Egidi protocol for autoimmune pathology

Egidi protocol for autoimmune pathology

INTRODUCTION:

Leaky Gut Syndrome is a term recently introduced, but already particularly dear to many health professionals, especially those most attentive to the diet-disease relationship.

At the basis of this syndrome there is the hypothesis that the origin of many food intolerances, allergies and autoimmune diseases depends on the increased intestinal permeability. In practice, the intestines of these patients would not be able to adequately oppose the entry of food antigens, toxins and pathogens into the bloodstream. Like a faulty faucet that loses water (hence the term Leaky Gut - dripping intestine), breaches in the intestinal mucosa would therefore be created, through which proteins with a strong antigenic potential, toxins and pathogens can penetrate the body.

All this would trigger an exaggerated immune response, responsible for the aforementioned diseases; in this regard, the more the practitioner deviates - out of conviction or interest - from the so-called "official medicine", the greater the number of ailments and pathologies that he will tend to attribute to the dripping bowel syndrome. In fact, in addition to explaining with this hypothesis symptoms such as headache, joint disorders, tiredness, dermatitis and digestive problems, some professionals even go so far as to attribute important pathologies, such as systemic lupus erythematosus, inflammatory bowel diseases, celiac disease, multiple sclerosis, autism, arthritis rheumatoid, gluten ataxia and Hashimoto's thyroiditis.

Intestinal barrier

The intestine has the main task of completing the digestion of food and absorbing the nutrients essential to health in the bloodstream.

Beyond this known digestive function, the intestine also represents a very important dividing line between the external and internal world, a sort of barrier entrusted with the task of distinguishing all that is useful or harmless from that which is dangerous. The intestine, in fact, must prevent pathogenic microorganisms, parasites, toxins and food antigens from entering the bloodstream.

The barrier function of the intestine is guaranteed by the presence of numerous defensive lines:

• intestinal mucosa: the intestinal epithelium is furrowed by numerous finger-shaped overturns, known as intestinal villi, very important for increasing the absorbent surface of the organ. The cells that make up the intestinal villi are in turn endowed with digitiform extroflexions called microvilli; also, very important thing to explain the drip bowel syndrome, are tightly joined to each other by tight junctions and desmosomes, which have the purpose of sealing the intercellular space preventing the penetration of unwanted substances and the escape of those useful that are just been absorbed;

• immune system: in addition to hosting more than half of the body's immune cells, the intestine has a large number of lymph node stations;

• digestive enzymes: of intestinal or hepatic origin, they are important for digesting food proteins with an allergenic potential;

• natural antibiotics: like defensins, they are poured into the intestinal lumen to fight a broad spectrum of bacteria, both Gram positive and negative;

• mucus: viscous substance capable of facilitating the progression of food and of trapping pathogens, which will then be expelled through the stool thanks to peristaltic movements;

• intestinal flora: under the strict surveillance of the immune system, saprophytic or symbiotic bacteria compete with fungi and pathogenic bacteria for nourishment and adhesion sites to the intestinal mucosa.

Causes

The integrity of intestinal cells would be undermined by the persistence of a chronic inflammatory state, linked to problems of poor digestion, high stress and many other factors.

Among the possible causes of the drip bowel syndrome there would be in particular: food excesses (with particular reference to the abuse of sugars, refined cereals and derivatives), food pollutants and toxins (e.g. mycotoxins), prolonged stress, antibiotic or cortisone therapy prolonged, abuse of laxatives, dysbiosis and small contamination syndrome.

Complications

The increase in intestinal permeability can have repercussions

important:

• hyperactivation of the intestinal immune system feeds the local chronic inflammation which has given rise to the increased permeability; this creates a vicious circle that promotes a further worsening of the situation;

• hyperactivation of the intestinal immune system can have repercussions even at a distance, since the immune cells activated in the intestine migrate into the systemic circulation and reach other organs, where they can damage healthy tissues by promoting inflammatory and / or autoimmune phenomena;

• the entry of immunogenic substances into the bloodstream can trigger an immune response even in organs distant from the intestine, triggering inflammatory and / or autoimmune phenomena;

• if the immune system's ability to distinguish harmful antigens from those that are not, the immune response may turn to harmless components of food or "friendly" bacteria, triggering allergic phenomena or even chronic inflammatory bowel disease.

Symptoms

Typically, symptoms such as depression, anxiety, hyperactivity syndrome, joint and muscle pain, headache, chronic fatigue, intestinal disorders (irritable bowel, constipation or diarrhea) and thyroid changes (hypothyroidism) are attributed to the drip bowel syndrome.

Treatment

The treatment of drip bowel syndrome is essentially based on dietary correction, possibly supported by particular food supplements.

As anticipated, on the dietary front, particular emphasis is given to limiting the consumption of refined sugars and cereals, especially those containing gluten but not only. It is also necessary to limit the consumption of irritants, such as spices, alcohol or foods subjected to particularly long cooking and / or at high temperatures (grilling, frying, roasts, sauteed etc.). Legumes are often not recommended. Instead, the consumption of foods such as meat broth (particularly rich in collagen and its precursors), yogurt and fermented milk (like kefir), seeds and dried fruit is encouraged, while for fiber, individual tolerance must be assessed. .

On the food supplement front, glutamine has proved particularly useful, because it is capable of improving the functionality of the intestinal and immune barrier. Collagen supplements are also potentially useful, including precursors or substances that stimulate their synthesis (e.g. proline and glycine, vitamin C and natural extracts such as centella).

Turning to herbal medicine, the extracts traditionally used for the healing of ulcers and wounds (healing), such as licorice root, aloe gel, echinacea and centella asiatica could be particularly useful. Potentially useful also extracts with anti-inflammatory action, such as those of Boswellia and Curcuma.

Finally, as regards probiotics, it is also necessary to consider the risk that these can penetrate the bloodstream due to the increased intestinal permeability.

Hence the creation of an 80% identical food procollo and then ad personam depending on the type of pathology that arose for the patient.

Protocol studied and tested thanks also to the collaboration of Dr. Alessandro D'albenzio, Dr. De Gennaro and also the collaboration of Dr. Ferrati.

I attach the table to be certified of the minimum basis of the protocol

Protocollo Egidi per patologia autoimmune

INTRODUZIONE:

La sindrome dell'intestino gocciolante (Leaky Gut Syndrome) è un termine di recente introduzione, ma già particolarmente caro a molti operatori sanitari, soprattutto a quelli più attenti al rapporto dieta-malattia

Alla base di questa sindrome vi è l'ipotesi che l'origine di molte intolleranze alimentari, allergie e malattie autoimmuni dipenda dall'aumentata permeabilità intestinale. In pratica, l'intestino di questi pazienti non riuscirebbe ad opporsi in maniera adeguata all'ingresso di antigeni alimentari, tossine e patogeni nel circolo sanguigno. Come un rubinetto guasto che perde acqua (da qui il termine Leaky Gut - intestino che gocciola), si verrebbero quindi a creare delle brecce nella mucosa intestinale, attraverso le quali proteine dal forte potenziale antigenico, tossine e patogeni possono penetrare nell'organismo.

Tutto ciò scatenerebbe una risposta immunitaria esagerata, responsabile delle sopraccitate malattie; a tal proposito, tanto più il professionista si discosta - per convinzione o interesse - dalla cosiddetta "medicina ufficiale", tanto maggiore è il numero di disturbi e patologie che egli tenderà ad attribuire alla sindrome dell'intestino gocciolante. Infatti, oltre a spiegare con questa ipotesi sintomi come mal di testa, disturbi articolari, stanchezza, dermatite e problemi digestivi, alcuni professionisti arrivano addirittura ad attribuirle patologie importanti, come lupus eritematoso sistemico, malattie infiammatorie intestinali, celiachia, sclerosi multipla, autismo, artrite reumatoide, atassia da glutine e tiroidite di Hashimoto.

Barriera Intestinale

L'intestino ha il compito principale di completare la digestione degli alimenti e di assorbire nel circolo sanguigno i nutrienti indispensabili alla salute.

Aldilà di questa nota funzione digerente, l'intestino rappresenta anche un importantissima linea di demarcazione tra il mondo esterno e quello interno, una sorta di barriera a cui è affidato il compito di distinguere tutto ciò che è utile o innocuo da ciò che è pericoloso. L'intestino, infatti, deve impedire a microrganismi patogeni, parassiti, tossine e antigeni alimentari di entrare nel circolo sanguigno.

La funzione barriera dell'intestino è garantita dalla presenza di numerose linee difensive:

• mucosa intestinale: l'epitelio intestinale è solcato da numerosissime estroflessioni a forma di dita, note come villi intestinali, importantissime per aumentare la superficie assorbente dell'organo. Le cellule che compongono i villi intestinali sono a loro volta dotate di estroflessioni digitiformi chiamate microvilli; inoltre, cosa importantissima per spiegare la sindrome dell'intestino gocciolante, sono strettamente unite le une alle altre da tight junctions e desmosomi, che hanno lo scopo di sigillare lo spazio intercellulare impedendo la penetrazione di sostanze indesiderate e la fuoriuscita di quelle utili che sono appena state assorbite;

• sistema immunitario: oltre ad ospitare più della metà delle cellule immunitarie dell'organismo, l'intestino è dotato di un gran numero di stazioni linfonodali;

• enzimi digestivi: di origine intestinale o epatica, sono importanti per digerire proteine alimentari dal potenziale allergizzante;

• antibiotici naturali: come le defensine, vengono riversati nel lume intestinale per combattere un ampio spettro di batteri, sia Gram positivi che negativi;

• muco: sostanza viscosa capace di facilitare la progressione del cibo e di intrappolare i patogeni, che verranno poi espulsi attraverso le feci grazie ai movimenti peristaltici;

• flora intestinale: sotto la stretta sorveglianza del sistema immunitario, i batteri saprofiti o simbionti competono con funghi e batteri patogeni per il nutrimento e i siti di adesione alla mucosa intestinale.

Cause

L'integrità delle cellule intestinali verrebbe minata dal persistere di uno stato infiammatorio cronico, legato a problemi di cattiva digestione, stress elevato e molti altri fattori.

Tra le possibili cause della sindrome dell'intestino gocciolante vi sarebbero in particolare: eccessi alimentari (con particolare riferimento all'abuso di zuccheri, cereali raffinati e derivati), inquinanti alimentari e tossine (es. micotossine), stress prolungato, terapie antibiotiche o cortisoniche prolungate, abuso di lassativi, disbiosi e sindrome da contaminazione del tenue.

Complicanze

L'aumento della permeabilità intestinale, può avere ripercussioni

importantissime:

• l'iperattivazione del sistema immunitario intestinale alimenta l'infiammazione cronica locale che ha dato origine all'aumentata permeabilità; questo crea un circolo vizioso che promuove un ulteriore peggioramento della situazione;

• l'iperattivazione del sistema immunitario intestinale può avere ripercussioni anche a distanza, poiché le cellule immunitarie attivatesi a livello intestinale migrano nella circolazione sistemica e raggiungono altri organi, dove possono danneggiare i tessuti sani promuovendo fenomeni infiammatori e/o autoimmuni;

• l'ingresso nel circolo sanguigno di sostanze immunogene può scatenare una risposta immunitaria anche in organi distanti all'intestino, innescando fenomeni infiammatori e/o autoimmuni;

• se viene meno la capacità del sistema immunitario di distinguere gli antigeni dannosi da quelli che non lo sono, la risposta immunitaria potrebbe rivolgersi a componenti innocue del cibo o a batteri "amici", scatenando fenomeni allergici o addirittura malattie infiammatorie croniche intestinali.

Sintomi

In genere, si attribuiscono alla sindrome dell'intestino gocciolante sintomi come depressione, ansietà, sindrome da iperattività, dolori articolari e muscolari, mal di testa, stanchezza cronica, disturbi intestinali (intestino irritabile, costipazione o diarrea) e alterazioni tiroidee (ipotiroidismo).

Trattamento

Il trattamento della sindrome dell'intestino gocciolante si basa essenzialmente sulla correzione dietetica, eventualmente coadiuvata da particolari integratori alimentari.

Come anticipato, sul fronte dietetico viene data particolare enfasi alla limitazione del consumo di zuccheri e cereali raffinati, soprattutto di quelli contenenti glutine ma non solo. Occorre inoltre limitare il consumo di sostanze irritanti, come le spezie, gli alcolici o i cibi sottoposti a una cottura particolarmente lunga e/o ad alte temperature (grigliatura, frittura, arrosti, soffritti ecc.). Spesso si sconsigliano anche i legumi. Viene invece incoraggiato il consumo di alimenti come il brodo di carne (particolarmente ricco di collagene e dei suoi precursori), lo yogurt e i latti fermentati (come il kefir), i semi e la frutta secca, mentre per la fibra occorre valutare la tolleranza individuale.

Sul fronte degli integratori alimentari si è rivelata particolarmente utile la glutammina, perché capace di migliorare la funzionalità della barriera intestinale e quella immunitaria. Potenzialmente utili sono anche gli integratori di collagene, incluse le sostanze precorritrici o che ne stimolano la sintesi (es. prolina e glicina, vitamina C ed estratti naturali come quello di centella).

Passando alla fitoterapia, potrebbero essere particolarmente utili gli estratti tradizionalmente utilizzati per la guarigione di ulcere e ferite (cicatrizzanti), come la radice di liquirizia, il gel di aloe, l'echinacea e la centella asiatica. Potenzialmente utili anche estratti ad azione antinfiammatoria, come quelli di Boswellia e Curcuma.

Infine, per quanto riguardo i probiotici occorre considerare anche il rischio che questi possano penetrare nel circolo sanguigno a causa dell'aumentata permeabilità intestinale.

Da qui la creazione di un procollo alimentare all'80% identico e poi ad personam a seconda del tipo di patologia insorta al paziente.

Protocollo studiato e sperimentato grazie anche alla collaborazione del Dott. Alessandro D'albenzio la Dott.ssa De Gennaro ed anche la collaborazione della Dott.ssa Ferrati.

https://www.facebook.com/groups/2347480718846992/​

Tags:

Recent Posts

Featured Posts

Archive

Search By Tags

Follow Us

  • Facebook Basic Square
ODM International

ODM

Fermo Posta Lugano 1

6900 Lugano (TI)

Switzerland

  • Facebook