggio dei liquidi corporei, e il taping elastico è una tecnica sinergica a tale obiettivo dichiarato.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a contattarci al 3491847174.

Awakenings, by Oliver Sacks -Risvegli, di Oliver Sacks

Suggested by Prof. Dr. Salvo Nicosia, Direction of the Popular University Oliver Sacks Bagaria (PA) 🇮🇹

Specialization In Neurobiology and Neuropsychology

12 September

Awakenings, by Oliver Sacks

For ten years, between 1917 and 1927, a severe epidemic of lethargic encephalitis (sleeping sickness) swept the world. Nearly five million people were affected by the disease. Then the epidemic disappeared, as suddenly and mysteriously as it had come. A tiny fraction of the sick survived, in a sort of perpetual torpor, until 1969, when a new drug, L-DOPA, allowed them to awaken. Oliver Sacks, between 1969 and 1972, administered this drug to more than two hundred patients at Mount Carmel Hospital in New York.

Awakenings tells the stories of twenty of them. Already from these elements it is easy to realize the impressive singularity of this book. But here, once again, the decisive element is the narrator: Oliver Sacks, the one who knows how to find his way into the most remote and inaccessible experiences of his patients. Each of the people Sacks tells about here is a world apart, but all of them are united by one characteristic: that of having spent most of their lives in an unexplored and silent area, close to "the dark heart of being", and of having been thrown from the "encephalitic night" towards the "tribulations" and wonders of awakening. Shocking is the variety and quality of experiences these people are desperately trying to communicate to us. And astonishing is the ability that Sacks demonstrates here in understanding and reconstructing the dramatic fabric of such experiences. Trusting, like the great Luria, in a vision of medicine as a "romantic science", Sacks claims the definition of the disease that we read in Novalis: "Every disease is a musical problem. Every cure is a musical solution ». Precisely this assumption allowed him to access the walled worlds of people who lived in the oscillation between a terrible presence and a terrible absence. And this contact turned out to be the greatest help we can give to those who seek, with infinite pain, to find an accommodation with reality. Behind the medical records, a boundless landscape opens up here, «a very varied landscape, partly familiar, partly disturbing, with sun-beaten plateaus, bottomless abysses, volcanoes, geysers, prairies, swamps; something like Yellowstone Park: archaic, prehuman, almost prehistoric, with a feeling of powerful simmering forces all around. " Risvegli appeared in 1973 and since then the author has reworked it several times in subsequent editions

🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 🇺🇸 ♻️ 🇮🇹 

Specializzazione in Neurobiologia e Neuropsicologia

12 settembre  · 

Risvegli, di Oliver Sacks

Per dieci anni, fra il 1917 e il 1927, una grave epidemia di encefalite letargica (malattia del sonno) invase il mondo. Quasi cinque milioni di persone furono colpite dal male. Poi l’epidemia scomparve, improvvisamente e misteriosamente come era sopraggiunta. Una minuscola frazione dei malati sopravvisse, in una sorta di perpetuo torpore, fino al 1969, quando un nuovo farmaco, la L-dopa, permise di risvegliarli. Oliver Sacks, fra il 1969 e il 1972, somministrò questo farmaco a più di duecento malati al Mount Carmel Hospital di New York. 

Risvegli racconta le storie di venti di loro. Già da tali elementi è facile rendersi conto della impressionante singolarità di questo libro. Ma qui, ancora una volta, l’elemento decisivo è il narratore: Oliver Sacks, colui che sa farsi strada all’interno delle esperienze più remote e inaccessibili dei suoi pazienti. Ciascuna delle persone di cui Sacks qui racconta è un mondo a parte, ma tutte sono unite da una caratteristica: quella di aver passato la maggior parte della loro vita in una zona inesplorata e muta, vicino «al cuore oscuro dell’essere», e di essere stati sbalzati dalla «notte encefalitica» verso le «tribolazioni» e le meraviglie del risveglio. Sconvolgente è la varietà e la qualità delle esperienze che queste persone tentano disperatamente di comunicarci. E stupefacente è la capacità che qui Sacks dimostra nel capire e ricostruire il tessuto drammatico di tali esperienze. Confidando, come il grande Lurija, in una visione della medicina come «scienza romantica», Sacks rivendica la definizione della malattia che leggiamo in Novalis: «Ogni malattia è un problema musicale. Ogni cura è una soluzione musicale». Appunto questo presupposto gli ha permesso di accedere ai mondi murati di persone che vivevano nell’oscillazione fra una terribile presenza e una terribile assenza. E questo contatto si è rivelato essere il più grande aiuto che possiamo dare a chi cerca, con pena infinita, di trovare un accomodamento con la realtà. Dietro le cartelle cliniche, qui si apre uno sconfinato paesaggio, «un paesaggio molto variato, in parte familiare, in parte inquietante, con altopiani battuti dal sole, abissi senza fondo, vulcani, geyser, praterie, paludi; qualcosa come il parco di Yellowstone: arcaico, preumano, quasi preistorico, con una sensazione di potenti forze sobbollenti tutt’intorno». Risvegli apparve nel 1973 e da allora l’Autore lo ha più volte rielaborato nelle successive edizioni.

a knee prosthesis ... when is it indicated? - a protesi al ginocchio...... quando viene indicata?

Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹 Honorary member, and accredited teacher of ODM International

a knee prosthesis ... when is it indicated?

The operation is performed if osteoarthritis compromises a normal life

′ ′ If the cartilage of the knee is very damaged by arthrosis, either due to aging or a previous trauma, sometimes the only solution is the prosthesis ".

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

a protesi al ginocchio...... quando viene indicata?

L ' operazione è effettuata se l'artrosi compromette una vita normale

′′ Se la cartilagine del ginocchio è molto danneggiata dall'artrosi, sia a causa dell'invecchiamento che di un precedente trauma, talvolta l'unica soluzione è la protesi ".

Manipulation and mobilization for chronic low back pain - Manipolazione e mobilizzazione per la lombalgia cronica

by Dr. Roger Battiston, Albizzate (VA) 🇮🇹 ODM International elite partner therapist

+ Manipulation and mobilization for chronic low back pain: a systematic review and meta-analysis.

Ian D Coulter, Spine Journal, 2018

Low back pain is the most frequent osteoarticular disorder and there are many therapies adopted to combat it.

If active exercise therapy was confirmed as effective by a 2015 systematic review, it was not yet sure whether passive therapies such as manipulation and mobilization had any real effect on improving pain and disability in chronic low back pain, and whether they were safe therapies.

A systematic review of fifty-one studies - with one meta-analysis out of nine - showed that manipulation therapies reduce pain and disability, while mobilization therapies reduce pain but not disability. The evidence that led to these results is of moderate quality and has also reported these therapies as safe.

The authors of the study concluded, exactly in line with the latest studies in this field, that the approach to be preferred in patients with chronic low back pain remains the multimodal one, combining the therapies that currently have a real demonstration of efficacy according to the patient.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

+ Manipolazione e mobilizzazione per la lombalgia cronica: una revisione sistematica e meta-analisi.

Ian D Coulter, Spine Journal, 2018

La lombalgia rappresenta il disturbo osteoarticolare più frequente e tantissime sono le terapie adottate per contrastarla.

Se la terapia attiva con esercizi era stata confermata come efficace da una revisione sistematica del 2015, non era ancora sicuro che terapie passive come manipolazioni e mobilizzazioni avessero una reale efficacia sul miglioramento del dolore e della disabilità nella lombalgia cronica, e che fossero allo stesso tempo terapie sicure.

Una revisione sistematica su cinquantuno studi - con una meta-analisi su nove - ha dimostrato che le terapie con manipolazioni sono in grado di ridurre dolore e disabilità, mentre le terapie con mobilizzazioni il dolore ma non la disabilità. L’evidenza che ha portato a questi risultati è di qualità moderata e ha anche riportato queste terapie come sicure.

Gli autori dello studio hanno concluso, esattamente in linea con gli ultimi studi in questo campo, che l’approccio da prediligere nei pazienti con lombalgia cronica rimane quello multimodale, combinando a seconda dei pazienti le terapie che hanno ad oggi una reale dimostrazione di efficacia.

Physiotherapy treatment of a 65-year-old patient with hip prosthesis post femoral head fracture ... sequelae from sciatic nerve compression

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹 honorary member of ODM International

Physiotherapy treatment of a 65-year-old patient with hip prosthesis post femoral head fracture ... sequelae from sciatic nerve compression

- This video presents the re-education treatment of a 65-year-old patient with hip prosthesis post femoral head fracture ... after-effects of sciatic nerve compression with stupor and dorsal flexion deficit of the foot. www.tapingbellia.com

 

 

- This video presents the re-education treatment of a 65-year-old patient with hip prosthesis post femoral head fracture ... after-effects of sciatic nerve compression with stupor and dorsal flexion deficit of the foot. www.tapingbellia.com

ALKALIZING ACTIONS - AZIONI ALCALINIZZANTI

by pof. Gianluca Egidi, elite partner therapist

💃ALKALIZING ACTIONS

Today we are talking about good ALKALIZING habits, or those useful actions to maintain a good acid-base balance in the body, thus avoiding the onset of phenomena such as latent acidosis. 👹

Today I tell you about useful things to do not daily but a few times a week:

👉 at least 3 times a week, take a juice made with 200 g of vegetables and 100 g of fruit

👉 at least 4 times a week take millet cereal such as cold salad, or in compounds such as soups, omelettes or flans

👉 at least 3 times a week eat a handful of raisins as a snack, which you can also add to salads anyway

👉 out of 14 meals a week take 3 times the eggs and 3 times the soy or legumes

👉 Another good habit is to use alkalizing supplements on prescription.

Do you want more information?

✅ Contact us now and book your consultation ....!

📞Tel 3491847174/0852059185.

📧e-mail: gianlucaegidi00@gmail.com

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 

💃AZIONI ALCALINIZZANTI

Oggi parliamo di buone abitudini ALCALINIZZANTI, ovvero quelle azioni utili per mantenere un buon equilibrio acido-base nel corpo, evitando così l’insorgere di fenomeni come l’acidosi latente. 👹

Oggi ti parlo di cose utili da fare non quotidianamente ma alcune volte a settimana:

👉 almeno 3 volte a settimana assumi un centrifugato fatto con 200 gr verdura e 100 gr di frutta

👉 almeno 4 volte a settimana assumi il cereale miglio tipo insalata fredda, o in composti come zuppe, frittate o sformati

👉 almeno 3 volte settimana assumi come spuntino una manciata di uvetta sultanina, che puoi aggiungere comunque anche a delle insalate

👉 su 14 pasti settimanali assumi 3 volte le uova e 3 volte la soia o legumi

👉 Un’altra buona abitudine è quella di utilizzare degli integratori alcalinizzanti su prescrizione medica.

💃Vuoi più informazioni?

✅ Contattaci subito e prenota la tua consulenza....!

📞Tel 3491847174 / 0852059185.

📧e-mail: gianlucaegidi00@gmail.com

Osteomyelitis: Severe scarring complex physiotherapy treatment - Osteomielite: Cicatrici gravi trattamento fisioterapico complesso

by Prof- Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹 

Osteomyelitis: Severe scarring complex physiotherapy treatment

Severe scars complex treatment: kinesiological taping, deep transverse massage, cupping therapy, InterX, crochetage, global postural stretching.

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

Osteomielite: Cicatrici gravi trattamento fisioterapico complesso

Cicatrici gravi trattamento complesso: taping kinesiologico, massaggio trasverso profondo, cupping therapy, InterX, crochetage, stretching posturale globale.

https://tapingbellia.com/cicatrici-gravi-trattamento-complesso/?fbclid=IwAR2VCJUbaoNFLz7wPzIs3p1Eb2WZmjXQ21hQQr_rsVyb-yzBWVk15WId4fo

CALCIFIC TENDINOPATHY OF THE SHOULDER - TENDINOPATIA CALCIFICA DELLA SPALLA

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

CALCIFIC TENDINOPATHY OF THE SHOULDER

Shoulder calcifications are synonymous with a condition known as "calcific tendinopathy". Often asymptomatic, they can be the cause of sudden and intense pain associated with a significant reduction in movement and functionality of the upper limb. Non-surgical treatment proves to be decisive in most cases and arthroscopic intervention is rarely necessary.

Come and discover our "DIGI PRESSO FASCIALE" technique .. !!!

In a completely natural way and without drugs we will restore you to well-being !!!

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 

TENDINOPATIA CALCIFICA DELLA SPALLA

Le calcificazioni alla spalla sono sinonimo di una patologia nota come “tendinopatia calcifica“. Spesso asintomatiche, possono essere la causa di dolore improvviso e intenso associato a riduzione notevole del movimento e della funzionalità dell’arto superiore. Il trattamento non chirurgico si dimostra risolutivo nella maggior parte dei casi e solo raramente risulta necessario l’intervento in artroscopia.

Vieni a scoprire la nostra tecnica "DIGI PRESSO FASCIALE"..!!!

In maniera del tutto naturale e senza farmaci ti riporteremo al benessere!!!

Physiomassage

by Anna Baroni, Cento (FE) 🇮🇹

Physiomassage by Anna Baroni, Cento (FE) 🇮🇹

 

Beautician, author of texts, teacher, flower therapist, massage physiotherapist.

Owner of the Beauty Farm "Il Tempio della Salute Annabel" located in Cento di Ferrara. He has created a working method that encompasses the experience of over 35 years of activity in the field of wellness, studies and research, but which is above all the result of the numerous results obtained on his customers.

Over 35 manual techniques constitute his wealth of knowledge, techniques from which he has explored the most effective maneuvers, merging them into his personal methods, which he teaches today in his courses. He has trained over 9,300 beauticians, working for various leading companies in the sector for over 20 years and collaborating with all the training bodies of Ecipar, Formart, CNA, Sem having the role of EAPQ for professional qualification exams.

She currently collaborates actively with ODM and IMA international massage associations, participated as Sponsor in the 2019 edition of the European Massage Championship having been sponsor and guest as a membership with EMA (European Massage Association) and participated in the World Championship held in Copenhagen (June 2019), bringing the latest innovative techniques designed by her in her dedicated space emotions in motion, presenting the best known crown of her massages:

- Soul Massage (massage of the soul performed blindfolded)

- Emotional massage with Dr. Bach flowers

 -PHISOMASSAGE

 -ENERGY PHYSIOMASSAGE

 

THE TRUE WAY IS THAT OF THE HEART

 

"Any is just a way and there is no affront to abandon it if this is what your heart tells you to do".

Examine each way carefully, try it as many times as you deem necessary. So ask yourself only one question: “Does this way have a heart?”; if it has it, the way is good, if it does not, it is useless.

 The way must always be glimpsed before being seen and lived. We must also be able to see what lies behind appearances, because reality is an illusion and not because it does not exist, but because there is another face that we do not see: in fact, we always only see one face of the moon! By learning to see this difference, one can enter the person's unconscious. It is necessary to know how to observe and see even what is not seen.

If you want to restrict you have to extend, if you want to weaken you have to strengthen, if you want to take you have to offer.

We must learn to take care of our balance and our state of health and all this NOW and not tomorrow.

"Time is a reality enclosed in an instant and suspended between two nothing"

 

 

BEYOND MASSAGE: AN EXCHANGE OF ENERGIES

 

In recent years she has managed to create a working method that reflects her experience of over 17 years of work, studies and research.

However, his method respects the fundamental rules that follow the principle of massage as, to bring balance to any body, the three body phases must be respected correctly, which must be prepared and detoxified by following these phases:

 

1) CONNECTIVE

2) MUSCLE

3) ARTICULATION

4) EMOTIONS

5) SPIRIT

 

PHYSIOMASSAGE

 

Physiomassage is born from the combination of seven massage techniques, mostly Western (perceptive, ayurveda, gestal, connective and lymphatic drainage, energetic and Californian) which act simultaneously on: lymphatic system, muscle fascia and structural aponeurosis.

It is a treatment that offers immediate well-being from the very first session: it reduces the areas affected by cellulite, improves muscle tone and brings benefits to posture; all this because it promotes the drainage of liquids, stimulates cellular metabolism and tissue oxygenation, and at the same time alleviates psychological tension, relaxing and stretching the nerves.

A truly emotional and complete massage below, all points of view

ENERGY PHYSIOMASSAGE

 

Energetic Physiomassage can be safely defined as the "completion" of Physiomassage, as it follows the oriental philosophy, in fact it is the combination of five massage techniques deriving from physiotherapy, kinesiology and reflex energetics, more precisely: pain therapy (specifically for the back), muscle rebalancing, shiatsu, perceptual, body plasma (technique that works on the most important acupressure meridians: V, VB, R, MP, E, F).

This method has been integrated by the theory of the five elements which, being the most complete energy analysis technique, gives the possibility to identify the energetic and organic weaknesses, thus stimulating and strengthening the deficient meridian.

In this way, both aesthetic and organic results are obtained in a short time.

The Energy Physiomassage acts where there are energy blocks, for example on constipation, headaches, water retention and atony, promoting the release of venous and lymphatic stasis. It improves circulation, reduces cellulite, relieves tension and rebalances the muscular system by correcting postural imbalances.

 

Anna Baroni strongly believes in these two massage techniques and what she always says at the end of her courses is: learn the technique and when you know the massage perfectly, during the execution only 10% will be technical, for 90% you will transmit to yours LOVE customer, and in this way you will gain all her trust and perseverance in following every advice you give her.

The body is considered a sensor, an information network of a messenger with a myriad of communication systems: cardiovascular, respiratory, bone, autonomous, as well as emotional and intuitive.

In the imaginary world, the body is a powerful vehicle, it has two sets of ears, one to listen to the profane world, the other to listen to the soul and contact with higher worlds; two sets of eyes, one for normal vision, the other for the opening of the third eye, able to perceive the AURA and what concerns its physical and emotional state, not to mention the strength of the muscles and the invincible strength of the soul. The body uses the skin and the aponeurotic membranes and the flesh to record everything that happens around it, for those who can read, the body is a living record of the given life, of the lost life, of the hoped for and scarred life. consideration for its articulated ability to register immediate reactions, feel deeply and intuit the truth that only knows how to listen to our heart before it gets in touch with the rational part that is the mind, continuously. Go where your heart takes you!

 

WE ARE THE FRUIT OF WHAT WE EAT, BREATHE, EMOTION. THE BODY IS THE RESULT OF THIS TRIGON!

 

We tend to think of the body as the other that goes on without us and if we treat it well it makes us feel good. Many people treat their body as if it were that of a slave, they also treat it well, but they ask it to indulge their wishes and whims, as if it were in their service anyway.

Suppose the body is a god, a teacher, our guide, so what?

Is it wise to spend your life forcing this teacher who has so much to tell and teach us? Its purpose is to protect, contain, support and inflame the soul, which houses here, to be a deposit for memory, to fill us with feelings, which are the supreme psychic nourishment. The choice is yours of how to treat him whether as a slave or as a master !!!

Il fisiomassaggio di Anna Baroni

 

Estetista, autrice di testi, docente, floriterapeuta, massofisioterapista. 

Titolare della Beauty Farm “Il Tempio della Salute Annabel” situato a Cento di Ferrara. Ha realizzato un metodo di lavoro che racchiude l'esperienza di oltre 35 anni di attività nel campo del benessere, di studi e di ricerche, ma che soprattutto è frutto dei numerosi risultati ottenuti sulla sua clientela. 

Oltre 35 tecniche manuali costituiscono il suo patrimonio di conoscenza, tecniche dalle quali ha esplorato le manovre più efficaci, fondendole nelle sue personali metodiche, che oggi insegna nei suoi corsi. Ha formato oltre 9.300 estetiste, lavorando per diverse aziende Leader del settore per oltre 20 anni e collaborando con tutti gli Enti Formativi dell'Ecipar, Formart, della CNA, Sem avendo il ruolo di EAPQ per gli esami di qualifiche professionali. 

Attualmente collabora attivamente con ODM ed IMA associazioni internazionali di Massaggio , ha partecipato come Sponsor all'edizione 2019 del Campionato Europeo del Massaggio essendo stata sponsor e ospite come membership con EMA (European Massage Association) e  ha partecipato  al Campionato Mondiale tenutosi a Copenaghen (Giugno 2019), portando le ultime tecniche innovative da lei ideate nel suo spazio dedicato emozioni in movimento presentando la corona piu conosciuta dei sui massaggi  : 

- Soul Massage ( massaggio dell’anima lo esegue  bendata )

- Emotional massage con i fiori del dott Bach 

 -FISOMASSAGGIO

 -FISIOMASAGGIO ENERGETICO 

LA VERA VIA E' QUELLA DEL CUORE

 

“Qualsiasi è solo una via e non c'è affronto ad abbandonarla se questo è ciò che il cuore ti dice di fare”.

Esamina ogni via con accuratezza, provala tutte le volte che lo ritieni necessario. Quindi poni a te stesso soltanto una domanda: “questa via ha un cuore?”; se lo ha , la via è buona, se non lo ha, non serve a nulla.

 La via deve sempre essere intravista prima di essere vista e vissuta. Bisogna saper scorgere anche ciò che sta dietro alle apparenze, perchè la realtà è illusione e non perchè non esiste, ma perchè c'è un'altra faccia che noi non vediamo: infatti, vediamo sempre e soltanto una faccia della luna! Imparando a scorgere questa differenza, si può entrare nell'inconscio della persona. Bisogna saper osservare e vedere anche ciò che non si vede. 

Se si vuol restringere bisogna estendere, se si vuol indebolire bisogna rafforzare, se si vuol prendere bisogna offrire. 

Dobbiamo imparare ad occuparci del nostro equilibrio e del nostro stato di salute e tutto ciò da SUBITO e non da domani. 

“Il tempo è una realtà racchiusa in un istante e sospesa tra due nulla”

 

 

OLTRE IL MASSAGGIO: UNO SCAMBIO DI ENERGIE

 

In questi ultimi anni è riuscita a realizzare un metodo di lavoro che rispecchia la sua esperienza di oltre 17 anni di lavoro, di studi e di ricerche. 

Il suo metodo rispetta comunque delle regole fondamentali che seguono il principio del massaggio in quanto, per portare equilibrio in un qualsiasi corpo, bisogna rispettare in modo corretto le tre fasi corporee che devono essere preparate e detossinate seguendo queste fasi: 

 

1) CONNETTIVO 

2) MUSCOLO 

3) ARTICOLAZIONE 

4) EMOZIONI 

5) SPIRITO

 

FISIOMASSAGGIO

 

Il Fisiomassaggio nasce dalla combinazione di sette tecniche di massaggio, per lo più occidentali         (percettivo, ayurveda, gestal, connettivo e linfodrenaggio ,energetico e californiano ) che agiscono contemporaneamente su: sistema linfatico, fascia muscolare e aponeurosi strutturale.

E’ un trattamento che già dalla prima seduta offre un immediato benessere: riduce le zone colpite dalla cellulite, migliora il tono muscolare e apporta benefici alla postura; tutto questo perché favorisce il drenaggio dei liquidi, stimola il metabolismo cellulare e l’ossigenazione dei tessuti, e al tempo stesso attenua la tensione psicologica, rilassando e distendendo i nervi.

Un massaggio davvero emozionale e completo sotto, tutti i punti di vista.

 

L’obiettivo del Fisiomassaggio, è quello di offrire alle estetiste un trattamento massoterapico completo, efficace, capace di rispondere alle diverse necessità della Clientela.

 

Infatti, grazie alla sua particolare tecnica che agisce a tre diversi livelli (sistema linfatico, fascia muscolare e aponeurosi strutturale), risponde efficacemente a due diverse esigenze:

  • Combatte lo stress, attenuando la tensione psicologica e favorendo il recupero de benessere psico – fisico:

  • Previene e combatte gli inestetismi della figura femminile (come la cellulite), favorendo il riequilibrio della funzionalità dei tessuti.

 

 

Le sue funzioni:

 

  • Migliora il drenaggio dei liquidi (sangue e linfa);

  • Stimola il metabolismo cellulare e quindi l’ossigenazione dei tessuti;

  • Ridona elasticità ai muscoli;

  • Riduce le tensioni muscolari e lo stress;

  • Facilita la mobilitazione dei depositi adiposi sottocutanei;

  • Previene e combatte i vari stadi di cellulite;

  • Agisce beneficamente su tutte le funzioni organiche;

  • Migliora la postura;

  • Aumenta la consapevolezza del proprio corpo e del proprio stato emotivo.

 

 

I suoi effetti:

 

  • Rimodella il corpo;

  • Riduce la cellulite;

  • Elimina il gonfiore e il senso di pesantezza;

  • Rilassa e distende i nervi;

  • Migliora lo stato psicofisico.

 

Il bene più prezioso è la nostra salute. Il nostro corpo piange come può. Il corpo ci avvisa con i suoi segnali e dobbiamo imparare ad ascoltarlo e non rimandare la sua richiesta di aiuto. Il corpo spesso è il frutto dei conflitti tra la nostra mente ed il nostro cuore. Nel tempo ci parla con il suo linguaggio fisico ed emozionale; inizialmente ci avvisa con dei classici e semplici disturbi (gonfiore, ritenzione idrica, dolori muscoloarticolari, tensioni, stipsi, dissenteria, mal di testa, amenorrea ecc..). Quanti sono attenti a questi messaggi? Se vengono trascurati e non si agisce in maniera corretta, questi possono trasformarsi in possibili patologie. Attraverso il Fisiomassaggio ed i punti energetici riflessi in questa tecnica, andiamo a prevenire e a rafforzare la parte fisica ed emozionale del corpo. Il terapista diventa il direttore d'orchestra che, attraverso il linguaggio del corpo, saprà toccare i tasti giusti per riportare armonia olistica al cliente.

 

“NOI SIAMO IL FRUTTO DI QUELLO CHE MANGIAMO, RESPIRIAMO, EMOZIONIAMO. IL CORPO E’ IL RISULTATO DI QUESTO TRIGONO!”

 

 

Il Fisiomassaggio è e sarà sempre la mia preferita tecnica in quanto in una sola seduta ha la capacità di portare una diminuzione idrica che varia dai 2 – 4 cm a seconda del tipo di cellulite che troviamo sulla cliente. Per questo sono stata premiata alla manifestazione tenuta al Cosmoprof nel 1995 come professionista emergente per l’ideazione innovativa di questa meravigliosa e unica tecnica di cui ho portato il mio insegnamento a oltre 9000 estetiste, le quali, ricordano perfettamente i risultati che tuttora ottengono sulle proprie Clienti dal momento che ricevo tuttora telefonate e lettere di ringraziamento che testimoniano la sua efficacia, diffidate dalle imitazioni .

 

 

 

 

 

FISIOMASSAGGIO ENERGETICO

 

Il Fisiomassaggio Energetico può essere tranquillamente definito il “completamento” del Fisiomassaggio, in quanto segue la filosofia orientale, infatti è la combinazione di cinque tecniche di massaggio derivanti dalla fisioterapia, cinesiologica e dall’energetica riflessa, più precisamente: terapia del dolore (specificatamente per la schiena), riequilibrio muscolare, shiatsu, percettivo, plasmatica corporea (tecnica che lavora sui meridiani di digitopressione più importanti: V, VB, R, MP, E, F).

Questo metodo è stato integrato dalla teoria dei cinque elementi che, essendo la più completa tecnica di analisi energetica, dà la possibilità di individuare le debolezze energetiche e organiche andando quindi a stimolare e potenziare il meridiano carente.

In questo modo i risultati sia estetici che organici si ottengono in tempi brevi.

Il Fisiomassaggio Energetico va ad agire là dove esistono dei blocchi energetici, ad esempio sulla stipsi, sulle cefalee, sulla ritenzione idrica e sull’atonia, favorendo lo sblocco delle stasi venose e linfatiche. Migliora la circolazione, riduce la cellulite, attenua le tensioni riequilibria l’apparato muscolare correggendo gli squilibri posturali.

 

Anna Baroni crede molto in queste due tecniche di massaggio e ciò che dice sempre al termine dei suoi corsi è: imparate la tecnica e quando conoscerete perfettamente il massaggio, durante l’esecuzione solo il 10% sarà tecnica, per il 90% trasmetterete alla vostra cliente AMORE, ed in questo modo conquisterete tutta la sua fiducia e la costanza nel seguire ogni consiglio che le darete.

Il corpo e’ considerato un sensore, una rete informativa di un messaggero con miriadi di sistemi di comunicazione: cardiovascolare, respiratorio, osseo, autonomo, nonché emotivo ed intuitivo.

Nel mondo immaginifico, il corpo è un potente veicolo, possiede due serie di orecchie, una per ascoltare il mondo profano, l’altra  per ascoltare l’anima e il contatto con mondi superiori; due serie di occhi, una per la normale visione, l’altra per l’apertura del terzo occhio, in grado di percepire l’AURA e ciò che concerne il suo stato fisico ed emozionale, senza contare la forza dei muscoli e l’invincibile forza dell’anima. Il corpo usa la pelle e le membrane aponeurotiche e la carne per registrare tutto quanto accade all’intorno, per coloro che sanno leggere, il corpo e’ una registrazione vivente della vita data, della vita persa, della vita sperata e cicatrizzata è tenuto in considerazione per la sua capacità articolata di registrare reazioni immediate, sentire profondamente e intuire la verità che sa ascoltare solo il nostro cuore prima che si metta in contatto con la parte razionale che è la mente, continuamente. Andate dove Vi porta il Vs. cuore! 

 

NOI SIAMO IL FRUTTO DI QUELLO CHE MANGIAMO, RESPIRIAMO, EMOZIONIAMO. IL CORPO è IL RISULTATO DI QUESTO TRIGONO!

 

Tendiamo a pensare il corpo come quell’altro che va avanti senza di noi e se lo trattiamo bene ci fa sentire bene. Molte persone trattano il loro corpo come se fosse quello di uno schiavo, lo trattano anche bene, ma gli chiedono di assecondare i loro desideri e i loro capricci, come se fosse comunque al loro servizio.

Supponiamo che il corpo sia un dio, un maestro, una nostra guida, e allora?

E’ saggio passare la vita a costringere questo maestro che tanto ha da dirci e da insegnarci? Il suo fine e’ quello di proteggere, contenere, sostenere e di infiammare l’anima, che qui alberga, di essere un deposito per la memoria, di colmarci di sentimenti, che sono il supremo nutrimento psichico. A voi la scelta di come trattarlo se come uno schiavo o come un maestro!!!

Alimentazione, gli errori degli italiani.... - Food, the mistakes of Italians ....

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

Alimentazione, gli errori degli italiani....

Sarà l'incertezza sul futuro, ma sempre più italiani finiscono per mangiare in pochi minuti, consumando la prima cosa che capita e cercando di "recuperare" poi con cibi molto elaborati. Altri errori? Credere che dieta significhi "mangiare di meno" e non bere acqua durante i pasti.

    E' quanto emerge da uno studio di In a Bottle condotto in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1.400 italiani - uomini e donni tra i 20 e i 55 anni - per verificare gli errori che si commettono in ambito alimentare.

    In particolare, il 46% giudica un alimento in base alle calorie, tralasciando invece il suo valore nutrizionale, solo il 18% sa che bere acqua durante i pasti favorisce la digestione e ben il 42% ammette quando ha sete di consumare bibite zuccherate. Per ottimizzare i tempi della giornata, il 34% confessa di saltare la prima colazione, pensando di recuperare durante la giornata consumando cibi molto elaborati (27%). Gli alimenti più sottovalutati? Verdure (31%) e cereali (39%), secondo gli esperti indispensabili in una dieta sana ed equilibrata. Cosa si fa quando si vuole perdere peso? Un italiano su 3 (34%) confessa di rinunciare alla colazione per dimagrire, mentre altri preferiscono a pranzo mangiare poco (22%). Se il metabolismo per il 31% è "qualcosa che fa ingrassare", il termine dieta per il 48% vuol dire semplicemente ridurre la quantità di cibo, mentre solo il 28% ritiene che sia un regime alimentare che va variato e abbinato a uno stile di vita sano e corretto.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ​♻️ ♻️♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️

Food, the mistakes of Italians ....

It will be uncertainty about the future, but more and more Italians end up eating in a few minutes, consuming the first thing that happens and then trying to "recover" with very elaborate foods. Other errors? Believing that diet means "eating less" and not drinking water with meals.

    This is what emerges from a study by In a Bottle conducted on the occasion of the World Food Day with WOA (Web Opinion Analysis) methodology on about 1,400 Italians - men and women between 20 and 55 years - to verify the mistakes that are made in the food sector.

    In particular, 46% judge a food based on calories, leaving out its nutritional value, only 18% know that drinking water during meals promotes digestion and as many as 42% admit when they are thirsty to consume sugary drinks. To optimize the times of the day, 34% confessed to skipping breakfast, thinking of recovering during the day by consuming very elaborate foods (27%). The most underrated foods? Vegetables (31%) and cereals (39%), according to experts indispensable in a healthy and balanced diet. What do you do when you want to lose weight? One in 3 Italians (34%) confessed to giving up breakfast to lose weight, while others prefer to eat little for lunch (22%). If the metabolism for 31% is "something that makes you fat", the term diet for 48% simply means reducing the amount of food, while only 28% believe that it is a diet that must be varied and combined with a style of healthy and correct life.

MANUAL LYMPH DRAINAGE (Leduc method) - LINFODRENAGGIO MANUALE (metodo Leduc)

by Anna Baroni, Cento (FE) 🇮🇹 

MANUAL LYMPH DRAINAGE (Leduc method)

Lymph is an intercellular liquid with characteristics similar to blood plasma, poor in proteins and red blood cells, it is instead rich in white blood cells or lymphocytes. This liquid is nothing more than the blood plasma exuded from the arterial capillaries and from which the cells draw the nutrients.

 

In addition to providing nourishment, the lymph carries out defensive functions against pathogenic germs and their toxins. But if the stagnant lymph in the interstitial spaces would gradually run out, enriching itself instead of harmful substances, it would lose all its nutritional value.

It is therefore necessary that it circulate, that the exhausted one is removed from the tissues to favor a new inflow of vital plasma from the capillaries, and is returned to the bloodstream.

It will then be the task of the kidneys, sweat glands, liver and lungs to purify the blood from the waste of catabolism.

The lymphatic vessels, unlike the blood vessels, are colorless and appear gnarled, rosary-like because they lack numerous dovetail valves inside which, as in the veins, prevent the flow of lymph.

Although there is no propulsive organ, the continuous movement of the lymph in the vessels in the same direction is ensured mainly by the pressure of the blood plasma in the interstitial spaces and by the contractility of the vessels themselves.

 

THE IMPORTANCE OF LYMPHATIC DRAINAGE

Lymphatic drainage is the most effective means of activating, purifying and regenerating the tissues, in fact the tissue juices are renewed with each drainage.

Drainage rests on anatomical and physiological bases totally different from other massage methods: this means that through a good execution the lymphatic circulation can be accelerated even twenty times.

The lymph used is drained, and the plasma of the blood loaded with fresh oxygen and other active substances can thus penetrate the interstitial tissue in order to nourish and regenerate it.

 

The regeneration that is achieved is often complete and immediate, probably because the action exerted on the chains of the lymphatic ganglia increases the production and circulation of lymphocytes, proteins and nucleins necessary for the life of all cells. The French lymphatic drainage method Leduc is in great demand by customers and is more popular. The difference with Vodder's Lymphatic Drainage is that, for the same result, this technique is used half the time, giving the lymphatic circulation a wonderful boost to drain excess fluids and fight annoying water retention. It is more full-bodied as a manual skill and there is a very draining sensation throughout the body and face.

French lymphatic drainage is much more enveloping and pleasant for the client. In fact, it feels massaged unlike Vodder's lymphatic drainage which is very light (obviously done correctly). But not everyone understands its effectiveness. For me it remains my Holy Bible and Vodder's lymphatic drainage, an absolutely wonderful technique, I perform it on patients with symptoms of trauma, hematomas, phlebitis, post-surgery and with circulatory and lymphatic pathologies. To perform a correct Vodder it takes an hour and a half, while for the French lymphatic drainage 35/40 minutes performed entirely suitable for lymphatic but healthy people. I have been teaching both of these techniques for 35 years

♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️ 🇮🇹 ♻️

 ANNA BARONI MASSOPHYSIOTHERAPIST BEAUTICIAN TEACHER

LINFODRENAGGIO MANUALE (metodo Leduc)

La linfa è un liquido intercellulare con caratteristiche simili al plasma sanguigno, povera di proteine e di globuli rossi, è invece ricca di globuli bianchi o Linfociti. Questo liquido non è altro che il plasma sanguigno trasudato dai capillari arteriosi e dal quale le cellule attingono gli elementi nutritivi. 

 

La linfa oltre che apportare nutrimento svolge funzioni difensive contro i germi patogeni e le loro tossine. Ma se la linfa ristagnante negli spazi interstiziali verrebbe poco a poco ad esaurirsi arricchendosi invece di sostante nocive perderebbe tutto il suo valore nutritivo.

È dunque necessario che essa circoli, che quella esaurita venga allontanata dai tessuti per favorire un nuovo afflusso di plasma vitale dei capillari, e venga ricondotta al torrente sanguigno. 

Sarà poi compito dei reni, delle ghiandole sudoripare, del fegato, dei polmoni quello di purificare il sangue dalle scorie del catabolismo. 

I vasi linfatici, a differenza di quelli sanguigni, sono incolori e si presentano nodosi, a corona di rosario perché sprovvisti nell’interno di numerosissime valvole a nido di rondine le quali, come nelle vene, impediscono il flusso della linfa. 

Pur mancando un organo propulsore il movimento continuo e sempre nello stesso senso della linfa nei vasi, è assicurato principalmente dalle pressioni del plasma sanguigno negli spazi interstiziali e dalla contrattilità dei vasi stessi. 

 

L’IMPORTANZA DEL DRENAGGIO LINFATICO

Il drenaggio linfatico è il mezzo più efficace per attivare, purificare e rigenerare i tessuti, infatti i succhi tissulari si rinnovano ad ogni drenaggio. 

Il drenaggio poggia su basi anatomiche e fisiologiche totalmente diverse dagli altri metodi di massaggio: ciò vuol dire che attraverso una buona esecuzione la circolazione linfatica può essere accelerata anche venti volte. 

La linfa usata, si trova drenata, e il plasma del sangue caricato di ossigeno fresco e di altre sostanze attive può penetrare così nel tessuto interstiziale in modo da nutrirlo e rigenerarlo. 

 

La rigenerazione che si ottiene è spesso completa e immediata probabilmente perché l’azione esercitata sulle catene dei gangli linfatici accresce la produzione e la circolazione di linfociti, proteine e nucleine necessari alla vita di tutte le cellule. Il linfodrenaggio francese metodo Leduc è molto richiesto dalle clienti e piace di più. La differenza con il Linfodrenaggio di Vodder è che, a pari risultato, con questa tecnica si utilizza la metà del tempo, ridando alla circolazione linfatica una spinta meravigliosa per drenare i liquidi 

IL TEMPIO DELLA SALUTE 

Via Tasso, 1 - 44042 Cento (FE) 

 Tel. 051-6835249 

E-mail. info@serenity-cento.it

Health & Movement Profession - Professione Salute & Movimento

Dr. Roger Battiston, physiotherapist Elite Therapist Member - Albizzate (VA) 🇮🇹

Health & Movement Profession

In our daily actions

we seek more and more

even with respect to the objects that surround us, immediate things

that don't make us move

to think

... user-friendly

but are we sure it's good for us?

the more we repeat the movement

thought

the action

The imagination

facilitating the use of things

which must be

fast

Smart with the consequence

That we become less thinking

mobile and active

the more we reduce the movement

plus our physiological capabilities

in general

reduce in quality

intensity and duration

in fact the first physiological capacity of man

it is movement

and without the movement

all other physiological capabilities

they fade and diminish slowly.

Let's think about it 😉 ...

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️

Professione Salute & Movimento​

Nelle nostre azioni quotidiane 

ricerchiamo sempre di più 

anche rispetto agli oggetti che ci circondano cose immediate 

che non ci facciano muovere 

pensare 

...user-friendly 

ma siamo sicuri che ci faccia bene??

piu ridiciamo il movimento 

pensiero 

l'azione 

L immaginazione 

facilitando l'utilizzo delle cose 

che devono essere 

veloci 

Smart con la conseguenza 

Che diventiamo meno pensanti 

mobili ed attivi 

più riduciamo il movimento 

più le nostre capacità fisiologiche 

in generale 

si riducono di qualità 

intensità e durata 

infatti la prima capacità fisiologica dell'uomo 

è il movimento 

e senza il movimento 

tutte le altre capacità fisiologiche 

si affievoliscono e si riducono piano piano.

Pensiamoci 😉...

Massotherapy or Therapeutic Massage. - La Massoterapia o Massaggio Terapeutico

by Professor Gianluca Egidi, elite Therapist Pescara 🇮🇹

Massotherapy or Therapeutic Massage

Massage therapy, a generic term to indicate any type of therapeutic and / or preventive massage and is considered the oldest form of physical therapy used over time by different civilizations, to relieve pain and loosen contractures, removing fatigue.

The physiotherapist, contrary to the collective imagination, is not a masseur, but uses massage therapy for therapeutic purposes; in fact, massage is only one of the tools that can be used to treat and manage various outcomes of orthopedic and non-orthopedic pathologies, such as back pain and lymphedema.

Massage, as with any medical technique and practice, is not always indicated as there are particular clinical conditions in which it would be better to avoid it, while there are others in which it is absolutely forbidden.

Since, in the health sector, the patient's health must always be at the center of everything, it is essential to contact qualified physiotherapists who are able to understand how best to behave for the maximum protection of the patient's health.

Massage therapy is not synonymous with manual therapy and very often we fall into error because there are substantial differences.

Today, massage therapy in the field of health is considered a real effective medical therapy in case of trauma, muscle pain, psycho-physical stress, as already mentioned in association with other techniques and technologies. It is important to always rely on graduate physiotherapists to carry out massage therapy treatments. Many patients undergo treatment by abusive and non-medical personnel, this certainly puts their health at risk. If you want to rely on experts and start solving the problem, consult the register of physiotherapists to understand if the professional you are entrusting to is a real physiotherapist or not.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️

La Massoterapia o Massaggio Terapeutico

La massoterapia, termine generico per indicare un qualsiasi tipo di massaggio terapeutico e/o preventivo ed è considerata la più antica forma di terapia fisica utilizzata nel tempo da differenti civiltà, per alleviare dolori e sciogliere le contratture, allontanando la fatica.

Il fisioterapista, contrariamente all’immaginario collettivo, non è un massaggiatore, ma si avvale della massoterapia a fini terapeutici; il massaggio, infatti, rappresenta solo uno degli strumenti di cui può servirsi per trattare e gestire diversi esiti di patologie, ortopediche e non, come il mal di schiena e il linfedema.

Il massaggio, come accade per ogni tecnica e pratica medica, non sempre risulta indicato poiché vi sono delle particolari condizioni cliniche in cui sarebbe meglio evitarlo, mentre ve ne sono altre in cui è assolutamente vietato.

Dal momento che, in ambito sanitario, al centro di tutto deve sempre esserci la saluta del paziente, risulta fondamentale rivolgersi a fisioterapisti qualificati in grado di capire come è meglio comportarsi per la massima tutela della salute del paziente.

Massoterapia non è sinonimo di terapia manuale e molto spesso si cade in errore poiché vi sono delle differenze sostanziali.

Oggi, la Massoterapia nell’ ambito della salute, viene considerata una vera e propria terapia medica efficace in caso di traumi, dolori muscolari, stress psico-fisico, come già detto in associazione ad altre tecniche e tecnologie. È importante affidarsi sempre a fisioterapisti laureati per effettuare trattamenti di massoterapia. Molti pazienti effettuano trattamenti da abusivi e da personale non sanitario, questo sicuramente mette a rischio la loro salute. Se vuoi affidarti a degli esperti e iniziare a risolvere il problema, consulta l'albo dei fisioterapisti per capire se il professionista a cui ti stai affidando sia un vero fisioterapista oppure no.

How to unlock the diaphragm: muscle of serenity - Come sbloccare il diaframma: muscolo della serenità

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹 Socio ad honorem e docente accreditato ODM International

There is still very little talk of the diaphragm. And that's a shame given its importance. This particular muscle is formed already in the early embryonic stages and is formed by the transfer of different structures starting from the third to the fifth cervical vertebrae. This hints at why when the diaphragm is blocked, the cervical area also hurts. But the links between the diaphragm and the state of health are very broad and also include our way of being.

 

Today it is also called the "muscle of serenity", a phrase coined by Andrew Taylor Still, founder of osteopathy who, when referring to the diaphragm of the chest, wrote: "Through me you live and through me you die. In my hands I have the power of life and death, learn to know me and be serene ». According to him, in fact, a blocked diaphragm can give rise to various emotional problems.

 

We have the opportunity to verify our diaphragmatic freedom through a simple exercise. The palms of the hands are placed around the rib area and breathe normally for about five or six times. During breathing you have to be very careful if the two costal arches expand in exactly the same way. It is very common in emotional disorders that one of the two parts opens slightly less.

If one of the two parts opens a little less, we can help the diaphragm with localized assisted breathing. If, for example, we feel that the opening space on the right is smaller, we can turn our head towards the opposite side, to the left, and breathe through our nose. Several breaths are performed until the contracted area begins to free and widen. If the restriction is felt on the left, the reverse exercise must be performed.

When finished, if the exercises have been done correctly, the diaphragm should open correctly from both sides. To check this and to finish the exercise, you breathe normally with your head in a frontal position. For each part, at least five series, and a final one, of five breaths should be performed to harmonize breathing and emotions.

 

Exercises to learn how to breathe well

Every 31 minutes you have to take a deep breath with belly, chest, ribs, shoulder blades and diaphragm, a full breath, I call it.

 

In order to perform this kind of breathing you need to practice and you will hardly succeed right away, but calmly and following the exercises that I will list shortly, you will reach your goal in ease.

 

The first goal we are going to achieve will be to unblock your breath, to remind your mind of the existence of a very important muscle such as the diaphragm.

 

Lie down on a mat, one of the classic ones to do the exercises, make yourself as comfortable as possible trying to avoid tension on the spine.

 

The exercises you will find below use a common starting position: lying down, one hand on the stomach and the other on the chest. Finally, the exhalation must not be forced.

 

Perfect, we're ready.

 

Exercise number 1

 

With one hand on your stomach and the other on your chest, try to bring the air you inhale towards the first while keeping the second still: being able to inflate the belly, know that you are using the diaphragm; being able to keep your hand still on your chest also means that your breathing no longer involves the chest muscles. take at least 20 breaths.

 

Exercise number 2

 

Try to inflate the chest on the inhale, keeping the hand still on the belly. Take 10 breaths.

 

Exercise number 3

 

Alternate exercise number 1 with exercise number 2 for 10 repetitions.

 

Exercise number 4

 

After a few weeks of exercise you should have a better mastery of your breathing and you will certainly be able to perform the exercises previously performed even in a sitting or standing position.

 

Exercise number 5

 

Breathe with the belly, inflate it completely and conclude the inhalation phase by inflating the chest as well. Breathe out all together.

 

Exercise number 6

 

Breathe with the chest, inflate it completely and add the full belly inhalation. Breathe out all together.

 

Exercise number 7

 

For the best there is the possibility of breaking down the exhalation phase as well as the inhalation phase and perform them together.

 

Exercise number 8

 

Once we have a certain mastery with breathing and its phases, we can venture with a more complicated exercise: inhale with the belly but pulling it in, exhaling by throwing it out; the exercise simulates reverse breathing and should be performed a few times, for example 5; it is very useful for gaining greater awareness and proprioception of the respiratory act.

Del diaframma ancora si parla davvero poco. Ed è un peccato considerata la sua importanza. Questo particolare muscolo si forma già nelle prime  fasi embrionali ed è formato dal trasferimento di diverse strutture che partono dalla terza alla quinta vertebra cervicale. Ciò fa capire il motivo per cui quando il diaframma è bloccato, fa male anche la zona cervicale. Ma i collegamenti tra diaframma e lo stato di salute sono molto vasti e includono anche il nostro modo di essere.

 

Oggi viene chiamato anche «muscolo della serenità», frase coniata da Andrew Taylor Still, fondatore dell’osteopatia che, quando si riferiva al diaframma del torace scrisse: «Per mezzo mio vivete e per mezzo mio morite. Nelle mani ho potere di vita e morte, imparate a conoscermi e siate sereni». Secondo lui, infatti, un diaframma bloccato può dar luogo a diversi problemi emozionali.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️

Abbiamo la possibilità di verificare la nostra libertà diaframmatica attraverso un semplice esercizio. Si pongono i palmi delle mani attorno alla zona costale e si respira normalmente per circa cinque o sei volte. Durante la respirazione bisogna fare molta attenzione se le due arcate costali si espandono esattamente allo stesso modo. È molto frequente, nei disturbi emozionali, che una delle due parti si apra leggermente meno.

Se una delle due parti si apre un po’ di meno possiamo aiutare il diaframma con una respirazione assistita localizzata. Se, per esempio, sentiamo che a destra lo spazio di apertura è minore, possiamo ruotare la testa verso la parte opposta, a sinistra, e respirare con il naso. Si eseguono diverse respirazioni fino a che la zona contratta non inizia a liberarsi e allargarsi. Se la restrizione si avverte a sinistra, si deve eseguire l’esercizio inverso.

Al termine, se gli esercizi sono stati eseguiti correttamente, il diaframma dovrebbe aprirsi correttamente da entrambi i lati. Per verificarlo e per terminare l’esercizio, si respira normalmente con il capo in posizione frontale. Per ogni parte andrebbero eseguite almeno cinque serie, e una finale, da cinque respirazioni per armonizzare la respirazione e le emozioni.

 

Gli esercizi per imparare a respirare bene

 

Ogni 31 minuti bisogna fare un respiro profondo con pancia, petto, coste, scapole e diaframma, un respiro completo, lo chiamo io.

 

Per poter eseguire questo genere di respirazione bisogna fare pratica e difficilmente riuscirete fin da subito, ma con calma e seguendo gli esercizi che vi elencherò tra poco, raggiungerete il vostro obiettivo in scioltezza.

 

Il primo obiettivo che andremo a raggiungere sarà quello di sbloccare il vostro respiro, ricordare alla vostra mente dell’esistenza di un muscolo importantissimo quale il diaframma.

 

Sdraiatevi su un tappetino, di quelli classici per fare gli esercizi, mettetevi il più comodi possibile cercando di evitare le tensioni sulla colonna vertebrale.

 

Gli esercizi che troverete sotto utilizzano una posizione di partenza comune: sdraiati, una mano sulla pancia e l’altra sul petto. Infine l’espirazione non deve essere forzata.

 

Perfetto, siamo pronti.

 

Esercizio numero 1

 

Con una mano sulla pancia e l’altra sul petto cercate di portare l’aria che inspirate verso la prima mantenendo ferma la seconda: riuscendo a gonfiare la pancia sappiate che state utilizzando il diaframma; il fatto di riuscire anche a mantenere ferma la mano sul petto significa anche che nella vostra respirazione non coinvolge più i muscoli del petto. eseguite almeno 20 respirazioni.

 

Esercizio numero 2

 

Cercate di gonfiare il petto in inspirazione, mantenendo ferma la mano sulla pancia. Eseguite 10 respirazioni.

 

Esercizio numero 3

 

Alternate l’esercizio numero 1 con l’esercizio numero 2 per 10 ripetizioni.

 

Esercizio numero 4

 

Dopo qualche settimana di esercizi dovreste avere una migliore padronanza della vostra respirazione e sarete sicuramente in grado di eseguire gli esercizi svolti in precedenza anche in posizione seduta o in piedi.

 

Esercizio numero 5

 

Respirate con la pancia, gonfiatela tutta e concludete la fase di inspirazione gonfiando anche il petto. Espirate tutto insieme.

 

Esercizio numero 6

 

Respirate con il petto, gonfiatelo completamente e aggiungete l’inspirazione completa di pancia. Espirate tutto assieme.

 

Esercizio numero 7

 

Esiste per i più bravi la possibilità di scomporre anche la fase di espirazione come quella di inspirazione ed eseguirle assieme.

 

Esercizio numero 8

 

Una volta ottenuta una certa padronanza con la respirazione e le sue fasi, possiamo azzardare con un esercizio più complicato: inspirare con la pancia ma tirandola  in dentro, espirando buttandola in fuori; l’esercizio simula una respirazione inversa e va eseguito poche volta, ad esempio 5; è molto utile per prendere maggiore consapevolezza e propriocezione dell’atto respiratorio.

Copy Of -How to unlock the diaphragm: muscle of serenity - Come sbloccare il diaframma: muscolo della serenità

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹 Socio ad honorem e docente accreditato ODM International

There is still very little talk of the diaphragm. And that's a shame given its importance. This particular muscle is formed already in the early embryonic stages and is formed by the transfer of different structures starting from the third to the fifth cervical vertebrae. This hints at why when the diaphragm is blocked, the cervical area also hurts. But the links between the diaphragm and the state of health are very broad and also include our way of being.

 

Today it is also called the "muscle of serenity", a phrase coined by Andrew Taylor Still, founder of osteopathy who, when referring to the diaphragm of the chest, wrote: "Through me you live and through me you die. In my hands I have the power of life and death, learn to know me and be serene ». According to him, in fact, a blocked diaphragm can give rise to various emotional problems.

 

We have the opportunity to verify our diaphragmatic freedom through a simple exercise. The palms of the hands are placed around the rib area and breathe normally for about five or six times. During breathing you have to be very careful if the two costal arches expand in exactly the same way. It is very common in emotional disorders that one of the two parts opens slightly less.

If one of the two parts opens a little less, we can help the diaphragm with localized assisted breathing. If, for example, we feel that the opening space on the right is smaller, we can turn our head towards the opposite side, to the left, and breathe through our nose. Several breaths are performed until the contracted area begins to free and widen. If the restriction is felt on the left, the reverse exercise must be performed.

When finished, if the exercises have been done correctly, the diaphragm should open correctly from both sides. To check this and to finish the exercise, you breathe normally with your head in a frontal position. For each part, at least five series, and a final one, of five breaths should be performed to harmonize breathing and emotions.

 

Exercises to learn how to breathe well

Every 31 minutes you have to take a deep breath with belly, chest, ribs, shoulder blades and diaphragm, a full breath, I call it.

 

In order to perform this kind of breathing you need to practice and you will hardly succeed right away, but calmly and following the exercises that I will list shortly, you will reach your goal in ease.

 

The first goal we are going to achieve will be to unblock your breath, to remind your mind of the existence of a very important muscle such as the diaphragm.

 

Lie down on a mat, one of the classic ones to do the exercises, make yourself as comfortable as possible trying to avoid tension on the spine.

 

The exercises you will find below use a common starting position: lying down, one hand on the stomach and the other on the chest. Finally, the exhalation must not be forced.

 

Perfect, we're ready.

 

Exercise number 1

 

With one hand on your stomach and the other on your chest, try to bring the air you inhale towards the first while keeping the second still: being able to inflate the belly, know that you are using the diaphragm; being able to keep your hand still on your chest also means that your breathing no longer involves the chest muscles. take at least 20 breaths.

 

Exercise number 2

 

Try to inflate the chest on the inhale, keeping the hand still on the belly. Take 10 breaths.

 

Exercise number 3

 

Alternate exercise number 1 with exercise number 2 for 10 repetitions.

 

Exercise number 4

 

After a few weeks of exercise you should have a better mastery of your breathing and you will certainly be able to perform the exercises previously performed even in a sitting or standing position.

 

Exercise number 5

 

Breathe with the belly, inflate it completely and conclude the inhalation phase by inflating the chest as well. Breathe out all together.

 

Exercise number 6

 

Breathe with the chest, inflate it completely and add the full belly inhalation. Breathe out all together.

 

Exercise number 7

 

For the best there is the possibility of breaking down the exhalation phase as well as the inhalation phase and perform them together.

 

Exercise number 8

 

Once we have a certain mastery with breathing and its phases, we can venture with a more complicated exercise: inhale with the belly but pulling it in, exhaling by throwing it out; the exercise simulates reverse breathing and should be performed a few times, for example 5; it is very useful for gaining greater awareness and proprioception of the respiratory act.

Del diaframma ancora si parla davvero poco. Ed è un peccato considerata la sua importanza. Questo particolare muscolo si forma già nelle prime  fasi embrionali ed è formato dal trasferimento di diverse strutture che partono dalla terza alla quinta vertebra cervicale. Ciò fa capire il motivo per cui quando il diaframma è bloccato, fa male anche la zona cervicale. Ma i collegamenti tra diaframma e lo stato di salute sono molto vasti e includono anche il nostro modo di essere.

 

Oggi viene chiamato anche «muscolo della serenità», frase coniata da Andrew Taylor Still, fondatore dell’osteopatia che, quando si riferiva al diaframma del torace scrisse: «Per mezzo mio vivete e per mezzo mio morite. Nelle mani ho potere di vita e morte, imparate a conoscermi e siate sereni». Secondo lui, infatti, un diaframma bloccato può dar luogo a diversi problemi emozionali.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️

Abbiamo la possibilità di verificare la nostra libertà diaframmatica attraverso un semplice esercizio. Si pongono i palmi delle mani attorno alla zona costale e si respira normalmente per circa cinque o sei volte. Durante la respirazione bisogna fare molta attenzione se le due arcate costali si espandono esattamente allo stesso modo. È molto frequente, nei disturbi emozionali, che una delle due parti si apra leggermente meno.

Se una delle due parti si apre un po’ di meno possiamo aiutare il diaframma con una respirazione assistita localizzata. Se, per esempio, sentiamo che a destra lo spazio di apertura è minore, possiamo ruotare la testa verso la parte opposta, a sinistra, e respirare con il naso. Si eseguono diverse respirazioni fino a che la zona contratta non inizia a liberarsi e allargarsi. Se la restrizione si avverte a sinistra, si deve eseguire l’esercizio inverso.

Al termine, se gli esercizi sono stati eseguiti correttamente, il diaframma dovrebbe aprirsi correttamente da entrambi i lati. Per verificarlo e per terminare l’esercizio, si respira normalmente con il capo in posizione frontale. Per ogni parte andrebbero eseguite almeno cinque serie, e una finale, da cinque respirazioni per armonizzare la respirazione e le emozioni.

 

Gli esercizi per imparare a respirare bene

 

Ogni 31 minuti bisogna fare un respiro profondo con pancia, petto, coste, scapole e diaframma, un respiro completo, lo chiamo io.

 

Per poter eseguire questo genere di respirazione bisogna fare pratica e difficilmente riuscirete fin da subito, ma con calma e seguendo gli esercizi che vi elencherò tra poco, raggiungerete il vostro obiettivo in scioltezza.

 

Il primo obiettivo che andremo a raggiungere sarà quello di sbloccare il vostro respiro, ricordare alla vostra mente dell’esistenza di un muscolo importantissimo quale il diaframma.

 

Sdraiatevi su un tappetino, di quelli classici per fare gli esercizi, mettetevi il più comodi possibile cercando di evitare le tensioni sulla colonna vertebrale.

 

Gli esercizi che troverete sotto utilizzano una posizione di partenza comune: sdraiati, una mano sulla pancia e l’altra sul petto. Infine l’espirazione non deve essere forzata.

 

Perfetto, siamo pronti.

 

Esercizio numero 1

 

Con una mano sulla pancia e l’altra sul petto cercate di portare l’aria che inspirate verso la prima mantenendo ferma la seconda: riuscendo a gonfiare la pancia sappiate che state utilizzando il diaframma; il fatto di riuscire anche a mantenere ferma la mano sul petto significa anche che nella vostra respirazione non coinvolge più i muscoli del petto. eseguite almeno 20 respirazioni.

 

Esercizio numero 2

 

Cercate di gonfiare il petto in inspirazione, mantenendo ferma la mano sulla pancia. Eseguite 10 respirazioni.

 

Esercizio numero 3

 

Alternate l’esercizio numero 1 con l’esercizio numero 2 per 10 ripetizioni.

 

Esercizio numero 4

 

Dopo qualche settimana di esercizi dovreste avere una migliore padronanza della vostra respirazione e sarete sicuramente in grado di eseguire gli esercizi svolti in precedenza anche in posizione seduta o in piedi.

 

Esercizio numero 5

 

Respirate con la pancia, gonfiatela tutta e concludete la fase di inspirazione gonfiando anche il petto. Espirate tutto insieme.

 

Esercizio numero 6

 

Respirate con il petto, gonfiatelo completamente e aggiungete l’inspirazione completa di pancia. Espirate tutto assieme.

 

Esercizio numero 7

 

Esiste per i più bravi la possibilità di scomporre anche la fase di espirazione come quella di inspirazione ed eseguirle assieme.

 

Esercizio numero 8

 

Una volta ottenuta una certa padronanza con la respirazione e le sue fasi, possiamo azzardare con un esercizio più complicato: inspirare con la pancia ma tirandola  in dentro, espirando buttandola in fuori; l’esercizio simula una respirazione inversa e va eseguito poche volta, ad esempio 5; è molto utile per prendere maggiore consapevolezza e propriocezione dell’atto respiratorio.

HYDROCOLONTHERAPY AND HEALTH - IDROCOLONTERAPIA E SALUTE

by Dott. Massimo Raadaelli, Pavia 🇮🇹

Colon hydrotherapy:

the publication of the official S.I.C.T. is imminent (Hydro Colon Therapy Society)

Editorial by Prof. Rosanna Giuberti

"The practice of Colon Hydrotherapy has spread widely throughout the country in the last 20 years and SICT (Società Idro Colon Terapia) has operated in this period essentially to confirm the validity of this medical practice in the field of functional diseases of the colon and for give methodological rigor to its application, through seminars, conferences, educational training courses for Doctors, Nurses, Stomaterapists, Midwives and Masso-Hydrotherapists (MCB), also promoting the necessary knowledge to the vast public under the banner of that "Doing, Knowing Make Know "that must animate every area of ​​human progress, especially in Medicine. Colon Hydrotherapy, in fact, is a medical practice, it is not a simple" enema "that anyone can exercise, requires anatomical and physiological knowledge from the Operator, through which elaborate the appropriate application maneuvers to bring the sessions to a successful conclusion. The honor and burden of SICT is that of and to all intents and purposes the reference scientific society, just as colon hydrotherapy is growing progressively, in terms of interest and consensus, even well beyond the strictly gastroenterological context, as the problems that connect intestinal health to that of whole organism, involving the most varied specialist areas, from Gynecology, to Immunology, to Neurology. Colon hydrotherapy, therefore, as a privileged "Observatory" to understand and treat at the root the most diverse pathologies that have a common denominator in the intestine. An example above all is the possibility of direct study of the intestinal microbiota, patient by patient, with direct recolonizations able to synergize in a targeted way with subsequent oral strategies, equally targeted, without the problem of the transit of probiotics through the "acid sea" of the gastric environment. A press organization was missing, and this goal was also achieved: "ND, Natura docet: Nature teaches", a popular publication that makes use of a first-rate interdisciplinary scientific committee, to which I am honored to belong, offered to the SICT the possibility of accelerating times, through the creation of a periodic Supplement, initially on a quarterly basis, which is now being launched. The goal is to offer professionals, and the vast potentially interested public, an interactive communication tool, through articles, scientific updates on microbiota, nutrition, experiences of application fields, dedicated columns, reports from others. societies present in the world and much more in the field of health, environmental and behavioral prevention, food, focused on the health and well-being of the intestine ".

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ​

Idrocolonterapia: 

è imminente la pubblicazione dell’organo ufficiale S.I.C.T. (Società Idro Colon Terapia)

Editoriale della Prof.ssa Rosanna Giuberti

"La pratica della Idrocolonterapia si è ampiamente diffusa sul territorio nazionale in questi ultimi 20 anni e la S.I.C.T. (Società Idro Colon Terapia) ha operato in questo periodo essenzialmente per confermare la validità di questa pratica medica nell’ambito delle patologie funzionali del colon e per dare rigore metodologico alla sua applicazione, attraverso seminari, convegni, percorsi didattici di Formazione per Medici, Infermieri Stomaterapisti, Ostetriche e Masso-Idroterapisti (MCB), promuovendone anche la necessaria conoscenza al vasto pubblico all’insegna di quel “Fare, Saper Fare e Far Sapere” che deve animare ogni ambito del progresso umano, soprattutto in Medicina. l’Idrocolonterapia, infatti, è pratica medica, non è un semplice “clistere” che chiunque può esercitare, richiede conoscenze anatomiche e fisiologiche da parte dell’Operatore, attraverso le quali elaborare le adeguate manovre applicative per portare a buon fine le sedute. Onore ed onere della S.I.C.T. è quello di essere a tutti gli effetti la Società scientifica di riferimento, proprio mentre l’Idrocolonterapia cresce progressivamente, per interesse e consensi, anche ben al di là dell’ambito strettamente gastroenterologico, essendo ormai chiare ed evidenti le problematiche che collegano la salute intestinale a quella dell’intero organismo, coinvolgendo le più svariate aree specialistiche, dalla Ginecologia, all’Immunologia, alla Neurologia. Idrocolonterapia, quindi, come “Osservatorio” privilegiato per comprendere e trattare alla radice le più diverse patologie che abbiano un comune denominatore a livello intestinale. Un esempio su tutti è la possibilità di studio diretto del microbiota intestinale, paziente per paziente, con ricolonizzazioni dirette in grado di sinergizzare in modo mirato con successive strategie orali, altrettanto mirate, senza il problema del transito di probiotici attraverso il “mare acido” dell’ambiente gastrico. Mancava un organo di stampa, e anche questo obiettivo è stato raggiunto: “ND, Natura docet: la Natura insegna”, testata divulgativa che si avvale di un Comitato scientifico interdisciplinare di prim’ordine, al quale mi onoro di appartenere, ha offerto alla S.I.C.T. la possibilità di accelerare i tempi, attraverso la realizzazione di un Supplemento periodico, inizialmente a cadenza trimestrale, che vede oggi la luce. L ’obiettivo è quello di offrire agli addetti ai lavori, e al vasto pubblico potenzialmente interessato, uno strumento interattivo di comunicazione, attraverso articoli, aggiornament i scientifici in tema di microbiota, di alimentazione, esperienze di campi applicativi, rubriche dedicate, report da altre società presenti nel mondo e tanto altro ancora nel campo della prevenzione sanitaria, ambientale e comportamentale, alimentare, incentrate sulla salute e sul benessere dell’intestino

Restless Legs Syndrome affects - sindrome delle gambe irrequiete

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

Restless Legs Syndrome affects many people

Restless legs syndrome (RLS) is a disorder that causes an urgent and irrepressible need to move the legs, often accompanied by strange and unpleasant sensations in the legs. When you move your legs, you feel refreshed and the strange sensations disappear.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ♻️ 

La sindrome delle gambe irrequiete colpisce molte persone

La sindrome delle gambe irrequiete (RLS, sindrome inglese delle gambe senza riposo) è un disturbo che causa urgente e irreprensibile necessità di muovere le gambe, spesso accompagnata da strane e spiacevoli sensazioni nelle gambe. Quando muovi le gambe, ti senti rinfrescato e le strane sensazioni spariscono.

https://tapingbellia.com/la-sindrome-delle-gambe-senza-riposo-colpisce-molte-persone/?fbclid=IwAR3ObohSKPPeJ27c9a9BOo4lftwRXwvAOsGkJDuLbY_86bdYlvQYbsag17M

LUMBAR MASSOTHERAPY, WHAT IT IS AND WHAT IT IS FOR

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

LUMBAR MASSOTHERAPY, WHAT IT IS AND WHAT IT IS FOR

Low back pain is often the consequence of multiple causes, sometimes joined together: it can, in fact, depend on incorrect posture held for a prolonged time, on excessive tension of the muscles due to psychophysical stress or it is often a problem related to consequences of being overweight and sedentary.

Other effects are attributable to cold, humidity, muscle tears, overexertion. The degeneration and release of the intervertebral disc, which acts as a natural shock absorber and prevents the vertebrae from entering into friction with each other, generates back pain. The pain usually occurs in the lower back, between the edges of the costal arch and the limits of the gluteal muscles.

In addition to connected purely orthopedic disorders (herniated disc, lumbar arthrosis, scoliosis or lordosis, osteoporosis), problems related to back pain affecting the urogenital system, neurological and intra-abdominal diseases can occur.

Pain is the first symptom, which manifests itself as a sharp, continuous or periodic twinge, which generally radiates towards the buttock. Pain depends on nerve stimulation and is often associated with an important reflex contracture of the paravertebral musculature, which in turn is responsible for a "block" that immobilizes the lumbar spine.

Lumbar massage therapy can be an adequate treatment for the resolution of this pathology, let's see in more detail what it consists of.

Lower back pain, with the consequent irradiation along the course of the nerves, sciatic or femoral, comes from the spine which, normally, is not affected by the benefits of massage therapy.

In some cases, however, the benefits are possible when the large muscles on the sides of the spine are affected. In these cases, therefore, a series of massages, with lumbar massage therapy, allows you to give some relief. However, it is always necessary to associate a specific exercise program, so as not to make the pain reappear after a short time.

Massage therapy is an ancient form of therapy that consists of a set of different maneuvers performed on the body in order to soothe muscle or joint pain, relieve muscle tension and fatigue, to tone the volume of some tissues but also to improve the psychic well-being of the subject.

Massage therapy brings benefits to the entire body such as, for example, improvements in blood and lymphatic circulation, muscle relaxation, well-being and relaxation.

The first evidence relating to therapeutic massage dates back to the times of classical Greece: it seems that Hippocrates practiced it to combat disorders related to old age. Therapeutic massage then spread to military and sports environments.

Today there are four main currents that originate from this technique: Swedish method, German method, French method and Spanish chiromassage.

This type of holistic rehabilitative and preventive medicine is carried out through naked massage, with the use of the hands and with oils, creams, talc, light fabrics or other products and tools that are ideal for the skin to be treated.

Quality of contact, energy exchange, power of communication: all these factors come together in the massage. At each session the correspondence between epidermis and nervous system is made sacred and honored: by touching a person it is possible to establish contact with his mind and communicate fully with the body.

The different massage techniques can be divided into: brushing, rubbing, friction, kneading, pressure, percussion and vibration. Each of these maneuvers has its specific function, from relaxation to the treatment of edema or vascular defects with relative improvement. Massage therapy often focuses on the back and neck, with lumbar massage therapy and cervical massage therapy respectively. We will therefore have a decontracting massage, a cryotherapy massage, a Cyriax massage and a Knap massage.

Massage therapy produces a significant improvement in vascularity, increases the elasticity of the skin and muscles, determines a relaxing effect and is able to relieve pain with a sedative effect. Not only does it improve lymphatic circulation but it releases muscle contractures.

What ailments does massage therapy cure?

It is a technique that is used to reduce fatigue and stress or the consequence of severe trauma, to increase the recovery capacity of athletes and to relax the muscles; Furthermore, there is a better vascularization as well as a better trophism and the elasticity of the skin is increased.

In general, massage therapy determines a state of great relaxation at the psychophysical level, improves some specific functions, and a sedative and pain-relieving effect is obtained.

There are various types of massage therapy massages, from those of the Chinese Tui-Na tradition,

🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​​🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​​🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​​🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​​

LA MASSOTERAPIA LOMBARE, COS’È E A COSA SERVE

La lombalgia, spesso, è la conseguenza di cause multiple, talvolta unite tra loro: può, infatti, dipendere da una postura scorretta tenuta per un tempo prolungato, da un’eccessiva tensione dei muscoli dovuta a stress psicofisico o spesso è un problema legato alle conseguenze del sovrappeso e della sedentarietà.

Altri effetti sono imputabili al freddo, all’umidità, agli strappi muscolari, agli sforzi eccessivi. A generare il mal di schiena c’è poi la degenerazione e la fuoriuscita del disco intervertebrale, che funziona come un ammortizzatore naturale e impedisce alle vertebre di entrare tra loro in frizione. Il dolore di solito si localizza al basso dorso, tra i bordi dell’arcata costale ed i limiti dei muscoli glutei.

Oltre ai disturbi prettamente ortopedici connessi (ernia del disco, artrosi lombare, scoliosi o lordosi, osteoporosi), si possono verificare problemi legati al mal di schiena che interessano l’apparato urogenitale, affezioni neurologiche e intraddominali.

Il dolore è il primo sintomo, che si manifesta come una fitta acuta, continua o periodica, che si irradia generalmente verso il gluteo. Il dolore dipende da una stimolazione del nervo e spesso è associato a un’importante contrattura riflessa della muscolatura paravertebrale, che a sua volta è responsabile di un “blocco” che immobilizza il tratto lombare della colonna.

La massoterapia lombare può essere un adeguato trattamento per la risoluzione di questa patologia, vediamo più nel dettaglio in che cosa consiste.

Il dolore lombare, con la conseguente irradiazione lungo il decorso dei nervi, sciatico o femorale, proviene dalla colonna vertebrale la quale, normalmente, non risente dei benefici della massoterapia.

In alcuni casi, invece, i benefici sono possibili quando vengono interessati i grandi muscoli ai lati della colonna vertebrale. In questi casi dunque una serie di massaggi, con la massoterapia lombare, consente di dare un certo sollievo. Occorre sempre associare però un programma specifico di esercizi, in modo tale da non far ricomparire il dolore dopo poco tempo.

La massoterapia è un’antica forma terapeutica che consta di un insieme di diverse manovre eseguite sul corpo per poter lenire dolori muscolari o articolari, allentare tensioni e affaticamento muscolare, per tonificare il volume di alcuni tessuti ma anche per migliorare il benessere psichico del soggetto.

La massoterapia apporta benefici all’intero organismo come, ad esempio, miglioramenti alla circolazione sanguigna e linfatica, relax muscolare, benessere e distensione.

Le prime testimonianze relative al massaggio terapeutico risalgono ai tempi della Grecia classica: pare che Ippocrate lo praticasse per combattere i disturbi legati all’età avanzata. Il massaggio terapeutico si è poi diffuso in ambiente militare e sportivo.

Oggi esistono quattro correnti principali che si originano da questa tecnica: metodo svedese, metodo tedesco, metodo francese e chiromassaggio spagnolo.

Questo tipo di medicina olistica riabilitativa e preventiva viene effettuata tramite massaggio a nudo, con l’utilizzo delle mani e con oli, creme, talco, leggere stoffe o altri prodotti e strumenti ideali per la cute da trattare.

Qualità del contatto, scambio energetico, potere della comunicazione: nel massaggio si fondono tutti questi fattori. A ogni seduta si rende sacra e si onora la corrispondenza tra epidermide e sistema nervoso: toccando una persona è possibile stabilire un contatto con la sua mente e comunicare per intero con il corpo.

Si possono suddividere le diverse tecniche di massaggio in: sfioramento, sfregamento, frizione, impastamento, pressione, percussione e vibrazione. Ognuna di queste manovre ha la sua specifica funzione, dal rilassamento alla cura di edemi o difetti vascolari con relativo miglioramento. La massoterapia si concentra spesso su schiena e collo, rispettivamente con la massoterapia lombare e la massoterapia cervicale. Avremo dunque un massaggio decontratturante, un massaggio crioterapico, un massaggio di Cyriax ed un massaggio di Knap.

La massoterapia produce un sensibile miglioramento della vascolarizzazione, aumenta l’elasticità della pelle e dei muscoli, determina un effetto rilassante e riesce ad alleviare il dolore con un effetto sedativo. Non solo migliora la circolazione linfatica ma scioglie le contratture muscolari.

Quali disturbi cura la massoterapia?

Si tratta di una tecnica che viene utilizzata per ridurre la fatica e lo stress o la conseguenza di forti traumi, incrementare la capacità di recupero degli atleti e per rilassare i muscoli; si ha, inoltre, una migliore vascolarizzazione oltre che un miglior trofismo e si aumenta l’elasticità della pelle.

In generale, la massoterapia determina uno stato di grande rilassamento a livello psicofisico, migliorano alcune funzioni specifiche, e si ottiene un effetto sedativo e antidolorifico.

Esistono vari tipi di massaggi massoterapici, da quelli della tradizione cinese Tui-Na, 

Scoliosis and Sport - Scoliosi e Sport

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

Scoliosis and Sport

In the daily practice of a massage therapist it can easily happen to be faced with adolescents with vertebral deformities, such as adolescent idiopathic scoliosis or hyperkyphosis.

Among our patients there are many parents who, observing the backs of their children, are assailed by a thousand doubts.

One of the most frequent doubts concerns the practice of sports by adolescents in relation to the possible onset or aggravation of vertebral deformities.

CAN CHILDREN WITH SCOLIOSIS OR HYPERPERYPHOSIS PLAY SPORTS?

The answer to this question is: WE HAVE NO REASON TO PROHIBIT SPORTS ACTIVITIES TO TEENAGERS WITH VERTEBRAL DEFORMITIES, whether they are following a conservative treatment (exercises or exercises and corset) or not.

The numerous benefits deriving from sports:

improvement of muscle function

improvement of cardiorespiratory function

maintaining good range of motion

improvement of neuromotor coordination

psychological advantages: feeling part of a group or team helps adolescents in accepting the pathology and therapy.

Despite the many benefits, sport cannot be considered a treatment. When, therefore, a vertebral deformity is ascertained and diagnosed and it is considered necessary to proceed with rehabilitation treatment, it is not correct to prescribe only the practice of a sport, whatever it is, but a specific treatment consisting of exercises and / or corset, in association with the practice of a sport.

In the case of pathologies affecting the spinal column, it is important to integrate sports activities with an appropriate specific treatment that includes the execution of stabilization exercises of the spine. This treatment must also include a cognitive-behavioral intervention with the aim of teaching children to listen to the signals of their body, explaining to them that sometimes it may be necessary to reduce the loads or training sessions a little, but that it is of temporary measures and that, once normal physical condition is restored, everything will return to the way it was before.

We can conclude that SPORT IS NOT A THERAPY BUT, thanks to its benefits, it is considered an element that completes specific therapy for vertebral deformities, even in the presence of a brace. There are no sports activities to be preferred over others. Even those sports that put us a little more at risk are not to be completely avoided. It all depends on the quantity - an amateur sport has no negative effects - and on the setting of an appropriate specific treatment which, by working on the stability of the spine, protects the patient from possible risks.

For more information or to schedule a complete visit with the support of an athletic trainer contact us at 3491847174

Scoliosi e Sport

Nella pratica quotidiana di un Massoterapista può succedere facilmente di trovarsi di fronte a adolescenti con deformità vertebrali, come scoliosi idiopatica adolescenziale o ipercifosi. 

Tra i nostri pazienti tanti genitori che, osservando le schiene dei propri figli, vengono assaliti da mille dubbi.

Uno dei dubbi più frequenti riguarda la pratica di attività sportiva da parte degli adolescenti in relazione alla possibile insorgenza o al possibile aggravamento delle deformità vertebrali.

I RAGAZZI CON SCOLIOSI O IPERCIFOSI POSSONO FARE SPORT?

La risposta a questa domanda è: NON ABBIAMO ALCUN MOTIVO PER VIETARE L’ATTIVITA’ SPORTIVA AGLI ADOLESCENTI CON DEFORMITà VERTEBRALI, stiano loro seguendo un trattamento conservativo (esercizi o esercizi e corsetto) o meno.

I numerosi benefici derivanti dalla pratica sportiva:

miglioramento della funzionalità muscolare

miglioramento della funzionalità cardiorespiratoria

mantenimento di una buona articolarità

miglioramento della coordinazione neuromotoria

vantaggi psicologici: sentirsi parte di gruppo o di una squadra aiuta gli adolescenti nell’accettazione della patologia e della terapia.

Nonostante i numerosi benefici, lo sport non può essere considerato un trattamento. Nel momento in cui, quindi, viene accertata e diagnosticata una deformità vertebrale e si ritiene necessario procedere con un trattamento riabilitativo, non è corretto prescrivere solo la pratica di uno sport, qualunque esso sia, ma deve essere prescritto un trattamento specifico composto da esercizi e/o corsetto, in associazione alla pratica di uno sport. 

In caso di patologie a carico della colonna vertebrale è importante integrare l’attività sportiva con un adeguato trattamento specifico che preveda l’esecuzione di esercizi di stabilizzazione del rachide. Tale trattamento deve prevedere anche un intervento cognitivo-comportamentale con l’obiettivo di insegnare ai ragazzi ad ascoltare i segnali del proprio corpo, spiegando loro che a volte può essere necessario ridurre un po’ i carichi o le sessioni di allenamento, ma che si tratta di provvedimenti temporanei e che, una volta ristabilita la normale condizione fisica, tutto tornerà come prima.

Possiamo concludere che LO SPORT NON E’ UNA TERAPIA MA, grazie ai suoi benefici, è considerato un elemento che ben completa la terapia specifica per le deformità vertebrali, anche in presenza di corsetto. Non ci sono attività sportive da preferire rispetto ad altre. Anche quegli sport che ci mettono un po’ più a rischio non sono da evitare completamente. Tutto dipende dalla quantità – uno sport a livello amatoriale non ha effetti negativi – e dall’impostazione di un trattamento specifico adeguato che, lavorando sulla stabilità della colonna, metta il paziente al riparo da possibili rischi.

Per maggiori informazione o per fissare una visita completa con il supporto di un preparatore atletico contattaci al 3491847174

Therapeutic exercise - Esercizio terapeutico

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

On our website / Blog the best articles of our ODM International bloggers proposed in the "pubblications" section Articles

today we propose an article by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

on the theme: Therapeutic exercise

 

https://tapingbellia.com/therapeutic-exercise/?fbclid=IwAR2XackkP4WF6ThvRP2UoNPjDw8yFCW9XXvRwwIj95pdXmDptCMca-z-7Qg

 

"Human movement must be considered not as the sum of many muscle contractions activated voluntarily or reflexively, but as the result of processes implemented by a system that interacts with the environment, according to its needs. The motor experience highlights the close relationship between muscle recruitment (movement) and information processing (knowledge), which are modulated in a "balanced" manner with the motor experiences that are the heritage of each person (psychomotor memory). "- Carolyn Kisner, Lynn Allen Colby, John Borstad.

 

The publication of posts, articles and online magazine notification is strictly reserved for members,

for information on the matter and to obtain the "application form for admission, please send us your email address

 

 

On the website / international blog https://www.odmclub.ch

the best articles of our ODM International bloggers proposed in the "pubblications" section Articles

today we propose an article by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

on the theme: Therapeutic exercise

 

https://tapingbellia.com/therapeutic-exercise/?fbclid=IwAR2XackkP4WF6ThvRP2UoNPjDw8yFCW9XXvRwwIj95pdXmDptCMca-z-7Qg

 

"Human movement must be considered not as the sum of many muscle contractions activated voluntarily or reflexively, but as the result of processes implemented by a system that interacts with the environment, according to its needs. The motor experience highlights the close relationship between muscle recruitment (movement) and information processing (knowledge), which are modulated in a "balanced" manner with the motor experiences that are the heritage of each person (psychomotor memory). "- Carolyn Kisner, Lynn Allen Colby, John Borstad.

 

The publication of posts, articles and online magazine notification is strictly reserved for members,

for information on this and to obtain the "application form, please send us your email address

 

 

On the website / international blog https://www.odmclub.ch

the best articles of our ODM International bloggers proposed in the "pubblications" section Articles

today we propose an article by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

on the theme: Therapeutic exercise

 

https://tapingbellia.com/therapeutic-exercise/?fbclid=IwAR2XackkP4WF6ThvRP2UoNPjDw8yFCW9XXvRwwIj95pdXmDptCMca-z-7Qg

 

"Human movement must be considered not as the sum of many muscle contractions activated voluntarily or reflexively, but as the result of processes implemented by a system that interacts with the environment, according to its needs. The motor experience highlights the close relationship between muscle recruitment (movement) and information processing (knowledge), which are modulated in a "balanced" manner with the motor experiences that are the heritage of each person (psychomotor memory). " - Carolyn Kisner, Lynn Allen Colby, John Borstad.

 

The publication of posts, articles and online magazine notification is strictly reserved for members,

for information on this and to obtain the "application form, please send us your email address

 

Nel website/Blog internazionale https://www.odmclub.ch  

i migliori articoli dei nostri ODM International bloggers proposti nella rubrica "pubblications" sezione Articoli

proponiamo oggi un'articolo del Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

sul tema:  Esercizio terapeutico

 

https://tapingbellia.com/esercizio-terapeutico/?fbclid=IwAR2XackkP4WF6ThvRP2UoNPjDw8yFCW9XXvRwwIj95pdXmDptCMca-z-7Qg

 

“Il movimento umano deve essere considerato non come forma di somma di tante contrazioni muscolari attivate volontariamente o per via riflessa, ma come risultato di processi messi in atto da un sistema che interagisce con l’ambiente, secondo le proprie necessità. L’esperienza motoria mette in evidenza la stretta relazione fra reclutamento muscolare (movimento) ed elaborazione delle informazioni (conoscenza), che sono modulate in maniera “equilibrata” con le esperienze motorie che sono patrimonio di ogni persona (memoria psicomotoria).” – Carolyn Kisner, Lynn Allen Colby, John Borstad.

 

La pubblicazione di post, articoli e notifica riviste online é rigorosamente riservata ai soci,

per informazioni in merito e per ottenere il modulo "domanda di ammissione fateci pervenire il vostro indirizzo mail

FIBROMIALGIA OR PERMEABLE INTESTINE - FIBROMIALGIA O INTESTINO PERMEABILE

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

FIBROMIALGIA OR PERMEABLE INTESTINE 📌

It is an increasingly common condition, which can lead to more serious chronic health problems, autoimmune diseases, and so on.

🚨The main causes are: an incorrect diet, the abuse of sugar and alcohol, an undetected food intolerance and stress.

Having a leaky gut means that the intestinal wall is perforated and thus partially digested proteins and toxic substances can permeate the body and poison it.

Symptoms that indicate leaky gut syndrome:

- Indigestion

- Abdominal pain

- Swelling and flatulence

- Food intolerance

- Cramps

- Diffuse muscle aches

Come and discover the innovative "EGIDI" food protocol already recognized in Switzerland and Ukraine thanks to the collaboration with Dr. Ruggio and Dr. Tamila Rzaeva.

Contact us for a free evaluation at 3491847174

🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 

FIBROMIALGIA O INTESTINO PERMEABILE 📌

È una condizione sempre più frequente, che può portare a problemi di salute cronici più gravi, malattie autoimmuni, e così via.😱

🚨Le cause principali sono: un'alimentazione scorretta, l'abuso di zuccheri e di alcolici, una intolleranza alimentare non rilevata e lo stress. 

💔Avere un intestino permeabile significa che la parete intestinale viene perforata e quindi proteine e sostanze tossiche parzialmente digerite possono permeare nel corpo ed avvelenarlo.🤢

Sintomi che indicano una sindrome da intestino permeabile:

- Indigestione

- Dolore addominale

- Gonfiore e flatulenza

- Intolleranza alimentare

- Crampi

- Dolori muscolari diffusi

Vieni a scoprire l'innovativo protocollo alimentare "EGIDI" già riconosciuto in Svizzera ed Ucraina grazie alla collaborazione con il Dott.Ruggio e la Dott.ssa Tamila Rzaeva.

Contattaci per una valutazione gratuita al 3491847174

+ Manipolazione e mobilizzazione per la lombalgia cronica + Manipulation and mobilization for chronic low back pain

by Dr. Roger Battiston, Albizzate (VA) 🇮🇹

+ Manipolazione e mobilizzazione per la lombalgia cronica: una revisione sistematica e meta-analisi.

Ian D Coulter, Spine Journal, 2018

La lombalgia rappresenta il disturbo osteoarticolare più frequente e tantissime sono le terapie adottate per contrastarla.

Se la terapia attiva con esercizi era stata confermata come efficace da una revisione sistematica del 2015, non era ancora sicuro che terapie passive come manipolazioni e mobilizzazioni avessero una reale efficacia sul miglioramento del dolore e della disabilità nella lombalgia cronica, e che fossero allo stesso tempo terapie sicure.

Una revisione sistematica su cinquantuno studi - con una meta-analisi su nove - ha dimostrato che le terapie con manipolazioni sono in grado di ridurre dolore e disabilità, mentre le terapie con mobilizzazioni il dolore ma non la disabilità. L’evidenza che ha portato a questi risultati è di qualità moderata e ha anche riportato queste terapie come sicure.

Gli autori dello studio hanno concluso, esattamente in linea con gli ultimi studi in questo campo, che l’approccio da prediligere nei pazienti con lombalgia cronica rimane quello multimodale, combinando a seconda dei pazienti le terapie che hanno ad oggi una reale dimostrazione di efficacia.

♻️ ♻️ ♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​♻️ ♻️ ​

+ Manipulation and mobilization for chronic low back pain: a systematic review and meta-analysis.

Ian D Coulter, Spine Journal, 2018

Low back pain is the most frequent osteoarticular disorder and there are many therapies adopted to combat it.

If active exercise therapy was confirmed as effective by a 2015 systematic review, it was not yet sure whether passive therapies such as manipulation and mobilization had any real effect on improving pain and disability in chronic low back pain, and whether they were at the same time safe therapies.

A systematic review of fifty-one studies - with one meta-analysis out of nine - showed that manipulation therapies reduce pain and disability, while mobilization therapies reduce pain but not disability. The evidence that led to these results is of moderate quality and has also reported these therapies as safe.

The authors of the study concluded, exactly in line with the latest studies in this field, that the approach to be preferred in patients with chronic low back pain remains the multimodal one, combining the therapies that currently have a real demonstration of efficacy according to the patient.

TUMORE E MASSAGGIO

by Dott. Roberto Badrna, Viggiù (VA) 🇮🇹

TUMORE E MASSAGGIO. L'interdizione alla massoterapia sul pz. Oncologico indicata dalle scuole di MCB contrasta con le linee guida degli altri Paesi, USA compreso. Probabilmente ė un vecchio retaggio che nessuno si ė mai preso la briga di sfatare (la letteratura anglofona ė abbondante e sfata ampiamente questa vecchia impostazione mentale), e dipende anche forse dal fatto che, contrariamente alle figure estere corrispondenti, l'MCB italiano non ha grossi interessi nel trattare altri apparati oltre il muscoloscheletrico. Questo link dell'APEO (estetica oncologica) chiarisce e sfata il pregiudizio. — presso

Dott. Roberto Baderna Studio Massoterapico

MASSAGGIO E TUMORE: CI SONO CONTROINDICAZIONI?

Questa parentesi è dedicata al massaggio durante e dopo le terapie oncologiche. Per massaggio si intende qualsiasi forma di tocco e soprattutto di tocco gentile, che ha come scopo principale il conforto e il rilassamento.

Perchè vogliamo parlarvene? Perchè ancora oggi il massaggio su donne che hanno un tumore o che sono in follow up, viene messo in discussione e spesso ci si chiede, e noi arrivano molte richieste in tal senso, se ci siano controindicazioni a concedersi un bel massaggio. Con il supporto di Angela Noviello vogliamo spiegarvi perchè non è così.  Studi scientifici recenti, tra cui uno tutto italiano lo dimostrano.

🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 ​🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 ​🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 ​🇮🇹 🇬🇧 🇮🇹 🇬🇧 

CANCER AND MASSAGE. The prohibition of massage therapy on the patient. Oncology indicated by MCB schools contrasts with the guidelines of other countries, including the USA. Probably it is an old legacy that no one has ever bothered to debunk (the English-speaking literature is abundant and largely dispels this old mindset), and also perhaps depends on the fact that, contrary to the corresponding foreign figures, the Italian MCB has not major interests in treating other systems besides the musculoskeletal system. This link of the APEO (oncological aesthetics) clarifies and dispels the prejudice. - At

Dr. Roberto Baderna Massage Therapy Studio

 

MASSAGE AND CANCER: ARE THERE CONTRAINDICATIONS?

This parenthesis is dedicated to massage during and after cancer therapies. By massage we mean any form of touch and above all a gentle touch, which has comfort and relaxation as its main purpose.

Why do we want to tell you about it? Because even today the massage on women who have a tumor or who are in follow up, is questioned and we often ask ourselves, and we get many requests in this regard, if there are contraindications to indulging in a nice massage. With the support of Angela Noviello we want to explain to you why this is not the case. Recent scientific studies, including an all-Italian one, prove this.

.

Tingling in hands, feet - Formicolio a mani

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

Tingling in hands, feet, head ... Causes and remedies -

Formicolio a mani, piedi, testa… Cause e rimedi

THE CLUSTER HEADACHE

by Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

THE CLUSTER HEADACHE ...! 📌

✔️ Cluster headache is a widespread disorder throughout Europe and affects men and women without distinction.

 Many patients suffering from this pathology smoke, so a relationship between cigarette and headache has been hypothesized. To cope with this disabling disease, which also causes job loss in severe cases, several scientific studies have been carried out. The most accredited cause is a malfunction of the hypothalamus, which causes pain attacks. Probably everything is linked to a problem of sleep-wake rhythms and with the flow of the biorhythm in general.

What are the symptoms?

✔️ Cluster headache causes attacks ranging from 60 to 80 minutes, with pain in one side of the head and the affected ear, to the point of preventing normal daily activities. It is not easy to overcome a cluster migraine attack: it is often also defined in this way because it affects only one side of the head. The symptoms described are often accompanied by vomiting, nausea, tearing and sweating. The patient often has to stay in bed, stress-free and without visual or noisy stimuli.

Cluster headache is diagnosed in a specialized center for the study of these diseases. Diagnosis is made by CT scan, magnetic resonance imaging, which allow you to have a clear idea of ​​what problems the patient has. He is often asked to keep a diary, in which the episodes, food and drinks, any activities such as reading or staying at the PC, which can cause an episode of pain will be described promptly. The main care is the regularization of the lifestyle: no alcohol, out of phase schedules, no activities before dinner and it is also recommended to play sports.

This helps release endorphins and relieve stress. It goes without saying that trying to relax and live a life that is as calm and regular as possible can help and a lot.

However, many of the possible causes leave out the link between cluster headache and a decompensated tension or balance muscle of the spine in the cervical tract.

📌Thanks to the collaboration with ODM International and Dr. Ruggio, we have devised and perfected a new technique in the massage therapy field, capable of alleviating or even eliminating this disabling pathology; "Methode Atlantis" .📌

Completely non-invasive and without the aid of drugs or electro-medical devices.

✔️For more information contact us at 3491847174/0852059185 ..... we will help you return to well-being in a few sessions💪💪

🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​​🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​​​🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 🇮🇹 ​

LA CEFALEA A GRAPPOLO...!📌

✔️La cefalea a grappolo è un disturbo diffuso in tutta Europa e colpisce uomini e donne senza distinzione.

 Molti pazienti che soffrono di questa patologia fumano, quindi è stata ipotizzata una relazione fra sigaretta e cefalea. Per far fronte a questa invalidante malattia, che causa anche la perdita del lavoro nei casi più gravi, sono stati fatti diversi studi scientifici. La causa più accreditata è un malfunzionamento dell’ipotalamo, che causa le crisi di dolore. Probabilmente il tutto è legato ad un problema dei ritmi sonno-veglia e con lo scorrimento del bioritmo in generale.

📌Quali sono i sintomi?

✔️La cefalea a grappolo causa attacchi che vanno dai 60 agli 80 minuti, con dolorabilità di un lato della testa e dell’orecchio interessato, fino ad impedire le normali attività quotidiane. Non è semplice superare un attacco di emicrania a grappolo: spesso si definisce anche così perché interessa un solo lato del capo. Ai sintomi descritti si accompagna spesso vomito, nausea, lacrimazione e sudorazione. Il paziente spesso deve rimanere a letto, senza stress e senza stimoli visivi o rumorosi.

La cefalea a grappolo viene diagnosticata in un centro specializzato per lo studio di queste malattie. La diagnosi si effettua mediante TAC, risonanza magnetica, che consentono di avere un’idea chiara di quali problemi ha il paziente. Si chiede spesso allo stesso di tenere un diario, in cui verranno descritti puntualmente gli episodi, gli alimenti e le bevande, eventuali attività come leggere o stare al pc, che possono causare un episodio di dolore. La cura principale è la regolarizzazione dello stile di vita: niente alcool, orari sfasati, niente attività prima di cena e si consiglia inoltre di fare sport. 

Questo aiuta a rilasciare le endorfine ed a rilassare lo stress. Inutile dire quindi che cercare di rilassarsi e vivere una vita quanto più possibile tranquilla e regolare può aiutare e molto.

Molti pero tra le possibili cause tralasciano il legame tra cefalea a grappolo ed uno scompeso muscolo tensivo o di equilibrio della colonna ne tratto cervicale.

📌Grazie alla collaborazione con ODM International e al Dott. Ruggio, abbiamo ideato e perfezionato una nuova tecnica in campo massoterapico , in grado di alleviare o addirittura eliminare questa patologia invalidante; " Methode Atlantis".📌

Del tutto non invasiva e senza ausilio di farmaci o apparecchi elettromedicali.

✔️Per ulteriori informazioni contattaci al 3491847174 / 0852059185.....ti aiuteremo a tornare al benessere in poche sedute💪💪

Malattia di Parkinson: La gestione del dolore, sfide e soluzioni

by Prof. Gianliuca Egidi, Pescara 🇮🇹

Malattia di Parkinson: La gestione del dolore, sfide e soluzioni

Trattamento del dolore nei pazienti con Malattia di Parkinson: sfide e soluzioni.

Questo articolo si focalizza sulla diagnosi e la gestione del dolore correlato al Parkinson che è uno dei più frequenti sintomi non motori nella Malattia di Parkinson, che è la seconda più comune malattia neurodegenerativa dopo la Malattia di Alzheimer. Il dolore è classificato forte dai pazienti come un fastidioso sintomo in tutti gli stadi della malattia. Nella fase precoce della Malattia di Parkinson, il dolore è giudicato come il sintomo più fastidioso. La conoscenza della corretta diagnosi dell’origine del dolore e dei possibili metodi di trattamento per avere sollievo dal dolore, è di grande importanza. I sintomi hanno un grosso impatto negativo sulla qualità della vita correlata alla salute.

Distinguere il dolore correlato alla Malattia di Parkinson da quello di altra origine è una sfida importante e potrebbe essere caratterizzata da “alcuni sintomi sotto il medesimo ombrello”. Tra le diverse forme di dolore correlato alla Malattia di Parkinson, il dolore muscoloscheletrico è la forma più comune, rappresentando il 40-90% del dolore riferito nei pazienti con Malattia di Parkinson. Sembra più probabile un incremento dovuto a vie fisiopatologiche diverse da quelle secondarie a rigidità, tremore o qualsiasi altra manifestazione motoria della malattia.

Nella Malattia di Parkinson, i gangli della base gestiscono in maniera diversa le informazioni somatosensoriali e nei pazienti con Malattia di Parkinson è riportata un’aumentata sensibilità al dolore soggettivo con più bassa soglia dolorosa elettrica e termica. Si suppone che il meccanismo sia una diminuzione di attività del sistema di controllo inibitorio discendente dei gangli della base. Il dolore della Malattia di Parkinson, come alcuni sintomi non motori, rimane sottodiagnosticato e, pertanto, scarsamente gestito. Una raccolta sistematica di descrizioni dei pazienti riguardo il tipo, la qualità e la durata del dolore è perciò di estrema importanza.

Studi recenti hanno convalidato delle scale del dolore dedicate nuove e più specifiche per i sintomi correlati alla Malattia di Parkinson. I trattamenti sintomatici basati sulla classificazione clinica del dolore includono metodi farmacologici e non, ed in parte, approcci invasivi. Nella clinica, gli interventi farmacologici e non possono essere efficaci a vari livelli – in terapia singola o in combinazione – e dovrebbero essere impiegati, poichè ad oggi non sono state convalidate strategie terapeutiche per gestire il dolore della Malattia di Parkinson.

Approcci multimodali dovrebbero sempre essere presi in considerazione, si dovrebbero modificare le terapie dopaminergiche, dovrebbero essere considerati gli analgesici e gli antidepressivi, includendo l’utilizzo di diverse forme di terapie complementari.

Background

James Parkinson descrisse il fenomeno del dolore nella Malattia di Parkinson nel 1817 nel suo originale lavoro “Un saggio sulla Paralisi Tremolante”:

[…] chi scrive è stato chiamato da una donna di circa 40 anni, per un grande dolore ad entrambe le braccia, che si estendeva dalle spalle alla punta delle dita. Lei affermava, che […] non aveva trovato beneficio da alcuna medicina utilizzata […] che le lasciava entrambe le braccia e le mani in uno stato molto debole e tremante.

Adesso, dopo quasi 200 anni, lo stressante e frequente dolore cronico correlato alla Malattia di Parkinson rimane un sintomo sottostimato e sottodiagnosticato nella Malattia di Parkinson.

Incidenza e prevalenza della Malattia di Parkinson, dolore generale e correlato alla Malattia di Parkinson

Le stime di incidenza e prevalenza della Malattia di Parkinson hanno fornito dati contrastanti. In Europa, l’incidenza annuale è stimata tra 5/100000 e 346/100000. Approssimativamente 60000 Americani ricevono diagnosi di Malattia di Parkinson ogni anno. Le sfide coinvolte nella diagnosi differenziale e le altre forme di Parkinsonismo, così come il lungo tempo intercorso tra l’inizio dei sintomi simili alla Malattia di Parkinson e la corretta diagnosi, sono spesso responsabili della discrepanza dei numeri.

La prevalenza riportata nel dolore della Malattia di Parkinson e nel dolore correlato alla Malattia di Parkinson varia nei diversi studi. Nel 2008, Negre-Pages et al hanno stimato una prevalenza del dolore cronico nella Malattia di Parkinson superiore al 60%.

Il dolore della Malattia di Parkinson è spesso riportato come eterogeneo nelle sue presentazioni cliniche, con un effetto disabilitante sulla valutazione della qualità di vita. Nel 1998, l’Associazione Svedese Parkinson ha riportato un sondaggio sui sintomi non motori che includeva quasi 1000 persone con Malattia di Parkinson, rivelando che il dolore era più comune nelle femmine rispetto ai maschi (54% e 45% rispettivamente). Ad ogni modo, anche il dolore generale è comune nella popolazione, circa 18-19% nella popolazione generale adulta secondo i dati di prevalenza.

Nelle fasi precoci della Malattia di Parkinson, il dolore è considerato come uno dei più fastidiosi sintomi non motori, e sembra interessare il lato del corpo inizialmente colpito maggiormente dai sintomi motori della malattia. (Tabella 1)

GRADO SINTOMO/CONDIZIONE PRIMA SCELTA (%) SECONDA SCELTA (%) TERZA SCELTA (%)

1 LENTEZZA 33 5 13

2 TREMORE 30 9 4

3 RIGIDITA’ 6 26 11

4 DOLORE 10 10 5

5 PERDITA OLFATTO / GUSTO 3 10 3

6 UMORE 4 6 4

7 GRAFIA 2 3 6

8 SINTOMI INTESTINALI 2 3 5

9 SONNO 2 4 1

10 PESO/APPETITO 0 3 8

Tab. 1: Classifica dei dieci sintomi più fastidiosi correlati alla MP in 92 pazienti con malattia ad esordio precoce e durata da oltre 6 anni (dati ottenuti da Politis et al.)

Vie fisiopatologiche del dolore nella Malattia di Parkinson

L’origine del dolore nella Malattia di Parkinson resta scarsamente compresa. A volte, compare come distonia quando gli effetti dopaminergici svaniscono. Il meccanismo fisiopatologico che più probabilmente sta dietro questo fenomeno è l’interazione della dopamina nel sistema delle altre monoamine quali la noradrenalina e la serotonina, attraverso sia la via inibitoria che quella eccitatoria. Anomalie nella via discendente interessano l’elaborazione del dolore centrale. Inoltre, i pazienti con Malattia di Parkinson descrivono il dolore neuropatico clinicamente riconosciuto ed altre sensazioni di dolore muscolare. Ciò ha guidato all’esplorazione di vie diverse da quelle secondarie a rigidità, tremore o qualsiasi altra manifestazione motoria della malattia, come un’anomala elaborazione della nocicezione nei pazienti con Malattia di Parkinson affetti da dolore quale sospetto più probabile. I gangli della base elaborano l’informazione somatosensoriale in diversi modi, e nei pazienti con Malattia di Parkinson è stata riportata un’aumentata sensibilità al dolore soggettivo con soglie elettriche e termiche più basse. Questa elaborazione anomala comprende anche i disordini correlati alla Malattia di Parkinson quali l’atrofia sistemica multipla, che mostra quasi la stessa prevalenza del dolore nella Malattia di Parkinson.

La disposizione anatomico-funzionale dei gangli della base è caratterizzata da multiple strutture e sistemi interconnessi. I gangli della base fungono da punto di integrazione per le fibre afferenti nell’organizzazione delle risposte comportamentali agli stimoli. L’influsso proveniente dalle regioni corticali e sottocorticali contribuisce al sistema tra talamo, corteccia e gangli della base. Le aree corticali coinvolte giocano un importante ruolo nell’elaborazione e modulazione del dolore. Questi territori comprendono i lobi frontale e parietale, l’insula e l’ippocampo. La stimolazione elettrica della sostanza nera, uno dei nuclei dei gangli della base, modula il dolore proveniente dalle corna dorsali del midollo spinale, che probabilmente è mediato da una via inibitoria discendente dopaminergica originata dal mesencefalo.

Le due principali vie dopaminergiche sono ben conosciute. La via dopaminergica nigrostriatale proietta dalla sostanza nera alle strutture dorsali striatali del corpo striato. Questa via possiede un’assodata funzione nell’ integrazione e controllo sensitivo-motorio. Le strutture, quali l’amigdala, il talamo ed il nucleo accumbens, sono raggiunte dai neuroni che originano nell’area tegmentale ventrale. Diverse proiezioni dall’area tegmentale ventrale innervano anche specifiche regioni corticali, come la corteccia motoria e la corteccia prefrontale. Di conseguenza, c’è una notevole sovrapposizione tra sistema dopaminergico e le suddette regioni cerebrali coinvolte nell’elaborazione del dolore, ed un’interferenza nelle concentrazioni dopaminergiche in queste aree potrebbero condurre a disturbi motori e sensitivi.

Molte evidenze suggeriscono che altre aree come i nuclei del tronco encefalico e le strutture diencefaliche sono colpite, così come sembrano interessate le strutture extra-encefaliche , il midollo spinale e il plesso enterico autonomico. Inoltre, siccome i farmaci dopaminergici potrebbero essere efficaci per vari sintomi non motori, compreso il dolore nella Malattia di Parkinson, evidenze suggeriscono che questi sintomi sono associati con denervazione dopaminergica in aree cerebrali non principalmente correlate con sintomi motori.

Vie fisiologiche di sollievo dal dolore

All’inizio degli anni 60, sono state introdotte le teorie inizialmente sviluppate da Melzack e Wall. Questi proposero tre aspetti di input afferenti approvati per il dolore: l’attività continua che precede lo stimolo, l’attività dello stimolo che evolve, il relativo bilancio dell’attività nelle fibre grandi versus quelle piccole. Fu introdotto il concetto della “Teoria del gate control”. I messaggi dolorosi incontrano i “cancelli dei nervi” nel midollo spinale che si aprono e si chiudono a seconda di numerosi fattori (probabilmente comprese le istruzioni ricevute dal cervello). Quando i cancelli sono aperti, il messaggio doloroso “passa” più facilmente ed il dolore può essere intenso. Quando i cancelli sono chiusi, il messaggio doloroso non è fatto giungere al cervello e potrebbe non essere provato. Sebbene i dettagli di questo processo restino scarsamente conosciuti, esso può aiutare a spiegare il motivo per cui vari trattamenti sono efficaci.

L’esistenza di afferenze tattili C meccanocettive a bassa soglia fu inizialmente descritta da Vallbo et al. Queste afferenze comprendono un secondo sistema anatomicamente e funzionalmente distinto che segnala il tocco negli essere umani. L’attivazione di queste fibre è più strettamente correlato alle funzioni limbiche piuttosto che le funzioni cognitive e motorie. Nonostante un tocco A beta rapido, accurato e ricco d’informazioni rifletta intensamente il mondo esterno attraverso eventi cutanei in maniera esterocettiva, l’attivazione delle fibre C tattili condivide più caratteristiche con le modalità intracettive. Questa natura lenta e affettiva sembra coinvolta nel mantenimento del benessere fisico.

MISURAZIONI DEL DOLORE

Dolore, stress e biomarkers dello stress

Lo stress e il dolore sono spesso strettamente collegati. Uno ha effetto sull’altro, creando un circolo vizioso che getta le basi per il dolore cronico e lo stress cronico. Pertanto, la gestione dello stress dovrebbe essere una componente della terapia del dolore.

La Merriam-Webster Encyclopedia definisce il termine stress come un “fattore fisico, chimico o emotivo che causa tensione fisica o mentale e può essere un fattore causale di malattia”. L’effetto dello stress può essere spiegato come una tensione fisica o mentale dovuta a fattori che tendono ad alterare un equilibrio esistente.

Negli esseri umani, lo stress è spesso una reazione alla difficoltà e verosimilmente alle situazioni pericolose. La ricerca di substrati umorali che riflettano esperienze fisiche di stress è un’area di curiosità scientifica attraente. La risposta “combatti o fuggi” si verifica quando una persona precepisce una minaccia ed il corpo impiega energia per combattere o fuggire lontano “per vivere un altro giorno”. Questa risposta è caratterizzata dal rilascio di epinefrina dalle ghiandole surrenali, che causano vasocostrizione ed aumento della frequenza cardiaca.

Misurazioni della concentrazione di cortisolo nella saliva si sono dimostrate un biomarker indiretto di stress semplice ed utile. Dallo studio della funzione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene e della secrezione di cortisolo nei pazienti con Malattia di Parkinson come un marker surrogato di stress ed indiretto di dolore, è possibile studiare ed oggettivare gli effetti dell’intervento con lo scopo di dare sollievo allo stress/dolore. Altri biomarker sono le concentrazioni di epinefrina, norepinefrina e ossitocina. La pressione arteriosa e la frequenza cardiaca e respiratoria sono esempi di altri marker per valutare la riduzione dello stress.

Esempi di scale del dolore

Scala visiva analogica

La scala visiva analogica misura un continuum di caratteristiche prescelte presenti. Per esempio, il dolore percepito dal paziente, si estende su un continuum che va da assenza di dolore ad estrema intensità di dolore. Questo range del dolore percepito appare continuo per il paziente. Il dolore non viene riportato su una scala ordinaria con salti tra i valori, quali discreto, moderato e severo. Parole descrittive sono riportate soltanto su entrambi i capolinea, in genere su una linea lunga 100 mm. Questa valutazione è molto soggettiva e meglio utilizzata su individui singoli piuttosto che su gruppi di individui contemporaneamente. Molti esperti affermano che la VAS può produrre dati nel migliore dei casi di tipo seriale. Ciò è importante da considerare nell’analisi statistica dei dati VAS. Una classifica in ordine di punteggio piuttosto che valori esatti potrebbe essere la via migliore per gestire le registrazioni dei pazienti sulla linea di 100 mm.

Brief Pain Inventory

Il Brief Pain Inventory fu inizialmente creato con lo scopo di misurare il dolore nei pazienti con cancro. Esso misura il sollievo dal dolore, la qualità del dolore e la comprensione della causa del dolore in termini di intensità del dolore (dimensione sensoriale) ed interferenza del dolore (dimensione reattiva).

Esempi di scale del dolore nella Malattia di Parkinson

Pain-O-Meter

Questo è uno strumento di autovalutazione del dolore sviluppato con lo scopo di migliorare la valutazione del dolore e la gestione dei pazienti con dolore acuto e cronico, non esclusivamente per il dolore della Malattia di Parkinson. E’ uno strumento rigido, bianco, in plastica. Sul Pain-O-Meter (POM) sono localizzati due metodi per valutare il dolore. Il primo è una scala VAS di 10 cm con un marker mobile che i pazienti usano per valutare il loro dolore. Il secondo è una lista di 15 parole descrittive sensoriali e 11 affettive. Ogni parola descrittiva è assegnata ad un valore di intensità che può essere da basso (1) ad elevato (5).

King’s PD Pain Scale

Ad oggi, non esiste una specifica scala validata che è largamente utilizzata nell’area del dolore correlato alla Malattia di Parkinson (dolore della Malattia di Parkinson). Pertanto, è importante descrivere il contesto dello studio in questo campo. La King’s PD Pain Scale è stata presentata molto recentemente. La scala è semplice da somministrare, richiedendo all’esaminatore di chiedere al paziente 14 domande e calcolare severità e frequenza del dolore nella Malattia di Parkinson. Il tempo richiesto per il caregiver ed il paziente è stimato di circa 10-15 minuti. I dati provenienti da sette settori forniscono informazioni sui diversi tipi di dolore nella Malattia di Parkinson, ampiamente classificato come pattern nocicettivo e neuropatico. Di preciso, la scala cattura il dolore da quello connesso al tempo legato alla scomparsa degli effetti dei farmaci antiparkinsoniani, cioè al dolore connesso alla fine degli effetti farmacologici, al dolore centrale, orofaciale e radicolare.

Diagnosi clinica di dolore correlato alla Malattia di Parkinson

Classificazioni

Tradizionalmente, il dolore nella Malattia di Parkinson è classificato in 5 ambiti: muscoloscheletrico, radicolare/neuropatico, correlato alla distonia, acatisiaco e centrale. Le più comuni sindromi dolorose sono quella muscoloscheletrica e quella distonica. Il dolore centrale della Malattia di Parkinson è il meno comune, ma importante da riconoscere; può essere intermittente o persistente di per sè e spesso è descritto dai pazienti come dolore, bruciore o crampo diffusi. Non è necessario che ci sia alcuna lesione nel sistema nervoso periferico. Diverse parti del corpo possono essere affette e spesso vi si combinano sintomi autonomici. Non ci sono descrizioni inconsuete di dolore da localizzazioni faciali, addominali o genitali.

Comunque, la definizione del dolore centrale non è specifico ed il termine è confuso non di rado con dolore neuropatico centrale che ha un’altra definizione. I meccanismi centrali sono quasi sempre coinvolti nelle sindromi dolorose della Malattia di Parkinson, ma ciò non equivale a soddisfare i criteri per il dolore neuropatico centrale. (Figura 1)

Figura 1: Schema semplificato della valutazione del dolore e della sua origine nella MP

Decisioni cliniche

Quando i pazienti con Malattia di Parkinson esprimono sintomi dolorosi, il medico dovrebbe prima di tutto determinare se il dolore è correlato alla Malattia di Parkinson. Le associazioni tra le sensazioni dolorose e la sintomatologia on/off sono cruciali per determinare l’origine del dolore e possono supportare l’utilizzo di sostituti della dopamina per ottenere sollievo dal dolore. Anche la modalità di valutazione del paziente è fondamentale, dal momento che depressione ed ansia richiedono opzioni terapeutiche specifiche. Comunque, la relazione tra depressione, dolore cronico e Malattia di Parkinson rimane poco chiara.

La depressione potrebbe essere secondaria al dolore della Malattia di Parkinson o viceversa, oppure le due condizioni potrebbero semplicemente coesistere. La ricerca dei neurotrasmettitori suggerisce che i sintomi di malattia, dolore e depressione potrebbe avere substrati fisiologici simili nei pazienti con Malattia di Parkinson.

Localizzazione specifica del dolore nella Malattia di Parkinson

Dolore addominale

Il dolore addominale ed altri tipi di malessere gastrointestinale, come la disfagia, sono comuni nella Malattia di Parkinson. Pertanto, è fondamentale distinguere il malessere addominale legato alle fluttuazioni del carico dopaminergico da altre forme di dolore addominale, come gastrite e reflusso gastroesofageo. Le correlazioni temporali con l’intake dopaminergico ed i sintomi on-off potrebbero fornire una guida.

Dolore dorsale

E’ stato riportato uno studio sulla prevalenza del dolore dorsale nei pazienti con Malattia di Parkinson, > 74%, che è significativamente più alta rispetto alla popolazione generale.

Dolore alle spalle

Il dolore alle spalle è stato osservato nell’11%, 43% o 80% dei pazienti con Malattia di Parkinson nei diversi studi ed è facilmente confuso con una condizione ortopedica. Pertanto, il medico dovrebbe essere consapevole che ciò può essere un sintomo precoce di dolore correlato con la Malattia di Parkinson.

Fluttuazioni delle esperienze dolorose nella Malattia di Parkinson

I pattern delle fluttuazioni dei sintomi non motori sono eterogenei e complessi. I sintomi non motori psichici sembrano fluttuare più frequentemente e severamente rispetto ai sintomi non psichici. Uno studio recente di dieci frequenti sintomi non motori nella Malattia di Parkinson avanzata (100 partecipanti), valutati utilizzando scale VAS come scala di classificazione per la definizione motoria degli stati on-off ed altrettanto bene autovalutazioni a casa, ha confermato i precedenti sospetti: il dolore è aumentato negli stati off e le fluttuazioni del dolore correlano con bassa qualità di vita salute correlata. Il dolore come sintomi non motori era più frequente nello stato off; più precisamente, era tre-quattro volte più comune durante lo stato off rispetto a quello on.

Stato mentale e rete sociale

Come precedentemente menzionato, depressione e dolore sono problemi clinici significativi che sono coesistenti con la Malattia di Parkinson. Lo stato civile, così come altre reti sociali, interferisce con queste condizioni. Il matrimonio/convivenza, che determina un supporto fisico ed emotivo, potrebbe avere un effetto attenuante sugli outcome del paziente in termini di prevalenza della depressione ed interferenza del dolore. I pazienti con Malattia di Parkinson single sembrano avere punteggi di interferenza del dolore maggiori rispetto a pazienti con Malattia di Parkinson che convivono.

STRATEGIE TERAPEUTICHE

Terapie farmacologiche

Farmaci dopaminergici

I pazienti con Malattia di Parkinson hanno uno scarso tono dopaminergico che richiede trattamento farmacologico dopaminergico, quali levodopa e dopamino-agonisti. L’efficacia dei farmaci dopaminergici è stata determinata in altri disordini dei sintomi non motori, come i disordini del sonno e dell’umore; i farmaci dopaminergici hanno il potenziale di ridurre il dolore concomitante così come i sintomi antidistonici diretti dovuti al deficit di dopamina esistente. Il dolore muscoloscheletrico correlato alla distonia spesso risponde bene ai farmaci anti-parkinsoniani.

Paracetamolo, farmaci anti-infiammatori non steroidei, ansiolitici e antidepressivi

La terapia polifarmacologica è comune nel dolore dei pazienti con Malattia di Parkinson. In uno studio precedente, ad un quarto dei partecipanti sono stati prescritti analgesici, principalmente paracetamolo. Comunque, solo un terzo riferiva sollievo dal dolore con gli analgesici. Quasi tutti (9 su 10) usava farmaci per insonnia/ansia e 1 su 5 usava antidepressivi.

Antagonisti dei recettori degli oppioidi

Il dolore è spesso un target terapeutico, ma è gestito raramente in maniera appropriata. Gli effetti dell’ossicodone, antagonista semisintetico del recettore degli oppioidi, sono stati studiati in 210 pazienti con vari stadi di Malattia di Parkinson. I partecipanti inclusi nello studio riferivano un dolore severo provato soggettivamente ed erano seguiti per 16 settimane. I partecipanti erano assegnati random (1:1) al gruppo con ossicodone a rilascio prolungato e naloxone (5 mg e 2,5 mg, rispettivamente) o al gruppo con placebo. Curiosamente, l’end point principale del punteggio di dolore medio nelle 24 ore a 16 settimane non era significativamente differente nei due gruppi, rafforzando le teorie di caratteristiche uniche del dolore nella Malattia di Parkinson.

Miglioramenti significativi nell’esperienza dolorosa con il regime con gli antagonisti dei recettori degli oppioidi sono stati identificati solo nel sottogruppo con severo dolore muscoloscheletrico e nei tipi di dolore della Malattia di Parkinson notturno severo. Hanno tradotto nel trattamento quotidiano i risultati per i pazienti con dolore da Malattia di Parkinson, miglioramenti clinici potrebbero essere raggiunti solo se il tipo di dolore è adeguatamente identificato, caratterizzato e seguito nel tempo.

Tossina botulinica ed altre terapie farmacologiche con proprietà spasmolitiche

Uno studio è stato condotto usando la tossina botulinica per il trattamento della distonia. Dei 30 pazienti trattati per distonia degli arti inferiori, il dolore era riferito scomparso per 4 mesi in circa 2/3 dei pazienti. I siti di iniezione erano in molti muscoli degli arti inferiori con una dose media totale di 70 UI di tossina botulinica per ogni paziente. Nessuno studio controllato pubblicato sembra essere stato condotto con baclofene o altri spasmolitici.

Terapie invasive

Il trattamento del dolore da Malattia di Parkinson resistente a terapia con terapie invasive è raro, ma la conoscenza degli effetti sulla modulazione del dolore rivela la complessità dell’origine del dolore da Malattia di Parkinson.

Deep Brain Stimulation dei nuclei subtalamici ed effetti sul dolore

La Deep Brain Stimulation dei nuclei subtalamici è comunemente usata per trattare le fasi avanzate della Malattia di Parkinson. Comunque, la modulazione del dolore correla strettamente con l’inibizione dell’esperienza del dolore. In uno studio seguito a 8 anni sugli effetti della riduzione del dolore nei pazienti con Malattia di Parkinson trattati con STN, i risultati erano stabili per diversi anni; 20 su 24 pazienti con dolore cronico preoperatorio riferivano dolore solo nelle fasi off. Più dell’80% dei pazienti provavano ancora dolore nelle fasi off 8 anni dopo la chirurgia, sebbene l’intensità e la diffusione del dolore registrati al baseline mostravano miglioramenti. Il numero di distretti corporei in cui i pazienti riferivano dolore era ridotto del 40%, e la media e la mediana dei punteggi del dolore erano migliorati.

Risultati migliori erano osservati anche in un sottogruppo di 12 pazienti con fluttuazioni nel dolore uguale alle fluttuazioni nei sintomi motori. Alcuni di questi pazienti riferivano una completa continua scomparsa del dolore nelle fasi on 8 anni dopo la chirurgia. Ad ogni modo, l’esperienza di dolore complesso ed altre/nuove forme di dolore evolveva nella maggior parte di questi pazienti oltre gli anni studiati, cosa che dovrebbe essere considerata.

Stimolazione del midollo spinale

L’impianto di elettrodi vicino al midollo spinale è stato descritto in pochi casi (tre) di pazienti con Malattia di Parkinson con dolore intrattabile. Siccome il dolore in questi pazienti era di origine non parkinsoniana, è dubbio se questi risultati contribuiranno alle proposte dei trattamenti invasivi nel dolore correlato alla Malattia di Parkinson.

Terapie complementari

La medicina complementare (CAM) non dovrebbe essere confusa con la medicina alternativa, in cui tradizionalmente trattamenti accettati sono rimpiazzati da un’ampia gamma di pratiche per la cura della salute, prodotti e terapie, che variano da biologicamente verosimili, ma non ben testati, a contraddetti direttamente dall’evidenza e dalla scienza oppure nocivi o tossici. La CAM è ampiamente utilizzata; nei Paesi Anglosassoni, 4 su 10 adulti hanno usato qualche tipo di CAM. In una intervista telefonica nel 2000 con risposte complete da 1000 partecipanti nella Stockholm County, il 57% aveva usato la massoterapia (MT). Donne adulte con alto livello di istruzione sono maggiormente rappresentate in questo pattern di consumo.

Massoterapia

La massoterapia è una delle forme di trattamento più vecchie; è stata descritta per la prima volta nella Repubblica Popolare Cinese nel secondo secolo aC e subito dopo in India ed Egitto. L’Associazione Americana di Massoterapia definisce il massaggio come “una manipolazione manuale tissutale leggera che include mantenere posture, provocare movimenti e/o esercitare pressione sul corpo. Il professionista applica tecniche manuali e può applicare terapie aggiuntive con intenzione di influire positivamente sulla salute e sul benessere del paziente”

Musicoterapia

La musica è una forma di arte universale presente in ogni cultura nel mondo. La musica potrebbe anche essere un mezzo attraverso cui gli individui possono gestire conflitti emotivi ed aumentare l’autostima. E’ stato dimostrato che la musica induce cambiamenti della frequenza cardiaca e respiratoria. Nelle ultime decadi, alcuni studi si sono focalizzati sulle vie neurali coinvolte negli effetti fisici ed emotivi della stimolazione musicale. Ascoltare musica riduce i livelli di intensità del dolore ed il bisogno di oppioidi, sebbene l’importanza di questi benefici sia piccola e la rilevanza clinica poco chiara.

Negli studi che valutavano l’intensità media del dolore, c’erano variazioni notevoli negli effetti della musica, indicando un’eterogeneità statistica. Risultati discordanti sono mostrati anche nell’influenza della scelta personalmente indipendente del tipo di musica durante le terapie. Liljestrom et al trovarono differenze nelle misure degli outcome, mentre un altro studio che misurava gli effetti sull’intensità del dolore acuto nelle 24 ore dopo la chirurgia non indicava differenze. Indipendentemente dalla selezione della musica, l’intensità del dolore era ridotta e il bisogno di oppioidi diminuito.

Musica lenta, soft, ad ogni modo, aveva dimostrato di essere efficace nel ridurre la depressione e migliorare la qualità del sonno, che è importante per capire le connessioni tra depressione, pattern del sonno ed esperienze di dolore.

Meccanismi ipotizzati

Massoterapia

E’ stato ipotizzato che il tocco interpersonale nella forma di manipolazione tissutale inneschi alcune risposte fisiologiche, la maggior parte delle ricerche sulla massoterapia sono incentrate su parametri fisiologici misurabili ottenuti in “direzioni positive” dalla massoterapia. Per gli effetti a breve termine, la teoria del gate control è più spesso menzionata. La massoterapia può anche fornire un cambiamento nel sistema nervoso autonomo da uno stato di risposta simpatica ad uno stato di risposta parasimpatica. Di fronte a minacce o sfide nel corpo avviene un aumento degli ormoni dello stress, un aumento dell’attività cardiovascolare e sentimenti di tensione. La pressione applicata durante la massoterapia può stimolare l’attività vagale, suggerendo che la massoterapia possa promuovere la riduzione di ansia, depressione e dolore, in accordo con uno stato di quiete. Anche aumentati livelli di serotonina sono stati dimostrati in alcuni studi sulla massoterapia, ed altri hanno osservato cambiamenti nel rilascio di endorfine nella circolazione sanguigna dopo la massoterapia.

Musicoterapia

Studi di neuroimaging hanno dimostrato l’attivazione di specifiche vie in molte aree cerebrali associate con comportamenti emozionali, come la corteccia insulare e cingolata, l’ipotalamo, l’ippocampo, l’amigdala e la corteccia prefrontale. La dopamina gioca un ruolo importante come mediatore biochimico nell’elaborazione percettiva ed emotiva della musica ed è rilasciata dalle aree ventrale dello striato e tegmentale ventrale nei soggetti che ascoltano una musica piacevole.

Effetti della massoterapia sulle concentrazioni di cortisolo endogeno

Uno dei primi tentativi di esaminare globalmente gli effetti della massoterapia nei beneficiari umani di tutte le età fu pubblicato da Field nel 1998, e sono state ipotizzate varie teorie per spiegarne gli effetti. Lo studio includeva pure gli effetti potenziali della massoterapia nel facilitare la crescita dei neonati, ridurre il dolore, aumentare l’attenzione, ridurre la depressione, ed aumentare la funzione immune. Gli effetti decrescenti della massoterapia sull’ormone adrenocorticotropo umano e le concentrazioni di cortisolo sono coerenti con la gamma di studi esaminati e si sono affermati fortemente come un precursore degli effetti benefici della massoterapia.

Sebbene gli effetti acuti della massoterapia sulla concentrazione di cortisolo siano notevoli, essi non si mantengono negli studi di follow up a lungo termine. Questi risultati suggeriscono che il cortisolo non è un mediatore diretto degli effetti consolidati e benefici della massoterapia su ansia, depressione e dolore, ma piuttosto un marker surrogato per la riduzione dello stress.

Benefici clinici della massoterapia

Tra i benefici più evidenti della massoterapia nel trattamento del dolore è la mancanza di rischi o danni per il paziente. Gli effetti collaterali sono rari, ma occasionalmente comprendono stanchezza, ipotensione e vertigini dopo le sedute. Da sola o in associazione con la musicoterapia, è stato dimostrato che la massoterapia ha effetti positivi sulla forza dell’esperienza dolorosa.

Conclusioni

Le strategie di trattamento del dolore da Malattia di Parkinson richiedono una profonda conoscenza dei meccanismi responsabili delle esperienze dolorose nei singoli pazienti. Cambiamenti nelle vie centrali coinvolte nell’elaborazione sensitiva riducono la soglia del dolore nella Malattia di Parkinson. Alcuni studi hanno confermato l’esistenza di vie diverse da quelle secondarie a rigidità, tremore ed altre manifestazioni motorie della malattia.

Si è dimostrato che i gangli della base elaborano l’informazione somatosensoriale attraverso diversi metodi, e recenti studi di inibizione del dolore hanno mostrato la presenza di fibre CT con proiezioni alla corteccia insulare. L’attivazione di queste fibre gioca un ruolo nell’inibizione del dolore e correla con gli effetti osservati in diverse forme di massoterapia. Il dolore cronico correlato alla Malattia di Parkinson è strettamente associato con lo stress, così come con altre forme di dolore cronico e/o acuto. Una ridotta concentrazione del cortisolo nella saliva o nel plasma è un esempio di biomarker per la riduzione dello stress.

La prima azione che il medico dovrebbe effettuare è escludere altre possibili fonti di dolore oltre la Malattia di Parkinson. Le dinamiche nel tempo e la correlazione con la sintomatologia on/off e la terapia con levodopa/agonisti dopaminergici dovrebbero essere valutati, seguiti dalla creazione di un programma di follow up dell’esperienza dolorosa. Questi dovrebbero essere misurati in termini di forza, così come alcune forme della VAS ed in termini di descrizione verbale, che può essere effettuato con la POM. Le CAM sono spesso utilizzate in questa popolazione, sebbene in aggiunta alle cure mediche consuete e sebbene siano costose.

Cambiamenti riportati dal paziente riguardo le esperienze dolorose dovrebbero essere considerate in caso di scelte di strategie future di trattamento. Gli effetti sul sollievo dal dolore nella Malattia di Parkinson degli analgesici e dei FANS non sono assenti, ma gli effetti limitati devono essere presi in considerazione per comprendere i meccanismi di dolore parzialmente diversi dovuti a disordini neurodegenerativi.

Ci sono molte indicazioni del fatto che la terapia fisica possa essere efficace nella Malattia di Parkinson quando si studiano ampi criteri di outcome non solo per il trattamento del dolore. Per quanto concerne il sollievo dal dolore cronico correlato alla Malattia di Parkinson, c’è la necessità di ulteriori studi controllati. Il sottogruppo dei pazienti con Malattia di Parkinson deve essere definito più meticolosamente. Chi beneficia di più del tocco tattile o della massoterapia , quali metodi standardizzati sono migliori, le dosi rilevanti ed ottimali, la durata e gli intervalli delle sedute devono essere tutti valutati appropriatamente.

Trattamento riabilitativo dopo rottura del tendine d’Achille.

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo

Trattamento riabilitativo dopo rottura del tendine d’Achille.

Programma completo:  taping kinesiologico, massaggio trasverso profondo, cupping therapy, InterX, crochetage, stretching posturale globale.

RESET della gamba corta

by Adailton De Souza 🇧🇷

RESET della gamba corta in Osteopatia quantica attraverso Campo elettromagnetico .
Manipolazione molto efficace sulle persone elettro sensibili

DISORDINI CRANIO CERVICO MANDIBOLARI

by Prof. Gianluca Egidi, Socio Terapista d'élite - Pescara 🇮🇹

DISORDINI CRANIO CERVICO MANDIBOLARI

Cosa sono i Disordini Cranio Cervico Mandibolari (DCCM)

I Disordini Cranio Cervico Mandibolari rappresentano un quadro patologico complesso, la cui incidenza nella popolazione è oggi sempre maggiore.

Si tratta di un processo infiammatorio e/o degenerativo che interessa l’apparato stomatognatico (la bocca) ed in particolare i muscoli masticatori e l’articolazione temporo mandibolare (ATM) e che coinvolge in un quadro disfunzionale un ampio gruppo di strutture ad esso correlate: il cranio, il tratto cervicale della colonna vertebrale, l’apparato uditivo e dell’equilibrio, il sistema posturale, il sistema neuro mio fasciale.

Un’alterata posizione della mandibola rispetto al cranio, si accompagna al malfunzionamento della muscolatura masticatoria e dell’articolazione temporo mandibolare e spesso ad un’alterazione della postura del cranio, del tratto cervicale della colonna vertebrale e al malfunzionamento dei muscoli del collo e del tronco. Ciò provoca un quadro patologico complesso con sintomi muscolari, articolari, neurologici ed un coinvolgimento del sistema neurovegetativo.

A causa della stretta correlazione tra apparato masticatorio ed orecchio, la disfunzione della posizione mandibolare molto spesso coinvolge anche quest’organo, provocandone la sofferenza e l’insorgenza di patologie di vario livello.

Le cause

Le cause dei DCCM sono multiple: il più delle volte è presente una predisposizione individuale dovuta a caratteristiche anatomiche e funzionali sulla quale intervengono improvvisi fattori scatenanti come i traumi (ad esempio il colpo di frusta), le parafunzioni, (come serrare o digrignare i denti), lo stress che determinano la comparsa dei sintomi.

I sintomi

La patologia si manifesta con sintomi vari talvolta apparentemente non correlabili tra loro e questo genera spesso confusione sia nel paziente che nel medico non specialista.

Tra i disturbi più frequenti: mal di testa, dolore a carico della muscolatura masticatoria, della mandibola, del collo (cervicalgie) e del busto, mal d’orecchio, alterazione dei movimenti mandibolari, rumori a carico dell’articolazione temporomandibolare (ATM), disturbi nella masticazione e nella deglutizione, bruxismo, pseudo-vertigini o instabilità posturale, rumori nelle orecchie (acufeni), diminuzione dell’udito (ipoacusie).

Come curarsi

La diagnosi precoce ed il corretto e rapido intervento terapeutico riducono il rischio di cronicizzazione dei sintomi.

La presenza di più disfunzioni che interessano contemporaneamente differenti distretti corporei rende necessario un intervento diagnostico e terapeutico multidisciplinare nel quale più specialisti, coordinati in equipe, affrontano parallelamente tutte le problematiche cliniche conseguenti al DCCM allo scopo di ristabilire la salute dell’intero distretto cranio cervico mandibolare, riducendo i tempi di guarigione.

Il nuovo ed innovativo trattamento "ATLANTIS" del Prof.Egidi è la soluzione più naturale e senza uso di farmaci!!!!

Nasce per volontà del Dott. Antonio Ruggio, e del Prof. Gianluca Egidi, sulla base di un’esperienza professionale pluriennale maturata nell’ambito di questa patologia, con l’obiettivo di fornire al paziente un centro clinico di riferimento all’interno del quale trovare una figura specialistica necessaria ad un approccio completo alla patologia.

Contattaci pure al 3491847174 oppure passaci a trovare presso il nostro studio di Pescara in Via Tasso,25.

Dopo un accurata valutazione ti accompagneremo in maniera naturale, non invasiva e priva di farmaci verso il benessere!

Back pain here are the two accomplices

Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

Back pain here are the two accomplices:

 ileus psoas and piriformis muscle. Mal di schiena ecco i due complici: muscolo ileo psoas e Piriforme

discopatie e sofferenza subcondrale C3 su C4

by Dott. Roger Battiston

Rendo nota di paziente maschio anni 70 con discopatie e sofferenza subcondrale C3 su C4 con protrusione e stenosi foraminale inoltre discopatie C4 C5 con unico artrosi minute erniazioni C2 C3. Il paziente riferisce algia sia a livello inserzioni tendinee occipitali sia muscolatura trapezio scaleni fino al cingolo scapolare. Nessuna parestesia al momento. Si rimanda la visita ortopedica con il dottor casali intanto si procede con tecarterapia e cauto massaggio con mobilizzazioni passive. Si procederà poi con ginnastica posturale generale per tutta la colonna.

✔IL NUOVO PROTOCOLLO EGIDI É ANCHE QUESTO..!!!!✔

copyright Prof. Gianluca Egidi, Pescara 🇮🇹

✔IL NUOVO PROTOCOLLO EGIDI É ANCHE QUESTO..!!!!✔

MONONUCLEOSI- VIRUS EPSTEIN BARR
possono verificarsi situazioni, a volte difficilmente inquadrabili, che possono far sospettare una riattivazione virale.
Adesso parliamo della MONONUCLEOSI
📷MONONUCLEOSI- VIRUS EPSTEIN BARR (EBV) è presente circa nel 80% delle persone ed è causa spesso di SINTOMI GRAVEMENTE INVALIDANTI CHE POSSONO PORTARE AD ALTRE GRAVI PATOLOGIE
Il virus nella maggior parte dei casi rimane silente ma può anche riattivarsi.
📷RIATTIVAZIONE significa che il virus, una volta guarita la mononucleosi, rimane confinato all'interno dei linfociti B e comincia a replicarsi determinando in questo caso non una nuova mononucleosi, ma una “seconda infezione” che prende il nome di “riattivazione”
Importanza della ricerca “quantitativa” degli anticorpi IgG nel sangue
📷I SINTOMI di presenza di infezione o di riattivazione dell’EBV includono:
• Estremo affaticamento
• Febbre
• Gola infiammata
• Linfonodi ingrossati
• Milza ingrossata
• Fegato ingrossato
• Eruzioni cutanee
• Disturbi emotivi
• Malattie autoimmuni, come la tiroide di Hashimoto
📷Come trattare la riattivazione del Virus Epstein-Barr:
📷 Cura dell’INTESTINO
Quando il rivestimento dell’intestino è danneggiato lascia filtrare le tossine e ciò stimola il sistema immunitario a reagire in modo eccessivo con un processo denominato endotossiemia
📷 TERAPIA
📷 Dieta e nutrizione adeguate
📷 Eliminazione di tutte le infezioni eventualmente presenti (PANNELLO LINFOCITARIO )
📷 Sostegno dei sistemi detossinanti: questo include aiutare FEGATO, RENI e COLON , anche con l’aiuto di integratori alimentari.
📷 Riduzione delle fonti di stress: lo stress è una delle maggiori cause delle disfunzioni del sistema immunitario.

Riflessologia plantare i10 punti

by Prof. Gianluca Egidi

📌Riflessologia plantare i10 punti📌

Cos’è la riflessologia plantare? Come si pratica? A cosa serve e quali disturbi cura? Scopriamolo in 10 parole.

Con la riflessologia plantare, della mano o facciale è possibile alleviare il mal di testa e il mal di schiena, ridurre lo stress, sciogliere la tensione alle spalle, persino mitigare i sintomi del raffreddore.

Cos’è la riflessologia
Si chiama così una disciplina che affonda le sue radici nella Medicina tradizionale cinese e che consiste nella stimolazione mirata di alcuni punti del corpo attraversati da quelli che, per l’appunto in Cina, vengono definiti meridiani energetici. Le riflessologie sono più di una. La più nota e forse anche la più efficace è quella del piede, parte del corpo ricchissima di terminazioni nervose che ben si prestano a essere stimolate e massaggiate. Ad essa si aggiungono la riflessologia della mano e quella facciale.

Ecco 10 punti che possono aiutarvi a capire di più questa disciplina.

Albero
Nella riflessologia plantare la figura umana è paragonata a quella dell’albero: le radici sono costituite dai piedi, il tronco è la colonna vertebrale e le fronde sono rappresentate dal volto, il più vicino alla luce solare. Secondo questa disciplina il piede regge il microcosmo dell’essere umano e per questo deve essere sano e stabile.

Riflesso
Per la fisiologia, prende questo nome una risposta motoria o secretoria automatica, che non dipende cioè dalla volontà dell’individuo. Nella riflessologia questa risposta è indotta dalla trasmissione di uno stimolo che parte da un recettore periferico (presente per esempio sul piede o sulla mano), giunge a un organo centrale come cervello o midollo spinale e da qui si dirige a un organo effettore (un muscolo, una ghiandola, un organo). In pratica, la terapia delle zone riflesse si propone, attraverso la stimolazione e la manipolazione di alcuni punti specifici, di migliorare le funzioni dell’organismo e di influenzarne una evoluzione positiva.

Unità
Il presupposto è che ogni organo, oltre ad avere una propria specificità, rifletta in sé l’intero organismo. Piedi, mani, viso e orecchie soprattutto, poiché sono sedi di una grande quantità di terminazioni nevose, sarebbero anche gli organi più adatti a riflettere (proprio in virtù di queste terminazioni) tutti gli altri organi del corpo. Sui piedi troveremmo dunque tutti i punti riflessi degli organi interni, della colonna vertebrale e delle ossa.

Sensibilità
I piedi sono organi altamente sensibili: su ognuno di essi sono presenti 7.200 terminali nervosi. Sulla pianta si trovano moltissimi meccanocettori ed esterocettori, sensibili alla pressione.

William H. Fitzgerald
Statunitense, è il padre della riflessologia plantare moderna. Nonostante infatti la terapia delle zone riflesse sia vecchia di 5000 anni e fosse praticata da popolazioni antiche già in Egitto, india, Cina e Perù, dobbiamo aspettare il Novecento per avere la prima mappa delle zone riflesse. Fitzgerald iniziò le sue sperimentazioni nel 1902 quando nel suo studio da otorinolaringoiatra aveva scoperto che la pressione di alcune parti del corpo dei pazienti consentiva di ottenere analgesie o addirittura anestesie di breve durata. Nel 1917 pubblicò, insieme al collega dentista F. Bower il suo primo libro, “Zone therapy, or relieving pain at home”.

Eunice Ingham
Tra i diversi sostenitori delle teorie di Fitzgerald, la terapista fu la prima a focalizzarsi sullo studio del piede, essendo una zona molto sensibile e ricca di terminazioni nervose. Pubblicò diversi libri tra 1938 e 1948 e ebbe il merito di aver portato, alla fine degli anni ’40, la riflessologia in Europa grazie a due sue allieve Hanne Marquardt (tedesca) e Doreen Bayly (inglese). Elipio Zamboni, allievo della prima, e Erasmo Buzzacchi, allievo della seconda, hanno fatto conoscere la disciplina in Italia.

Mappe
Gli studi, dopo Fitzgerald, sono fioriti. Anche se la mappa su cui si basano tutte le altre è essenzialmente la sua, le diverse scuole hanno creato una propria mappa, che può differire dalla prima per alcune particolarità. Sono comunque tutti concordi su quale debba essere la visione generale del piede.

Zone del piede
Fitzgerald aveva diviso il corpo umano in 10 zone verticali e tre orizzontali. Applicando la stessa divisione ai piedi uniti, è riuscito a individuare i diversi punti riflessi. Gli organi centrali, come colonna e stomaco, si trovano metà su un piede e metà sull’altro; quelli di destra sul piede destro (ad esempio il fegato) e quelli di sinistra (come la milza) sul piede sinistro; gli organi doppi, ad esempio polmoni o reni, si trovano su entrambi i piedi; le cinque dita sono tutte relative alla testa e ai suoi organi.

Osservazione
Ogni terapia parte dall’osservazione del paziente, della sua postura, dal suo modo di muoversi e di camminare. E ovviamente si osservano i piedi, la loro posizione, le loro tensioni e la loro forma. Per esempio i piedi simmetrici, cioè quelli che assumono inclinazione uguale di 45°, sono indice di rilassatezza, mentre se la testa è leggermente piegata a destra e il piede destro è abdotto, significa che c’è una tensione sul lato destro.

Percorso riflessologico
Una terapia riflessologica è costituita da tre momenti. Il primo è la ricerca dei punti dolenti: attraverso una risposta più o meno dolorosa da parte del pazionete, si identificano le parti da trattare. Il secondo è il trattamento di riequilibrio generale, volto al ripristino dell’equilibrio dei vari organi. Il trattamento personalizzato, infine, si focalizza sui punti più dolenti, che riflettono dunque gli organi in maggior disequilibrio. Generalmente il trattamento dura circa 45 minuti per cicli di 10-12 sedute.

Mappa della riflessologia plantare
I punti riflessi sui piedi sono pressoché identici su un piede e sull’altro; le variazioni sono minime. I punti relativi a testa, seni frontali, occhi, orecchie, spalla, polmoni, tiroide, stomaco, duodeno-pancreas, rene surrene, colon trasverso, ginocchio, vescica, ovaie (o testicoli), nervo sciatico e duodeno si trovano infatti sulle piante di entrambi i piedi.

La mappa del piede sinistro
I punti che si trovano solo sul piede sinistro sono quelli corrispondenti a fegato, cistifellea, colon acendente, appendice.

La mappa del piede destro
I punti che si trovano solo sul piede destro sono quelli corrispondenti a cuore, colon discendente, intestino retto e milza.

Riflessologia della mano
Un discorso molto simile si affronta con la riflessologia della mano. Si opera sui palmi su cui, proprio come sul piede, si trovano le terminazioni nervose che costituiscono i punti riflessi degli organi del corpo che desideriamo “trattare”.

Anche in questo caso, le dita corrispondono alla testa e alla zona craniale, alla base del pollice si trovano collo, spalla e colonna vertebrale, mentre nella parte interna del palmo gli altri organi. Come avviene per i piedi, la differenza tra le due mani e minima, ma significativa: sulla destra è possibile massaggiare i punti riflessi di fegato e cistifellea, sulla sinistradel cuore e della milza.

Riflessologia facciale
Secondo la riflessologia facciale vietnamita, difussasi a partire dagli anni 80 grazie al professor Boi Quoc Chau, anche sul viso si possono trovare i punti riflessi corrispondenti ai diversi argani e all’apparato muscolo scheletrico. Si tratterebbe di 600 punti così divisi: sopra il naso si troverebbero le terminazioni relative alla testa, al collo e alle spalle, sopra gli occhi le braccia, le mani si “troverebbero” vicino alle orecchie. Le narici rappresenterebbero il bacino, mentre la zona della bocca e del mento le gambe e i piedi. Allo stesso modo, nella zona del naso si troverebbero i punti riflessi relativi a cuore e polmoni, nella zona degli zigomi stomaco e fegato, su entrambi i lati della bocca i reni e sul mento l’intestino e il colon.

La riflessologia facciale viene utilizzata soprattutto per alleviare disturbi come il mal di testa, i dolori alla cervicale, lo stress e, in alcuni casi, anche l’insonnia.

Sindrome dell'arto fantasma e amputazione dell'arto inferiore

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

Sindrome dell'arto fantasma e amputazione dell'arto inferiore: riabilitazione

Lower limb amputation: rehabilitation protocol – Report homes with the use also of kinesiology taping

Amputazione arto inferiore: protocollo riabilitativo – case Report con l’utilizzo anche del taping kinesiologico

A cura di :

prof. Rosario Bellia

–  Presidente dell’Associazione Italiana  Taping Kinesiologico®  

– Docente di taping kinesiologico® presso Università  Statale di Palermo e di Napoli Federico II°

–  Docente di taping kinesiologico® presso Università  Statale di Valencia (Spagna) nel 2010

– Docente al Corso di perfezionamento Università  agli studi di Milano  nel 2014

Presentazione del caso:

Paziente di 58 anni ed ecco la sua storia anamnestica, raccontata direttamente in prima persona:

Il 3 febbraio 2013 fui colto da improvviso ed acutissimo dolore al piede della gamba sinistra, gamba che mi dava da qualche giorno dolore, ma che io avevo trascurato di segnalare in quanto più volte la stessa si era fratturata ed aveva subito altri traumi.

Il dolore fu talmente forte che mi recai alla Guardia Medica che immediatamente accortasi del problema (Aneurisma all’arteria poplitea) mi ha subito trasferito in Ospedale a ………….. Qui mi hanno subito sottoposto ad un intervento chirurgico per la rivascolarizzazione purtroppo non riuscito in quanto l’aneurisma era già troppo esteso  e la conseguente necrosi era in “atto”. Il giorno 5 febbraio sono stato amputato della gamba sinistra, in pratica a metà coscia ( al terzo superiore).

Confermo che l’assistenza nell’Ospedale di ……… è stata esemplare così come la disponibilità sia dei chirurghi sia del personale infermieristico. Unica cosa che secondo me è mancata il  supporto psicologico dopo un tale trauma.

Me la sono cavata da solo.

Per la riabilitazione e fisioterapia sono stato trasferito (dietro richiesta dei miei congiunti e per comodità logistiche) presso l’Ospedale di ……..

La riabilitazione e la fisioterapia hanno compreso anche l’uso di una protesi oltre che quello dei canadesi.

Qui sono rimasto molto insoddisfatto in particolare della protesi, quasi impossibile da usare e che spesso si “sganciava” dall’apposito supporto, dandomi un completo senso di insicurezza.

E’ mancato anche qui il supporto psicologico in maniera totale.

Le sedute di fisioterapia erano effettuate giornalmente, ma senza nulla togliere agli addetti moltissimo ho risolto da solo.

Intanto continuava la terapia del dolore provocato “dall’arto fantasma” con medicinali tipo TARGIN ed altri similari, che non avevano altro effetto se non quello di rimbambirmi mentre il dolore restava. Tale dolore si è attenuato fino a scomparire quasi del tutto solo ed esclusivamente tramite il tuo metodo e di questo ti ringrazio  ancora, ovvero la applicazione di quelle simpaticissime ed utilissime striscie colorate (taping kinesiologico Bellia System)!!!! Ancora oggi ne traggo i benefici, così come traggo benefici dal tipo di esercizi da te insegnati e dalla maniera di deambulare con la nuova protesi. Insomma, concludendo, grazie ai tuoi metodi ed al tuo interessamento penso di aver risolto la maggior parte dei miei problemi, in precedenza da terzi mai presi in considerazione.

Per questo ti sono veramente molto grato e sono felice di averti conosciuto.

Ti ringrazio dal profondo, cordialmente.

 

Voglio precisare che il paziente è diabetico farmacologicamente compensato, e portatore di una notevole insufficienza circolatoria agli arti inferiori. L’arto inferiore sinistro, che è stato amputato era stato soggetto a varie fratture pregresse di diversa origine anche da arma da fuoco, vista la professione del paziente (adesso economista).

Come evidenziato dal “vivo racconto” del paziente ho preso in carico il caso dopo varie vicissitudini, quindi ho dovuto valutare bene tutto ciò che era stato fatto precedentemente, dal punto di vista riabilitativo, per cercare di migliorare in maniera globale l’autonomia personale del paziente.

 

 

     

Riporto di seguito le varie fasi del progetto riabilitativo:

1)    Analisi funzionale iniziale:
a) postura anteriorizzata per retrazione dello psoas da posizione seduta protratta
b) ipovalidità degli estensori femorali
c) sindrome dell’arto fantasma: “resistente”
d) passo anteriore dell’arto sano “anticipato” per asimmetria di carico
e) equilibrio in stazione eretta “instabile”
f) dopo i primi trattamenti riabilitativi il morale è molto “alto”
g) la sensibilità tattile e cinestesica è buona.

2)   Programma riabilitativo:

a)   Massaggio del moncone per migliorare la mobilità tessutale e scollare le cicatrici

    

b)   Mobilizzazione multi assiale dell’articolazione coxo-femorale

c)   Rieducazione funzionale degli schemi motori del passo, con particolare attenzione all’allungamento dei muscoli retratti (ileo psoas , pettineo, ecc.) e l’attivazione dei muscoli ipotonici (glutei, quadrato dei lombi, ecc.)

d)   Per trattare in modo specifico “la sindrome dell’arto fantasma”: applicazione dell’  Elettro Neuro Feedback (ENF), dopo la scansione iniziale e il riequilibrio sono stati utilizzati i programmi di:   rigenerante tessuti molli, decontratturante, aderenze post operatorie, antalgico grave.

    

e)   Esercizi “ideo motori”: eseguire davanti allo specchio degli esercizi con l’arto “sano”: esercizi neuromuscolari; – fare mentalmente degli esercizi con l’arto mancante nel punto in cui si percepisce il dolore ; rilassare mentalmente l’arto mancante e con esso il moncone.

f) applicare il taping kinesiologico con due diverse tecniche in base all’obiettivo:

1. tecnica drenante emo-linfatico

2. tecnica decompressiva tissutale con obiettivo “gate controll”

3. tecnica di stimolazione “neuro regolatrice” esterocettiva

 

g)     Esercizi dalla stazione eretta: spostamenti di carico nelle varie direzioni davanti allo specchio e poi anche ad occhi chiusi. Controllo del tronco nell’appoggio mono podalico.

h)    Esercizi propriocettivi in stazione eretta.

i)   Rieducazione del cammino e dei passaggi di posizione.

 

    
La riabilitazione dell’amputato deve essere personalizzata: questa deve essere una regola fondamentale.

  1. Cause di disfunzioni post-chirurgiche:

  • Lunghi periodi di impotenza funzionale durante i quali i pazienti sono stati sottoposti a terapie farmacologiche e chirurgiche (by-pass)

  • Perdurare di insufficienza arteriosa

  • Necrosi tessutale dell’ estremità

  • Riduzione progressiva delle capacità  di deambulare

  • Peggioramento delle condizioni generali del malato

  • Ipotrofia muscolare

  • Riduzione della mobilità degli arti inferiori

  • Deficit di equilibrio posturale

  • Funzione cardiaca e malattie cardiovascolari

  • Patologie osteo-articolari

  • Affezioni del sistema nervoso

  •  Disfunzioni della funzione respiratoria

  1. Valutazione clinica generale:

  1. Riabilitazione cardiovascolare 

Il training motorio  permette un maggior adattamento dei muscoli allo sforzo grazie ad un’ aumentata capacità di utilizzare il metabolismo aerobico.

4.  valutazione del moncone
a)  Complicanze a carico della cute:  difetti di cicatrizzazione per insufficiente irrorazione, possibili aderenze, invaginazioni, cheloidi, fistole, dermatiti, follicoliti, eccesso o scarsità di tessuti molli

b)  Edema del moncone:  per modificazione della normale distribuzione dei vasi sanguigni e del sistema linfatico prodotta dall’ amputazione

c) Parti ossee: difetti di lunghezza del moncone, irregolarità nell’ estremità dell’ osso sezionato, comparsa di esostosi, osteoporosi

d) Disturbi delle articolazioni prossimali all’ amputazione: atteggiamenti viziati per contratture, retrazioni capsulari o alterazioni della struttura articolare

e) Dolore del moncone: dolori ischemici legati a turbe trofiche e circolatorie, dolori d’alterazione del segmento ossee, da patologie cutanee, da cicatrici, dolori neurogeni: parestesie, neuromi, arto fantasma.

 

5.  affezioni del sistema nervoso:

a)    Neuropatie periferiche

b)   NEUROMI: agiscono come piccolissimi circuiti elettrici che continuamente spediscono messaggi di dolore al cervello senza correlazione con un reale danno sul moncone.

c)    Arto fantasma.

 

Amputazione arto inferiore: riabilitazione TapingBellia

A)    arto fantasma:

nel 1551è stato descritto per la prima volta da Ambroise Parè.  Nel 1969 Weinstein lo definisce come  “l’ impressione soggettiva della consapevolezza di un segmento corporeo mancante o deafferentato, da parte di un paziente senza turbe psichiche o cognitive”.

Compare anche a seguito di altri eventi mutilanti ed in associazione a lesioni nervose: amputazioni di arti, mastectomie, estrazioni dentarie, enucleazione del globo oculare, malattie mutilanti degli arti, agenesia degli arti, lesioni SNP, lesioni del tronco dell’encefalo, del talamo e dei lobi parietali.

a)    Vero e proprio: 

è la percezione dell’ arto mancante a seguito dell’ amputazione, con tutte le sue caratteristiche spaziali;  tende a comparire subito dopo l’ amputazione e può persistere anche per sempre; ha carattere di realtà e il soggetto ha la sensazione di compiere movimenti con le parti mancanti; caratteri di somatognosia e topognosia.

       

b)   Sensazioni:

tutte le sensazioni non obbligatoriamente presenti a carico della parte mancante (parestesie, dolore, senso di pesantezza).

Una gran quantità di “amputati” (50-80%), prova il fenomeno dell’arto fantasma, sentono la parte del corpo che non esiste più. Questi “arti” possono prudere, far male e dare l’impressione di muoversi. Alcuni scienziati ritengono che questo abbia a che fare con una “mappa dei neuroni” che il cervello ha del corpo, la quale manda informazioni sugli arti senza curarsi della loro esistenza. Sensazioni fantasma e dolori fantasma possono manifestarsi dopo la rimozione di parti del corpo diverse dagli arti, l’amputazione del seno, l’avulsione di un dente (mal di denti fantasma), o la rimozione di un occhio.. Un fenomeno simile è un’inspiegabile sensazione in una parte del corpo non collegata con l’arto amputato. È stato ipotizzato che la porzione di cervello responsabile dell’elaborazione degli stimoli dell’arto amputato, venendo privata dell’input, in realtà si espande al cervello circostante così che l’individuo proverà un’inspiegabile pressione o movimento sulla faccia o sulla testa.

In molti casi l’arto fantasma aiuta ad adattarsi alla protesi, perché permette alla persona di provare la propriocezione dell’arto protesico.

B)   Disturbo di SCHEMA CORPOREO

Schema corporeo: rappresentazione mentale del proprio corpo e della sua posizione nello spazio           

ALTRI DISTURBI DELLO SCHEMA CORPOREO DESCRITTI: 

  • Fenomeno di plasticità “disarmonie posturali”

  • Avvertito nella parte più distale dell’ arto amputato

  • Di natura ESTEROCETTIVA (sensazione di bruciore, pugnalata)

  • Di natura PROPRIOCETTIVA (schiacciante, crampiforme)

  • Durata: continuo o intermittente

  • Intensità: da lieve a lancinante

Evoluzione del dolore dell’arto fantasma:

– dolore acuto del moncone: Si risolve rapidamente; se persiste possibile infezione, fattori vascolari o psicologici

– dolore cronico del moncone: Fattori legati alla protesi, speroni ossei, neuroma doloroso, spasmi muscolari di tipo crampiforme, dolore di tipo ischemico di tipo urente.

TECNICHE PER ALLEVIARE IL DOLORE DELL’ ARTO FANTASMA:

– eseguire davanti allo specchio degli esercizi con l’arto “sano”: esercizi neuromuscolari.

– avvolgere il moncone in un asciugamano caldo e morbido

– fare mentalmente degli esercizi con l’arto mancante nel punto in cui si percepisce il dolore

– rilassare mentalmente l’arto mancante e con esso il moncone

– fare qualche leggero esercizio generale

– fare degli esercizi con il moncone

– contrarre i muscoli del moncone e rilasciarli lentamente

– applicare un bendaggio elastico od una calza contenitiva sul moncone. Se si è già in possesso della protesi, indossarla e fare una piccola passeggiata. Se, dopo averla indossata, la protesi procura fastidio, è opportuno toglierla e indossarla nuovamente dopo alcuni minuti. Se il moncone è stato troppo compresso dall’invaso, la rimozione della protesi può alleviare la pressione esercitata sulle terminazioni nervose

                            

– applicare il taping kinesiologico con due diverse tecniche in base all’obiettivo:

a. tecnica drenante emo-linfatico

b. tecnica decompressiva tissutale con obiettivo “gate controll”

c. tecnica di stimolazione “neuro regolatrice” esterocettiva

–  utilizzo  Elettro Neuro Feedback (ENF) E’ uno strumento di nuova generazione, che produce un algoritmo d’impulsi elettrici, mediante l’attivazione di un circuito a retroazione negativa. Questo strumento  è in grado di leggere i valori d’impedenza della pelle e di trasmettere impulsi elettrici attraverso lo speciale algoritmo d’interazione con l’organismo. Molto utile nel trattamento dell’arto fantasma in sinergia con le altre tecniche riabilitative. Nella prima fase si è effettuata una scansione digitale per “mappare” con precisione l’area d’indagine per individuare i punti da riequilibrare nella fase successiva.

– cambiare posizione, muoversi o alzarsi

– immergere in acqua calda o usare una doccia per massaggiare il moncone

– massaggiare il moncone cercando di rilassare la muscolatura e scollare la cicatrice

– avvolgere il moncone con un cuscino termico.

Programma riabilitativo: 

q  Raggiungere l’utilizzo ottimale della protesi

q  Prevenzione e terapia dell’arteropatia dell’arto “sano”

q  Inserimento nella vita sociale

     Fasi del trattamento protesico 

  • Fase post-chirurgica/ preprotesica

  • Fase della protesizzazione

  • Fase postprotesica

    

Programma riabilitativo del paziente amputato 

a)    Fase Preprotesica: bendaggio, idrokinesiterapia, posture, massoterapia, terapia fisica

b)   Fase Postprotesica: ricostruzione dello schema corporeo, riequilibrio muscolare e funzionale, terapia occupazionale, AUTONOMIA.

Scheda di lavoro a domicilio del nostro paziente:

1)   Rieducazione funzionale dell’arto amputato

2)   Allungamento dei muscoli retratti (ileo-psoas,ecc.)

3)   Tonificazione dei muscoli ipotonici ( gluteo, quadrato dei lombi, ecc.)

4)   Esercizi dalla stazione eretta in carico podalico

5)   Esercizi propriocettivi in stazione eretta

6)   Rieducazione del cammino e dei passaggi di posizione.

 

 

Conclusioni e considerazioni

Le patologie circolatorie degli arti inferiori sono in continuo aumento per la crescente incidenza delle malattie “ostruttive- degenerative” dell’apparato cardio-circolatorio, che evolvono con l’insufficienza circolatoria e metabolica degli arti.

La chirurgia vascolare ortopedica moderna ha fatto dei passi da gigante, raggiungendo dei risultati veramente importanti per ridare “autonomia” alle persone che sono affette da patologie degenerative, che altrimenti darebbero una riduzione dell’autonomia personale oltre al disagio per il dolore. I materiali che vengono utilizzati per le protesi sono stati ottimizzati. I nuovi “invasi” in silicone termoformabili hanno migliorato il confort del paziente rendendo il protocollo riabilitativo più veloce, inoltre  permettendo una mobilità sicura e “fluida”.

Il taping kinesiologico si inserisce in maniera funzionale nelle varie fasi del protocollo riabilitativo: drenare l’edema, mobilizzare la cicatrice, azione esterocettiva per la sindrome dell’arto fantasma, ecc.

Molto interessante anche l’utilizzo dell’ Elettro Neuro Feedback (ENF) in modalità molto versatile: drenante, neuro regolazione, ecc.

Personalmente in questi anni lavorativi ho trattato molti pazienti con amputazioni e sono molto contento del risultato raggiunto con il paziente che ho presentato in questo case report. 

Concludendo, molto significativo  il “commento” del paziente: queste sono le soddisfazioni più belle della nostra meravigliosa professione. Buon lavoro a tutti.

Bibliografia:

 

– R. Bellia – “ Il taping kinesiologico nella traumatologia sportiva – manuale pratico di applicazione “ ed. Alea Milano – 2011 ( ISBN 978 – 88 – 6172 – 062 – 6).

– R. Bellia –  “ Il taping kinesiologico  Metodo Koreano – manuale pratico di applicazione nella traumatologia moderna “ ed. Alea Milano – 2012 ( ISBN).

– R. Bellia –  “ Il taping kinesiologico nelle disfunzioni della colonna vertebrale, rachialgie e postura – manuale pratico di applicazione“ ed. Alea Milano –  settembre 2013 ( ISBN).

– Servizio di Rieducazione Funzionale – Policlinico G.B. Rossi Scuola di Specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitazione.

Massoterapia cranio-mandibolare (ATM)

by Prof. Gianluca Egidi.Pescara 🇮🇹

📌Massoterapia cranio-mandibolare (ATM)📌

I disturbi temporo mandibolari (ATM) o cranio-mandibolari (definiti anche disfunzioni o disordini temporo-mandibolari o anche mioartropatie) rappresentano una categoria di diversi problemi clinici coinvolgenti alcune componenti anatomiche quali l’articolazione temporo-mandibolare (ATM), le strutture associate all’ATM (condili e legamenti) e la muscolatura annessa. Il trattamento temporo mandibolare è un trattamento molto efficace nella risoluzione di disturbi e dolori di testa e collo, che possano derivare anche dalla possibile disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM). Ti svegli con la mascella intorpidita o digrigni i denti? Il tuo mal di testa inizia con un prurito all’orecchio? La tua mandibola scricchiola e ti rendi conto che quando sorridi la tua bocca è asimmetrica? Hai dolore alla mandibola. Il 50% delle cellule sensoriali e motorie del cervello sono dedicate all’area dell’ATM, ovvero il 50% dei messaggi cerebrali viene filtrato attraverso quest’area. L’ATM è come un computer che dice al corpo cosa fare, motivo per cui è così importante testarlo ed eventualmente correggerlo e perciò, presteremo particolare attenzione ad esso. Se non diagnosticati e curati in tempo questo tipo di problemi possono generare patologie a volte croniche.

📌Cosa è la disfunzione ATM📌

L’articolazione temporo-mandibolare (ATM) è l’articolazione che unisce la mandibola (l’osso che sostiene i denti dell’arcata inferiore) con il cranio. L’articolazione è molto simile a quella del ginocchio: due capi articolari ed un “cuscinetto” che li separa e che prende il nome di menisco. Solo che nel caso dell’ATM le articolazioni sono due (destra e sinistra) e devono funzionare simultaneamente ed in maniera armonica e coordinata. Si parla di disfunzione quando una o entrambi le articolazioni tra mandibola e cranio non funzionano più come dovrebbero, secondo la norma fisiologica. Questo può accadere per svariati motivi, la situazione più frequente è quella in cui il menisco assume una posizione scorretta durante i movimenti di apertura e chiusura della mandibola e quindi della bocca. Ciò causa una disfunzione che a cascata si ripercuote su alcuni muscoli facciali, craniali e del collo, sui legamenti e sul condilo mandibolare.i

Cause
Mal posizionamento del menisco
Bruxismo situazione di natura psicologica che porta il paziente a scaricare gli stress digrignando i denti, spesso anche rumorosamente, o serrandoli soprattutto di notte.
Malocclusione dentale si intende un incastro sbagliato tra i denti che può essere dovuto ad un malposizionamento degli stessi (es. affollamento, morso inverso, ecc.) oppure molto raramente anche ad un incongruo operato del dentista (es. otturazioni troppo alte, capsule inadeguate, ecc).
L’unione di questi due fattori è determinante e data l’importanza del fattore “stress”, si spiega l’aumentata incidenza di questa patologia soprattutto negli ultimi anni.

Sintomi

Tale patologia può essere del tutto asintomatica o associata a sintomi di vario genere e grado, dipendenti più dalle capacità di adattamento individuali che dal grado del disordine. Il dolore, particolarmente ai muscoli masticatori e/o all’ articolazione stessa, o irradiato alla faccia, collo o spalle è il sintomo più comune. Altri possibili sintomi sono:

Limitazioni dei movimenti o “lock”(=blocco) della mandibola
Rumori articolari tipo click o scroscio, anche dolorosi, aprendo e chiudendo la bocca
Improvviso cambiamento dell’ occlusione dentaria
Cefalea
Algie facciali
Rigidità e tensioni alla mascella
Sintomi più rari, ma che possono essere correlati alla disfunzione dell’ATM sono:
Riduzione dell’udito
Dolori irradiati all’orecchio, agli zigomi
Fischi o ronzii all’orecchio
Capogiri, vertigini
Fastidio o dolore alla deglutizione

Trattamento

In virtù della multifattorialità eziopatogenetica dei disturbi cranio-mandibolari, la terapia relativa a questa patologia risulta essere varia, a seconda dell’aspetto che si ritiene preponderante nel suo determinismo.

Lo Studio Egidi si occupa della terapia strutturale dei muscoli ipertonici coinvolti nel problema ATM, poiché rappresentano l’80% dei problemi ATM, il restante 20% è dato dal coinvolgimento dell’articolazione: condili, legamenti.

Massoterapia fasciale ATM: trattamento della muscolatura masticatoria e/o cervicale
Relocked articolare: sblocco di situazioni di locking
Mobilitazione: nei casi di ipertono muscolare legato a parafunzioni (bruxismo – serramento).

Per qualsiasi informazione o per fissare un appuntamento contattaci al 3491847174,...TI RIPORTEREMO AL BENESSERE...

"Cranio-mandibular massage (TMJ)"

Temporo-mandibular (TMJ) or craniomandibular disorders (also defined temporomandibular dysfunctions or disorders or even myarthropathies) represent a category of different clinical problems involving some anatomical components such as the temporomandibular joint (TMJ), the structures associated with TMJ (condyles and ligaments) and the attached musculature. Temporo mandibular treatment is a very effective treatment in resolving head and neck ailments and pains, which may also arise from possible temporomandibular joint (TMJ) dysfunction. Do you wake up with a numb jaw or grind your teeth? Does your headache start with an itchy ear? Does your jaw creak and you realize that when you smile your mouth is asymmetrical? You have pain in the jaw. 50% of the sensory and motor cells of the brain are dedicated to the TMJ area, or 50% of brain messages are filtered through this area. The ATM is like a computer that tells the body what to do, which is why it is so important to test it and possibly correct it and therefore, we will pay particular attention to it. If not diagnosed and treated in time, this type of problem can lead to chronic diseases.

"What is TMJ dysfunction"

The temporomandibular joint (TMJ) is the joint that joins the mandible (the bone that supports the teeth of the lower arch) with the skull. The joint is very similar to that of the knee: two joint heads and a "cushion" that separates them and which is called the meniscus. Except that in the case of the TMJ there are two joints (right and left) and they must work simultaneously and in a harmonious and coordinated manner. We speak of dysfunction when one or both joints between the jaw and skull no longer function as they should, according to the physiological norm. This can happen for various reasons, the most frequent situation is that in which the meniscus assumes an incorrect position during the opening and closing movements of the jaw and therefore of the mouth. This causes a dysfunction that cascades affects some facial, cranial and neck muscles, ligaments and the mandibular condyle.

Causes

Poor positioning of the meniscus

Bruxism: a psychological situation that leads the patient to relieve stress by grinding his teeth, often even noisily, or by clenching them especially at night.

Dental malocclusion means a wrong joint between the teeth which may be due to a malpositioning of the same (e.g. crowding, reverse bite, etc.) or very rarely even to an incongruous operation of the dentist (e.g. too high fillings, inadequate capsules, etc).

The combination of these two factors is crucial and given the importance of the "stress" factor, this explains the increased incidence of this disease, especially in recent years.

Symptoms

This pathology can be completely asymptomatic or associated with symptoms of various kinds and degrees, depending more on the individual's ability to adapt than on the degree of disorder. Pain, particularly in the chewing muscles and / or the joint itself, or radiated to the face, neck or shoulders is the most common symptom. Other possible symptoms are:

Limitations of movements or “lock” of the jaw

Joint noises such as clicking or splashing, even painful, when opening and closing the mouth

Sudden change in dental occlusion

Headache

Facial pains

Stiffness and tension in the jaw

Rarer symptoms, but which may be related to TMJ dysfunction are:

Hearing reduction

Pain radiating to the ear, cheekbones

Whistling or buzzing in the ear

Dizziness, vertigo

Discomfort or pain when swallowing

Treatment

By virtue of the etiopathogenetic multifactoriality of craniomandibular disorders, the therapy related to this pathology appears to be varied, depending on the aspect that is considered preponderant in its determinism.

Studio Egidi deals with the structural therapy of hypertonic muscles involved in the TMJ problem, since they represent 80% of TMJ problems, the remaining 20% ​​is due to the involvement of the joint: condyles, ligaments.

TMJ fascial massage therapy: treatment of the masticatory and / or cervical muscles

Joint relocked: unlocking of locking situations

Mobilization: in cases of muscle hypertonus linked to parafunctions (bruxism - clenching).

For any information or to make an appointment contact us at 3491847174, ... WE WILL TAKE YOU BACK TO WELLNESS ...

Esercizio terapeutico

by Prof. Rosario Belia, Bergamo 🇮🇹

Esercizio terapeutico

Esercizio terapeutico

“Il movimento umano deve essere considerato non come forma di somma di tante contrazioni muscolari attivate volontariamente o per via riflessa, ma come risultato di processi messi in atto da un sistema che interagisce con l’ambiente, secondo le proprie necessità. L’esperienza motoria mette in evidenza la stretta relazione fra reclutamento muscolare (movimento) ed elaborazione delle informazioni (conoscenza), che sono modulate in maniera “equilibrata” con le esperienze motorie che sono patrimonio di ogni persona (memoria psicomotoria).” – Carolyn Kisner, Lynn Allen Colby, John Borstad.

Sindrome della bandelletta ileo-tibiale in maratoneta

by Prof. Rosario Bellia, Bergamo 🇮🇹

Amateur marathoner with bendelletta ileo- tibial syndrome: complete rehabilitation protocol. Sindrome della bandelletta ileo-tibiale in maratoneta: riabilitazione

Sindrome della bandelletta ileo-tibiale in maratoneta: riabilitazione

Amateur marathoner with bendelletta ileo- tibial syndrome: complete rehabilitation protocol.

Maratoneta amatore con sindrome della bendelletta  ileo- tibiale: protocollo riabilitativo completo.

A cura : prof. Rosario Bellia

–  Docente di taping kinesiologico® presso Università  Statale di Valencia (Spagna)

–  Fisioterapista della  nazionale  italiana della F.I.H.P.

– Presidente del’Associazione Italiana Taping Kinesiologico

www.tapingbellia.com

Atti del “ TERZO CONVEGNO DI TRAUMATOLOGIA CLINICA E FORENSE”,  del  23 – 24 Novembre 2012 Terme Zoja – Salsomaggiore Terme (PR)

Sindrome del tergicristallo “ginocchio del podista”

E’ la sindrome della bandeletta ileo-tibiale caratteristica dei fondisti e dei ciclisti, che a volte è associata a una borsite. Il dolore si irradia nel compartimento esterno della gamba e avvolte della coscia. Dovuto a corsa su terreni sconnessi e mal allineamento del ginocchio, del piede e sporgenza condiloidea.

Per prima cosa bisogna cercare di affrontare i problemi di allineamento articolare del piede e del ginocchio varo (plantari).

Sindrome della bandeletta ileo-tibiale: in estensione la bandeletta ileo-tibiale si trova avanti rispetto alla tuberosità del condilo esterno (a); durante il movimento di flessione del ginocchio, la bandeletta ileo-tibiale scivola sotto il condilo esterno come un tergicristallo. A 30º di flessione (b) le fibre posteriori della bandeletta sono in rapporto con l’apice del condilo esterno e poi scivolano progressivamente indietro quando la flessione prosegue (c).

IL DOLORE FISICO PUÒ ESSERE CAUSATO DALLO STRESS?

by Dott. Roberto Baderna

IL DOLORE FISICO PUÒ ESSERE CAUSATO DALLO STRESS?

Viene definito stress la risposta non specifica dell'organismo, attraverso una serie di reazioni biologiche, a stimoli ambientali nuovi, intensi, improvvisi ed inaspettati, per adattarsi e sopravvivere. 

La somatizzazione è un fenomeno per il quale una persona soffre di un dolore muscoloscheletrico o/e viscerale causato da un vissuto psichico sofferto: un lutto, un conflitto emotivo, pesanti preoccupazioni, stati di ansia, ecc., ecc., tutte situazioni che provocano forti stress. 
Questo significa che un problema di origine psichico stressante, si ripercuote sul corpo (somatizzazioe) provocando disturbi su una o più parti di esso.
In questi casi è frequente rilevare alterazioni della postura e della respirazione.
La persona vive come in un continuo stato d'allerta: aumenta l'attività del STP (sistema tonico posturale), aumenta notevolmente la secrezione degli ormoni dello stress, aumenta la frequenza cardiaca; la postura, la mimica del corpo e quella del viso, mostrano un aspetto stanco, astenico, la muscolatura si irrigidisce, che di conseguenza irrigidisce le articolazioni, per cui iniziano a comparire i classici dolori muscoloscheletrici al collo, alla schiena, alle spalle, alle gambe, ecc., ecc..
Anche la stanchezza precoce, la voglia di fare niente, viene alimentata dal circolo vizioso psicofisico: la mente condiziona il corpo ed il corpo condiziona la mente.

È fondamentale per la persona prendere coscienza della causea dello stress che provoca il malessere per avere ben chiaro in mente quello che fa male, per poi continuare con le adeguate terapie fisiche: attività motorie, massoterapia, per agire sui dolori algici di origine psicogena.

#Viggiù via Roma 27
#exalbergoviggiù 
Cell. 3473526780 

#MASSAGETHERAPIST #MASSOTERAPIA
#MASSAGGIO #MASSAGGIOSPORTIVO#MASSAGGIOBENESSERE#MASSAGGIOTERAPEUTICO
#WELLNESS 

"PER TUTTE LE ALGIE #MUSCOLOSCHELETRICHEDI ORIGINE POSTURALE" 

👉 Antistress
👉 Decontratturante
👉 Rilassante
👉Emolinfodrenante
👉 Anticellulite 

👐 Agisce sulla diminuzione dell'ipertono miofasciale diminuendo così l'attivazione ormonale degli ormoni dello #stress,
inducendo rilassamento sia sul sistema nervoso periferico che centrale. 
👐 Lavora sullo scioglimento delle #contratture,
sulle rigidità, del sistema miofasciale, ripristinando una migliore libertà di movimento articolare
👐 Riduce gli eccessi di ritenzione idrica,
gli stati edematosi responsabili delle effetto buccia d'arancia,
la #cellulite. 🙌 — presso Dott. Roberto Baderna Studio Massoterapico.