Please reload

Recent Posts

pagine professionali ODM International su Facebook: contatti del mese

October 8, 2017

1/2
Please reload

Featured Posts

🇮🇹 La tenosinovite di De Quervain

 

La tenosinovite di De Quervain prende il nome dal chirurgo svizzero Fritz de Quervain, che l’ha descritta per la prima volta nel 1895. Si tratta di una condizione che coinvolge l’intrappolamento del tendine che colpisce il primo vano dorsale del polso. Con questa condizione l’ispessimento delle guaine del tendine attorno all’abduttore lungo del pollice e l’estensore breve del pollice si sviluppa dove i tendini passano attraverso il tunnel osseo-fibroso situato lungo la stiloide radiale al polso distale. Il dolore è esacerbato dal movimento del pollice e dalla deviazione radiale e ulnare del polso.

 

Mentre la causa esatta della tenosinovite di de Quervain non è chiara, è stata attribuita alla degenerazione mixoide con depositi di tessuti fibrosi e l’aumento della vascolarizzazione piuttosto che dall’infiammazione acuta della guaina sinoviale. Questa deposizione provoca l’ispessimento della guaina del tendine, catturando dolorosamente il tendine dell’abduttore lungo del pollice e dell’estensore breve del pollice. È associata a movimenti ripetuti del polso, in particolare al movimento che richiede l’abduzione radiale del pollice e l’estensione simultanea e la deviazione radiale del polso. La popolazione classica rappresenta la madre di neonati che ripetutamente solleva un neonato con i pollici radialmente abdotti e i polsi che vanno dalla deviazione ulnare alla deviazione radiale.

 

 

 

 

 

La diagnosi di tenosinovite di de Quervain è clinica. Anche se non è utile per confermare la diagnosi, le radiografie semplici potrebbero aiutare a differenziare altre cause del dolore radiale del polso, come l’osteoartrosi artropica articolare carpo-metacarpica.

La tendinopatia di De Quervain può essere auto-limitata e può risolversi senza intervento. Per le persone con sintomi persistenti, l’immobilizzazione, l’uso di antiinfiammatori sistemici e l’iniezione di corticosteroidi sono le opzioni di trattamento non chirurgiche più utilizzate. Lo sfruttamento di un tutore per il pollice può offrire ai pazienti un sollievo temporaneo, ma il fallimento e la recidiva sono spesso elevati e la conformità è bassa.

L’iniezione di corticosteroidi è stata riportata per fornire una guarigione completa, con una o due iniezioni. L’iniezione viene eseguita nella guaina del tendine a circa 1 cm dalla stiloide radiale dove i tendini sono palpabili. Si dovrebbe tentare di infiltrare il più profondo possibile nel tunnel osteo-fibroso per ridurre al minimo il rischio di atrofia sottocutanea e ipopigmentazione. L’uso della guida ecografica durante l’iniezione è stata riportata utile per consentire la visualizzazione e l’iniezione adeguata. Un sollievo sintomatico è riportato da circa il 50% dei pazienti con una singola iniezione. Una seconda iniezione può fornire sollievo in un altro 40%-45% dei pazienti. Le complicazioni potenziali dell’iniezione di steroidi includono l’atrofia e l’ipopigmentazione, tipicamente associati all’iniezione sottocutanea piuttosto che alla guaina del tendine. Questi possono migliorare o risolversi nel tempo.

 

L'innovazione più importante in questi anni è stata lo sviluppo della tecnica "Digi-Presso-

 

Fasciale".

Con manipolazioni specifiche e non invasive, si riesce ad avere miglioramenti pari al 90% senza l'ausilio di farmaci o di interventi chirurgici.

Tecnica studiata e perfezionata in collaborazione con ODM International e con l'appoggio di SELLA Farmaceutica e PHARMAPIU SPORT che contribuiscono con prodotti specifici utili per la nostra innovativa manualità terapeutica.

Per qualsiasi informazione o per fissare un appuntamento contattaci al 3491847174.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Follow Us

Please reload

Search By Tags