Please reload

Recent Posts

pagine professionali ODM International su Facebook: contatti del mese

October 8, 2017

1/2
Please reload

Featured Posts

🇮🇹 Che cos’è la fascite plantare?

 

La fascite plantare è la causa più comune di dolore alla faccia plantare del calcagno, con un’incidenza di un milione di visite di pazienti all’anno negli Stati Uniti d’America. Nonostante questo, l’esatta istopatologia della fascite plantare non è pienamente compresa. Attualmente si è pensato che la fascite plantare sia secondaria alla degenerazione mixoide, alle micro-sofferenze all’interno della fascia plantare, alla necrosi del collagene e all’iperplasia angiofibroblastica dell’aponeurosi plantare, e quindi non sia una conseguenza di un semplice processo infiammatorio.

 

Il paziente di solito si presenta con graduale insorgenza del dolore sul lato mediale della faccia plantare del calcagno, che è più evidente quando esegue i primi passi al mattino. Il dolore può alleviarsi dopo un breve periodo di deambulazione, ma torna durante l’esecuzione di attività che coinvolgono un prolungato carico, come ad esempio mantenere la stazione eretta e camminare. Il paziente può anche lamentare un peggioramento del dolore al tallone quando si rimette sotto carico dopo un periodo di riposo, come ad esempio il rimettersi in piedi dopo un periodo di mantenimento della posizione seduta a una scrivania.

 

La fascia plantare va dal calcagno alle dita del piede; la maggior parte del carico scende sul suo bordo mediale, dal processo calcaneare mediale fino al primo dito del piede (alluce). Visto che la fascia plantare aiuta a sostenere l’arco mediale del piede, qualsiasi carico sull’arco mediale si estende su tutta la fascia plantare. La maggior parte delle lesioni si verificano all’origine della fascia, il processo calcaneare mediale.

I fattori di rischio possono essere suddivisi in fattori intrinseci ed estrinseci. I fattori intrinseci relativi al paziente includono l’obesità, il piede piatto, il piede cavo, un ROM ridotto in flessione dorsale della caviglia e i muscoli del tricipite della sura retratti. I fattori estrinseci, in materia di ambiente e di formazione, sono l’eseguire attività di vita quotidiane o lavorative su superfici dure, stare a piedi nudi, un improvviso aumento nell’intensità della corsa o anche il maggior tempo trascorso e una prolungata stazione eretta.

 

Il trattamento è in gran parte incruento, con il 90-95% dei pazienti che presenta la

risoluzione dei sintomi entro 12-18 mesi. Devono essere adottate modifiche delle attività, come ad esempio quelle che coinvolgono un impatto ripetitivo, come la corsa (anche su un tapis roulant), che dovrebbero essere evitate durante la fase di trattamento. I pazienti possono continuare a svolgere attività senza carico come il ciclismo, il nuoto e il

 

canottaggio per mantenere la loro forma fisica cardiovascolare riducendo al minimo il carico ciclico. Un graduale ritorno all’attività può essere consentito dopo che il paziente

diventa asintomatico per 4-6 settimane e non più è localizzata una sofferenza sulla fascia plantare.

 

Un notevole e più repentino miglioramento, fino alla risoluzione del problema i sole tre sedute, lo abbiamo ottenuto con la nuova ed innovativa tyecnica manuale "Digi-Presso-Fasciale", studiata in collaborazione con AIMA Swiss e ODM International.

Per ulteriori informazioni o per fissare un appuntamento contattaci al 3491847174

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Follow Us

Please reload

Search By Tags